HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Milan, torna il sereno. Fermate Valeri, ammazza il calcio! Ferrero, non vendere Gabbiadini. Lotito, meglio il cavalluccio dell'aquila. Pillole di B e Lega Pro...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
01.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38695 volte
© foto di Federico De Luca

Prima cosa da dire: ieri il Milan ha giocato con la giusta intensità, ha creato mille occasioni e il falso "nueve" è migliore di quello ufficiale. Inzaghi, in panchina, era scatenato. Contro l'arbitro, ad incitare i suoi e ha cercato di giocare lui. Cappellino e giubbotto sotto la pioggia, Inzaghi iniziava a sentire la pressione. Ha avuto delle risposte importanti dai suoi ragazzi, unico neo è il paradosso per Pippo: tante palle gol create ma zero finalizzate, almeno fin quando Valeri non ha deciso di iniziare a fare il protagonista, nonostante nessuno lo avesse richiesto.
All'ingresso di Pazzini, lo stadio si è riscaldato. Tanti bambini in curva urlavano il suo nome, lo stesso ha fatto la Sud. Inzaghi dovrà iniziare a ricredersi su Torres e puntare maggiormente sull'usato sicuro. C'erano tanti infortunati ed assenti, ieri, nel Milan ma la squadra doveva dare delle risposte che puntualmente sono arrivate. El Shaarawy sta tornando ai suoi livelli, palla al piede è imprendibile e spesso crea la superiorità mandando in difficoltà le difese avversarie. Per il terzo posto, i rossoneri possono giocarsela alla grande perché gli unici pericoli arrivano da Napoli e da Mancini.
Chiusa l'ampia parentesi dedicata ai meriti del Milan, inizia quella dei demeriti di Paolo Valeri da Roma. Definirlo non sereno sarebbe un eufemismo. Bisognerebbe, poi, anche capire come mai Valeri arbitri sempre Milan-Udinese (nel 2010, lo scorso anno e ieri). Ne ha combinate, ancora una volta, di tutti i colori. Nessuno mette in dubbio la sua buona fede ma, semplicemente, le sue qualità lavorative. Non sbaglia tanto Valeri ma chi lo designa per partite di fascia medio-alta. Ieri era imbarazzante a San Siro. Lui fischiava in campo, lo stadio fischiava lui. Galliani bestemmiava in brianzolo stretto, tre file più giù, Pozzo inveiva in furlan. Un arbitro che mette tutti d'accordo è sempre un perdente. Se i tagli del Coni servono ad abolire gli arbitri di porta allora dieci, cento, mille volte W Malagò. Meno incapaci ci sono meglio è. Per non parlare delle giacchette nere, blu o gialle quelle che sono dalla B in giù. Se ci lamentiamo della A, figuriamoci in serie B e C.
Si avvicina Natale, allora, si avvicina gennaio con il suo calciomercato. Un invito al Presidente della Samp, Ferrero. Ci fa ridere, ci fa divertire con i suoi balletti, ci porta serenità perché la Samp viaggia che è una bellezza ma non ceda a gennaio calciatori di valore. Gabbiadini deve finire il suo percorso a Genova e poi pensare ad un trasferimento che meriterebbe in una big. Sinisa ha ancora bisogno di Manolo ma anche Manolo ha bisogno di Sinisa. Queste operazioni si fanno, con calma, in estate e non di fretta e furia a gennaio.
Ci stiamo immaginando il week end di Claudio Lotito. Inizia ad essere sempre uguale. La Lazio non regala soddisfazioni, la Salernitana gli porta gioia. Dopo la sconfitta con la Juve, uno striminzito 0-0 con il Chievo. La Lazio va ad intermittenza come le luci su un albero di natale mentre la Salernitana va ad Aprilia e ne rifila 4 alla Lupa Roma. Granata sempre in testa al Girone C di Lega Pro e una piazza come Salerno che sogna il ritorno nel calcio che conta, anche se la concorrenza resta agguerritissima con Juve Stabia, Benevento e Lecce che non mollano un colpo. Lotito si è fatto i suoi calcoli e se gli riusciranno avrà fatto un miracolo. La differenza tra la Lazio e la Salernitana è che a Salerno Lotito si è affidato ad un ottimo direttore sportivo, come Angelo Fabiani.
Pillole di B: Non chiamatela più favola che da quelle parti si offendono. Il Trapani non è una favola ma il frutto di programmazione. Squadra solida, proprietà seria, allenatore capace e direttore preparato. Boscaglia e Faggiano stanno rendendo grande una piazza che merita queste soddisfazioni, anche se in passato ha visto poche volte il grande calcio. Faggiano, cresciuto all'ombra di Re Giorgio (Perinetti ndr), ha iniziato a camminare, anzi a correre, con le sue gambe. I risultati sono oggettivi. E' la B dei direttori capaci, Faggiano, Giuntoli, Leone e De Vito ma è anche la B dei direttori truffaldini. Tanti, troppi. Come chi fa il direttore sportivo di mestiere e dichiara 170.000 euro di guadagno ma poi ne porta a casa 300.000. Fa da Ds, Dg, Presidente e allenatore. Le sue squadre chiudono sempre il girone di andata da retrocesse, poi si salvano. Sarebbe bello capire perché, alcuni direttori amano così tanto la Svizzera e i loro presidenti fessi dormono beati.
Pillole di Lega Pro: il Bassano, nel girone A, è sempre più meritatamente primo. Asta fa giocare bene la sua squadra e vince anche a Venezia. Un paio di rinforzi in difesa e la B è lì. Iocolano ha richieste in B e potrebbe accettare le lusinghe già a gennaio. Bene anche il Pavia, il Novara e l'Alessandria. Finalmente a Monza Ulizio si è dimesso, dice che la colpa non è sua e che i contratti faraonici non li ha firmati lui. Si è preso mille impegni, consapevole di non poterli mantenere; come la festa estiva. Forse non ricorderà, perchè impegnato ad allestire due squadre contemporaneamente.
Nel girone B sarà una sfida tra Ascoli e Pisa, mentre nel girone C c'è la battaglia più bella. 4 per un posto, tutte le altre non contano. Una certezza, forse, già c'è. La vincitrice del play off uscirà proprio da questo girone, bello, avvincente e imprevedibile. Chi gioca meglio sul mercato di gennaio arriverà primo. Firmiamo?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.