HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, torna il sereno. Fermate Valeri, ammazza il calcio! Ferrero, non vendere Gabbiadini. Lotito, meglio il cavalluccio dell'aquila. Pillole di B e Lega Pro...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
01.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38695 volte
© foto di Federico De Luca

Prima cosa da dire: ieri il Milan ha giocato con la giusta intensità, ha creato mille occasioni e il falso "nueve" è migliore di quello ufficiale. Inzaghi, in panchina, era scatenato. Contro l'arbitro, ad incitare i suoi e ha cercato di giocare lui. Cappellino e giubbotto sotto la pioggia, Inzaghi iniziava a sentire la pressione. Ha avuto delle risposte importanti dai suoi ragazzi, unico neo è il paradosso per Pippo: tante palle gol create ma zero finalizzate, almeno fin quando Valeri non ha deciso di iniziare a fare il protagonista, nonostante nessuno lo avesse richiesto.
All'ingresso di Pazzini, lo stadio si è riscaldato. Tanti bambini in curva urlavano il suo nome, lo stesso ha fatto la Sud. Inzaghi dovrà iniziare a ricredersi su Torres e puntare maggiormente sull'usato sicuro. C'erano tanti infortunati ed assenti, ieri, nel Milan ma la squadra doveva dare delle risposte che puntualmente sono arrivate. El Shaarawy sta tornando ai suoi livelli, palla al piede è imprendibile e spesso crea la superiorità mandando in difficoltà le difese avversarie. Per il terzo posto, i rossoneri possono giocarsela alla grande perché gli unici pericoli arrivano da Napoli e da Mancini.
Chiusa l'ampia parentesi dedicata ai meriti del Milan, inizia quella dei demeriti di Paolo Valeri da Roma. Definirlo non sereno sarebbe un eufemismo. Bisognerebbe, poi, anche capire come mai Valeri arbitri sempre Milan-Udinese (nel 2010, lo scorso anno e ieri). Ne ha combinate, ancora una volta, di tutti i colori. Nessuno mette in dubbio la sua buona fede ma, semplicemente, le sue qualità lavorative. Non sbaglia tanto Valeri ma chi lo designa per partite di fascia medio-alta. Ieri era imbarazzante a San Siro. Lui fischiava in campo, lo stadio fischiava lui. Galliani bestemmiava in brianzolo stretto, tre file più giù, Pozzo inveiva in furlan. Un arbitro che mette tutti d'accordo è sempre un perdente. Se i tagli del Coni servono ad abolire gli arbitri di porta allora dieci, cento, mille volte W Malagò. Meno incapaci ci sono meglio è. Per non parlare delle giacchette nere, blu o gialle quelle che sono dalla B in giù. Se ci lamentiamo della A, figuriamoci in serie B e C.
Si avvicina Natale, allora, si avvicina gennaio con il suo calciomercato. Un invito al Presidente della Samp, Ferrero. Ci fa ridere, ci fa divertire con i suoi balletti, ci porta serenità perché la Samp viaggia che è una bellezza ma non ceda a gennaio calciatori di valore. Gabbiadini deve finire il suo percorso a Genova e poi pensare ad un trasferimento che meriterebbe in una big. Sinisa ha ancora bisogno di Manolo ma anche Manolo ha bisogno di Sinisa. Queste operazioni si fanno, con calma, in estate e non di fretta e furia a gennaio.
Ci stiamo immaginando il week end di Claudio Lotito. Inizia ad essere sempre uguale. La Lazio non regala soddisfazioni, la Salernitana gli porta gioia. Dopo la sconfitta con la Juve, uno striminzito 0-0 con il Chievo. La Lazio va ad intermittenza come le luci su un albero di natale mentre la Salernitana va ad Aprilia e ne rifila 4 alla Lupa Roma. Granata sempre in testa al Girone C di Lega Pro e una piazza come Salerno che sogna il ritorno nel calcio che conta, anche se la concorrenza resta agguerritissima con Juve Stabia, Benevento e Lecce che non mollano un colpo. Lotito si è fatto i suoi calcoli e se gli riusciranno avrà fatto un miracolo. La differenza tra la Lazio e la Salernitana è che a Salerno Lotito si è affidato ad un ottimo direttore sportivo, come Angelo Fabiani.
Pillole di B: Non chiamatela più favola che da quelle parti si offendono. Il Trapani non è una favola ma il frutto di programmazione. Squadra solida, proprietà seria, allenatore capace e direttore preparato. Boscaglia e Faggiano stanno rendendo grande una piazza che merita queste soddisfazioni, anche se in passato ha visto poche volte il grande calcio. Faggiano, cresciuto all'ombra di Re Giorgio (Perinetti ndr), ha iniziato a camminare, anzi a correre, con le sue gambe. I risultati sono oggettivi. E' la B dei direttori capaci, Faggiano, Giuntoli, Leone e De Vito ma è anche la B dei direttori truffaldini. Tanti, troppi. Come chi fa il direttore sportivo di mestiere e dichiara 170.000 euro di guadagno ma poi ne porta a casa 300.000. Fa da Ds, Dg, Presidente e allenatore. Le sue squadre chiudono sempre il girone di andata da retrocesse, poi si salvano. Sarebbe bello capire perché, alcuni direttori amano così tanto la Svizzera e i loro presidenti fessi dormono beati.
Pillole di Lega Pro: il Bassano, nel girone A, è sempre più meritatamente primo. Asta fa giocare bene la sua squadra e vince anche a Venezia. Un paio di rinforzi in difesa e la B è lì. Iocolano ha richieste in B e potrebbe accettare le lusinghe già a gennaio. Bene anche il Pavia, il Novara e l'Alessandria. Finalmente a Monza Ulizio si è dimesso, dice che la colpa non è sua e che i contratti faraonici non li ha firmati lui. Si è preso mille impegni, consapevole di non poterli mantenere; come la festa estiva. Forse non ricorderà, perchè impegnato ad allestire due squadre contemporaneamente.
Nel girone B sarà una sfida tra Ascoli e Pisa, mentre nel girone C c'è la battaglia più bella. 4 per un posto, tutte le altre non contano. Una certezza, forse, già c'è. La vincitrice del play off uscirà proprio da questo girone, bello, avvincente e imprevedibile. Chi gioca meglio sul mercato di gennaio arriverà primo. Firmiamo?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.