HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Non solo tre punti: ieri sera la Juventus ha vinto molto di più. Il carro di Conte, troppo facile adesso. Sousa e la Fiorentina: serve una decisione drastica

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
18.12.2016 00.01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49343 volte
© foto di Image Sport

La Juventus non ha solo vinto con la ROma e, con questi tre punti, conquistato di fatto gran parte del campionato 2016/2017. La Juventus si è dimostrata ancora una volta la societànizzata e lungimirante, capace di vincere anche la più onerosa e azzardata delle scommesse. Vien da sorridere quando si ripensa ai commenti di alcuni che d'estate dicevano "il Napoli si è complessivamente rinforzato pur cedendo Higuain con quei 90 e passa milioni di euro". No. Senza Higuain, il Napoli non è il Napoli di Higuain. Con lui, a Juventus ha uno dei migliori 9 al mondo. Meglio di Morata. Non 90 milioni e più volte, ma certamente migliore. Per capacità di vincere, di decidere, di far tremare le difese avversarie. Di far partire già quasi vincente la propria squadra. E dire che c'è chi additava il club per l'ingente cifra spesa...

Antonio l'italiano ha tirato fuori la carta d'identità e l'ha messa al centro dei campi inglesi. Difesa, corsa, fisico, contropiede, qualità. Primo non prenderle, secondo darle con grinta e cattiveria. Antonio l'italiano all'inizio ci ha provato, a far l'inglese. A mettersi il tight, ad abbandonare le sue filosofie perché immerso in una dimensione nuova. Poi ha capito che l'Italian Job migliore è quello d'esportazione e d'origine controllata. Conte ha deciso di fare il Conte e tutti, dopo esser rapidamente scesi dal carro al grido di "altro che Antonio, tutti su quello di Mourinho e di Guardiola", stanno provando a risalirvi. Gridavano esonero, ora sbraitano 'al miracolo'. C'è poco di nuovo, l'abitudine è italiana ma pure britannica. Antonio Conte ha dimostrato, importando in Premier League la sua tipica difesa a tre, mettendo come suo nord un ritrovato Diego Costa, di cucire l'Inghilterra attorno ai suoi abiti e viceversa. Di essere uno dei migliori allenatori al mondo. Con un carattere difficile, tosto, duro. Ma pure con un carro bello ampio.

Chi ha invece tanto posto da viaggiare quasi in solitaria è Paulo Sousa. Che non è, a differenza di quel che possa pensare la maggioranza dell'opinione pubblica, l'unico colpevole di una stagione grigia a Firenze. Certo, non è in zona retrocessione, anzi, l'Europa è ad un passo. Però il tecnico portoghese sta gestendo malissimo la rosa, sta facendo scelte spesso scelerate ma ha altresìmateriale tecnico a disposizione non all'altezza delle sue aspettative e richieste. Il punto è che a microfoni accesi lancia frecciate, in campo altrettanto, salvo poi puntare il dito (facile, ma la maschera è caduta) verso la stampa. Firenze ha capito la strategia di Sousa, che già lo scorso febbraio aveva minacciato dimissioni. Non è solo colpa sua, le ultime sessioni di mercato nei fatti non hanno regalato al tecnico giocatori degni del salto di qualità. Però la Fiorentina, che per molto meno ha rotto con Prandelli e Montella, dovrebbe prendere una decisione drastica, anticipando quell'addio che ci sarà comunque in estate.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.