HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Non solo italiani. Ecco i dieci giovani che hanno spaccato in questo avvio di campionato

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
01.10.2015 07.52 di Luca Marchetti   articolo letto 88942 volte
© foto di Federico De Luca

L'ordine è puramente alfabetico, non vorrete mica pure che vi dica l'ordine di preferenza! Ma dirvi chi sono i migliori 10 sì. Quelli che si sono tirati fuori dal limbo, quelli su cui la scommessa poteva anche essere forte, non vinta. Quelli che però vincerla ti da soddisfazione doppia.
Primo (e forse potrebbe essere primo anche nella classifica) è Ali Adnan, appena 23 anni ma a sentirlo parlare sembra che ne ha almeno 40. È un profugo di guerra, iracheno. Solo questo basterebbe per renderlo speciale. Ma il primo iracheno della serie A non è solo una (bellissima) storia da raccontare, ma è soprattutto un difensore difficilissimo da superare. Lo abbiamo cominciato a conoscere in queste prime partite e vedrete che a fine anno sarà un protagonista della nostra serie A.
Il secondo è Assane Dioussé, centrocampista centrale dell'Empoli. Giampaolo (e non solo) si è già innamorato di lui. Nato in Senegal, appena 18enne, il più giovane di questo pacchetto di giocatori e quello che già ha ricevuto delle avances dalle grandi: Milan in testa che ha provato a prenderlo negli ultimi giorni di mercato. Non è possibile definirlo un vero e proprio acquisto (visto che viene dal settore giovanile) ma una vera e propria scoperta si: è al suo primo anno fra i grandi.
Marten De Roon, olandese, centrocampista anche lui. L'Atalanta praticamente non ci ha mai rinunciato, forse perché la sua speciale formazione gli permett di avere un'impostazione di cui è possibile fare a meno. Nasce come difensore, ma ora gioca in mezzo al campo. Sa come bisogna coprire e il fisico lo aiuta.
Lucas Digne, francese, 22 anni. È stato l'acquisto più "atteso" a Roma. Garcia lo conosceva, lo ha voluto. La società lo ha accontentato e pur di accelerare la trattativa il diritto di riscatto è stato fissato altissimo a 17/18 miliooni di euro. Al momento, forse, non li vale, ma finora si è messo in mostra grazie al buon piede e alla sua personalità. Non disdegna scendere con frequenza sulla sua fascia, prova ne è il gol che ha già segnato in campionato.
Filip Helander, 22 anni, svedese, diffensore centrale. Bigon lo ha portato a Verona quasi di nascosto e noi lo abbiamo scoperto quasi per caso. Prime due partite, in tribuna, poi le successive due in panchina. Crescendo rossiniano con la prima da titolare contro l'Inter e poi all'Olimpico contro la Lazio condita dal gol. Fisico imponente
Oscar Hiljemark, 23 anni, anche lui svedese, del Palermo ora in Italia non c'è nessuno che non lo conosce. Dopo i gol realizzati contro il Milan tutti i giornali e tutte le tv hanno parlato di lui. Prima però non lo conosceva nessuno o quasi, ma in Olanda era già una star. Nazionale Under 21 e guida del Psv. I suoi compagni del Palermo, dopo pochi giorni di ritiro, lo avevano già definito come quasi un genio del calcio. Grande visione di gioco, intelligenza tattica e ottime capacità di inserimento. Centrocampista moderno, oltre che giovane.
Sergej Milinkovic Savic, 20 anni, serbo. Anche di lui sappiamo molto, se non tutto, dopo la vicenda che ha segnato la sua estate. Conteso fra Lazio e Fiorentina era arrivato a firmare il contratto in sede a Firenze. Poi le lacrime, la fidanzata e il ripensamento. Ora Milinkovic-Savic incanta a Roma. Chissà se a Firenze avrebbe avuto ancora più spazio, visto che nella Lazio soltanto nelle ultime due di campionato è stato titolare. Ma ha il tempo dalla sua e ha già dimostrato di saper reggere le pressioni.
Olivier Ntcham, 19 anni, francese. Straordinario talento di proprietà del Manchester City, sbarcato al Genoa in prestito biennale. Naturalmente con diritto di riscatto e controriscatto, perché un giocatore del genere non lo puoi lasciar andare a cuor leggero, soprattutto così presto. Gasperini l'ha capito subito e Ntcham ha giocato sempre e sempre titolare tranne la partita contro il Milan, l'ultima. Ancora non ha trovato il gol, pur giostrando nel reparto offensivo. Ma lo farà: e soprattutto Gasperini è uno dei migliori allenatori con cui crescere, anche sotto quell'aspetto.
Alex Telles, 22 anni, brasiliano. Quando è arrivato all'Inter tutti pensavano al pacco. All'accessorio per Felipe Melo. Insomma l'attenzione era tutta per il centocampista, corteggiato per tre mesi dai nerazzurri. Telles si, se ne parlava bene, ma insomma. Lui invece si presenta con grande personalità: subito derby e paragone (suo) con Roberto Carlos. Dopo di lui una sorta di maledizione a sinistra: finita?
Aleksander Tonev. 25 anni, bulgaro. Il più vecchio e il meno sponsorizzato. Forse perché gioca nel Frosinone, ma i numeri li ha fatti vedere lo stesso. Stellone punta su di lui e gioca praticamente sempre. Può giocare ala sia nel 4-3-3 che nel 4-4-2. Il suo periodo di maggior splendore lo aveva vissuto quando è passato all'Aston Villa. Non è un bomber ma i suoi assist li ha sempre fatti. Diamogli tempo.
Qualcuno è fuori? Può darsi. Anzi: meglio. Vorrà dire che la ricerca dei giovani all'estero quest'anno è stata più fruttuosa che mai...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.