HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan: tornano i top player di Berlusconi. Inter: la telefonite acuta di Mancini. Allegri: punta su Morata e aspetta il Milan. Inter: mercato in stile "effetto Milan"

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
20.06.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 64335 volte

La risposta di Kondogbia ( se non arriva lui, fortissimo, ne arriva uno forte uguale), le visite mediche di JM, il colloquio di Ibra a Doha. Capiamo quanto possano essere snervanti le attese dei tifosi rossoneri. Che hanno fame, che hanno voglia, che hanno rabbia. Senza bisogno che lo dicano e lo urlino, si coglie e si capisce al volo con un guizzo di intelligenza media, senza la necessità che qualche aspirante mago Otelma sostituisca il proprio psicodramma alle notizie vere, alle trattative, ai sogni, al mercato, ai grandi nomi. Ed è proprio ai tifosi del Milan che non diffamano volgarmente ma che si sfogano sacrosantemente, è dovuto un messaggio forte e chiaro: il Milan di Silvio Berlusconi, con le risorse di Silvio Berlusconi, non vuole uscire da questo mercato, difficile ma affascinante, di top player e vuole viverlo e affrontarlo per tutta l'estate. Il Milan farà un mercato con carica ed entusiasmo, stando sui top ma anche sulle idee nuove, su giocatori che non conoscevi ma che poi a vedere su youtube e scopri quanto sono bravi. Il Milan vuole farsi prendere la mano dal mercato e dopo le prime ufficializzazioni farà il possibile per tutelarle, per valorizzarle, facendo quel qualcosa in più per non lasciarle sole ed episodiche. C'è una trattativa molto positiva, in fase avanzata, con il consorzio di Mr. Bee Taechaubol, ma quello che vale per il mercato vale anche per gli assetti azionari: la trattativa è chiusa quando si firma e quando si versa il denaro. Fino a quel momento non sono chiuse le trattative di mercato e nello stesso modo fino a quel momento il ritorno del Milan sul mercato dei top player vive delle risorse economiche di Silvio Berlusconi. Con spirito di sacrificio e per amore del Milan.

C'è un tormentone, un appuntamento fisso sul mercato. E' stato così a Dicembre-Gennaio e sarà così anche quest'estate. Ad un certo punto, nella tensione narrativa, su carta o davanti alla telecamera, dell'evoluzione di una vicenda di mercato, spunta, immancabile, la seguente frase: è stato Mancini in prima persona a parlare con il giocatore. Urca. Fermi tutti. Con il suo incedere new stile il buon Biasin scriverebbe "stica" e noi lo virgolettiamo con il massimo del rispetto che si deve ad un grande allenatore , in questo caso dell'Inter, che è stato anche un grande giocatore, in questo caso non dell'Inter, a meno che Gazzetta.it non insorga anche su questo. Torniamo a Mancini che è meglio: con tutto il rispetto, il problema di oggi non è parlare con i giocatori. Chi conosce il marciapiede del calcio non lo sbandiera, ma vi giuriamo che lo fa e lo sa fare di parlare con i giocatori. In tutte le squadre, in tutte le dirigenze. Il problema è firmare e pagare. Nonostante questa telefonata, quella telefonata e quell'altra ancora.

Dal momento che a Madrid non c'era traffico, il direttore Marotta ha fatto il blitz per acquisire un giocatore che purtroppo, in maglia colchonera, non è riuscito a sostituire adeguatamente Diego Costa. Bene, ma Massimiliano Allegri, che stima molto Sinisa Mihajlovic e si aspetta un duello-Scudetto con il Milan,sa bene che il vero fattore trainante della prossima stagione sarà ancora Alvaro Morata. Con metà stagione di crescita, la seconda, dopo una prima parte di ambientamento, lo spagnolo ha fatto cose incredibili. E l'anno prossimo partirà già molto avanti. Con tutto il rispetto per il primo anno di Dybala in una grande squadra e con altrettanto rispetto per l'arrivo di Mandzukic, il vero sostituto di Tevez nella testa dell'allenatore bianconero sarà proprio Morata. E i tifosi bianconeri che amano già pizzicarci per conto loro, non se ne abbiano a male. Il nostro, per quel che vale, non è un partito preso nei confronti di Mario Mandzukic. Forse siamo stati contagiati dallo Studio post-partita di Sky al termine della Finale di Berlino. Il direttore Caressa pose tempestivamente la questione non ai primi tre che passano per strada, ma a Gianluca Vialli, a Paolo Rossi e a Giancarlo Marocchi: come lo vedete Mandzukic come sostituto di Tevez? Attimo di gelo, sorrisi di circostanza, beh si insomma...Un momento di televisione che è la prima montagna da scalare per il neo-acquisto bianconero.

Mancini inciprignito, conti che fanno male, bilancio in crisi, YayaTourè e Dybala che si perdono per strada. Il peana nerazzurro sembra dissolto, dimenticato. Sono bastati i tre giorni del Condor invisibile, da venerdì 12 a domenica 14 Giugno, per lasciarsi tutto alle spalle. Offerte, offertone, offertissime. I tre giorni di spavento mediatico, i tre giorni di reazione mediatica al rilancio del Milan, i tre giorni delle rosicate su JM, Ibra e Luiz Adriano hanno fatto il miracolo. Accorciate le distanze fra Milano e Giakarta, viaggi da tutte le parti, offerte al rialzissimo. L'effetto Milan fa sempre la differenza in casa nerazzurra. A proposito la prima volta che i media hanno fatto il nome di Kondogbia era il 24 Maggio, accostato da Sky al Milan, quella sera erano in campo Milan e Torino. Poi, sempre poi, tutto il resto...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il miliardo di euro che tiene in piedi il calcio italiano. Juve avanti dieci anni rispetto alle altre, oltre a undici punti. La colpa dei giornalisti nelle sconfitte del Napoli 12.03 - Chi non ha ancora capito si attacchi pure agli arbitri, come se fosse quello il problema di un campionato che è già finito prima di iniziare. Quando una squadra può permettersi di acquistare Dani Alves, Higuain, Pjanic, Pjaca e Cuadrado, vendendo il solo Pogba e un Morata che, obiettivamente,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.