HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Milan, un altro anno buttato e un altro allenatore bruciato. Ahi Gerolin, Zamparini ha scoperto cose non belle. Presidenza Lega Pro, spunta un documento contro Gravina

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
14.12.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43956 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Torniamo a dicembre 2013, esattamente due anni fa. Il Milan era ad una svolta. Barbara Berlusconi si accingeva a vincere la sua battaglia e a segnare il futuro del club. I figli di Silvio Berlusconi riuscirono ad ottenere la testa di Adriano Galliani. Si parlava di buonuscita, si facevano nomi di nuovi Direttori Sportivi e Michele Uva avrebbe preso il posto di Galliani come Direttore Generale. Galliani è una vecchia volpe e ha lasciato correre quei figli che ha visto crescere e giocare con bambole e macchinine, quando lui ed il Cavaliere-padre facevano le fortune dell'impero Berlusconi. Barbara aveva chiuso il cerchio e aveva ottenuto appoggi in famiglia. Allora, Galliani si è rimesso a giocare e quando ha capito che i figli di Berlusconi facevano sul serio è andato dritto al punto in un confronto diretto con il grande capo. Galliani si è ripreso il Milan, in sei mesi è tornato ad essere il capo e nella mia mente sono risuonate le parole di un mio caro amico vecchio simbolo rossonero che mi disse: "Non andare dietro ai tuoi colleghi che scrivono fesserie. Galliani andrà via dal Milan quando lo vorrà lui e resterà il capo ancora a lungo". Aveva ragione il mio amico. Nel frattempo, però, la battaglia non l'ha persa solo Barbara che ha dovuto fare marcia indietro sia sulla lotta a Galliani che sulla vicenda stadio, ma ha perso anche Galliani con i tristi risultati del Milan, con gli allenatori sbagliati (Barbara ha voluto Seedorf, mentre il condor ha puntato prima su Inzaghi e poi su Mihajlovic). Hanno perso tutti, hanno perso i tifosi del Milan. Il problema non sono i soldi che mancano ma gli investimenti sbagliati, gli allenatori cannati e la gestione approssimativa della settimana. Braida manca al Milan più di quanto un semplice tifoso potesse immaginare. La coppia Braida-Galliani funzionava alla grande perché l'esperto di calcio era Ariedo. Lui era la mente, Galliani era il braccio ed era fortissimo nei rapporti e nelle trattative. Se bisognava prendere questo o quel calciatore lo decideva Braida. Il Milan non può continuare così, senza progetto e con una curva che ormai da tempo contesta l'operato di Galliani. Il condor è geniale in tutto quello che fa per questo oggi dovrebbe confermare la sua lunga visione per spiazzarci tutti. Politicamente è forte, il suo tutor sul futuro inizia ad avere troppi anni, al Milan è accerchiato e i giochi politici si fanno adesso. Galliani spiazzerebbe tutti se decidesse di lasciare il Milan e candidarsi alla Presidenza della Lega di A; poltrona che fu già sua anni fa. Questo sì che sarebbe un colpo da condor ma i potenti non vogliono mai lasciare da perdenti.
C'è aria di burrasca a Palermo. Per ora Ballardini salva il posto di lavoro, ma Zamparini nel mirino ha messo il Direttore Sportivo Gerolin. In tv, a Sportitalia, il Presidente disse che il suo Direttore non conta nulla perché i calciatori li sceglie lui in prima persona. Così anche gli allenatori. Si parla di divorzio a giugno e questa volta non ci sentiremmo di escludere che Zamparini abbia ragione. Abbiamo letto e sentito che il Presidente non avrebbe gradito alcune manovre di Gerolin con dei procuratori. Anzi, un procuratore. L'agente è giovane e ha preso piede negli ultimi anni grazie ad un top club. E' calabrese ma vive al Nord. Gerolin avrebbe parlato troppo bene di questo agente con alcuni calciatori del Palermo e, una volta saputo, il Presidente sarebbe andato su tutte le furie perché avrebbe sentito dal Friuli puzza di bruciato. Beh, pensate voi se l'incendio parte dalla Sicilia, sentire la puzza in Friuli significa che l'incendio è bello grande e presumibilmente doloso. Staremo a vedere. Noi 2 euro sull'addio di Gerolin prima dell'estate li giochiamo volentieri, pur non sapendo le quote.
Chiusura dedicata alla Lega Pro. Settimana scorsa, da queste colonne, vi preannunciammo l'ingresso in campo di Pagnozzi. Ci abbiamo preso e siamo contenti della fortuna che ci accompagna in questi editoriali settimanali. Nel bene o nel male preferiamo sempre parlare prima. Parlare dopo non fa opinione, potrebbe scrivere anche mia nonna Lucia di quello che è successo ieri. Proviamo a scrivere sempre quello che succederà domani. Pagnozzi scenderà in campo in vista delle elezioni del 22 dicembre. La Presidenza della Lega Pro è importante anche e soprattutto per le prossime elezioni federali. Tavecchio cerca di prendere più consensi per la sua rielezione. Roma ha deciso che la Lega Pro dovrà andare a Pagnozzi. Malagò spinge per Pagnozzi, Tavecchio anche e i voti di Macalli finirebbero a Pagnozzi. Oltre al giusto curriculum, il neo candidato ha anche esperienza e credibilità; quella che manca ai suoi rivali, deboli e impacciati. Gravina e Ghirelli si sono rotti prima di andare sull'altare. Il patto delle toscane andrebbe bene per suonare in discoteca con un dj sulla poltrona di Presidente di Lega e le società si muovono su Gravina perché sarebbe incompatibile. A tal proposito, vi preannunciamo che presto ci sarà un documento che potrebbe andare in contrasto con la candidatura di quest'ultimo. "Del resto la conferma dell'assunto è data dal fatto che una eventuale candidatura, per concorrere alla carica di Presidente, di uno dei consiglieri federali in carica determinerebbe, in caso di elezione, il necessario successivo ricorso ad una nuova convocazione assemblare per la sostituzione proprio di quel posto di consigliere federale lasciato vacante dal nuovo Presidente eletto". Questo un piccolo passaggio, poi si parla dell'incompatibilità di uno e dell'opportuna candidatura dell'altro. Il 22 sarà l'ennesimo macello e non siamo sicuri che se ne verrà a capo. Una cosa è certa: la Lega Pro rischia di non poter essere governata ancora per diversi mesi. Non riescono a trovare tra loro una soluzione. Ci vorrebbe l'intervento di Malagò e Tavecchio ma sono entrambi impegnati su altri fronti. Nel frattempo le società falliscono, i contributi servono a malapena a pagare i panini ai calciatori, gli stipendi non arrivano e gli stadi sono vuoti. Macalli era il male della Lega Pro, va bene, ma adesso siamo messi peggio della preistoria. Pagnozzi ha i voti del Nord più Pisa: quasi tutti tranne l'Albinoleffe (Marcheschi), Bassano (Marcheschi). Dubbi su Pordenone, Lumezzane e Pavia. Al Sud votano Pagnozzi Messina, Catania, Akragas, Lecce, Matera, Martinafranca, Cosenza Casertana e Benevento. Gravina ha i voti di Melfi, Juve Stabia, Catanzaro, Monopoli, Ischia, Paganese, Cuneo, Maceratese, Ancona, L'Aquila e Teramo.
Marcheschi ha anche i voti di Tuttocuoio, Prato, Pontedera e Lucchese. Le altre sono indecise. Decideranno forse alla viglia di Natale, se tutto va bene...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.