HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Napoli, perdere la Champions sarebbe una tragedia sportiva ed economica. Battere il Bilbao anche per superare lo stallo di mercato creatosi tra Benitez e De Laurentiis

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
17.08.2014 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 37885 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Forse non tutti hanno ancora capito l'importanza della doppia sfida contro l'Athletic Bilbao. Superare il preliminare di Champions è un obiettivo che va oltre l'aspetto meramente tecnico e la soddisfazione sportiva da regalare ai tifosi, rappresenta un atto fondamentale per una società priva di risorse diverse dagli introiti Uefa, i diritti tv e il budget del merchandising. Il Napoli è fatto così, non ha infrastrutture di proprietà e non gode del sostegno di fondi privati, è un club di calcio "stricto sensu": confida solo nei risultati sportivi per ottenere le risorse necessarie a crescere e migliorarsi. Per ora non c'è altro modo e l'approdo ai gironi della Champions League è un passaggio-chiave per evitare una stagione che rischierebe di essere vissuta con il basso profilo e l'insoddisfazione dei big che oggi popolano squadra e società. Con tutti il rispetto per il sostantivo necessario per altri eventi della vita, ma sarebbe una "tragedia", con il rischio di rovinare o quanto meno condizionare gli sforzi fatti negli ultimi anni. I tifosi sono preoccupati ed amareggiati per l'andamento della campagna acquisti del Napoli, di basso profilo e con una rosa attualmente se non inferiore, di certo deficitaria numericamente rispetto alla scorsa stagione. Servono almeno atri due rinforzi di spessore e c'è il rischio che non arrivino se, malauguratamente, non si riuscisse a superare lo scoglio Bilbao. Per due ragioni evidenti agli occhi di tutti: i big non verrebbero a giocare in una formazione fuori dall'Europa "che conta", senza trascurare il particolare di non godere delle risorse necessarie, non tanto per acquistare, ma per garantire la necessaria copertura finanziaria relativa al pagamento del monte ingaggi che oggi è di quasi 70 milioni di euro. Questo aspetto non deve sfuggire alla gente di Napoli che, però, ha ragione quando dice che bisognava acquistare a tempo debito i rinforzi di cui necessitava la squadra. Su questo aspetto, però, bisogna aprire un altro capitolo ed è quello relativo allo stallo nel quale è finito di recente il mercato del Napoli. Da un lato c'è Benitez che, a giusta ragione, reclama l'arrivo di rinforzi che realmente servano al Napoli per fare il salto di qualità. Le notizie raccontano che Bigon e lo scouting hanno provato a prendere Mascherano, Gonalons ed altri come lui, per poi fare marcia indietro di fronte a richieste impossibili, il diniego del calciatore o del club di appartenenza. L'allenatore di una squadra deve essere sempre accontentato, come è giusto che sia, però non si possono rincorrere le chimere all'infinito, ad un certo punto bisogna prendere coscienza delle difficoltà ed andare su profili maggiormente abbordabili. Uno di questi è (era) Cristoph Kramer. Bisogna comportarsi come con Koulibaly, prenderlo a fine campionato, prima che il calciatore andasse al Mondiale, poi vinto. Oggi il Napoli avrebbe in squadra un calciatore importante per il centrocampo, giovane e pure iridato. Questo è lo stallo di cui sopra, la contrapposizione tra l'estrema volontà espressa da Benitez di prendere "solo" i calciatori di sua stretta fiducia e l'impossibilità di De Laurentiis di prenderli per questioni di bilancio o sol perché i profili contattati non hanno ancora la certezza di partecipare alla prossima Champions. Ecco perchè bisognerà attendere l'esito della doppia sfida contro il Bilbao, così da definire l'entità degli investimenti e permettersi di bussare alla porta dei rinforzi recalamati da Rafa Benitez. Qualcuno, non tutti. E, aggiungo, a giusta ragione. Se io fossi il presidente di qualsiasi di club, non investirei mai cifre che imporrebbero alla mia società pesi economici pluriennali per un calciatore richiestomi da un allenatore di cui non ho la certezza che rimanga con me anche in futuro. Sì, il problema dello stallo di mercato deriva anche da questa indecisione, perché Benitez non ha voluto ancora prolungare il suo impegno professionale con il Napoli. Nessuno glielo impone, ci mancherebbe, è successo anche a Mazzarri che, per questa firma mancata, fu definito traditore. Però, anche la società ha le sue comprensibili motivazioni nel volere solo calciatori in prestito per un anno. E in questa situazione di pesi e contrappesi, chi rischia di più è proprio il Napoli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.