HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Napoli, tra De Laurentiis e Benitez difetto di comunicazione sul mercato. L'inspiegabile acquisto di Michu e la necessità di spendere a gennaio. Lavezzi, segnale di rinnovo per Benitez...o no?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
30.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 20881 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il campionato procede a strappi e l'Europa regala una qualificazione senza troppe emozioni. La storia racconta di una stagione che ristagna nella melma della mediocrità nella quale il Napoli emerge suo malgrado, per la competitività di un gruppo che meriterebbe qualcosa in più del terzo posto in serie A e di un girone di Europa League finito tra gelo e sbadigli. Già rassegnati ad una stagione da primi tra quelli che non possono permettersi lo scudetto? E' una sensazione fastidiosa ancorchè presente, con le grandi vittorie alternate a pareggi e sconfitte la cui ratio sfugge a tutti. Finanche a Benitez, apparso infuriato a Praga così come mai lo si era visto nelle sue altre esperienze da coach. Il Napoli sembrerebbe un caso da studiare all'Università, la cui soluzione non è stata trovata nemmeno dal maestro castigliano che da un anno e mezzo a questa parte ripete: "bisogna migliorare intensità e concentrazione". Ma quanto tempo occorre? Se dopo 500 giorni di lavoro intenso e maniacale, don Rafè non ha risolto ancora il problema, allora il caso è talmente grave che necessita di un'operazione di trapianto, lì dove gli errori si perpetuano. Per dirla in termini di calcio, bisogna comprare rinforzi. Ma non una cosuccia così, bensì quei nomi costosi e blasonati che il club non si è potuto (o voluto?) permettere dopo l'esclusione della Champions. Chissà, forse ci sarà stato un difetto di comunicazione tra Benitez e De Laurentiis: il primo immaginava che dalla casse del Napoli potessero uscire ogni anno un centinaio di milioni di euro per il mercato, il secondo pensava che Benitez sapesse ridurre il gap con Juve e Roma anche un mercatuccio poco dispendioso come quello di questa estate. E' difficile sapere chi ha ha spiegato o capito male, ma lo sapremo presto. Ben prima della fine del campionato, quando arriverà il punto di non ritorno sulla firma che il presidente chiederà a don Rafè di apporre al contratto per altri due anni. Oggi come oggi, le probabilità di permanenza nel Napoli si affievoliscono sempre di più e di recente si sono arenate sull'infortunio di Michu. Un acquisto inspiegabile, soprattutto per De Laurentiis, e non di certo a causa delle qualità di un attaccante che fino a due stagioni fa aveva segnato a ripetizione. Inspiegabile perché era risaputo che l'ex Swansea era reduce da una stagione funestata da due infortuni e bisognoso di un lavoro accurato, lungo, per tornare in una condizione dignitosa. Perché lui e non un altro attaccante, da scegliere tra quelli che non avevano partecipato al Mondiale e pronto a fare la differenza nel doppio, decisivo match contro l'Athletic Bilbao? E' un mistero, anche costoso, sul quale si sono levate diverse riflessioni tra le parti che ora avranno il dovere di accantonare i personalismi e impegnarsi affinchè nella rosa del Napoli arrivi a gennaio ciò che non è stato possibile prendere ad agosto. Se non si fosse capito, ora serve uno sforzo. Un esborso economico sostanzioso, perché si può, alla luce del risparmio estivo; perché si deve ad una tifoseria spiazzata dai risultati stagionali. Nessuno sa se si può essere felici oppure se sta andando tutto male, in quel gioco del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto che da sempre è sinonimo di qualcosa che di certo non va benissimo. Bisogna investire, ma neanche tanto per l'istinto di provare ad inseguire Juventus e Roma in testa alla classifica. Bisogna farlo per la necessità di potenziare sempre di più l'organico di una squadra salita al 24esimo posto nel ranking Uefa, quarta squadra italiana dopo Milan, Juventus e Inter, che deve blindare il terzo posto per poi giocarsi i prossimi preliminari di Champions con una consapevolezza e un organico tali da essere certi che non si fallirebbe per la seconda volta di fila. Il mercato di gennaio come cartina di tornasole per il futuro del Napoli, come sistema per convincere Benitez a firmare il rinnovo del contratto. Dai nomi che arriveranno sapremo cosa ne sarà del coach. E se De Laurentiis riportasse Lavezzi a Napoli, un attaccante devastante, ma anarchico nelle indicazioni sul rispetto rigoroso di un modulo, sarebbe il segnale del prolungamento di don Rafè oppure no?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.