HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Occhio alle panchine delle big d'Europa, molte in bilico, Milan compreso. Thohir e la rivoluzione silenziosa. Gli obiettivi della Roma...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
01.05.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 33056 volte
© foto di Federico De Luca

Ora che la stagione sta arrivando alla sua stretta finale cominciano le profonde riflessioni. E siccome il domino delle panchine parte sempre dall'alto, attenzione alle delusissime e alle deluse l'Europa. Eh sì, perché da loro poi si innesca il famoso meccanismo a catena. Cambieranno sicuramente (o quasi) almeno 5 big. Conferme ufficiali non ce ne sono, ma forti, fortissimi indizi sì. Il Monaco (Ranieri), lo United (ora Giggs), il Milan (dopo Allegri, Seedorf), Tottenham (Sherwood dopo Villas Boas) e Barcellona (Martino). Queste le 5 che hanno quasi deciso. E quelle che possono spostare gli equilibri. Perché sono panchine pesanti, dove generalmente girano soldi e grandi progetti. Generalmente perché al Milan ora grande disponibilità economica non c'è, ma il prestigio è sempre lo stesso. E visto che Seedorf (alla prova derby) è tutt'altro che saldo i nomi che si fanno sono tutti plausibili: Inzaghi quello favorito, ma le vecchie fiamme (Spalletti) o i milanisti (Donadoni) non sono piste da scartare a priori. La situazione del Milan è quella che ci interessa più da vicino. Ma il movimento sulle panchine non finisce a Milano. Attenzione anche al Galatasaray (Mancini) all'Arsenal (Wenger ha detto che se i tifosi non lo vogliono più è pronto a lasciare, ed ha il contratto in scadenza). E poi una particolare menzione ce l'hanno il Bayern Monaco che come ambiente non ha digerito la cura Guardiola e il City ora ha in mano la Premier: ma se Pellegrini non dovesse vincerla rischierebbe eccome. Ecco a chi e cosa puntano gli allenatori emergenti in giro per il mondo.

Conte, Simeone, Garcia e De Boer. Corteggiati, sponsorizzati, ricercati. Difficile, difficilissimo che lascino. Soprattutto gli "italiani". C'è un progetto da continuare a coltivare. E ancora (soprattutto per Conte) non è il caso di parlare di futuro, quando c'è da giocarsi ancora l'ultima fetta della stagione. Anzi: parlare di futuro juventino per Conte è tutt'altro che azzardo. Alla fine del rush ci sarà il tempo per cominciare a buttare giù la strategia per la prossima campagna acquisti: capire come (e se) resistere alle tentazioni e in che ruolo mettersi alla ricerca di giocatori in grado di far crescere la Juve. E il settore offensivo (nonostante la grandissima stagione di Tevez e Llorente) è quello che subirà i maggiori cambiamenti.

Certezze al momento non ce ne sono, da nessuna parte. Le pedine si stanno muovendo, si sta rispondendo ad interrogativi lunghi una stagione. E in questo periodo sempre si pensa a una grande rivoluzione. Ma di squadre che hanno deluso ce ne sono. E quindi anche movimenti.

Anche l'Inter è pronta alla rivoluzione. Più silenziosa, ma non meno profonda. L'identikit di Thohir è chiaro: giovane e famoso. Perché i giocatori dell'Inter devono aiutare la società ad espandersi nel mercato. Benissimo Vidic (in qualità di ex Manchester è famosissimo in Asia), benissimo Nagatomo (in Giappone ha un enorme seguito), perfetto Hernanes che in Brasile ha aperto il mercato. A lui si aggiungerà (molto probabilmente) Nilton. L'Argentina perderà qualche protagonista (Milito, Zanetti e molto probabilmente anche Samuel e Cambiasso) ma rimane sempre Palacio e soprattutto Icardi, quello che più di tutti rappresenta il nuovo FF: forte e famoso. Con chiara allusione a twitter, stavolta non per le sue foto con l'amata ma per testimoniare il fatto che sia giovane. Eccola la nuova pelle dell'Inter: fresca, dinamica, vincente e internazionale. Il botto sarà in avanti: ma di strada ce ne sarà ancora da fare da qui al colpo.

Anche la Roma comincia a programmare: tutti vogliono che rimanga Pjanic (Garcia in testa) si sta lavorando sul rinnovo da tempo. Ma ancora la firma non c'è stata. E le sue magie continuano a ingolosire mezza Europa (PSG in testa, che ha fatto un sondaggio anche con il Verona per Romulo). Potrebbe essere questo il "problema" della Roma. Che ha intenzione di prendere un difensore centrale (Toloi non verrà riscattato, sempre seguito Astori), un terzino (Kolarov uno dei nomi) un centrocampista, soprattutto dovesse partire Pjianic (a piace Paulinho del Tottenham) e un attaccante esterno (il nome di Aubameyang è tornato di moda).

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.