VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Montolivo: le verità nascoste. San Siro: il Comune parla con l'Inter. Roma: in conflitto con la Storia. Lazio: una dirigenza più snella

15.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 16793 volte

La carezza di Riccardo Montolivo, molto ben condivisa con un gentiluomo come il suo procuratore e amico Giovanni Branchini, agli odiatori di professione in servizio permanente effettivo sui social ha suscitato tre tipi di reazioni: la persona perbene ha applaudito, la persona severa ma non accanita si è accorta di aver esagerato e ha abbozzato, il volgarone ha proseguito nei suoi dileggi e nei suoi improperi. Ma non è questa la situazione da fotografare e monitorare. La difesa di Gianluigi Buffon (chapeau) nei confronti di Montolivo contro lo scandalo dei fischi pregiudiziali sul capitano rossonero (cercato da Max Allegri per tutta l'estate) ha generato solidarietà nei confronti dell'infortunato ma ha tenuto la questione a pelo dell'acqua, in superficie. Bisogna invece andare in profondità. A Montolivo in realtà non si imputano prestazioni o rendimento. Lui è destinato infatti ad essere un giocatore amato dagli allenatori (perchè in campo sistema sempre tante cose nell'interesse della squadra, perchè va spesso fuori posizione per andare a risolvere le piccole cose che qua e là non vanno, perchè se gioca bene non se ne accorge nessuno e se gioca male insorgono tutti vista anche la difficoltà e la delicatezza del ruolo), ma criticato da giornalisti e tifosi. Ci sta e non è questo il punto. La sordida rabbia social nei confronti di Riccardo è determinata da due aspetti: viene accusato di essere stato l'ispiratore dell'esonero di Clarence Seedorf. Non è così, la decisione è stata presa in tempi non sospetti da Silvio Berlusconi. Viene infine sospettato di un prolungamento contrattuale estivo governato da chissà quali meccanismi. Non è così, il rinnovo a Montolivo lo ha voluto fortemente in prima persona sempre Silvio Berlusconi.

Da sempre, storicamente, il comune di Milano ha un occhio di riguardo nei confronti dell'Inter rispetto al Milan: lo stadio "Meazza", il piazzale dello Stadio "Angelo Moratti", il Famedio al fondatore rossonero Herbert Kilpin (il 22 Ottobre il Centenario della Morte) ma a patto che ci sia anche il pittore che ha disegnato per primo (non quindi il fondatore effettivo a sua volta) lo stemma interista ovvero Giorgio Muggiani. Per cui quello che sta facendo il neo sindaco Giuseppe Sala, interista dichiarato ed è una passione calcistica legittima naturalmente, si colloca sulla stessa linea, Lui dice: io con Suning parlo e su San Siro hanno grandi progetti. Il Milan dovrebbe sbrigarsi, estremizziamo, perchè sennò potremmo anche farne senza. Se così fosse, sarebbe come minimo un po' sbrigativo. Il Milan è alle porte di un closing cruciale e dal momento che San Siro è stato costruito 90 anni fa dal presidente rossonero Piero Pirelli, un pizzico di pazienza in più non guasterebbe. Vero che il Milan ha lavorato per molti mesi al progetto di un nuovo stadio, ma alla fine Silvio Berlusconi ha scelto e voluto con grande slancio e affetto San Siro. Vero e meritorio che il sindaco Sala abbia parlato con l'alta dirigenza nerazzurra a margine del recente Inter-Juventus. Se per caso decidesse però, se per caso gli capitasse di andare almeno una volta a vedere anche una partita del Milan, forse potrebbe iniziare a confrontarsi anche con l'altra parte della Città. Cogliendone la vocazione e conoscendone i tempi del cambiamento. Senza steccati di carattere politico che nel calcio non hanno ragion d'essere. Il sindaco Raggi a Roma è molto attenta a non perdere l'equilibrio fra l'una e l'altra squadra.

La Storia continua a stuzzicare la Roma. A Luglio, in occasione di un Consiglio federale, la Lazio è stata sul punto di raggiungerla come numero di Scudetti: oggi 3-2 per la Roma, ma con il rischio del 3-3 per l'assegnazione postuma del titolo 1914-15. Cosa che prima o poi potrebbe accadere. Ma non basta: documenti prefettizi dell'epoca sembrano certificare che al momento della propria nascita, nel 1927, la Roma fosse in Serie B. Poi riammessa alla massima serie, per l'allargamento della Prima Divisione nazionale. Una chicca che nulla toglie alla passionalità del popolo giallorosso e al nome della Città Eterna che la Roma ha fatto proprio, ma che sotto sotto fa godere i rivali laziali.

Stanno succedendo molte cose nella Roma. Un gran movimento, grandi assestamenti. Tutti ai vertici. Il presidente Pallotta ha dovuto smentire duramente Bloomberg sulle ipotesi di cessione del Club, ha lasciato Walter Sabatini, è arrivato Umberto Gandini, lo stesso dicasi per Frederic Massara e per Franco Baldini che, si precisa, non sarà il direttore sportivo, ma farà il consulente. Mentre rimane al suo posto Mauro Baldissoni. Grandi professionalità e grandi competenze in casa giallorossa. In questo senso stride però il confronto con l'altra squadra della città. Sarà anche più ruspante e meno ambiziosa, ma alla Lazio fanno tutto in due, Claudio Lotito e Ighli Tare. Anche se di recente si è aggiunto, a livello di comunicazione. Arturo Diaconale. Saranno anche più accentratori, ma rispetto a quanto accade in casa Roma c'è una maggiore snellezza complessiva.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.