HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Nazionale: Oriali tifa Mancini. Juventus: Rugani giù, Romagnoli su. Milan: Menez risposta a ElSha. Milan: Con la Juve come nel '73

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.03.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 32108 volte

Ci ha molto colpiti una immagine di Inter-Juventus mercoledì a San Siro, al termine dei tempi supplementari in Coppa Italia. Era da qualche minuto che si preparavano febbrilmente i rigori e Roberto Mancini non era in piedi in mezzo al gruppo, ma seduto sulla seconda fila della propria panchina. E Juan Jesus, che andava a chiedergli notizie sulla serie dei rigoristi, sembrava più elettrico e teso del proprio allenatore. Le immagini nude e crude possono voler dire tutto e niente, sono immagini televisive, vanno e vengono, non sono scolpite definitivamente. Ma che Mancini debba continuare nel suo lavoro di recupero della serenità ci sembra possa essere confermato da quell'aspetto della Semifinale. La sua squadra ha fatto una partita di nervi, molto caratteriale. Una di quelle partite che è difficile ripetere per troppe volte nel corso di una stagione. In ogni caso, bene. Mancini però deve progredire a sua volta. A meno che Gabriele Oriali, l'uomo che faceva jogging con lui a Monte Carlo mentre JosèMourinho veniva presentato a Miano, non faccia qualche tentativo per riportare il suo Mancio al proprio fianco questa volta in azzurro. Per Mancini, più che per Donadoni che in Nazionale ha già fatto bene, potrebbe essere la grande rivincita rispetto ai suoi trascorsi azzurri di campo.

Una delle tanta ramanzine che venivano fatte al Milan in estate riguardava Alessio Romagnoli: gli stessi che oggi spaventano i tifosi rossoneri con gli osservatori di Bayern e Barcellona, in estate dicevano da una parte che il lanciatore di coriandoli era un riserva della Roma e dall'altra che la Juventus, senza spendere così tanto, aveva preso Rugani che è anche più forte di Romagnoli. Detto che entrambi sono ragazzi molto bravi e che saranno il futuro della Nazionale, il campo ha smentito e sta smentendo anche questo. Alessio Romagnoli ha incamerato e metabolizzato la responsabilità di fare il titolare in una grande piazza, Daniele Rugani invece ha sostanzialmente perso un anno come si è visto nella gara, molto difficile e non positiva, che lo ha visto protagonista mercoledì sera a San Siro in coppa Italia contro l'Inter.

In settimana abbiamo chiesto ai tifosi del Milan, atterriti e re-inaciditi dalla crescita di StephanElShaarawy a Roma, se di qui alle prossime gare Jeremy Menez possa essere la risposta rossonera ai guizzi del Faraone. La risposta, sul profilo twitter @MCdiretta, è stata affermativa per l'80 per cento dei partecipanti alla "consultazione". Inerzia positiva e buoni auspici allora per Jeremy che a Milan Channel ha poi detto: "Con l'Alessandria all'inizio pensavo di stare peggio di come sono andato, potrò essere al massimo però fra 5/6 partite". Non sappiamo se il Milan avrà tutto questo tempo, ma il duello, in stile slidingdoors?, fra Stephan e Jeremy non solo intriga, ma potrebbe anche avere grosse ripercussioni sui piazzamenti finali. Slidingdoors, perché, probabilmente, nostro azzardo e nostro pensiero, se l'operazione di Monte Carlo di inizio Giugno alla schiena di Menez fosse andata bene, oggi forse ElSha potrebbe essere ancora a Milanello e la fiche del mercato in uscita rossonero avrebbe potuto essere lo stesso Jeremy. Ma la situazione attuale è questa: il talentissimo francese al Milan e il giovane Faraone in ripresa alla Roma in prestito con diritto di riscatto. Ci sono ancora tante pagine da scrivere.

La Finale di Coppa Italia fra Milan e Juventus è la prima occasione che ha il Milan di prendersi la rivincita in uno scontro diretto con la squadra bianconera con in palio direttamente la conquista di un trofeo, dopo la notte del gol di Muntari. E sempre una Finale di Coppa Italia fra Milan e Juventus era stata la prima grande rivincita per i rossoneri, dopo la fatal Verona. Era il 20 Maggio 1973, Verona-Milan 5-3. Lacrime e bandiere ripiegate sulla strada del ritorno da Verona a Milano. Ma il 1' Luglio 1973, 42 giorni dopo, ai rigori, il Milan, indossando la maglia rossonera (questa è la tradizione del Milan nella coppa Nazionale) conquistava la Finale di Coppa Italia nella Finale unica di Roma proprio contro la Juventus. Da quel 1' Luglio 1973 post fatal Verona, il Milan non ha mai più vinto una Finale secca a Roma di Coppa Italia. Ed è questo il vero significato, al di là dell'insospettabile spleen nerazzurro di una certa cerchia, della sfida del prossimo 21 Maggio per il Milan. I rossoneri giocheranno contro Massimiliano Allegri che quando parla del Milan dice di tifare per questa squadra a Napoli e la include negli scontri diretti che attendono la Juventus sulla strada dello Scudetto. Un atteggiamento ben diverso e più rispettoso di chi, anche se davanti di un solo punto, non ammette che anche il Milan possa avere qualche speranza di lottare per il terzo posto o per piazze europee più affascinanti rispetto al sesto posto.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.