HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Nomine A.C. Milan, segnale chiaro: comanda Barbara. Braschi? Un problema in meno. Gasp, l'oro di Genova. Serie B allo sbando ma Abodi resta a guardare

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
03.03.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26352 volte
Nomine A.C. Milan, segnale chiaro: comanda Barbara. Braschi? Un problema in meno. Gasp, l'oro di Genova. Serie B allo sbando ma Abodi resta a guardare

La Direzione Generale del Milan ha diviso le cariche ed è il segnale tangibile che, da ora in poi, comanda solo una persona. La Direzione Generale divisa tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi? Macché. A vedere le cariche emerge un solo dato. Ci sono tutti gli uomini della Berlusconi e di Galliani non vi è traccia. Inizialmente ci avevano fatto capire che si sarebbero divisi il territorio, dopo l'addio di Braida (a proposito ma quando svuoterà il sacco?) gli uomini legati all'Imperatore Adriano stanno diminuendo poco alla volta. Il cambio è generazionale e doveva essere drastico prima di Natale, poi di comune accordo si è deciso che sarebbe stato più opportuno arrivare a fine stagione. Elisabetta Ubertini, Direttore Generale Operations e progetti speciali. Jaap Kalma, Direttore Commerciale e Mauro Tavola Responsabile Sponsorizzazione e Vendite. Barbara non ha lasciato nulla al caso. Sta rifondando il Milan da testa a piedi. Milani ai servizi generali. Sarebbe interessante capire, di questi personaggi, quanti sono stati avallati da Galliani, visto che la Direzione Generale doveva essere divisa in due parti. Galliani ha comandato tutto per 26 anni; Barbara all'epoca giocava con le barbie. Oggi qualcuno dovrebbe essere in grado di spiegare all'Amministratore Delegato che Barbara è cresciuta e vuole avere voce in capitolo. La Berlusconi solo un errore non deve commettere: scendere in politica. Sarebbe la sua fine e quella del "nuovo" Milan.
Il calcio cambia in tutte le sedi. Anche la classe arbitrale ha capito che con Braschi non si può andare avanti. Con lui manca il dialogo, manca la verità perché crede e dice che va sempre tutto bene e non ha mai trovato una soluzione al male di questo sistema. I suoi arbitri stanno crescendo in fretta e male. Molti somigliano al Braschi arbitro, presuntuoso ed arrogante. Prendete il caso Gervasoni in Parma-Fiorentina. Il suo referto è da manicomio. Ha fatto beccare 4 giornate a Borja Valero sul nulla. Perché? Ha osato toccare il direttore di gara... Gervasoni l'ha fatta fuori dal vaso e Braschi piuttosto che mandarlo in un agriturismo a respirare aria buona lo ha premiato. Arrogante! Se poi gli arbitri si rivolgono male ad un calciatore e lo allontanano spingendolo va tutto bene; a parti invertite è sacrilegio. L'arbitro in Italia è come il poliziotto o carabiniere. Quando ha la divisa si sente onnipotente, nella vita privata sarebbe uno come tanti comuni mortali. Fermiamoli. Non vi è mai capitato che, senza aver commesso nulla, vi ferma la polizia e inizia a farvi il terzo grado con aria saccente e con poco rispetto? Bene, Borja Valero guidava la macchina, aveva patente e libretto al proprio posto ma l'Ispettore Gervasoni ha deciso di multarlo. Notate l'arbitro come guarda il calciatore della Fiorentina dopo averlo sfiorato. Gervasoni si faccia una vita serena e non aspetti la domenica per sfogarsi. Braschi pagherà perché non è stato in grado di dare credibilità al sistema. Gli addizionali hanno fallito tutti e a catena hanno creato un danno anche a tutte le categorie inferiori. Una parentesi calcistica prima di parlare di serie B. Il Genoa con Gasperini pensa all'Europa. L'Inter di Moratti e Branca è stata in grado di far passare per brocco anche un grande allenatore come Gasperini. Per non parlare di Zamparini, altro scienziato della materia calcio. Preziosi gli ha affidato le chiavi del Genoa e grazie a Gasp si è salvato con massima tranquillità. Gasperini è un maestro di calcio. Ti insegna a giocare, anche se con i piedi potresti solo camminare per il corso centrale della tua città. A Genova sta facendo i miracoli e se Gilardino, Antonelli e Antonini oggi sognano il Mondiale il merito è anche suo. Poi se pensi che al Milan c'e Seedorf e lo scorso anno all'Inter Stramaccioni capisci che Gasperini è sprecato.
Chiusura dedicata alla Serie B. Il Consiglio di Lega della scorsa settimana é servito sol ad alimentare i dubbi su un campionato che, per il Bari, non doveva neanche cominciare. Ci dispiace per i tifosi pugliesi ma il problema sono i Matarrese, non certo loro. Il Presidente di Lega ha il dovere di controllare, ad inizio anno, che una società abbia i conti a posto per arrivare a fine anno e non a fine dicembre. Anche io posso prenotare le vacanze alle Maldive ma dovrei essere, almeno, in grado di tornare in Italia. Premesso che il Bari è da anni in questa triste situazione la domanda che ci facciamo è come ha fatto Abodi ad ammettere il Bari a questo campionato. Oggi non blocca i play out e mette le mani avanti: male che vada faremo la B a 21. Praticamente sta prendendo la stessa strada della serie C degli ultimi anni. O, forse, conoscendo i problemi di Bari e Siena vuole arrivare ad una B a 20 già il prossimo campionato. Sarebbe scorretto cambiare le carte a gioco già iniziato. Ci viene quasi da apprezzare il lavoro di Macalli in serie C. La verità è che sulla B c'è poca attenzione e Abodi prova a scrivere e cambiare le regole a suo piacimento. Non va bene, Andrea! A proposito ma Carpi-Padova si giocherà il 15 Agosto come nuovo Trofeo Abodi?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.