HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan: sul mercato servono due buoni guizzi. Robinho: caso senza precedenti. Conte: Monaco, Mendes, Maggio, Milan. Figc: Milan-Albertini, nessun problema. Ischia: Taglialatela decisivo. Biasin: il Cesena ha pareggiato il 30 giugno...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
26.07.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 45204 volte

Inutile girarci attorno. Un buon Mondiale da parte di Balotelli avrebbe dato il via ad una serie di operazioni importanti per il Milan, in vero e proprio stile fuochi d'artificio. Oggi invece, nonostante la partenza di Kakà, non ci sono prospettive di accelerazioni immediate ed è molto dura, come era invece ampiamente nei progetti, l'idea di consegnare fin dalle prime settimane della stagione a Filippo Inzaghi la squadra effettiva su cui lavorare senza aspettare il 31 Agosto o 1' Settembre che dir si voglia. L'allenatore del Milan, e qui la sconfitta con l'Olympiacos non centra (non fa mai piacere perdere, ma tra assenze e gambe pesanti la sconfitta di Toronto era facilmente preventivabile e non fa testo), ne ha bisogno di due "buoni". Uno a centrocampo e uno in attacco. Non solo: c'è anche bisogno di entusiasmo subito, per i tifosi, per gli abbonamenti e per iniziare bene la stagione. Il punto è presto fatto. L'esterno d'attacco: il PSG non cede Lavezzi, la boutique granata per Cerci resta troppo cara, Joel Campbell è una affascinante prospettiva di campo anche se non mediaticissima. Il centrocampista: operazione della seconda quindicina d'Agosto, quando per alcuni giocatori i Club italiani , in particolare uno, avranno approcci meno ruvidi. Per il resto sempre al lavoro, ricordando bene quell'assunzione di responsabilità di fronte ai tifosi del 10 Luglio, gli splendidi tifosi del giorno del Raduno. Al lavoro come sempre, con passione e amore. Anche se le questioni di denaro sono quelle più dure da affrontare, nell'estate che anticipa una stagione senza gli introiti delle Coppe. Il Milan sa bene però che un anno senza Champions League ci sta, il secondo e il terzo no, perché le risorse, già poche, rischiano di diminuire esponenzialmente.

E' la quinta sessione di mercato che si parla, in casa rossonera, della possibile partenza di Robinho. Le prime voci nell'estate 2012, quando il Milan non volle far partire il 15esimo giocatore di quei 3 caldissimi mesi. Poi a dicembre 2012 i saluti ai compagni e allo Staff dopo l'ultima partita dell'anno solare a Roma. Poi, a sorpresa, ancora Milanello e altre trattative sia nell'estate 2013 che nel gennaio 2014. Oggi, ancora Robinho al Milan e ancora una situazione bloccata. Dal punto di vista strettamente statistico, una situazione senza precedenti. Con tutto il rispetto per un grande giocatore più volte capitano della Nazionale brasiliana, la storia tecnica in rossonero per Robi appare finita da tempo e oltre alla buona volontà del Milan ci vuole anche la sua, con una notevole, importante, percezione della realtà. Nella speranza che la soluzione dell'annoso rebus sia vicina, ma consentiteci visti i precedenti di essere prudenti, oltre alla vicenda Robinho, pesa anche quella legata a Clarence Seedorf. Il rasserenamento del cielo legale fa piacere a tutti, ma questo naturalmente comporta che il Milan continui a corrispondere all'ex allenatore lo stipendio ogni mese. Anche perché il mondo del calcio globale, quello degli addetti ai lavori in carne e ossa, a quanto sembra non stia facendo pervenire particolari offerte a Clarence, rivelandosi in questo senso meno tenero dei suoi amici più o meno occasionali.

Prima o poi arriverà il momento di Demetrio Albertini. Lo sosteniamo con calore e convinzione. Conosciamo la persona, il suo spessore, la sua determinazione e il suo amore per il calcio. Demetrio ha visione, stoffa e capacità di dialogo. Il fatto che si vada verso l'elezione di Carlo Tavecchio, non significa, almeno in casa rossonera, che vi sia ostracismo nei confronti di Albertini. Anzi, tutt'altro. La questione è puramente e unicamente elettorale. Le elezioni, in democrazia, si vincono con i voti e l'attuale sistema fa sì che il catalizzatore dei consensi sia proprio Tavecchio. Non c'era lo sfondo politico per nessun tipo di crociata. Se la stragrande maggioranza vota Tavecchio, a torto o a ragione, ma con elementi e contenuti di fatto importanti, e non Demetrio, non si può non prenderne atto. Resta il fatto che se le componenti federali vanno su Tavecchio, non significa affatto che gli sforzi del suo antagonista siano vani. La sua esperienza e i suoi programmi, restano. Albertini ha la pelle dura al punto giusto e il suo tempo non potrà non arrivare. Il futuro sorride comunque al Metronomo.

Letto con il consueto interesse e la stima di sempre, l'editoriale di Enzo Bucchioni sul tema Conte. Senza avere nessuna pretesa di intaccarne l'impianto che resta assolutamente coerente, divergiamo, in base alle nostre personalissime fonti, che sono quelle con cui ciascuno si mette in discussione, su due aspetti. La squadra con la quale Conte è rimasto in contatto nei primi mesi del 2014, è stata il Monaco. E se non fosse stato per il dominio su quel fronte di Jorge Mendes, l'artefice dell'operazione Jardim, il tecnico bianconero, molto interessato all'operazione, si sarebbe con ogni probabilità accordato per tempo con il Club monegasco. Per quanto riguarda il mese di Maggio 2014, invece, il primo intento bianconero era essenzialmente quello di impedire il matrimonio Conte-Milan e quella sfida intrigante di cui Antonio aveva parlato in conferenza. I giorni in superfice di Unay Emery dal 20 al 25 Maggio erano invece quelli sotto traccia di Antonio Conte, ma la Juventus era rimasta fermissima, legittimamente, sulle sue posizioni. Oggi però il Milan è felice, è fedele al suo dna e ai suoi valori, con Filippo Inzaghi. L'uomo a cui tutti, in casa rossonera, daranno tutto. Il fidelizzatore per eccellenza, come sostiene Barbara Berlusconi. E il passato, ancorchè recente, è passato.

Aggiornamento Ischia. La squadra è in ritiro nell'aretino, con una squadra tutta di giovani. Mentre lo yacht di Leo Messi è ancorato a Lacco Ameno, non a Capri ma ad Ischia, il mercato del Club gialloblù è nel vivo. Mentre scriviamo, è imminente un vertice con la conferma delle deleghe tecniche di mercato al presidente Pino Taglialatela, ex portiere del Napoli. Se Taglialatela avrà, come tutti i veri tifosi dell'Ischia si augurano, pieni poteri tecnici sul mercato, sono già pronti importanti e positivi contatti con almeno tre giocatori in grado di rafforzare la squadra.

Non infierisco sull'amico Biasin che, tra un giro di parole e l'altro, ha riconosciuto come, chiesta o non chiesta, fosse decisiva la fascia di capitano dell'Inter per il rinnovo contrattuale di Ranocchia. Non avendo molti argomenti per fare diga sull'argomento, l'ha buttata affettuosamente sul gol del Cesena. Certo che ha pareggiato il Cesena, caro Fabrizio, ha pareggiato il 30 Giugno, ovvero la data entro la quale, come hai sostenuto per tutta la stagione 2013-2014, Galliani doveva essere mandato via dal Milan. Baci.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.