HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Napoli, perdere la Champions sarebbe una tragedia sportiva ed economica. Battere il Bilbao anche per superare lo stallo di mercato creatosi tra Benitez e De Laurentiis

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
17.08.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 37909 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Forse non tutti hanno ancora capito l'importanza della doppia sfida contro l'Athletic Bilbao. Superare il preliminare di Champions è un obiettivo che va oltre l'aspetto meramente tecnico e la soddisfazione sportiva da regalare ai tifosi, rappresenta un atto fondamentale per una società priva di risorse diverse dagli introiti Uefa, i diritti tv e il budget del merchandising. Il Napoli è fatto così, non ha infrastrutture di proprietà e non gode del sostegno di fondi privati, è un club di calcio "stricto sensu": confida solo nei risultati sportivi per ottenere le risorse necessarie a crescere e migliorarsi. Per ora non c'è altro modo e l'approdo ai gironi della Champions League è un passaggio-chiave per evitare una stagione che rischierebe di essere vissuta con il basso profilo e l'insoddisfazione dei big che oggi popolano squadra e società. Con tutti il rispetto per il sostantivo necessario per altri eventi della vita, ma sarebbe una "tragedia", con il rischio di rovinare o quanto meno condizionare gli sforzi fatti negli ultimi anni. I tifosi sono preoccupati ed amareggiati per l'andamento della campagna acquisti del Napoli, di basso profilo e con una rosa attualmente se non inferiore, di certo deficitaria numericamente rispetto alla scorsa stagione. Servono almeno atri due rinforzi di spessore e c'è il rischio che non arrivino se, malauguratamente, non si riuscisse a superare lo scoglio Bilbao. Per due ragioni evidenti agli occhi di tutti: i big non verrebbero a giocare in una formazione fuori dall'Europa "che conta", senza trascurare il particolare di non godere delle risorse necessarie, non tanto per acquistare, ma per garantire la necessaria copertura finanziaria relativa al pagamento del monte ingaggi che oggi è di quasi 70 milioni di euro. Questo aspetto non deve sfuggire alla gente di Napoli che, però, ha ragione quando dice che bisognava acquistare a tempo debito i rinforzi di cui necessitava la squadra. Su questo aspetto, però, bisogna aprire un altro capitolo ed è quello relativo allo stallo nel quale è finito di recente il mercato del Napoli. Da un lato c'è Benitez che, a giusta ragione, reclama l'arrivo di rinforzi che realmente servano al Napoli per fare il salto di qualità. Le notizie raccontano che Bigon e lo scouting hanno provato a prendere Mascherano, Gonalons ed altri come lui, per poi fare marcia indietro di fronte a richieste impossibili, il diniego del calciatore o del club di appartenenza. L'allenatore di una squadra deve essere sempre accontentato, come è giusto che sia, però non si possono rincorrere le chimere all'infinito, ad un certo punto bisogna prendere coscienza delle difficoltà ed andare su profili maggiormente abbordabili. Uno di questi è (era) Cristoph Kramer. Bisogna comportarsi come con Koulibaly, prenderlo a fine campionato, prima che il calciatore andasse al Mondiale, poi vinto. Oggi il Napoli avrebbe in squadra un calciatore importante per il centrocampo, giovane e pure iridato. Questo è lo stallo di cui sopra, la contrapposizione tra l'estrema volontà espressa da Benitez di prendere "solo" i calciatori di sua stretta fiducia e l'impossibilità di De Laurentiis di prenderli per questioni di bilancio o sol perché i profili contattati non hanno ancora la certezza di partecipare alla prossima Champions. Ecco perchè bisognerà attendere l'esito della doppia sfida contro il Bilbao, così da definire l'entità degli investimenti e permettersi di bussare alla porta dei rinforzi recalamati da Rafa Benitez. Qualcuno, non tutti. E, aggiungo, a giusta ragione. Se io fossi il presidente di qualsiasi di club, non investirei mai cifre che imporrebbero alla mia società pesi economici pluriennali per un calciatore richiestomi da un allenatore di cui non ho la certezza che rimanga con me anche in futuro. Sì, il problema dello stallo di mercato deriva anche da questa indecisione, perché Benitez non ha voluto ancora prolungare il suo impegno professionale con il Napoli. Nessuno glielo impone, ci mancherebbe, è successo anche a Mazzarri che, per questa firma mancata, fu definito traditore. Però, anche la società ha le sue comprensibili motivazioni nel volere solo calciatori in prestito per un anno. E in questa situazione di pesi e contrappesi, chi rischia di più è proprio il Napoli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.