HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan: tornano i top player di Berlusconi. Inter: la telefonite acuta di Mancini. Allegri: punta su Morata e aspetta il Milan. Inter: mercato in stile "effetto Milan"

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
20.06.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 64333 volte

La risposta di Kondogbia ( se non arriva lui, fortissimo, ne arriva uno forte uguale), le visite mediche di JM, il colloquio di Ibra a Doha. Capiamo quanto possano essere snervanti le attese dei tifosi rossoneri. Che hanno fame, che hanno voglia, che hanno rabbia. Senza bisogno che lo dicano e lo urlino, si coglie e si capisce al volo con un guizzo di intelligenza media, senza la necessità che qualche aspirante mago Otelma sostituisca il proprio psicodramma alle notizie vere, alle trattative, ai sogni, al mercato, ai grandi nomi. Ed è proprio ai tifosi del Milan che non diffamano volgarmente ma che si sfogano sacrosantemente, è dovuto un messaggio forte e chiaro: il Milan di Silvio Berlusconi, con le risorse di Silvio Berlusconi, non vuole uscire da questo mercato, difficile ma affascinante, di top player e vuole viverlo e affrontarlo per tutta l'estate. Il Milan farà un mercato con carica ed entusiasmo, stando sui top ma anche sulle idee nuove, su giocatori che non conoscevi ma che poi a vedere su youtube e scopri quanto sono bravi. Il Milan vuole farsi prendere la mano dal mercato e dopo le prime ufficializzazioni farà il possibile per tutelarle, per valorizzarle, facendo quel qualcosa in più per non lasciarle sole ed episodiche. C'è una trattativa molto positiva, in fase avanzata, con il consorzio di Mr. Bee Taechaubol, ma quello che vale per il mercato vale anche per gli assetti azionari: la trattativa è chiusa quando si firma e quando si versa il denaro. Fino a quel momento non sono chiuse le trattative di mercato e nello stesso modo fino a quel momento il ritorno del Milan sul mercato dei top player vive delle risorse economiche di Silvio Berlusconi. Con spirito di sacrificio e per amore del Milan.

C'è un tormentone, un appuntamento fisso sul mercato. E' stato così a Dicembre-Gennaio e sarà così anche quest'estate. Ad un certo punto, nella tensione narrativa, su carta o davanti alla telecamera, dell'evoluzione di una vicenda di mercato, spunta, immancabile, la seguente frase: è stato Mancini in prima persona a parlare con il giocatore. Urca. Fermi tutti. Con il suo incedere new stile il buon Biasin scriverebbe "stica" e noi lo virgolettiamo con il massimo del rispetto che si deve ad un grande allenatore , in questo caso dell'Inter, che è stato anche un grande giocatore, in questo caso non dell'Inter, a meno che Gazzetta.it non insorga anche su questo. Torniamo a Mancini che è meglio: con tutto il rispetto, il problema di oggi non è parlare con i giocatori. Chi conosce il marciapiede del calcio non lo sbandiera, ma vi giuriamo che lo fa e lo sa fare di parlare con i giocatori. In tutte le squadre, in tutte le dirigenze. Il problema è firmare e pagare. Nonostante questa telefonata, quella telefonata e quell'altra ancora.

Dal momento che a Madrid non c'era traffico, il direttore Marotta ha fatto il blitz per acquisire un giocatore che purtroppo, in maglia colchonera, non è riuscito a sostituire adeguatamente Diego Costa. Bene, ma Massimiliano Allegri, che stima molto Sinisa Mihajlovic e si aspetta un duello-Scudetto con il Milan,sa bene che il vero fattore trainante della prossima stagione sarà ancora Alvaro Morata. Con metà stagione di crescita, la seconda, dopo una prima parte di ambientamento, lo spagnolo ha fatto cose incredibili. E l'anno prossimo partirà già molto avanti. Con tutto il rispetto per il primo anno di Dybala in una grande squadra e con altrettanto rispetto per l'arrivo di Mandzukic, il vero sostituto di Tevez nella testa dell'allenatore bianconero sarà proprio Morata. E i tifosi bianconeri che amano già pizzicarci per conto loro, non se ne abbiano a male. Il nostro, per quel che vale, non è un partito preso nei confronti di Mario Mandzukic. Forse siamo stati contagiati dallo Studio post-partita di Sky al termine della Finale di Berlino. Il direttore Caressa pose tempestivamente la questione non ai primi tre che passano per strada, ma a Gianluca Vialli, a Paolo Rossi e a Giancarlo Marocchi: come lo vedete Mandzukic come sostituto di Tevez? Attimo di gelo, sorrisi di circostanza, beh si insomma...Un momento di televisione che è la prima montagna da scalare per il neo-acquisto bianconero.

Mancini inciprignito, conti che fanno male, bilancio in crisi, YayaTourè e Dybala che si perdono per strada. Il peana nerazzurro sembra dissolto, dimenticato. Sono bastati i tre giorni del Condor invisibile, da venerdì 12 a domenica 14 Giugno, per lasciarsi tutto alle spalle. Offerte, offertone, offertissime. I tre giorni di spavento mediatico, i tre giorni di reazione mediatica al rilancio del Milan, i tre giorni delle rosicate su JM, Ibra e Luiz Adriano hanno fatto il miracolo. Accorciate le distanze fra Milano e Giakarta, viaggi da tutte le parti, offerte al rialzissimo. L'effetto Milan fa sempre la differenza in casa nerazzurra. A proposito la prima volta che i media hanno fatto il nome di Kondogbia era il 24 Maggio, accostato da Sky al Milan, quella sera erano in campo Milan e Torino. Poi, sempre poi, tutto il resto...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.