HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Napoli, niente fretta! Juve, ma il made in Italy? Inter, Mancio calmati. Balotelli, forse c'è una pista...

27.07.2016 00.00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 60615 volte
© foto di Federico De Luca

"Quella eccitantissima perversione di vita: la necessità di compiere qualcosa in un tempo minore di quanto in realtà ne occorrerebbe"... Parole (e musica) di Ernest Hemingway. Parole attuali se accostate al Napoli. Il tanto temuto tsunami si è abbattuto, con forza dirompente, sul popolo partenopeo. Higuain, il nuovo messia ("m" volutamente minuscola), ha voltato le spalle ai suoi fedeli, lasciando tutti in cerca di un nuovo profeta. C'è confusione, ansia, paura ma, in questi momenti di difficoltà, la fretta è cattiva consigliera. Il Napoli ha tra le mani un patrimonio economico notevole (se dovesse partire Koulibaly, aggiungete altri 30/40 milioni cash ai 45/47 della prima trance per il Pipita). E, il mercato insegna, quando hai i soldi puoi fare ciò che vuoi... Vero, Sarri ha necessità di conoscere chi prenderà il posto del Pipita il prima possibile, così da insegnargli i trucchi del suo gioco ma c'è pur sempre un certo Gabbiadini pronto a dare una mano e, perché no, a provare a fare il Pipita... Niente fretta. DeLa si sta muovendo, insieme a Giuntoli, per trovare l'uomo giusto. Icardi farebbe contenti tutti, tranne l'Inter, decisamente non intenzionata a lasciarlo partire. Morata sarebbe una bella risposta alla Juventus. Del tipo: "Tu mi rubi Higuain e io riporto in Italia Morata per farti del male"... Benzema è sempre un pezzo da novanta, Bacca sa come si fa a fare gol e Aubameyang costa molto perché è bravissimo. Chi scegliere? Chi, soprattutto, è davvero raggiungibile? Ripetiamo: con tanti soldi, tutto si può fare, basta toccare le giuste corde. Pensate a Pogba. Per settimane tutti a negare che sarebbe andato via. Poi sono spuntati oltre 100 milioni di buoni motivi e le carte in gioco sono cambiate. Quindi, caro Napoli, pensa bene e sceglie con accortezza. Hai i mezzi per prenderti il tempo necessario...
Abbiamo parlato di Pogba. La Juventus, in realtà, potrebbe anche trattenerlo ma, come detto, ci sono troppi milioni in gioco. Arriverà un altro grande centrocampista, ancora straniero. Eh sì, la Vecchia Signora ha deciso di invertire la rotta. Ad oggi, in questo spumeggiante mercato bianconero, ha acquistato solo giocatori stranieri. Da un lato, onestamente, trovare giocatori italiani di assoluto livello è un'impresa (chiedere a Conte per conferme) ma è pur vero che Allegri sa valorizzare bene anche i giovani e, forse, qualche italiano farebbe comodo. Lo zoccolo duro resta "made in Italy" ma cosa accadrà quando i vari Buffon, Barzagli e Chiellini prima, e Bonucci e Marchisio poi, si faranno da parte? All'orizzonte c'è solo Rugani con grandi potenzialità (sempre che non vada via). Tutti gli altri, Mandragora compreso, sono da verificare. Comunque non c'erano altre possibili strade. La Juventus vuole vincere subito in Europa e, per farlo, aveva bisogno di campioni, pronti ed esperti... Sul mercato ha trovato solo campioni stranieri... Ma pur sempre di campioni parliamo e, alla fine, questo interessava ai vertici bianconeri...
Passiamo all'Inter. Che polveriera e non è neppure cominciata la stagione... Mancini, un consiglio: calma e sangue freddo. Comprensibile l'incazzatura, inaccettabile renderla pubblica così da mettere a disagio l'intero ambiente. In qualsiasi settore lavorativo, quando sopraggiunge una nuova proprietà, ci vuole tempo per capire progetti e strategie dei nuovi comandanti. Mancini pretende chiarezza e, probabilmente, un rinnovo. Forse, simili richieste, sarebbe stato opportuno avanzarle a stagione in corso e con i risultati dalla propria parte. Mancini è un signor allenatore, deve però restare calmo, per il bene dell'Inter che dice di amare tanto... Un campionissimo fa la differenza soprattutto nelle difficoltà...
Chiudo con Balotelli. Non so a voi ma, al sottoscritto, ha fatto tenerezza la foto pubblicata su Instagram dallo stesso Super Mario. Lo si vede insieme alla squadra delle riserve del Liverpool. E' sorridente, tranquillo, determinato. Un bel quadretto che, purtroppo, è lontano anni luce dalla fredda realtà. Balotelli non è più un ragazzino. Ha 26 anni e non dovrebbe divertirsi (e allenarsi) con la squadra riserve del Liverpool. Dovrebbe essere in prima squadra, fiero di essere la punta di riferimento dei Reds. Ma non è così. Il suo agente Raiola, sveglio come pochi altri, ha detto che "...non è troppo tardi". No, caro Mino, questa volta è davvero troppo tardi. Super Mario ha avuto, nel corso della sua carriera, più occasioni di chiunque altro. Non è una questione caratteriale (è cresciuto, è più maturo) ma tecnica e fisica. A soli 26 anni, Balotelli non corre più. Basta osservarlo in campo. Non ha più lo scatto e la progressione dei tempi felici e spensierati all'Inter (prima che gettasse la maglia nerazzurra a terra per intenderci). Gli è rimasto un gran tiro ma non può bastare nel calcio di oggi dove il concetto di "paracarro" non incide più come negli anni '80 e '90. Pellé è stato preso dai cinesi per 38 milioni di euro... Balotelli quanto può valere? In Cina molto ma molto di più... Li, il suo gran tiro, farebbe ancora tanto male e a correre ci penserebbero gli altri...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.