HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Montolivo: le verità nascoste. San Siro: il Comune parla con l'Inter. Roma: in conflitto con la Storia. Lazio: una dirigenza più snella

15.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 16781 volte

La carezza di Riccardo Montolivo, molto ben condivisa con un gentiluomo come il suo procuratore e amico Giovanni Branchini, agli odiatori di professione in servizio permanente effettivo sui social ha suscitato tre tipi di reazioni: la persona perbene ha applaudito, la persona severa ma non accanita si è accorta di aver esagerato e ha abbozzato, il volgarone ha proseguito nei suoi dileggi e nei suoi improperi. Ma non è questa la situazione da fotografare e monitorare. La difesa di Gianluigi Buffon (chapeau) nei confronti di Montolivo contro lo scandalo dei fischi pregiudiziali sul capitano rossonero (cercato da Max Allegri per tutta l'estate) ha generato solidarietà nei confronti dell'infortunato ma ha tenuto la questione a pelo dell'acqua, in superficie. Bisogna invece andare in profondità. A Montolivo in realtà non si imputano prestazioni o rendimento. Lui è destinato infatti ad essere un giocatore amato dagli allenatori (perchè in campo sistema sempre tante cose nell'interesse della squadra, perchè va spesso fuori posizione per andare a risolvere le piccole cose che qua e là non vanno, perchè se gioca bene non se ne accorge nessuno e se gioca male insorgono tutti vista anche la difficoltà e la delicatezza del ruolo), ma criticato da giornalisti e tifosi. Ci sta e non è questo il punto. La sordida rabbia social nei confronti di Riccardo è determinata da due aspetti: viene accusato di essere stato l'ispiratore dell'esonero di Clarence Seedorf. Non è così, la decisione è stata presa in tempi non sospetti da Silvio Berlusconi. Viene infine sospettato di un prolungamento contrattuale estivo governato da chissà quali meccanismi. Non è così, il rinnovo a Montolivo lo ha voluto fortemente in prima persona sempre Silvio Berlusconi.

Da sempre, storicamente, il comune di Milano ha un occhio di riguardo nei confronti dell'Inter rispetto al Milan: lo stadio "Meazza", il piazzale dello Stadio "Angelo Moratti", il Famedio al fondatore rossonero Herbert Kilpin (il 22 Ottobre il Centenario della Morte) ma a patto che ci sia anche il pittore che ha disegnato per primo (non quindi il fondatore effettivo a sua volta) lo stemma interista ovvero Giorgio Muggiani. Per cui quello che sta facendo il neo sindaco Giuseppe Sala, interista dichiarato ed è una passione calcistica legittima naturalmente, si colloca sulla stessa linea, Lui dice: io con Suning parlo e su San Siro hanno grandi progetti. Il Milan dovrebbe sbrigarsi, estremizziamo, perchè sennò potremmo anche farne senza. Se così fosse, sarebbe come minimo un po' sbrigativo. Il Milan è alle porte di un closing cruciale e dal momento che San Siro è stato costruito 90 anni fa dal presidente rossonero Piero Pirelli, un pizzico di pazienza in più non guasterebbe. Vero che il Milan ha lavorato per molti mesi al progetto di un nuovo stadio, ma alla fine Silvio Berlusconi ha scelto e voluto con grande slancio e affetto San Siro. Vero e meritorio che il sindaco Sala abbia parlato con l'alta dirigenza nerazzurra a margine del recente Inter-Juventus. Se per caso decidesse però, se per caso gli capitasse di andare almeno una volta a vedere anche una partita del Milan, forse potrebbe iniziare a confrontarsi anche con l'altra parte della Città. Cogliendone la vocazione e conoscendone i tempi del cambiamento. Senza steccati di carattere politico che nel calcio non hanno ragion d'essere. Il sindaco Raggi a Roma è molto attenta a non perdere l'equilibrio fra l'una e l'altra squadra.

La Storia continua a stuzzicare la Roma. A Luglio, in occasione di un Consiglio federale, la Lazio è stata sul punto di raggiungerla come numero di Scudetti: oggi 3-2 per la Roma, ma con il rischio del 3-3 per l'assegnazione postuma del titolo 1914-15. Cosa che prima o poi potrebbe accadere. Ma non basta: documenti prefettizi dell'epoca sembrano certificare che al momento della propria nascita, nel 1927, la Roma fosse in Serie B. Poi riammessa alla massima serie, per l'allargamento della Prima Divisione nazionale. Una chicca che nulla toglie alla passionalità del popolo giallorosso e al nome della Città Eterna che la Roma ha fatto proprio, ma che sotto sotto fa godere i rivali laziali.

Stanno succedendo molte cose nella Roma. Un gran movimento, grandi assestamenti. Tutti ai vertici. Il presidente Pallotta ha dovuto smentire duramente Bloomberg sulle ipotesi di cessione del Club, ha lasciato Walter Sabatini, è arrivato Umberto Gandini, lo stesso dicasi per Frederic Massara e per Franco Baldini che, si precisa, non sarà il direttore sportivo, ma farà il consulente. Mentre rimane al suo posto Mauro Baldissoni. Grandi professionalità e grandi competenze in casa giallorossa. In questo senso stride però il confronto con l'altra squadra della città. Sarà anche più ruspante e meno ambiziosa, ma alla Lazio fanno tutto in due, Claudio Lotito e Ighli Tare. Anche se di recente si è aggiunto, a livello di comunicazione. Arturo Diaconale. Saranno anche più accentratori, ma rispetto a quanto accade in casa Roma c'è una maggiore snellezza complessiva.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.