VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan, oggi la decisione sul rinvio del closing. Ecco perché è saltato. Berlusconi prova il colpo. Inter, Conte resta al Chelsea. La Juve punta Milinkovic Savic

03.03.2017 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22359 volte
Milan, oggi la decisione sul rinvio del closing. Ecco perché è saltato. Berlusconi prova il colpo. Inter, Conte resta al Chelsea. La Juve punta Milinkovic Savic

L’assemblea dei soci del Milan si riunirà questa mattina, ma non per ratificare la vendita della società ai cinesi di Ses come era nelle previsioni. Il closing (come sappiamo) non c’è stato, è saltato un’altra volta. "Tutto sbagliato, tutto da rifare", diceva sempre Gino Bartali, siamo più o meno a quel punto lì.

E allora ecco che i soci del Milan dovranno decidere se concedere alla cordata cinese un altro rinvio di trenta giorni (fino al 7 aprile) a fronte di un altro versamento di cento milioni (entro il dieci marzo) oppure buttare tutto all’aria e intascare i duecento milioni di caparra già versati.

La situazione è delicata e controversa, più o meno come sempre in questi ultimi mesi. Del resto era logico pensare che non potesse andare tutto liscio, qui non si stratta di comprare un appartamento o un’automobile, ma di investire una cifra colossale che tutto compreso, alla fine, sarà molto vicina al miliardo di euro. Inoltre la complessità della vicenda, come noto da sempre, sta anche nel mettere assieme soggetti diversi. Un conto essere Zhang, fare un bonifico e comprare l’Inter, un altro organizzare una cordata.

Un altro fatto anomalo è l’aver deciso di mettere in piazza l’affare fin dal primo giorno del compromesso. Per vendere l’Inter a Thohir c’è stata una trattativa durata da febbraio a novembre, quasi sempre sott’acqua, comunque smentendo fino all’ultimo tutti i rumors. Di solito è così che si fa, ma quando si parla di Berlusconi è tutto mediatico, tutta una fiction. Se guardiamo bene i tempi non sono stati poi così lunghi, una decina di mesi per un affare del genere sarebbero nella norma. Il problema sono gli step annunciati che hanno sempre creato una enorme attesa.

Ma perché è saltato il closing ancora una volta? E’ evidente che Yonghong Li, il broker, stia faticando a trovare le risorse e pare altrettanto evidente che alcuni potenziali investitori si siano defilati lasciandolo in difficoltà. In particolare l’ultima defezione sarebbe quella di China Construction Bank che in un primo tempo avrebbe pensato di far arrivare i suoi cento milioni da un paradiso fiscale. Questa manovra per aggirare la normativa cinese sull’esportazione di valuta per investimenti esteri, non sarebbe stata gradita dal governo cinese. Comprensibilmente, la banca ha deciso di ritirarsi.

Come è noto per chiudere l’acquisto mancano ancora 320 milioni più cento per la gestione della società di questi mesi che i cinesi (secondo accordi) si sono accollati.

Riuscirà Yonghong Li a trovarli in un altro mese?

Visto che la proroga richiesta sarà concessa solo a fronte di altri cento milioni che farebbero così salire a 300 i milioni di caparra già versati, una cifra del genere dovrebbe almeno fugare i dubbi, sulla reale intenzione di questa cordata e dei compratori. Certo, il giallo c’è, ma conoscete qualcuno disposto a rimetterci cifre del genere dicendo "scusate, abbiamo scherzato". La risposta più logica da dare sarebbe un banale "lasciateci lavorare", ma il mistero sui nomi degli investitori non fa altro che ingigantire i dubbi.

Che fare allora?

Berlusconi lo raccontano tentato dal non concedere l’ulteriore proroga richiesta per intascare la caparra da 200 milioni già versata e mandare tutto a monte. Non abbiamo dubbi, fosse stato per lui non avrebbe mai venduto. Il problema è che i 200 milioni non bastano neppure a coprire il disavanzo di bilancio del Milan e la gestione corrente ha già portato a un impegno di 70 milioni. Alla fine Berlusconi capirà an cora una volta che lui non ha più le risorse di un tempo e la vendita, anche se sofferta, è l’unica strada per evitare al Milan di traccheggiare in questo limbo di classifica.

Ma i dubbi sui cinesi si allargano anche al futuro. Ammesso e non concesso che il 7 aprile trovino i soldi e questo closing si faccia davvero, dove troveranno poi le risorse per rifare grande il Milan?

Per questo garantisce ancora Yonghong Li, i problemi sono nati solo per l’acquisto all’estero e per la formazione della cordata. Dopo il closing i soci avranno più facilità di accedere ai capitali e finanziare all’estero la ristrutturazione di una società già acquisita. Morale? Non resta che aspettare la decisione di oggi con la consapevolezza che ogni mese perso significa rinviare i programmi futuri. Può Fassone allungare il contratto di Montella o dare a Donnarumma i cinque milioni che chiede Raiola per impedirne lo scippo? Domande che, comprensibilmente, tengono in ansia i tifosi.

In ansia sono anche i tifosi dell’Inter per le sorti della panchina nerazzurra. Pioli sta facendo benissimo, ma c’è chi racconta che Suning vorrebbe un profilo più alto, internazionale appunto. Ecco allora la caccia al nuovo Number One degli allenatori, al secolo Antonio Conte. Di fronte ai soldi può succedere di tutto, ma Conte ha un contratto con il Chelsea e intende onorarlo. Sta provando a vincere la Premier, poi ha come obiettivo il vecchio sogno della Champions: riparliamone dopo il 2018. E’ vero poi che l’Inter vuol fare grandi cose, ma difficilmente giocherà in Champions l’anno prossimo e Conte di scudetti ne ha già vinti tre con la Juve, per ora meglio la sfida con il Chelsea che sta vincendo alla grande.

Meglio la Lazio della Fiorentina, così decise due anni fa Milinkovic Savic. Solo ora i viola si rendono conto del giocatore che hanno perso, uno dei centrocampisti più forti del nostro campionato, 22 anni, grandi margini di miglioramento. La Lazio l’ha strappato alla Fiorentina (era già in sede a firmare) due anni fa e l’ha fatto crescere bene. Ora è nel mirino della Juve che ha sondato il terreno sempre minato di Lotito. La Lazio l’ha pagato circa sette milioni, secondo Transfermarkt oggi vale più del doppio. Volete che Lotito non spari una cifra sui trenta milioni? C’è da scommetterci. La Juve sa però che nel mercato tutto può succedere e ci sta seriamente provando.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.