VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Napoli, perché Ibrahimovic è il perfetto post Higuain. Juve, Allegri è peggio di Conte. Occhio al Real Madrid, panchina vacante. Il Leicester non è una Cenerentola. La turbolenza è del Milan, occasione buttata dalla Roma

27.03.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 49654 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Torta pasqualina. Pappardelle con asparagi o tagliatelle con i carciofi. Di secondo agnello con le patate. Poi una colomba e un uovo. E magari la grigliata per il giorno dopo, con la gita fuori porta. Per la prima volta da quindici anni al tavolo di Pasqua non si sentirà parlare di calcio. Almeno non quello internazionale, quello del gran galà, tra Champions ed Europa League. Le nostre squadre si leccano le ferite dopo un'annata strana: Roma e Juventus non hanno demeritato, il Napoli ha avuto anche sfortuna, la Lazio è andata più avanti rispetto alle altre ma è incappata in una serata stortissima, come tutta una stagione ai limiti del grottesco. La Fiorentina, invece, non ha grossi rimpianti: il Tottenham era più forte.

Così, nelle chiacchiere davanti al Casatiello - dolce o salato che sia - si fanno le carte al futuro di Gonzalo Higuain. Nell'estate scorsa più di una fonte, riservata, parlava di un malcontento del centravanti argentino, perché il Napoli si stava ridimensionando. O meglio, non si stava rafforzando, con l'arrivo di Allan, Valdifiori e Hysaj. Solo Reina era un nome di richiamo, comunque una sorta di minestra riscaldata. Invece gli azzurri hanno dimostrato, grazie a un Sarri meraviglioso, di potere fronteggiare una Juventus comunque più forte, almeno nei singoli. Così Higuain, dall'alto dei suoi 29 gol, ora è tutt'altro che scontento. Ma c'è un altro fattore che va considerato: la necessità, e la volontà, del Pipita di giocare in una grande squadra. Insomma, dovesse arrivare il Bayern Monaco con un'offerta sarebbe difficile dire di no. Ok, magari non con la clausola in mano, ma con una ottantina di milioni ci si siederebbe al tavolo, trovando un accordo. Più o meno come Ezequiel Lavezzi. Chi per sostituirlo? Giuntoli proverà uno come Lukaku, identikit da club di altissimo livello - pur non giocandoci al momento - con la possibilità di rivenderlo. La scelta perfetta sarebbe Zlatan Ibrahimovic, invece, per due motivi: arriverebbe a parametro zero, quindi è vero che costerebbe moltissimo di stipendio ma bilancerebbe con il mancato pagamento all'altro club. E poi perché ha vinto tutti i campionati a cui ha partecipato tra Olanda, Spagna, Italia e Francia. Facendo un paio di conti, anche spendendo 40 milioni lordi (in due anni) il Napoli ne avrebbe altri 40 da spendere sul mercato. Avendo comunque un gran sostituto, ipotetico, come Manolo Gabbiadini.

Ibra ha vinto tutti gli allori degli ultimi anni, tranne uno. Quello con Massimiliano Allegri, al Milan, nel suo secondo anno. Non può essere una coincidenza, come non lo è il fatto che la Juventus sia prima. Non è solo farina del sacco dei calciatori, perché l'allenatore è fondamentale in questi casi. Allegri sta facendo benissimo, gestendo un gruppo alla perfezione, con un girone praticamente intonso dopo la sconfitta contro il Sassuolo. Anzi, di più: con l'esclusione dalla Champions, paradossale, i piemontesi sono i favoriti d'obbligo. Potrebbero concludere un double, battendo Napoli - di rincorsa - e Milan, tra campionato e Coppa Italia. E poi? C'è una variabile impazzita, nel giro degli allenatori. Mourinho allo United, Guardiola al City, Conte al Chelsea, Ancelotti al Bayern, Di Francesco al Milan (da vedere e confermare), forse Wenger via dall'Arsenal. E il Real Madrid? La panchina dei Galacticos è realmente vacante, a meno di una conferma - al momento molto difficile, usando un eufemismo - di Zinedine Zidane. Così il jolly che può sparigliare le carte è quello del Real, con Allegri che potrebbe rivestire il ruolo di candidato principe: finale di Champions con la Juventus, doppio Scudetto (e doppio double) se dovesse riconfermarsi quest'anno, oltre a un'eredità presa da Antonio Conte alla grande.

Settimana di Nazionale, settimana di sbadigli. Tranne stavolta: la prova degli azzurri, con la Spagna, è stata più che convincente. Forse, al di là dei nomi che mancano - Pellè ed Eder sono la coppia d'attacco peggiore degli ultimi trent'anni - c'è però un gioco, una mentalità che è differente. Ripartenze e contropiede, con manovra veloce e pungente. Conte ha finalmente impostato un'Italia da vedere e non solo da soffrire, in attesa dell'Europeo. Ed è per questo che, in una mera classifica, si può dire che sia meglio del suo successore alla Juventus. Con Allegri difficilmente i bianconeri avrebbero avuto questa crescita esponenziale, invece l'aumento (e la moltiplicazione) del fatturato si deve molto alle scelte lungimiranti dell'attuale commissario tecnico. Che, al Chelsea, rischia di diventare una variabile impazzita, uno dei migliori allenatori d'Europa (se non lo è già).

Uno sguardo al campionato: il Milan vive una fase di turbolenza, prego allacciare le cinture. Mihajlovic è già in aria d'addio, Berlusconi pare lo abbia licenziato con una lettera, Galliani lo aveva già fatto a novembre senza bilancio in mano. Troppa euforia quando va bene, troppo sconforto nei momenti critici, è questo il problema del Milan. Spendere novanta milioni di euro per tre giocatori è una buona base di partenza, ma bisogna avere un progetto ad ampio respiro: pensando che il migliore del centrocampo è Bonaventura, arrivato quasi per caso a Milano un anno e mezzo fa (e solo perché saltato Biabiany, ma senza piano B). Improvvisazione che è propria pure della Fiorentina. Da Salah a Neto, passando per i Mammana e i Lisandro Lopez della scorsa sessione di mercato. I Della Valle dovrebbero passarsi una mano sul cuore e una sul portafogli per rendere i viola più competitivi, ma spesso ci riescono con la sola scelta dell'allenatore. Il problema è che non basta per arrivare fra le prime tre. Firenze sognava, ora al massimo legge le parole e si fa una amarissima risata. Parlare di pallone per due terzi del campionato e poi abbandonare il treno Champions anzitempo appare davvero mefistofelico. Idem l'Inter, che ha qualche problema in più - dovuto a un Thohir che potrebbe svincolarsi dagli impegni a novembre, dopo aver capito l'entità e la portata del nostro calcio - anche per una questione fair play finanziario. L'occasione buttata, però, è tutta della Roma: un anno fa la panchina di Rudi Garcia incominciava a scricchiolare, trascinandosi stancamente al secondo posto. Cambiare in estate sarebbe stata una ventata d'aria fresca. È arrivata solo ora: con una partenza così ad handicap, della Juventus, i giallorossi erano i favoriti d'obbligo, dopo la faraonica campagna acquisti. Sabatini è giusto che saluti, ma Iturbe potrebbe essere un bel colpo per la prossima stagione. Spalletti, dopo El Shaarawy, riuscirà a rigenerare pure lui?

Chiosa dedicata ovviamente al Leicester. Ranieri sta facendo un lavoro meraviglioso. Ma definire i Foxes come una Cenerentola è un errore. Perché possono spendere più di una società di alta Serie A, grazie ai quasi 100 milioni di euro di diritti televisivi. Considerando che è un club che si è salvato per il rotto della cuffia e che dal mercato ha pescato solo un paio di colpi realmente decisivi (Kanté e Fuchs) è chiaro che tutti possano fare il tifo per loro. Senza conoscere la reale grandezza (economica) di un club più ricco della Fiorentina.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.