HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Napoli, l'accesso alla prossima Champions garantisce risorse ma non la certezza che Benitez ed i big restino. Per convincerli bisognerà avere la forza ed il coraggio di completare la rosa con altri campioni

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
08.02.2015 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 24920 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Diceva il saggio che il calcio è uno sport che si gioca con i piedi, ma solo dopo aver azionato la testa. Questione di consapevolezza dei propri mezzi e di entusiasmo che cresce di fronte alle difficoltà del tuo avversario. La Roma ed il Napoli, la corazzata capitolina che perde colpi e non va più "a tutta" come quando aveva 11 punti di vantaggio sul Napoli terzo in graduatoria. Erano altri tempi e non si erano giocate tante partite, soprattutto quelle di Champions che tolgono cellule cerebrali più delle energie fisiche. Erano i giorni in cui Garcia diceva che "certamente vinceremo lo scudetto" per il desiderio di trasmettere al suo gruppo una credibilità che stava evaporando oltre la delusione del mancato accesso agli ottavi della massima competizione continentale. Niente da fare, la Roma ha perso via via terreno con i 4 pareggi consecutivi in campionati ed un 2015 iniziato senza sorrisi e due vittorie molto discusse, ad Udine in campionato e contro l'Empoli in Coppa Italia. Il calo progressivo ha avuto il suo momento più buio nell'eliminazione dalla competizione tricolore in seguito al blitz della Fiorentina all'Olimpico. Se vedi arrancare chi ti precede, peschi nel tuo dna energie sconosciute per accorciare il distacco. Ci sta provando il Napoli che sembra un rullo compressore nella convinzione crescente di essere la squadra più in forma del momento e pure quella lanciata verso un secondo posto che era stato assegnato con troppo anticipo ai giallorossi. Solo un napoletano sa quanto sia eccitante la rimonta, quella vissuta tante volte negli anni addietro per raddrizzare partite cominciate male e che adesso potrebbe tradursi nella risalita verso l'unico obiettivo che conta in questa stagione: la partecipazione alla prossima Champions League. E' tutto lì, in quel piazzamento. Preferibilmente con un secondo posto che avrebbe del clamoroso visto l'addio disastroso, oppure con la terza piazza che avrebbe un valore diverso stavolta che non ci sarà il Mondiale che nella scorsa estate ci riportò indietro calciatori scarichi. L'obiettivo Champions sarà l'univo vero stimolo per provare trattenere Rafa Benitez e con lui gli altri big del gruppo, oggi pienamente consapevoli che sono loro quelli che determineranno il destino del Napoli. "Provare a trattenere" perché il secondo o il terzo posto da soli non basteranno per garantirsi la continuità di un gruppo di lavoro oggettivamente competitivo al pari delle due formazioni che guidano la classifica di serie A. Servirà un progetto di sostanza, che vada dallo stadio alle strutture tecniche a disposizione di Benitez, ammesso che don Rafè davvero punti al miglioramento del Napoli in toto e non abbia già deciso di avvicinarsi alla sua famiglia, oltre alla capacità di attrarre altri campioni ed evitare la fuga di quelli che oggi indossano la maglia azzurra. L'esperienza pregressa dovrebbe insegnare a De Laurentiis che stavolta non sarà più sufficiente un bonifico mensile da nababbo all'allenatore, se poi allo stesso non lo metti nelle condizioni di salire quell'ultimo, benedetto gradino che manca per staccare la bandierina sulla vetta. Era già successo a Mazzarri, quando disse addio nel momento di massima esaltazione sportiva del Napoli più recente, grazie ad un secondo posto che rappresenta il miglior piazzamento del dopo Maradona. Con Benitez si rischia il bis, un addio motivato soprattutto dalla consapevolezza di non poter fare molto di più con ciò che ha. Dove per "molto di più" si intende unicamente lo scudetto. Se tra due mesi il coach spagnolo dovesse annunciare che la sua esperienza partenopea è stata bella ma è finita, non sarà sufficiente prendere anche il miglior tecnico in circolazione per garantirsi la certezza di percorrere quell'ultimo tratto di strada: con lui si aprirebbe l'ennesimo ciclo e resterebbe incompiuta l'ennesima opera. Napoli ha vinto e poi sofferto, ha saputo aspettare la rinascita ed alzare la testa fino al momento storico che stiamo vivendo. Quello giusto per programmare a breve il terzo scudetto.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.