HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Morata, Dybala e Icardi: tre attaccanti che già scuotono il mercato. Ecco tutta la verità

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
12.02.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 34712 volte
© foto di Federico De Luca

Morata, Dybala e Icardi. Tre attaccanti di lingua spagnola. Tre bomber, giovani (due 93 e un 92). Tre giocatori che infiammeranno il mercato, anzi che lo stanno già infiammando. Con tre esiti imprevedibili o quasi, tranne che per uno.

Partiamo da quello più recente, forse l'unico di cui il futuro (almeno quello prossimo) è facilmente preventivabile: Alvaro Morata. In Spagna scrivono che il Real vorrebbe riprenderselo quest'estate. Ma non può. Intanto si è imposto all'attenzione di tutti. Esattamente come aveva previsto la Juventus. Che conoscendo le potenzialità del giocatore ha voluto cautelarsi, anche di fronte a un possibile ritorno di fiamma del Real Madrid. Perché (ovvio) anche a Madrid sapevano delle potenzialità di Morata, ma non potevano permettersi di lanciarlo. E così nacque quella famosa trattativa con il diritto de recompra. Ne abbiamo parlato per un mese intero, tanto da diventare un termine di utilizzo comune nelle sessioni di mercato, soppiantando addirittura il nostro "riacquisto".

Anche se ora il Real volesse esercitare questo diritto non potrebbe: la "recompra" vale soltanto dalla prossima stagione. Prezzo già fissato. 30 più bonus (per arrivare a 38) per l'estate 2016. 35 invece per l'estate successiva, quella del 2017. Prima non si può. Ovvero si può ma il prezzo lo fa la Juve. Quindi al Real non conviene. In più, in quel famoso accordo fra Real e Juve, c'è anche una clausola che vale per tutti. Chi vuole comprare Morata può farlo eccome: basta tirar fuori 80 milioni di euro. Di cui 40 andrebbero alla Juve e 40 al Real. Comunque i tifosi juventini possono star tranquilli: Morata non si muove sicuramente. Blindato dalla Juve ma anche (e forse questa è la cosa che farà più piacere ai tifosi juventini) dalla sua volontà!

Più complicato invece il caso Icardi. Il giocatore ha litigato con la curva, dopo la sconfitta di Sassuolo. Ha risposto a modo suo con due gol contro il Palermo, senza esultanza e soprattutto interrompendo i "contatti" con l'Inter. La trattativa per il suo rinnovo stava procedendo: si è incagliato sulla questione dei diritti di immagine. La situazione dovrebbe essere questa: lui si "lamenta" di guadagnare molto meno rispetto agli altri (circa 900mila euro a stagione) e vorrebbe un aumento importante. Non solo per il suo valore dimostrato sul campo ma anche per le offerte importanti che sta ricevendo da parte degli sponsor. L'Inter gli aveva promesso il rinnovo di contratto, ma ora la trattativa è incagliata e non sono vicinissimi. In realtà i nerazzurri non hanno molta fretta (visto che il contratto scade nel 2018), ma la fretta è dovuta dal fatto che un attaccante del genere, con un contratto d'ingaggio basso è molto più appetibile da tutti. Come a dire: il suo prezzo non si alza! Considerato che ci sono grandissime squadre su di lui (a partire dal Chelsea) e che l'Inter potrebbe aver bisogno di vendere uno dei suoi gioielli a fine stagione ecco perché anche il rinnovo di un contratto lungo ha esigenze attuali.

Decisamente molto più complicata la vicenda di Dybala. L'attaccante del Palermo ha dimostrato di avere i numeri del fuoriclasse. Zamparini ha fissato il prezzo: 40 milioni. Che però rimarranno soltanto una bella idea (salvo miracoli) del presidente rosanero. Perché in questo momento Dybala non ha intenzione affatto di rinnovare il suo contratto, neanche per scherzo. E questo per il Palermo è un bel problema: scade infatti nell'estate 2016. Vale a dire che già la prossima sessione il prezzo del giocatore non può essere alto. Non almeno così alto. Perché non rinnova? Perché in Argentina il suo cartellino era di proprietà (anche) del suo entourage. Questi investitori non sarebbero mai stati liquidati dal Palermo e ora quindi rivendicherebbero i soldi "minacciando" Zamparini di non rinnovare. Il danno per il Palermo sarebbe molto grande. Secondo l'entourage di Paulo tanto grande quanto quello che sarebbe stato subito in passato. Con la consapevolezza che senza il rinnovo di contratto i guadagni potrebbero essere superiori. Ecco perché Zamparini parlava di corruzione e di gente avida e attaccata al denaro che vede Dybala come una cassaforte. Se le cose dovessero rimanere così Dybala sarà sicuramente ceduto. E allora la domanda è: a chi? In cima alla nostra lista di febbraio mettiamo il PSG. Sia perché i rapporti dei procuratori con i dirigenti parigini sono eccellenti, sia perché se l'allenatore della prossima stagione dovesse essere Simeone il cerchio sarebbe proprio chiuso: è un grande estimatore dell'argentino. Poi Chelsea e i due Manchester (soprattutto City) che sono andati a vederlo diverse volte durante questa stagione. E in Italia Roma e Juventus, soprattutto. Perché è quel tipo di giocatore che paghi caro, ma non carissimo. Che ha dei margini di crescita ancora inesplorati. Non soltanto tecnicamente, ma anche a livello finanziario. Basta trovare la formula giusta.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.