HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Milan, prima o poi Ancelotti. Gattuso-Hajduk: contatto. Raiola: giù le mani da Sacchi. Donadoni: il tempo dà torto a Cassano. Juventus: ha pareggiato il Cesena

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
21.02.2015 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 32142 volte

Il Milan si sente come nell'estate 1998. Mancano ancora tre mesi alla stagione calda del mercato, ma il Milan è già pronto ad imparare da se stesso. Anche nel 96-97 e nel 97-98 due stagioni di fila andarono male. Eppure un anno dopo il Milan era campione d'Italia e cinque anni dopo campione d'Europa. Il Milan sa di non avere alternative: deve fare una grande squadra per la prossima stagione. Ed è già al lavoro per farla. A trecentosessanta gradi. Lo insegna anche la Juventus dei due settimi posti. Solo una campagna acquisti aggressiva e di rottura, come quella dell'estate 2011, ha riavviato tutto in casa loro. Il Milan è pronto a farla. Il Milan non ripiega su se stesso, ma da se stesso è pronto a ripartire. Le immagini parigine di Ibra e Thiago fanno male. Il 20' posto nel ranking europeo fa male. Le assenze del Milan fra le prime 10 squadre della colonna di sinistra della classifica di A del Febbraio 2014 e anche del Febbraio 2015 fanno male. Sarà costoso e faticoso risalire la corrente, non sarà un lavoro né piacevole sul piano umano né semplice su quello economico. Ma dalle sconfitte e dalle ferite il Milan sta raccogliendo la determinazione per farlo. Senza illusioni ma, soprattutto, senza alternative. Capitolo allenatore: Filippo Inzaghi merita, per la sua storia e per la sua passione sportiva, tutta la protezione che con convinzione tutto il Milan gli ha dato, gli sta dando e gli darà. Siamo i primi a sognare un grande finale di stagione e un grande futuro, sempre con Inzaghi in piedi davanti alla sua panchina. E la sensazione che condividiamo in questo spazio prescinde dal lavoro di Inzaghi e dal contratto fra Inzaghi e il Milan. Presto detto: Ancelotti lo ha ripetuto spesso e lo sanno tutti, lui è e resta il condottiero del Real Madrid ma al Milan prima o poi ci vuole tornare. Senza farne mai mistero. Proprio come ha fatto, e bene, Roberto Mancini dall'altra parte. L'estero è bello e prestigioso, ma il cuore è il cuore.

In Croazia, per il secondo anno consecutivo, l'Haiduk è terzo e non riesce a fare il salto di qualità rispetto a Dinamo Zagabria e Rijeka. Anche per questo, la dirigenza del prestigioso club dalmata ha contattato Rino Gattuso. Il guerriero rossonero ha declinato, ma anche questa volontà dell'Hajduk di arrivare a lui dimostra quanto sia viva l'impressione lasciata nel mondo del calcio dall'esperienza del campione calabrese a Creta. Le squadre con orgoglio, le squadre che voglio rimontare, chiamano Gattuso.

La rete ha bisogno di carne da tritare, il web ha bisogno di gomma da masticare. Non importa quello che dici, ma il modo in cui viene cotto e mangiato. Non contano le tue virgolette, ma come le manipola il primo che capita. Tu parli in buona fede, dici tutt'altro, ma se diventa virale la prima interpretazione cattiva di quello che hai detto sei fritto. Arrigo Sacchi può essere stato autarchico e un po' vintage nella sua dichiarazione di Montecatini, ma mai razzista. L'amico di Francisco Maturana non è razzista, il Ct azzurro del Foxboro Stadium che stringe le mani agli atleti della Nigeria dopo il drammatico Ottavo di finale di Usa '94 non è razzista, come non lo è l'allenatore del Parma che nel Gennaio 2001 imposta la sua nuova squadra in campo contro l'Inter a San Siro a partire da Lilian Thuram, icona dei valori anti-razzismo. E passi per il presidente Blatter che da numero uno Fifa era nel dovere di intervenire per condannare non tanto le parole di Arrigo ma il modo in cui anche a lui erano state vendute, ma il buon Raiola no. Non passa. Ce l'hai con Arrigo per i suoi litigi con Ibra? Volevi la resa di conti? Passi, ma non a questo giro. Chapeau, invece, a Fabio Capello, gran signore nei confronti di Sacchi nonostante la loro legittima e nota rivalità sportiva. Chiusura su Carlo Ancelotti: abbiamo un ricordo bello e commosso di Giuseppe Ancelotti, il suo papà. Uomo di campagna e di lavoro, di sorrisi dolci, di rossori in volto. Giuseppe ha educato Carlo a sua immagine e somiglianza. Gente vera, gente bella. Carlo voleva solo consolare Arrigo con tenerezza e con un modo di dire. Chi, fra quelli che stanno coperti nel mucchio e rannicchiati nella marmellata dei social, accusa Ancelotti di apologia è un "non". Uno che non sa, che non capisce, che non merita.

Non abbiamo mai pensato che la dignità avesse il suo fondamento nel risultato di una partita di calcio. Ma sul tema, Roberto Donadoni ha dato a Cassano, sia in coppa Italia contro la Juventus che in Campionato contro la Roma, le migliori risposte del mondo. E il risultato di oggi è che l'allenatore del #Parmafinoallafine è lì, con competenza e discrezione, al suo posto. Cassano no, Cassano è per i fatti suoi. A proposito, proprio qui la scorsa estate avevamo creduto al calore e alla veemenza della conferenza stampa del presidente Ghirardi dopo l'esclusione dall'Europa League del suo Parma. Ci sentiamo beffati e traditi. Parma è una piazza splendida, piena di rispetto e di storia. E non meritava tutto questo.

Ebbene sì. Ha pareggiato il Cesena. Non era in palio lo Scudetto sulla palla di Brienza di domenica scorsa, ma a giudicare dalla reazione di Allegri a quel pareggio non si è trattato di un gol poi così ininfluente. Spiace solo che ogni volta che non pareggia o che pareggia il Cesena, il buon Max sia sempre dalla parte soccombente. Nel 2012 sulla panchina del Milan, quando chi scrive si era fidato dell'esultanza collettiva di vari settori di San Siro sul fantomatico pareggio romagnolo in Cesena-Juventus e nel 2015 sul tiro mancino di Brienza. Poco male, la sua Juventus vincerà ugualmente il titolo. Quello che cambia è il coretto: din don, intervengo da Cesena e qualcuno ha fatto gol…

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.