HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Non fate il Brasile, comprate difensori...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
13.07.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 34076 volte
© foto di Federico De Luca

Finalina dolorosa. Ma con poche lacrime, giusto i bambini che hanno visto strappare le loro figurine oroverde. Gli adulti - e le bellissime donne - le lacrime le hanno spese tutte davanti alla Germania. Poi hanno pensato "domani è un altro giorno" e si sono portati in massa, speranzosi e solidali, allo stadio di Brasilia. Ma il giorno non è cambiato, nero su nero, l'Olanda come la Germania, impietosa, e Robben a fare il matador. Maramaldo. Doveva provarci con l'Argentina, invece un guizzo e addio finale. Gli olandesi sono come Van Gaal, ridenti facce di bronzo. L'unico che mostra non dico sofferenza ma tensione è Kuijt. Corre, tocca, passa, tira e quando tira la palla va alle stelle. Dice un commentatore "si vede che non ha piede da gol". Ne ha segnati più di duecento, fra Utrecht, Feyenoord, Liverpool, Fenerbahce e nazionale; poi capita Van Gaal e la mitica Olanda erede (ormai solo nei libri) del Calcio Totale esibisce un'ipotesi di catenaccio e contropiede ed ecco Dirk che a trentaquattr'anni bada più a difendere e costruire che ad attaccare. E' l'ultima moda mondiale, difendere, paradossalmente in quel Brasile che prometteva calciosamba e affini e ha esibito, in chiave offensiva, soltanto la Colombia, giuste le lacrime di James Rodriguez. Mi hanno chiesto "i migliori" del Mondiale, ho segnalato tre portieri eccellenti (Neuer, Navas e Howard), tre attaccanti potenti (Muller, Rodriguez e Messi sulla parola) poi alla voce difensori e centrocampisti ho mescolato Mascherano, Luiz, Schweinsteiger, Hummels e appunto Kuijt, prova che in Sudamerica si è giocato un mondiale "europeo" in chiave difensiva. D'altra parte, argentini e brasiliani se è vero che hanno fatto le elementari e le medie in patria, ginnasio, liceo e università l'han fatti chez nous. E in qualche caso, un volta partiti dall'Italia, hanno dimenticato buona parte della lezione, come Thiago Silva, un mostro di bravura finch'è stato al Milan, visibilmente peggiorato dopo Parigi, assente per sua colpa dal suicidio collettivo con la Germania, colpevolmente presente contro l'Olanda fin dai primi minuti. Un altro di quei commentatori che ti raccomando continua a raccontare le storie di un Brasile "à la Copacabana", mossette, dribbling, piedi magici torniti sulla spiaggia di Ipanema: balle cinesi; è vero, da mezzo secolo cantano Pelè, anzi, come faceva il Quartetto Cetra "Vavà Didì Pelè,/ tre giocolier di cioccolata / nel verde regno del caffè...." e ovviamente non rammentano Nilton e Djalma Santos - amiconi, non fratelli - la più bella coppia difensiva di sempre. Finalina dolorosa - per i brasiliani- richiama fine ingloriosa - per gli azzurri. E una raccomandazione che magari finirà nel vuoto: in tempo di mercato cercate difensori, ce n'è anche in Italia, fate forti le vostre squadre a partire dal reparto che un tempo era orgoglio del nostro calcio e adesso trema. Se non cambia idea in queste ore, la Roma ha capito come vanno le cose, Garcia e Sabatini sanno quel che fanno e hanno deciso di tenersi Benatia, valga quel che valga. Plusvalenza compresa.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.