HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Novanta minuti del Diavolo, ma tre colonne salutano a prescindere (e Seedorf...). Thohir avanti tutta con la demorattizzazione: cadono altre teste. Juve, clamorosa retromarcia sul mercato

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
11.03.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 44837 volte
© foto di Federico De Luca

Per cominciare volevo fare gli auguri di pronta guarigione a Fiorello. Non lo conosco affatto, né ho cantato "balla Linda" al karaoke negli Anni 90, ma di questi tempi se non fai gli auguri di pronta guarigione a Fiorello non sei nessuno.
In particolare sei ancora più ganzo se aggiungi "ci tengo molto a fare gli auguri anche al signor Mario, l'investito. Forza signor Mario". Se in calce non metti "il signor Mario" risulti insensibile, ricordatelo oh tu che fai gli auguri di pronta guarigione a Fiorello.

Ora le cose meno serie. Un altro Mario, Balotelli, è finito di nuovo nei premi. Dall'altra parte del mondo tal Azharuddin Abdul Rahman, responsabile dell'aviazione civile malese, ha assicurato: "A bordo del volo scomparso c'erano due tizi sospetti che somigliavano a Balotelli". Per sua fortuna, al momento del crash, Mario aveva un alibi di ferro: era in semifinale al doppio misto di ping pong all'oratorio di Concesio. La sconfitta gli ha comunque garantito il terzo posto e un premio corrispondente a "numero dieci Liquironi e altrettante Goleador gusto frutta". Mario è rimasto soddisfatto e stasera guiderà il Milan nella partita dell'anno in quel di Madrid (chi lo dava in panchina si sbagliava).
In ogni caso la faccenda dell'aereo malese dice una cosa importante: Balotelli è talmente conosciuto nell'universo mondo che non farà fatica a trovare un nuovo club per la prossima stagione. Il tutto nonostante l'ingaggio corposo e la "twitterite", malattia tipica dei giovanotti col grano e le balle perennemente girate. Il dato di fatto è che Minone Raiola sta già alacremente lavorando per portar via dal Milan (col benestare del club) il pacchetto completo Balo-Abate-Emanuelson.
Il tutto a prescindere da quel che accadrà stasera, dove a rischiare è soprattutto Seedorf.
Sembra paradossale (in effetti lo è), ma a soli due mesi dall'insediamento Clarence ha già le chiappe arroventate. Dovevano essere mesi di preparazione alla nuova stagione e invece rischiano di trasformarsi in un traghettone per quello sciupafemmine di Pippo Inzaghi. L'altro giorno - è noto - c'è chi addirittura l'ha già inserito nella formazione A sul sito ufficiale. Una svista che non ha scomposto più di tanto il povero Seedorf che, anzi, per la legge del "tutti all'attacco" ha fatto sapere che volentieri schiererebbe SuperPippo al Vicente Calderon. L'olandese, tra gli altri, avrebbe chiesto informazioni persino sul Signor Mario: "Se è tesserabile lo metto a fare la sesta punta. Forza signor Mario".
Boiate a parte sappiamo che effettivamente patron Silvio sta già perdendo la pazienza e in caso di euro-ko potrebbe farsi venire i cinque minuti. Anche perché con 11 partite di campionato ancora da giocare e nessun obiettivo da raggiungere (l'Europa League non interessa per decisione dirigenziale) il rischio è quello di una lenta agonia. Capiamoci: al 99% Seedorf guiderà il Diavolo per tutta la prossima stagione, ma i crediti del gennaio scorso sono già esauriti.
Nel frattempo nessuno parla dell'unica cosa che conta a prescindere da chi comanda in panchina: il benedetto mercato, indispensabile per dare un futuro alla squadra. Sogliano che fine ha fatto? È vero che avrebbe rifiutato l'incarico? E Galliani? È vero che al prossimo cda (in programma tra qualche settimana) verrà sancito il suo ridimensionamento (resterebbe solo per questioni legate alla liquidazione)? Staremo a vedere.

Ora l'Inter. Thohir non ha fatto gli auguri a Fiorello. Nemmeno al signor Mario. In compenso li ha fatti a Zanetti con il tono del perfetto patron: "Resta con noi ma avrà un altro ruolo". Sorrideva, ma aveva la determinazione di un ghepardo che ha voglia di un toast farcito-gazzella. Non sappiamo che ruolo ricoprirà il capitano nerazzurro al termine della stagione (responsabile del settore giovanile?), sappiamo che se fosse rimasto Moratti avrebbe continuato a giocare: non sarebbe stato un bene né per lui, né per l'Inter.
Dall'ennesimo ritorno di Erick a Milano (doveva venire 4 volte all'anno e invece è più attivo del sindaco) son successe moltissime cose: l'indonesiano ha discusso con le banche per faccende legate al debito del club (e si sapeva), quindi ha dato il là al piano mercato per la stagione 2014-2015. Di Vidic sappiamo, per il Chicharito Hernandez siamo ancora lontani (ma l'affondo è previsto per la fine di marzo), altri nomi sono in agenda (il bacino preferito? La Premier, of course). Per quanto riguarda l'allenatore sappiamo che - dichiarazioni di facciata a parte (vedi parole al miele di Fassone su Mazzarri) - il club ha già fatto i suoi sondaggi. De Boer preferirebbe l'Inghilterra, Wenger sta prendendo tempo.
Domande che sorgono spontanee.
1) Come farà Ericketto a far conciliare il mega mercato con i paletti del fair play finanziario? Semplice, si darà il là allo spietato piano "epurazione delle vecchie glorie". Palacio sarà rinnovato settimana prossima, Cambiasso anche (ma più avanti) con netta riduzione dell'ingaggio, per gli altri contratti in scadenza invece non si faranno sconti secondo la legge della "rivoluzione sostenibile". Utopia? Forse, ma intanto il sottoscritto fa mea culpa per le critiche preventive rivolte all'indonesiano che, invece, sembra avere idee chiarissime e attributi grossi come cocchi. Anche se non ha fatto gli auguri al signor Mario.

2) Se Mazzarri conquista il quarto posto resta al suo posto? Difficile, per il patron è un problema di mentalità e di giocatori da far giocare per questioni legate all'immagine e agli investimenti (vedi Kovacic). Soprattutto è una questione legata alla "demorattizzazione", il processo che ha portato all'allontanamento di Branca e al ridimensionamento di alcune figure storiche della società e legate al vecchio presidente.
Postilla impopolare. Nelle ultime settimane tutti si domandano: "Perché gioca Jonathan mentre D'Ambrosio resta a guardare?". Gli esperti dicono: "L'ex granata deve apprendere gli schemi di Mazzarri". Altri spergiurano: "Anche zoppo sarebbe meglio del brasiliano". Chi scrive resta dalla parte del buon Johnny, che non sarà Maicon ma si sbatte, fa il suo dovere e viene massacrato ben oltre i suoi demeriti. Fossimo in lui assumeremmo l'addetto stampa di Honda, mobile in campo tipo capitello ionico ma che a prescindere "va lasciato lavorare" (#iostoconjonathan).

Chiusura sulla Juve (stra-padrona del campionato e c'è poco da aggiungere), su Conte (è e sarà il tecnico della Signora per altre due stagioni), su Pogba (voci vicine alla società ci informano che aumentano clamorosamente le possibilità che il francese resti in bianconero per un'altra stagione), sul tweet della "Fiorentina a pranzo" (innocente e simpatico, al limite da non mettere sul sito ufficiale ma certamente da non condannare) e su Strootman, sfortunatissimo. "Auguri di pronta guarigione Kevin. E anche al signor Mario ovviamente".

Ps. Il collega Vincenzo Cito mi punzecchia sulla Gazza nella rubrica Zupping (il livello del Processo del lunedì (Rai). Fabrizio Biasin sul codice etico: "La nazionale non è una scuola, non deve educare"). Ribadisco e sottoscrivo: sarò stato fortunato, ma per sapere che "non si tira un pugno a un avversario" mi son bastati due scappellotti di mamma e papà quando ancora puzzavo di latte e biscottini sbriciolini. (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.