HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Napoli, tra De Laurentiis e Benitez difetto di comunicazione sul mercato. L'inspiegabile acquisto di Michu e la necessità di spendere a gennaio. Lavezzi, segnale di rinnovo per Benitez...o no?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
30.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 20883 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il campionato procede a strappi e l'Europa regala una qualificazione senza troppe emozioni. La storia racconta di una stagione che ristagna nella melma della mediocrità nella quale il Napoli emerge suo malgrado, per la competitività di un gruppo che meriterebbe qualcosa in più del terzo posto in serie A e di un girone di Europa League finito tra gelo e sbadigli. Già rassegnati ad una stagione da primi tra quelli che non possono permettersi lo scudetto? E' una sensazione fastidiosa ancorchè presente, con le grandi vittorie alternate a pareggi e sconfitte la cui ratio sfugge a tutti. Finanche a Benitez, apparso infuriato a Praga così come mai lo si era visto nelle sue altre esperienze da coach. Il Napoli sembrerebbe un caso da studiare all'Università, la cui soluzione non è stata trovata nemmeno dal maestro castigliano che da un anno e mezzo a questa parte ripete: "bisogna migliorare intensità e concentrazione". Ma quanto tempo occorre? Se dopo 500 giorni di lavoro intenso e maniacale, don Rafè non ha risolto ancora il problema, allora il caso è talmente grave che necessita di un'operazione di trapianto, lì dove gli errori si perpetuano. Per dirla in termini di calcio, bisogna comprare rinforzi. Ma non una cosuccia così, bensì quei nomi costosi e blasonati che il club non si è potuto (o voluto?) permettere dopo l'esclusione della Champions. Chissà, forse ci sarà stato un difetto di comunicazione tra Benitez e De Laurentiis: il primo immaginava che dalla casse del Napoli potessero uscire ogni anno un centinaio di milioni di euro per il mercato, il secondo pensava che Benitez sapesse ridurre il gap con Juve e Roma anche un mercatuccio poco dispendioso come quello di questa estate. E' difficile sapere chi ha ha spiegato o capito male, ma lo sapremo presto. Ben prima della fine del campionato, quando arriverà il punto di non ritorno sulla firma che il presidente chiederà a don Rafè di apporre al contratto per altri due anni. Oggi come oggi, le probabilità di permanenza nel Napoli si affievoliscono sempre di più e di recente si sono arenate sull'infortunio di Michu. Un acquisto inspiegabile, soprattutto per De Laurentiis, e non di certo a causa delle qualità di un attaccante che fino a due stagioni fa aveva segnato a ripetizione. Inspiegabile perché era risaputo che l'ex Swansea era reduce da una stagione funestata da due infortuni e bisognoso di un lavoro accurato, lungo, per tornare in una condizione dignitosa. Perché lui e non un altro attaccante, da scegliere tra quelli che non avevano partecipato al Mondiale e pronto a fare la differenza nel doppio, decisivo match contro l'Athletic Bilbao? E' un mistero, anche costoso, sul quale si sono levate diverse riflessioni tra le parti che ora avranno il dovere di accantonare i personalismi e impegnarsi affinchè nella rosa del Napoli arrivi a gennaio ciò che non è stato possibile prendere ad agosto. Se non si fosse capito, ora serve uno sforzo. Un esborso economico sostanzioso, perché si può, alla luce del risparmio estivo; perché si deve ad una tifoseria spiazzata dai risultati stagionali. Nessuno sa se si può essere felici oppure se sta andando tutto male, in quel gioco del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto che da sempre è sinonimo di qualcosa che di certo non va benissimo. Bisogna investire, ma neanche tanto per l'istinto di provare ad inseguire Juventus e Roma in testa alla classifica. Bisogna farlo per la necessità di potenziare sempre di più l'organico di una squadra salita al 24esimo posto nel ranking Uefa, quarta squadra italiana dopo Milan, Juventus e Inter, che deve blindare il terzo posto per poi giocarsi i prossimi preliminari di Champions con una consapevolezza e un organico tali da essere certi che non si fallirebbe per la seconda volta di fila. Il mercato di gennaio come cartina di tornasole per il futuro del Napoli, come sistema per convincere Benitez a firmare il rinnovo del contratto. Dai nomi che arriveranno sapremo cosa ne sarà del coach. E se De Laurentiis riportasse Lavezzi a Napoli, un attaccante devastante, ma anarchico nelle indicazioni sul rispetto rigoroso di un modulo, sarebbe il segnale del prolungamento di don Rafè oppure no?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.