HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Napoli, tra De Laurentiis e Benitez difetto di comunicazione sul mercato. L'inspiegabile acquisto di Michu e la necessità di spendere a gennaio. Lavezzi, segnale di rinnovo per Benitez...o no?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
30.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 20858 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il campionato procede a strappi e l'Europa regala una qualificazione senza troppe emozioni. La storia racconta di una stagione che ristagna nella melma della mediocrità nella quale il Napoli emerge suo malgrado, per la competitività di un gruppo che meriterebbe qualcosa in più del terzo posto in serie A e di un girone di Europa League finito tra gelo e sbadigli. Già rassegnati ad una stagione da primi tra quelli che non possono permettersi lo scudetto? E' una sensazione fastidiosa ancorchè presente, con le grandi vittorie alternate a pareggi e sconfitte la cui ratio sfugge a tutti. Finanche a Benitez, apparso infuriato a Praga così come mai lo si era visto nelle sue altre esperienze da coach. Il Napoli sembrerebbe un caso da studiare all'Università, la cui soluzione non è stata trovata nemmeno dal maestro castigliano che da un anno e mezzo a questa parte ripete: "bisogna migliorare intensità e concentrazione". Ma quanto tempo occorre? Se dopo 500 giorni di lavoro intenso e maniacale, don Rafè non ha risolto ancora il problema, allora il caso è talmente grave che necessita di un'operazione di trapianto, lì dove gli errori si perpetuano. Per dirla in termini di calcio, bisogna comprare rinforzi. Ma non una cosuccia così, bensì quei nomi costosi e blasonati che il club non si è potuto (o voluto?) permettere dopo l'esclusione della Champions. Chissà, forse ci sarà stato un difetto di comunicazione tra Benitez e De Laurentiis: il primo immaginava che dalla casse del Napoli potessero uscire ogni anno un centinaio di milioni di euro per il mercato, il secondo pensava che Benitez sapesse ridurre il gap con Juve e Roma anche un mercatuccio poco dispendioso come quello di questa estate. E' difficile sapere chi ha ha spiegato o capito male, ma lo sapremo presto. Ben prima della fine del campionato, quando arriverà il punto di non ritorno sulla firma che il presidente chiederà a don Rafè di apporre al contratto per altri due anni. Oggi come oggi, le probabilità di permanenza nel Napoli si affievoliscono sempre di più e di recente si sono arenate sull'infortunio di Michu. Un acquisto inspiegabile, soprattutto per De Laurentiis, e non di certo a causa delle qualità di un attaccante che fino a due stagioni fa aveva segnato a ripetizione. Inspiegabile perché era risaputo che l'ex Swansea era reduce da una stagione funestata da due infortuni e bisognoso di un lavoro accurato, lungo, per tornare in una condizione dignitosa. Perché lui e non un altro attaccante, da scegliere tra quelli che non avevano partecipato al Mondiale e pronto a fare la differenza nel doppio, decisivo match contro l'Athletic Bilbao? E' un mistero, anche costoso, sul quale si sono levate diverse riflessioni tra le parti che ora avranno il dovere di accantonare i personalismi e impegnarsi affinchè nella rosa del Napoli arrivi a gennaio ciò che non è stato possibile prendere ad agosto. Se non si fosse capito, ora serve uno sforzo. Un esborso economico sostanzioso, perché si può, alla luce del risparmio estivo; perché si deve ad una tifoseria spiazzata dai risultati stagionali. Nessuno sa se si può essere felici oppure se sta andando tutto male, in quel gioco del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto che da sempre è sinonimo di qualcosa che di certo non va benissimo. Bisogna investire, ma neanche tanto per l'istinto di provare ad inseguire Juventus e Roma in testa alla classifica. Bisogna farlo per la necessità di potenziare sempre di più l'organico di una squadra salita al 24esimo posto nel ranking Uefa, quarta squadra italiana dopo Milan, Juventus e Inter, che deve blindare il terzo posto per poi giocarsi i prossimi preliminari di Champions con una consapevolezza e un organico tali da essere certi che non si fallirebbe per la seconda volta di fila. Il mercato di gennaio come cartina di tornasole per il futuro del Napoli, come sistema per convincere Benitez a firmare il rinnovo del contratto. Dai nomi che arriveranno sapremo cosa ne sarà del coach. E se De Laurentiis riportasse Lavezzi a Napoli, un attaccante devastante, ma anarchico nelle indicazioni sul rispetto rigoroso di un modulo, sarebbe il segnale del prolungamento di don Rafè oppure no?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.