VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"

Nato ad Avellino il 30-09-1983. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
23.01.2017 10.54 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 55993 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni impossibili (mentre in Italia diamo retta ad altri Rocco, cose da pazzi) e dall'Ufficio Stampa del Milan, che questa volta potrà davvero annunciare l'arrivo del calciatore dell'Everton. E' una data storica: perché, se tutto va come deve andare, sarà ufficialmente l'ultimo "colpo" dell'era Berlusconi che - 30 e passa anni fa - aveva iniziato la gloriosa storia del mercato rossonero con l'acquisto di Donadoni. Finisce l'era con Deulofeu. Uno scarto dell'Everton. Finora la stagione del Milan è stata considerata trionfale, poi vai a vedere la classifica e capisci che, se il miracolo dovesse continuare, i rossoneri potranno ambire - al posto del Sassuolo - alla partecipazione ad una inutile Europa League. Questo passa il convento. Il tifoso del Milan è disorientato perché guarda un tg sportivo e, ad inizio telegiornale, sente la notizia dell'arrivo di Deulofeu. Passano 2-3 lanci di servizi e lo stesso tg, con lo stesso conduttore, parla di missione Milan, con Fassone e Mirabelli, per Aubameyang, Keita e Bernardeschi. Allora inizi a recitare il Padre Nostro in cinese. E' un passaggio netto, sarà un cambio di vita, ma ovviamente questo Milan avanti così non può andare. In un campionato così mediocre, come la nostra serie A, dove scudetto e retrocessioni (i verdetti più significativi) sono noti da metà girone di andata, il Milan avrebbe meritato di ricoprire un altro ruolo. Invece la nostra serie A è come un film di Checco Zalone su Sky Cinema. Sappiamo già tutte le battute, sappiamo come inizia e come finirà, eppure lo vediamo e rivediamo mille volte. Unica differenza: Checco fa ridere, la serie A - con stadi vuoti e zero spettacolo - fa piangere. Ci resta Sarri che ci fa divertire, ci resta la Juve che fa contenti i suoi tifosi a suon di vittorie, fatta eccezione per qualche pausa di riflessione, e dobbiamo ringraziare l'Atalanta che ci fa scrivere. Vende due giovani per 55 milioni di euro, lancia nella stessa partita due bambini del 1999 e comunque vince. Certamente, se Papu Gomez è questo, il Milan avrebbe fatto prima (certo non ora) a puntare El Papu che andare ad elemosinare un prestito oneroso all'Everton. Papu è favoloso. Uno spettacolo per gli occhi. Salta l'uomo, segna i rigori, trascina la squadra e inventa giocate deliziose. Questo è un nano gigante che meriterebbe di giocare per obiettivi ancor più prestigiosi. Il Milan, però, non ha una rete di osservatori. Il mercato è, da sempre, basato su Galliani e sulla sua bravura. Non può il Milan avere un Direttore Sportivo che va a prendere i calciatori all'aeroporto. E' mortificante per la categoria. Noi capiamo che Rocco deve mettersi in mostra e vuole anche lui un po' di luce riflessa, ma così commette un autogol degno del miglior Masiello in Lecce-Bari. Perché Maiorino la domenica sera deve andare a prendere Gerard (con una r) a Malpensa? Non sarebbero bastati un addetto stampa ed un autista? Ma soprattutto: Rocco, dopo che il Milan sarà passato di mano, a che squadra potrà puntare? Non lo diciamo in tono polemico, ma è pura curiosità. Può restare in A o ha competenze anche per partire, in autonomia, dalla B? E' un Alessio Secco, versione rossonera, o il Direttore che cambierà la storia del calcio italiano per aver preso Deulofeu e Sosa? Chi vivrà vedrà.
Sappiamo una cosa e l'abbiamo capita dagli ultimi colpi: l'Inter ha una valanga di soldi e Suning ha una potenza economica che, se ben gestita, potrà portare il club sul tetto d'Europa in tre anni. Adesso bisogna solo capire se i soldi, che da qui al futuro spenderà Suning, saranno ben investiti. Speriamo per l'Inter che Kia non metta più becco nelle cose di mercato. Da procuratore, giustamente, pensa solo ai suoi interessi e mai un procuratore potrà fare il bene di una società, salvo che lavori solo per la società. Ausilio è un bravo ragazzo ma alcune volte dovrebbe tirare fuori gli artigli. Lo ha fatto per prendere Pioli e il campo gli sta dando ragione. L'avrebbe dovuto fare in estate ma capiamo che sia rimasto sotto choc dal passaggio di consegne e dalla presenza di Kia. Se l'Inter progetterà, da subito, la costruzione della squadra del prossimo anno potrà trarre grandi benefici. Quest'anno difficilmente arriverà l'Europa che conta, ma questo campionato va considerato di transizione. Il prossimo anno non si potrà sbagliare. Non è un mercato di transizione, invece, per Manolo Gabbiadini. Ci fanno credere che il Napoli non lo vende per le richieste folli di De Laurentiis. Falso. De Laurentiis, la scorsa estate, rifiutava anche 30 milioni di euro, oggi vuole fare cassa, vero, ma soprattutto vuole piazzarlo. Non può fare molto con Gabbiadini e sta cercando disperatamente una squadra. Nessuno vuole Manolo che resta in "Gabbia" e rischia di restare prigioniero fino al termine del mercato. Siamo convinti che una sistemazione la troverà, anche se la rinuncia di Kalinic alla Cina è stata una brutta botta. Gabbiadini deve rimanere in Italia, questo è il suo mercato. Non ha il carisma per imporsi all'estero come a Napoli. Un calciatore bisogna prima conoscerlo come persona e valutarne gli aspetti caratteriali e poi come professionista. Oggi Manolo è impaziente, arrabbiato e un po' frustrato. Il ragazzo è disorientato perché ha capito che a Napoli la sua esperienza è finita ma, allo stesso tempo, non si capacita di come - ad una settimana dalla chiusura del mercato - il suo futuro sia ancora così incerto. Starà adesso al suo agente Pagliari calare un asso che sicuramente avrà già nella manica. Non sappiamo solo se in quella destra o in quella sinistra. 8 giorni per scoprirlo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.