HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Notte di Champions-mercato: le ultime su Yanga Mbiwa e Torosidis. Roma-Inter, la sfida continua per Jung. Llorente, i nerazzurri dicono no. Mentre Kakà strizza l'occhio all'America e Zambrotta può raggiungere Seedorf

Nato a Castellammare di Stabia (NA) il 28 marzo 1974, inizia a collaborare per Telenuovo Padova. Giornalista Professionista dal 2001, è il massimo esperto di calciomercato per Sky Sport.
19.09.2012 00.00 di Gianluca Di Marzio  Twitter:   articolo letto 22630 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Abbiamo risentito la musichetta, è ripartita la Champions, l'occasione per vedere meglio vecchi e nuovi obiettivi del nostro mercato. Yanga-Mbiwa, per esempio: ha debuttato con il suo Montpellier, sfidando l'Arsenal. Il Milan l'aveva bloccato, senza pero' riuscire a trovare l'accordo con i francesi, troppo pochi 6,5 milioni (secondo il presidente campione di Francia) per cedere un difensore in scadenza di contratto il prossimo giugno. Adesso i suoi agenti stanno decidendo se rinnovare o meno l'intesa. C'è infatti una proposta per prolungare, ma fissando una clausola rescissoria non troppo alta, la cifra ancora da definire. Entro fine mese, Yanga-Mbiwa deciderà. Se liberarsi a zero e quindi dire sì al corteggiamento (che continua) del Milan e delle inglesi. O se invece accettare il piano del club che l'ha valorizzato, dandogli la fascia di capitano e l'opportunità di esordire nella vecchia Coppa Campioni. Gli occhi a San Siro, il telecomando impazzito tra Parigi (che Verratti...) e Madrid, uno sguardo anche in Grecia dove Torossidis ha giocato nell'Olympiacos contro lo Schalke 04. Come Yanga-Mbiwa, il suo contratto scade tra pochi mesi. Ma qui non c'è aria di rinnovo. E il laterale destro allenato da Jardim spera in una grande occasione. A parametro zero. Il Napoli sembrava interessato, poi il greco ha fallito l'esame estivo al San Paolo, Mazzarri e Bigon non troppo convinti. Ci ha pensato anche la Roma, chissà che la tentazione possa ripresentarsi a gennaio, viste le difficoltà sulla fascia destra. Per adesso, l'interesse giallorosso non sembra comunque riproporsi in maniera concreta. Un'idea poteva essere allora affidarsi all'esperienza di Zambrotta, svincolato. Ma l'ex milanista sta trattando col Botafogo per raggiungere Seedorf, sviluppi attesi in questi giorni. Meglio allora continuare a studiare Jung, l'esterno tedesco trattato a lungo d'estate. L'Eintracht Francoforte sta lavorando per rinnovargli il contratto fino al 2017, le parti sembrano anche abbastanza vicine. Ma il suo rendimento è sempre molto positivo, ecco perché l'eventuale nuovo accordo non pregiudicherà una possibile cessione, forse già a gennaio. Dipenderà naturalmente dall'offerta, la Roma valuterà e ci penserà. Così come l'Inter, che continua a osservarlo e monitorarlo nei suoi progressi in Bundesliga. Piero Ausilio è stato il primo ds italiano a parlarne ufficialmente ai tedeschi, in occasione del blitz in Italia del suo collega Hubner per Caldirola. L'Inter propose una sorta di opzione verbale, una telefonata per essere avvisata in caso di cessione, la corsia preferenziale c'è ancora. Per gennaio, i nerazzurri restano intanto focalizzati sull'affare Paulinho: non è ancora stata fatta un'offerta ufficiale al Corinthians, l'idea comunque è sempre quella di chiudere, il prossimo blitz in Brasile sarà determinante. I radar resteranno poi accesi alla ricerca di un attaccante, per gennaio (forse) o per giugno (sicuro). Non trovano riscontri le indiscrezioni spagnole su Llorente. E nemmeno le ultime voci su Walcott: sono giocatori in scadenza nel 2013, probabile che i rispettivi agenti ne approfittino per contattare tutti i club più importanti per capire intenzioni e strategie. Ma l'Inter, per ora almeno, si tira fuori. Nessuna sfida quindi con la Juve per il basco, Marotta potrà decidere tranquillamente se insistere nelle prossime settimane. La Juve si prepara al ritorno in Champions, Mourinho invece ha già affrontato Mancini, con Kakà tristemente in panchina. Qualche giorno fa, prima di un'intervista del brasiliano, Mou si raccomandò (indirettamente) che non facesse polemica. Promettendogli un'attenzione diversa, almeno fino a gennaio. E invece, no. Kakà resta sempre ai margini della formazione titolare. Pensa ancora al Milan, ma comincia a ragionare seriamente sull'ipotesi a stelle e strisce. New York ha dato il benvenuto al fratellino, Digao. Dopo un provino andato evidentemente bene. Può essere davvero il primo passo per vedere anche Kakà nella MLS. Magari proprio in squadra con lui. Musica, non musichetta, per le orecchie di papà Bosco.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.05 - L’altro giorno ho scritto a Fedez. Su Twitter. Ero incazzato nero. A due metri da casa mia i black bloc avevano organizzato la grigliata del primo maggio. Non quella delle salamelle, quella delle macchine altrui. Oddio, in realtà i fetentoni erano a due chilometri di distanza,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

04.05 - La Juventus vince il quarto scudetto consecutivo e nessuno se ne è accorto. Un brindisi negli spogliatoi di Genova, due foto su twitter e un comunicato sul sito. Champagne sì, ma senza bollicine ché c’è il Real Madrid alle porte. Vero, vincere aiuta a vincere ma diventa anche...

Editoriale DI: Raffaele Auriemma

03.05 - La mente torna indietro di 30 anni. Nella Sala delle Colonne al Cremlino, dal settembre 1984 ed ininterrottamente dal fino al febbraio 1985, Eugeny Karpov e Garri Kasparov si sfidarono per il titolo di campione del mondo di scacchi. Non se lo aggiudicò nessuno dei due, dopo...

Editoriale DI: Mauro Suma

02.05 - Dal momento che l'ultima Assemblea degli azionisti rossonera si è tenuta alle 16.00, un po' prima dell'attesissimo happy hour quotidiano, non tutti erano lucidissimi nell'ascoltarla e seguirla, ma confermiamo che dopo l'intervento introduttivo della dirigenza, ci sono state...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

01.05 - Berlusconi non è più così convinto di vendere il Milan e comunque non è così certo che le offerte di Mister Bee e della cordata che rappresenta siano le migliori per lui e per il futuro della società rossonera. L’ex Cavaliere doveva dare una risposta ieri sera al broker...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Bee, Inzaghi e il Milan: battute finali. Benitez, ora la palla passa a te, Inter ritorno al futuro, Pogba-PSG e i complimenti al Carpi 30.04 - Per il Milan è stata una lunga giornata, una lunga serata e sarà una lunga nottata. Soltanto durante la mattina sapremo se ci sarà ancora Inzaghi sulla panchina dei rossoneri anche pe l'allenamento del pomeriggio soltanto domani mattina sapremo se Berlusoni rimarrà...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Tutti sono soddisfatti del proprio intelletto, ma non del proprio denaro... monito per il Diavolo 29.04 - Nel giorno del mio compleanno (sera del 28 aprile, stesso di Zenga), mi par doveroso dare sfogo a pensieri più profondi e, forse, indigesti per alcuni lettori della rete, in particolare rossoneri. Non riesco a fingere, sono preoccupato dalla piega che sta prendendo la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

28.04 - Siccome non ho niente da fare e purtroppo di bombe me ne intendo meno che di calcio (il ché è tutto dire), ho ben pensato: “Ma che minchia è una bomba carta?”. Stuzzicato da questo simpatico interrogativo mi sono arrovellato: “Sarà complicatissimo fabbricarne una, chissà quali...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

"SuperPippa Inzaghi", il Milan nel delirio. Juve, non rovinare tutto. Se rinasco, voglio chiamarmi Gino Pozzo. Bentornata Salernitana, Lotito vince e fa paura 27.04 - SuperPippooooooooooo. Abbiamo goduto dei suoi gol e gioito con i suoi trionfi. Per noi resterà, sempre, SuperPippo Inzaghi. Spiegatelo a quei quattro calciatori che la storia non si dimentica e che, per vestire la maglia del Milan, bisogna nascere con un DNA da vincenti. In...

Editoriale DI: Raffaele Auriemma

26.04 - La ragione oltre l’esultanza. Cosa o chi avrà permesso al Napoli di passare dal rendimento sciagurato di 2 punti in 5 partite di campionato alla striscia virtuosa di 3 vittorie ed un pari, con 12 gol segnati e l’approdo alla semifinale di Europa League con tanto di umiliazione...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.