HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Nazionale: Oriali tifa Mancini. Juventus: Rugani giù, Romagnoli su. Milan: Menez risposta a ElSha. Milan: Con la Juve come nel '73

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.03.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 32064 volte

Ci ha molto colpiti una immagine di Inter-Juventus mercoledì a San Siro, al termine dei tempi supplementari in Coppa Italia. Era da qualche minuto che si preparavano febbrilmente i rigori e Roberto Mancini non era in piedi in mezzo al gruppo, ma seduto sulla seconda fila della propria panchina. E Juan Jesus, che andava a chiedergli notizie sulla serie dei rigoristi, sembrava più elettrico e teso del proprio allenatore. Le immagini nude e crude possono voler dire tutto e niente, sono immagini televisive, vanno e vengono, non sono scolpite definitivamente. Ma che Mancini debba continuare nel suo lavoro di recupero della serenità ci sembra possa essere confermato da quell'aspetto della Semifinale. La sua squadra ha fatto una partita di nervi, molto caratteriale. Una di quelle partite che è difficile ripetere per troppe volte nel corso di una stagione. In ogni caso, bene. Mancini però deve progredire a sua volta. A meno che Gabriele Oriali, l'uomo che faceva jogging con lui a Monte Carlo mentre JosèMourinho veniva presentato a Miano, non faccia qualche tentativo per riportare il suo Mancio al proprio fianco questa volta in azzurro. Per Mancini, più che per Donadoni che in Nazionale ha già fatto bene, potrebbe essere la grande rivincita rispetto ai suoi trascorsi azzurri di campo.

Una delle tanta ramanzine che venivano fatte al Milan in estate riguardava Alessio Romagnoli: gli stessi che oggi spaventano i tifosi rossoneri con gli osservatori di Bayern e Barcellona, in estate dicevano da una parte che il lanciatore di coriandoli era un riserva della Roma e dall'altra che la Juventus, senza spendere così tanto, aveva preso Rugani che è anche più forte di Romagnoli. Detto che entrambi sono ragazzi molto bravi e che saranno il futuro della Nazionale, il campo ha smentito e sta smentendo anche questo. Alessio Romagnoli ha incamerato e metabolizzato la responsabilità di fare il titolare in una grande piazza, Daniele Rugani invece ha sostanzialmente perso un anno come si è visto nella gara, molto difficile e non positiva, che lo ha visto protagonista mercoledì sera a San Siro in coppa Italia contro l'Inter.

In settimana abbiamo chiesto ai tifosi del Milan, atterriti e re-inaciditi dalla crescita di StephanElShaarawy a Roma, se di qui alle prossime gare Jeremy Menez possa essere la risposta rossonera ai guizzi del Faraone. La risposta, sul profilo twitter @MCdiretta, è stata affermativa per l'80 per cento dei partecipanti alla "consultazione". Inerzia positiva e buoni auspici allora per Jeremy che a Milan Channel ha poi detto: "Con l'Alessandria all'inizio pensavo di stare peggio di come sono andato, potrò essere al massimo però fra 5/6 partite". Non sappiamo se il Milan avrà tutto questo tempo, ma il duello, in stile slidingdoors?, fra Stephan e Jeremy non solo intriga, ma potrebbe anche avere grosse ripercussioni sui piazzamenti finali. Slidingdoors, perché, probabilmente, nostro azzardo e nostro pensiero, se l'operazione di Monte Carlo di inizio Giugno alla schiena di Menez fosse andata bene, oggi forse ElSha potrebbe essere ancora a Milanello e la fiche del mercato in uscita rossonero avrebbe potuto essere lo stesso Jeremy. Ma la situazione attuale è questa: il talentissimo francese al Milan e il giovane Faraone in ripresa alla Roma in prestito con diritto di riscatto. Ci sono ancora tante pagine da scrivere.

La Finale di Coppa Italia fra Milan e Juventus è la prima occasione che ha il Milan di prendersi la rivincita in uno scontro diretto con la squadra bianconera con in palio direttamente la conquista di un trofeo, dopo la notte del gol di Muntari. E sempre una Finale di Coppa Italia fra Milan e Juventus era stata la prima grande rivincita per i rossoneri, dopo la fatal Verona. Era il 20 Maggio 1973, Verona-Milan 5-3. Lacrime e bandiere ripiegate sulla strada del ritorno da Verona a Milano. Ma il 1' Luglio 1973, 42 giorni dopo, ai rigori, il Milan, indossando la maglia rossonera (questa è la tradizione del Milan nella coppa Nazionale) conquistava la Finale di Coppa Italia nella Finale unica di Roma proprio contro la Juventus. Da quel 1' Luglio 1973 post fatal Verona, il Milan non ha mai più vinto una Finale secca a Roma di Coppa Italia. Ed è questo il vero significato, al di là dell'insospettabile spleen nerazzurro di una certa cerchia, della sfida del prossimo 21 Maggio per il Milan. I rossoneri giocheranno contro Massimiliano Allegri che quando parla del Milan dice di tifare per questa squadra a Napoli e la include negli scontri diretti che attendono la Juventus sulla strada dello Scudetto. Un atteggiamento ben diverso e più rispettoso di chi, anche se davanti di un solo punto, non ammette che anche il Milan possa avere qualche speranza di lottare per il terzo posto o per piazze europee più affascinanti rispetto al sesto posto.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.