HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan, pioggia d'estate. Galliani tuteli Pippo. Mazzarri sulla buona strada. Napoli, attesa troppo lunga. Tavecchio scivola su una buccia di banana ma i problemi sono anche altri

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
28.07.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 52781 volte
Milan, pioggia d'estate. Galliani tuteli Pippo. Mazzarri sulla buona strada. Napoli, attesa troppo lunga. Tavecchio scivola su una buccia di banana ma i problemi sono anche altri

Se il buongiorno si vede dal mattino, allora, è preferibile rimettersi a letto e rimboccarsi le coperte. Se il Milan perde una partita a luglio o agosto, Galliani fa venire giù il finimondo perché il Milan è il Milan 12 mesi all'anno e non può fare brutte figure neanche in America. Inzaghi sta iniziando a capire che con questa squadra, che sia Allegri, Seedorf o Inzaghi non si va da nessuna parte. Certo, manca ancora un mese di calciomercato, la squadra è in piena preparazione e gli avversari sono tutti più avanti nella condizione fisica, ma non concediamo troppi alibi a questo gruppo che, solo pochi mesi fa, ha tradito la fiducia di società e tifosi. I limiti del Milan sono oggettivi. Il suo faro più luminoso è una lampadina fulminata, il suo gioiello più cristallino è delicato come un cristallo e il suo acquisto più faraonico vale zero, in termini economici essendo a parametro. O si prendono 4 calciatori di altissimo livello oppure il Milan resterà sicuramente fuori, un altro anno ancora, dalla zona Champions. Berlusconi ha parlato di motivazioni ritrovate e voglia di riscatto in Europa ma una società con queste ambizioni non può interrompere il mercato ad oltranza perché Robinho non accetta la rescissione consensuale. Mettetevi voi nei panni del brasiliano che non avrà mai più un ingaggio così alto in carriera e ti obbligano a ridurtelo senza avere un'altra offerta certa. Ben venga Cerci ma da solo non risolve i problemi. Inzaghi studia e sembra essere un ottimo allievo ma per diventare docente universitario occorre tempo, abnegazione e titolo. Pippo rischia di bruciarsi. Non ha la squadra e la società deve metterlo nelle condizioni di avere il meglio. Galliani può garantire ad Inzaghi rinforzi da vero Milan? Dopo un anno ballerino ma comunque meno rispetto a quello precedente, arrivano segnali positivi dall'Inter. Il caso è opposto a quello rossonero. I tifosi amano Inzaghi incondizionatamente, Mazzarri è visto malissimo dagli interisti eppure è una delle poche garanzie insieme ad Ausilio. Allenatore e Direttore stanno provando a costruire una squadra competitiva senza soldi e, soprattutto, provano a non farsi mettere le manette da Guarin. Certo una sua cessione aiuterebbe a fare mercato ma se nessuno versa 14 milioni di euro nelle casse dell'Inter, Ausilio non può spiegare ai tifosi che il prossimo anno si gioca con la Primavera di Vecchi. L'unica squadra che fa mercato vero é la Roma. La Juve puntella ma prima di rinforzarsi dovrebbe mettere 4 bulloni sotto la panchina di Allegri. Di questo passo Max è una vittima sacrificale. Mentre Conte se ne va al Parco di Fasano con moglie e figlia a vedere i leoni, pensa ad Allegri che rischia di essere sbranato da 14 milioni di juventini che non lo vogliono a Torino. Allarme Napoli. Il mercato é ancora fermo e De Laurentiis deve chiudere i primi colpi. Benitez ha voglia di vincere e stupire ma finora è stato accontentato su pochi punti. Va bene il bilancio sano e la spesa oculata ma è giunto il momento di diventare definitivamente grandi. La Roma ha sfruttato l'assist di Conte, il Napoli ancora no. Servono tre calciatori di qualità e soprattutto a centrocampo Benitez ha bisogno di uomini che facciano compiere il salto di qualità. Il Presidente, a Dimaro, ha parlato di scudetto. Di questo passo si allontana e non si avvicina. Certo, il tempo c'è ma i tifosi sognano colpi veri non solo quelli, giusti, di prospettiva. In Italia tiene banco il caso Tavecchio. La politica si divide, la Fiorentina si dissocia, Tommasi attacca, Lotito, Beretta e Abodi difendono. Fatevene una ragione: piaccia o no Tavecchio è già stato eletto. Perché il 51% dei voti è deciso da Tavecchio, con Lega Dilettanti e Lega Pro. Aggiungi la fetta della Lega di A e la fettina della Lega di B, per Albertini non c'è molto da fare, se non contare i voti. Questa è cronaca. Poi, se gradite, passiamo ai commenti. Prima parte: Tavecchio ha sbagliato perché se girava nudo in piazza Duomo a Milano faceva più bella figura, se insultava Agnelli si faceva nemici solo 14 milioni di italiani, così facendo si è messo contro tutti: politica, pallone, filosofi, stampa e finti preti. A 71 anni una persona non ha più nulla da perdere e se ne frega di tutto e di tutti. Questa potrebbe essere la sua forza o la sua debolezza. Potrebbe davvero cambiare il calcio perché non guarda in faccia a nessuno, un pò come Macalli, che da anni provano a sfondarlo ma vince sempre. Carletto l'ha fatta grossa, più che nel letto. Perché politicamente i temi razziali non vanno mai trattati. Ci sono argomenti tabù. Lui era carico come una mina ed è esploso. Per questo va eticamente condannato. Detto questo chiudiamo la porta ai falsi moralisti che si fanno le foto con le banane ma se poi la figlia si presenta a casa con un ragazzo di colore volano le urla. Cavalchiamo le onde giuste e prima di fare la morale guardiamoci allo specchio. Tavecchio è vecchio e non può comandare. Tavecchio è razzista e se ne deve andare a casa. Tutto giusto. A Tavecchio noi chiediamo, invece, di cambiare il calcio. I punti del nostro programma:

1) Creiamo le squadre B, almeno, delle dieci prime formazioni classificate in serie A.

2) Apertura totale delle trasferte ai tifosi ospiti, ovviamente con controlli e precauzione.

3) Basta biglietti nominali. Se faccio casino allo stadio devo essere arrestato ma se non faccio nulla non posso essere schedato. Cancellate la legge Maroni... Che ce li ha massacrati

4) Via la Legge Melandri: stadi di proprietà dei club. Poi ognuno se li gestisce come ritiene più opportuno.

5) I biglietti per lo stadio non possono costare più di 50€.

6) Ripartizione dei diritti tv in base alla classifica dell'anno precedente e non all'audience riscontrato.

7) Premi della FIGC per le società che costruiscono centri sportivi ed incentivi per chi fa giocare in prima squadra giovani del proprio settore giovanile.

8) No agli oriundi in Nazionale. Non siamo razzisti ma se sei argentino vai a giocare in Argentina.

9) Riforma dei campionati entro tre anni e non un passo, fatto male, alla volta. Serie A a 18, B a 20 e Lega Pro a 60. Da subito non è possibile, programmiamo il tutto per il prossimo biennio o triennio.

10) No alla B a 21, sarebbe indecente caro Tavecchio. Ed esclusione dai campionati dei club con più di centomila euro di debiti e punizioni esemplari per i Presidenti che pagano i calciatori fuori dalle buste paga. Queste le nostre dieci proposte... A Tavecchio, l'ultima banana.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.