HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, un altro anno buttato e un altro allenatore bruciato. Ahi Gerolin, Zamparini ha scoperto cose non belle. Presidenza Lega Pro, spunta un documento contro Gravina

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
14.12.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43952 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Torniamo a dicembre 2013, esattamente due anni fa. Il Milan era ad una svolta. Barbara Berlusconi si accingeva a vincere la sua battaglia e a segnare il futuro del club. I figli di Silvio Berlusconi riuscirono ad ottenere la testa di Adriano Galliani. Si parlava di buonuscita, si facevano nomi di nuovi Direttori Sportivi e Michele Uva avrebbe preso il posto di Galliani come Direttore Generale. Galliani è una vecchia volpe e ha lasciato correre quei figli che ha visto crescere e giocare con bambole e macchinine, quando lui ed il Cavaliere-padre facevano le fortune dell'impero Berlusconi. Barbara aveva chiuso il cerchio e aveva ottenuto appoggi in famiglia. Allora, Galliani si è rimesso a giocare e quando ha capito che i figli di Berlusconi facevano sul serio è andato dritto al punto in un confronto diretto con il grande capo. Galliani si è ripreso il Milan, in sei mesi è tornato ad essere il capo e nella mia mente sono risuonate le parole di un mio caro amico vecchio simbolo rossonero che mi disse: "Non andare dietro ai tuoi colleghi che scrivono fesserie. Galliani andrà via dal Milan quando lo vorrà lui e resterà il capo ancora a lungo". Aveva ragione il mio amico. Nel frattempo, però, la battaglia non l'ha persa solo Barbara che ha dovuto fare marcia indietro sia sulla lotta a Galliani che sulla vicenda stadio, ma ha perso anche Galliani con i tristi risultati del Milan, con gli allenatori sbagliati (Barbara ha voluto Seedorf, mentre il condor ha puntato prima su Inzaghi e poi su Mihajlovic). Hanno perso tutti, hanno perso i tifosi del Milan. Il problema non sono i soldi che mancano ma gli investimenti sbagliati, gli allenatori cannati e la gestione approssimativa della settimana. Braida manca al Milan più di quanto un semplice tifoso potesse immaginare. La coppia Braida-Galliani funzionava alla grande perché l'esperto di calcio era Ariedo. Lui era la mente, Galliani era il braccio ed era fortissimo nei rapporti e nelle trattative. Se bisognava prendere questo o quel calciatore lo decideva Braida. Il Milan non può continuare così, senza progetto e con una curva che ormai da tempo contesta l'operato di Galliani. Il condor è geniale in tutto quello che fa per questo oggi dovrebbe confermare la sua lunga visione per spiazzarci tutti. Politicamente è forte, il suo tutor sul futuro inizia ad avere troppi anni, al Milan è accerchiato e i giochi politici si fanno adesso. Galliani spiazzerebbe tutti se decidesse di lasciare il Milan e candidarsi alla Presidenza della Lega di A; poltrona che fu già sua anni fa. Questo sì che sarebbe un colpo da condor ma i potenti non vogliono mai lasciare da perdenti.
C'è aria di burrasca a Palermo. Per ora Ballardini salva il posto di lavoro, ma Zamparini nel mirino ha messo il Direttore Sportivo Gerolin. In tv, a Sportitalia, il Presidente disse che il suo Direttore non conta nulla perché i calciatori li sceglie lui in prima persona. Così anche gli allenatori. Si parla di divorzio a giugno e questa volta non ci sentiremmo di escludere che Zamparini abbia ragione. Abbiamo letto e sentito che il Presidente non avrebbe gradito alcune manovre di Gerolin con dei procuratori. Anzi, un procuratore. L'agente è giovane e ha preso piede negli ultimi anni grazie ad un top club. E' calabrese ma vive al Nord. Gerolin avrebbe parlato troppo bene di questo agente con alcuni calciatori del Palermo e, una volta saputo, il Presidente sarebbe andato su tutte le furie perché avrebbe sentito dal Friuli puzza di bruciato. Beh, pensate voi se l'incendio parte dalla Sicilia, sentire la puzza in Friuli significa che l'incendio è bello grande e presumibilmente doloso. Staremo a vedere. Noi 2 euro sull'addio di Gerolin prima dell'estate li giochiamo volentieri, pur non sapendo le quote.
Chiusura dedicata alla Lega Pro. Settimana scorsa, da queste colonne, vi preannunciammo l'ingresso in campo di Pagnozzi. Ci abbiamo preso e siamo contenti della fortuna che ci accompagna in questi editoriali settimanali. Nel bene o nel male preferiamo sempre parlare prima. Parlare dopo non fa opinione, potrebbe scrivere anche mia nonna Lucia di quello che è successo ieri. Proviamo a scrivere sempre quello che succederà domani. Pagnozzi scenderà in campo in vista delle elezioni del 22 dicembre. La Presidenza della Lega Pro è importante anche e soprattutto per le prossime elezioni federali. Tavecchio cerca di prendere più consensi per la sua rielezione. Roma ha deciso che la Lega Pro dovrà andare a Pagnozzi. Malagò spinge per Pagnozzi, Tavecchio anche e i voti di Macalli finirebbero a Pagnozzi. Oltre al giusto curriculum, il neo candidato ha anche esperienza e credibilità; quella che manca ai suoi rivali, deboli e impacciati. Gravina e Ghirelli si sono rotti prima di andare sull'altare. Il patto delle toscane andrebbe bene per suonare in discoteca con un dj sulla poltrona di Presidente di Lega e le società si muovono su Gravina perché sarebbe incompatibile. A tal proposito, vi preannunciamo che presto ci sarà un documento che potrebbe andare in contrasto con la candidatura di quest'ultimo. "Del resto la conferma dell'assunto è data dal fatto che una eventuale candidatura, per concorrere alla carica di Presidente, di uno dei consiglieri federali in carica determinerebbe, in caso di elezione, il necessario successivo ricorso ad una nuova convocazione assemblare per la sostituzione proprio di quel posto di consigliere federale lasciato vacante dal nuovo Presidente eletto". Questo un piccolo passaggio, poi si parla dell'incompatibilità di uno e dell'opportuna candidatura dell'altro. Il 22 sarà l'ennesimo macello e non siamo sicuri che se ne verrà a capo. Una cosa è certa: la Lega Pro rischia di non poter essere governata ancora per diversi mesi. Non riescono a trovare tra loro una soluzione. Ci vorrebbe l'intervento di Malagò e Tavecchio ma sono entrambi impegnati su altri fronti. Nel frattempo le società falliscono, i contributi servono a malapena a pagare i panini ai calciatori, gli stipendi non arrivano e gli stadi sono vuoti. Macalli era il male della Lega Pro, va bene, ma adesso siamo messi peggio della preistoria. Pagnozzi ha i voti del Nord più Pisa: quasi tutti tranne l'Albinoleffe (Marcheschi), Bassano (Marcheschi). Dubbi su Pordenone, Lumezzane e Pavia. Al Sud votano Pagnozzi Messina, Catania, Akragas, Lecce, Matera, Martinafranca, Cosenza Casertana e Benevento. Gravina ha i voti di Melfi, Juve Stabia, Catanzaro, Monopoli, Ischia, Paganese, Cuneo, Maceratese, Ancona, L'Aquila e Teramo.
Marcheschi ha anche i voti di Tuttocuoio, Prato, Pontedera e Lucchese. Le altre sono indecise. Decideranno forse alla viglia di Natale, se tutto va bene...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.