HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Milan, si vende davvero. Ieri sera una cena ad Arcore per il via libera ai cinesi. De Jong al Manchester, il PSG insiste per Pogba. Inter, via Icardi o Kovacic. Callejon all'Atletico

03.04.2015 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 28151 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi sta vendendo il Milan e su questo, nonostante le smentite, ormai non ci sono più dubbi. Del resto la conferma indiretta è arrivata dallo stesso presidente che lunedi' scorso durante una cena riservata ha rivelato ai suoi ospiti di aver ceduto il 75 per cento del capitale del Milan. A chi ?

E' questo il grande interrogativo. Ad arricchire il panorama fatto di una ridda di nomi tra magnati cinesi e thailandesi, si è aggiunto ieri sera il giallo di un'altra cena ad Arcore alla quale ha partecipato l'uomo d'affari di Hong Kong Richard Lee, amico di Berlusconi, già visto in altre occasioni a San Siro durante le gare dei rossoneri.

Il perché di questa cena non è dato sapere.

Lee potrebbe aver consigliato il presidente sulle ultime offerte che gli sono arrivate, sui nomi degli acquirenti possibili, o invece, potrebbe far parte di una delle cordate di imprenditori cinesi che stanno per mettere le mani sul Milan.

Lo scenario dei compratori ora vede in pole position mister Zong, miliardario cinese, leader di molte industrie operanti in attività diverse. Sarebbe sua l'offerta più consistente, attorno al miliardo di euro, per l'acquisizione del 75 per cento del Milan. Dietro mister Zong ci sarebbe addirittura il governo cinese che vuole investire molto sul calcio in patria, ma anche sfruttando un marchio storico come il Milan per una grande operazione di marketing. L'obiettivo è provare a vincere il mondiale di calcio con la nazionale cinese nel giro di tre-quattro mondiali. I cinesi sono leader in tantissimi sport, lo vogliono diventare anche nel football. Per rimanere comunque un emblema del Milan, Berlusconi avrebbe chiesto per sé la carica di presidente onorario e per la figlia Barbara quella di amministratore delegato. E' su questo che si sta discutendo, chi acquista e investe così tanti soldi, vorrebbe mano libera sulla governance.

Nel frattempo non molla neppure il broker thailandese mister Bee che dopo aver fatto un'offerta con una impegnativa per acquistare il trenta per cento, sta ora cercando di mettere un gruppo di magnati in grado di rilevare l'intero pacchetto di maggioranza.

Tra Richard Lee, mister Bee e mister Zong, Berlusconi ha raggiunto il suo scopo di accendere una sorta di asta attorno alla sua società il che può portare soltanto ad un affare di maggiore consistenza economica.

Nonostante le smentite che devono esserci quando si tratta di operazioni di questa consistenza, la decisione di vendere è stata presa, si tratta di capire quale sarà la strada più consistente nell'interesse del Milan e di Berlusconi.

L'ex cavaliere potrebbe ancora tenersi tutto, non vendere, ma non essendo in grado di fare grandi investimenti, per una questione di cuore preferisce fare il grande passo piuttosto che dover gestire questo Milan minimo, che galleggia in campionato senza grandi emozioni ed è fuori dall'Europa. Meglio vendere a qualcuno in grado di far tornare protagonista questa società in Italia e nel mondo, un ragionamento simile a quello fatto due anni fa da Massimo Moratti per l'Inter.

Nel giro di qualche settimana, se non prima, dovrebbe arrivare la decisione ultima, quella di non ritorno. E comunque ci si aspetta qualche comunicazione ufficiale anche in tempi più stretti.

In questa incertezza, naturalmente, sono state bloccate tutte le operazioni in ponte già avviate da Galliani, e anche Inzaghi può stare tranquillo, resterà lui fino alla fine della stagione. E' completamente inutile a questo punto battere altre strade anche perché soltanto un miracolo potrebbe portare il Milan in Europa, davanti ci sono troppe squadre da recuperare e i posti sono solo sei.

Per il mercato futuro si procederà intanto al via libera di tutti i giocatori in scadenza. Il Milan paga troppi stipendi, alcuni molto alti, la prima operazione è quella di sfoltire. L'unico giocatore che i rossoneri avrebbero voluto tenere è De Jong che invece ha deciso di salutare e dopo aver detto no grazie alle proposte della Juve, raggiungerà a Manchester il suo vecchio maestro Van Gaal. Gli altri sette, compreso Pazzini, saranno lasciati liberi. E i prestiti, a cominciare da Destro, torneranno alla base: la Roma è stata già avvertita.

Se non dovesse arrivare denaro fresco dei compratori per il prossimo mercato (complicato) si procederà al piano messo a punto da Galliani con l'ingaggio di Sarri e un Milan di giovani italiani.

Se, invece, la trattativa per la vendita dovesse essere chiusa in tempo, potrebbe nascere una squadra diversa anche se i tempi sono stretti e chi investe un miliardo magari vuol riflettere prima di fare grandi investimenti anche sui giocatori. Vedremo.

Intanto nel mercato è il momento delle grandi riflessioni e dei bilanci. L'Inter deve decidere (e non l'ha ancora fatto) da quale cessione recuperare una trentina di milioni e più utili al piano di rafforzamento stilato da Mancini. Via Icardi o Kovacic? E' questo il grande dilemma, molto dipenderà alle offerte che arriveranno anche se Mancini in questo momento, nonostante le dichiarazioni ufficiali, terrebbe più volentieri Icardi.

Anche la Juve riflette dopo la bufera Marchisio. Se il centrocampista avesse avuto l'infortunio grave come si temeva dopo i primi report, sarebbe stato impossibile cedere Pogba. Per fortuna ha poco e nulla e allora l'operazione Pogba è sul tappeto. Del resto il Psg insiste, Verratti lo ha fatto capire nettamente, una grande squadra francese vuole far diventare un suo simbolo un grande giocatore giovane e nazionale come Pogba. I contatti vanno avanti sottotraccia con la regia di Raiola, tra scambi di giocatori (Cavani? Verratti? Lavezzi?) e contante si potrebbero toccare i cento milioni chiesti dalla Juve. Sarà il colpo dell'estate.

Il Napoli, nel frattempo, ha capito che Callejon se ne vuole andare. Questo è un altro segnale che anche lo spogliatoio sa che Benitez mollerà. Per l'attaccante spagnolo voluto da Rafa, ora c'è un'offerta dell'Atletico Madrid e il ragazzo ha detto ok. Nei giorni scorsi s'era sparsa la voce che avesse disdetto anche la casa in affitto, poi la notizia è stata smentita, ma qualcosa sta succedendo. In quel ruolo, comunque, il Napoli è coperto da Gabbiadini che sa fare l'esterno, la seconda punta e anche un bel po' di gol.

Twitter @EnzoBucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.