HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Non solo italiani. Ecco i dieci giovani che hanno spaccato in questo avvio di campionato

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
01.10.2015 07.52 di Luca Marchetti   articolo letto 88942 volte
© foto di Federico De Luca

L'ordine è puramente alfabetico, non vorrete mica pure che vi dica l'ordine di preferenza! Ma dirvi chi sono i migliori 10 sì. Quelli che si sono tirati fuori dal limbo, quelli su cui la scommessa poteva anche essere forte, non vinta. Quelli che però vincerla ti da soddisfazione doppia.
Primo (e forse potrebbe essere primo anche nella classifica) è Ali Adnan, appena 23 anni ma a sentirlo parlare sembra che ne ha almeno 40. È un profugo di guerra, iracheno. Solo questo basterebbe per renderlo speciale. Ma il primo iracheno della serie A non è solo una (bellissima) storia da raccontare, ma è soprattutto un difensore difficilissimo da superare. Lo abbiamo cominciato a conoscere in queste prime partite e vedrete che a fine anno sarà un protagonista della nostra serie A.
Il secondo è Assane Dioussé, centrocampista centrale dell'Empoli. Giampaolo (e non solo) si è già innamorato di lui. Nato in Senegal, appena 18enne, il più giovane di questo pacchetto di giocatori e quello che già ha ricevuto delle avances dalle grandi: Milan in testa che ha provato a prenderlo negli ultimi giorni di mercato. Non è possibile definirlo un vero e proprio acquisto (visto che viene dal settore giovanile) ma una vera e propria scoperta si: è al suo primo anno fra i grandi.
Marten De Roon, olandese, centrocampista anche lui. L'Atalanta praticamente non ci ha mai rinunciato, forse perché la sua speciale formazione gli permett di avere un'impostazione di cui è possibile fare a meno. Nasce come difensore, ma ora gioca in mezzo al campo. Sa come bisogna coprire e il fisico lo aiuta.
Lucas Digne, francese, 22 anni. È stato l'acquisto più "atteso" a Roma. Garcia lo conosceva, lo ha voluto. La società lo ha accontentato e pur di accelerare la trattativa il diritto di riscatto è stato fissato altissimo a 17/18 miliooni di euro. Al momento, forse, non li vale, ma finora si è messo in mostra grazie al buon piede e alla sua personalità. Non disdegna scendere con frequenza sulla sua fascia, prova ne è il gol che ha già segnato in campionato.
Filip Helander, 22 anni, svedese, diffensore centrale. Bigon lo ha portato a Verona quasi di nascosto e noi lo abbiamo scoperto quasi per caso. Prime due partite, in tribuna, poi le successive due in panchina. Crescendo rossiniano con la prima da titolare contro l'Inter e poi all'Olimpico contro la Lazio condita dal gol. Fisico imponente
Oscar Hiljemark, 23 anni, anche lui svedese, del Palermo ora in Italia non c'è nessuno che non lo conosce. Dopo i gol realizzati contro il Milan tutti i giornali e tutte le tv hanno parlato di lui. Prima però non lo conosceva nessuno o quasi, ma in Olanda era già una star. Nazionale Under 21 e guida del Psv. I suoi compagni del Palermo, dopo pochi giorni di ritiro, lo avevano già definito come quasi un genio del calcio. Grande visione di gioco, intelligenza tattica e ottime capacità di inserimento. Centrocampista moderno, oltre che giovane.
Sergej Milinkovic Savic, 20 anni, serbo. Anche di lui sappiamo molto, se non tutto, dopo la vicenda che ha segnato la sua estate. Conteso fra Lazio e Fiorentina era arrivato a firmare il contratto in sede a Firenze. Poi le lacrime, la fidanzata e il ripensamento. Ora Milinkovic-Savic incanta a Roma. Chissà se a Firenze avrebbe avuto ancora più spazio, visto che nella Lazio soltanto nelle ultime due di campionato è stato titolare. Ma ha il tempo dalla sua e ha già dimostrato di saper reggere le pressioni.
Olivier Ntcham, 19 anni, francese. Straordinario talento di proprietà del Manchester City, sbarcato al Genoa in prestito biennale. Naturalmente con diritto di riscatto e controriscatto, perché un giocatore del genere non lo puoi lasciar andare a cuor leggero, soprattutto così presto. Gasperini l'ha capito subito e Ntcham ha giocato sempre e sempre titolare tranne la partita contro il Milan, l'ultima. Ancora non ha trovato il gol, pur giostrando nel reparto offensivo. Ma lo farà: e soprattutto Gasperini è uno dei migliori allenatori con cui crescere, anche sotto quell'aspetto.
Alex Telles, 22 anni, brasiliano. Quando è arrivato all'Inter tutti pensavano al pacco. All'accessorio per Felipe Melo. Insomma l'attenzione era tutta per il centocampista, corteggiato per tre mesi dai nerazzurri. Telles si, se ne parlava bene, ma insomma. Lui invece si presenta con grande personalità: subito derby e paragone (suo) con Roberto Carlos. Dopo di lui una sorta di maledizione a sinistra: finita?
Aleksander Tonev. 25 anni, bulgaro. Il più vecchio e il meno sponsorizzato. Forse perché gioca nel Frosinone, ma i numeri li ha fatti vedere lo stesso. Stellone punta su di lui e gioca praticamente sempre. Può giocare ala sia nel 4-3-3 che nel 4-4-2. Il suo periodo di maggior splendore lo aveva vissuto quando è passato all'Aston Villa. Non è un bomber ma i suoi assist li ha sempre fatti. Diamogli tempo.
Qualcuno è fuori? Può darsi. Anzi: meglio. Vorrà dire che la ricerca dei giovani all'estero quest'anno è stata più fruttuosa che mai...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.