HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Milan, torna il sereno. Fermate Valeri, ammazza il calcio! Ferrero, non vendere Gabbiadini. Lotito, meglio il cavalluccio dell'aquila. Pillole di B e Lega Pro...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
01.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 38666 volte
© foto di Federico De Luca

Prima cosa da dire: ieri il Milan ha giocato con la giusta intensità, ha creato mille occasioni e il falso "nueve" è migliore di quello ufficiale. Inzaghi, in panchina, era scatenato. Contro l'arbitro, ad incitare i suoi e ha cercato di giocare lui. Cappellino e giubbotto sotto la pioggia, Inzaghi iniziava a sentire la pressione. Ha avuto delle risposte importanti dai suoi ragazzi, unico neo è il paradosso per Pippo: tante palle gol create ma zero finalizzate, almeno fin quando Valeri non ha deciso di iniziare a fare il protagonista, nonostante nessuno lo avesse richiesto.
All'ingresso di Pazzini, lo stadio si è riscaldato. Tanti bambini in curva urlavano il suo nome, lo stesso ha fatto la Sud. Inzaghi dovrà iniziare a ricredersi su Torres e puntare maggiormente sull'usato sicuro. C'erano tanti infortunati ed assenti, ieri, nel Milan ma la squadra doveva dare delle risposte che puntualmente sono arrivate. El Shaarawy sta tornando ai suoi livelli, palla al piede è imprendibile e spesso crea la superiorità mandando in difficoltà le difese avversarie. Per il terzo posto, i rossoneri possono giocarsela alla grande perché gli unici pericoli arrivano da Napoli e da Mancini.
Chiusa l'ampia parentesi dedicata ai meriti del Milan, inizia quella dei demeriti di Paolo Valeri da Roma. Definirlo non sereno sarebbe un eufemismo. Bisognerebbe, poi, anche capire come mai Valeri arbitri sempre Milan-Udinese (nel 2010, lo scorso anno e ieri). Ne ha combinate, ancora una volta, di tutti i colori. Nessuno mette in dubbio la sua buona fede ma, semplicemente, le sue qualità lavorative. Non sbaglia tanto Valeri ma chi lo designa per partite di fascia medio-alta. Ieri era imbarazzante a San Siro. Lui fischiava in campo, lo stadio fischiava lui. Galliani bestemmiava in brianzolo stretto, tre file più giù, Pozzo inveiva in furlan. Un arbitro che mette tutti d'accordo è sempre un perdente. Se i tagli del Coni servono ad abolire gli arbitri di porta allora dieci, cento, mille volte W Malagò. Meno incapaci ci sono meglio è. Per non parlare delle giacchette nere, blu o gialle quelle che sono dalla B in giù. Se ci lamentiamo della A, figuriamoci in serie B e C.
Si avvicina Natale, allora, si avvicina gennaio con il suo calciomercato. Un invito al Presidente della Samp, Ferrero. Ci fa ridere, ci fa divertire con i suoi balletti, ci porta serenità perché la Samp viaggia che è una bellezza ma non ceda a gennaio calciatori di valore. Gabbiadini deve finire il suo percorso a Genova e poi pensare ad un trasferimento che meriterebbe in una big. Sinisa ha ancora bisogno di Manolo ma anche Manolo ha bisogno di Sinisa. Queste operazioni si fanno, con calma, in estate e non di fretta e furia a gennaio.
Ci stiamo immaginando il week end di Claudio Lotito. Inizia ad essere sempre uguale. La Lazio non regala soddisfazioni, la Salernitana gli porta gioia. Dopo la sconfitta con la Juve, uno striminzito 0-0 con il Chievo. La Lazio va ad intermittenza come le luci su un albero di natale mentre la Salernitana va ad Aprilia e ne rifila 4 alla Lupa Roma. Granata sempre in testa al Girone C di Lega Pro e una piazza come Salerno che sogna il ritorno nel calcio che conta, anche se la concorrenza resta agguerritissima con Juve Stabia, Benevento e Lecce che non mollano un colpo. Lotito si è fatto i suoi calcoli e se gli riusciranno avrà fatto un miracolo. La differenza tra la Lazio e la Salernitana è che a Salerno Lotito si è affidato ad un ottimo direttore sportivo, come Angelo Fabiani.
Pillole di B: Non chiamatela più favola che da quelle parti si offendono. Il Trapani non è una favola ma il frutto di programmazione. Squadra solida, proprietà seria, allenatore capace e direttore preparato. Boscaglia e Faggiano stanno rendendo grande una piazza che merita queste soddisfazioni, anche se in passato ha visto poche volte il grande calcio. Faggiano, cresciuto all'ombra di Re Giorgio (Perinetti ndr), ha iniziato a camminare, anzi a correre, con le sue gambe. I risultati sono oggettivi. E' la B dei direttori capaci, Faggiano, Giuntoli, Leone e De Vito ma è anche la B dei direttori truffaldini. Tanti, troppi. Come chi fa il direttore sportivo di mestiere e dichiara 170.000 euro di guadagno ma poi ne porta a casa 300.000. Fa da Ds, Dg, Presidente e allenatore. Le sue squadre chiudono sempre il girone di andata da retrocesse, poi si salvano. Sarebbe bello capire perché, alcuni direttori amano così tanto la Svizzera e i loro presidenti fessi dormono beati.
Pillole di Lega Pro: il Bassano, nel girone A, è sempre più meritatamente primo. Asta fa giocare bene la sua squadra e vince anche a Venezia. Un paio di rinforzi in difesa e la B è lì. Iocolano ha richieste in B e potrebbe accettare le lusinghe già a gennaio. Bene anche il Pavia, il Novara e l'Alessandria. Finalmente a Monza Ulizio si è dimesso, dice che la colpa non è sua e che i contratti faraonici non li ha firmati lui. Si è preso mille impegni, consapevole di non poterli mantenere; come la festa estiva. Forse non ricorderà, perchè impegnato ad allestire due squadre contemporaneamente.
Nel girone B sarà una sfida tra Ascoli e Pisa, mentre nel girone C c'è la battaglia più bella. 4 per un posto, tutte le altre non contano. Una certezza, forse, già c'è. La vincitrice del play off uscirà proprio da questo girone, bello, avvincente e imprevedibile. Chi gioca meglio sul mercato di gennaio arriverà primo. Firmiamo?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.