VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Olimpico deserto, Pallotta e Lotito hanno dimenticato una sacrosanta verità... cinque nomi per gennaio!!!

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
16.12.2015 00.00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 34020 volte
© foto di Federico De Luca

Il calcio regala momenti di pura esaltazione e altri di profonda tristezza. E' il frutto della passione, di quella fede che ti porta a stravolgere la tua personale scala di valori e priorità per il bene del tuo club. Una passione che, nella capitale, sta scemando in maniera preoccupante, se non terribile. Roma, città calcisticamente avanzata, con due squadre di prestigio mondiale, ha perso il suo popolo. L'Olimpico, sia esso vestito per serate giallorosse o biancocelesti, è una cattedrale morta, deserta. Qualsiasi partita di Roma o Lazio è vissuta, dalla città, con indifferenza. Non c'è più il gusto di dare una mano alla squadra del proprio cuore direttamente dalle tribune. Perché? Me lo sono chiesto, anche più volte... Prima possibile risposta: i risultati negativi di entrambe. Vero ma, in passato, il popolo biancoceleste, così come quello giallorosso, non è arrivato mai al punto di mollare lo stadio. Al massimo lo utilizzava per fischiare e protestare. Seconda ipotesi: mancano i campioni che esaltano le folle. Insomma. A Roma di giocatori di prima fascia ce ne sono, almeno sulla carta. Alla Lazio non ci saranno dei fenomeni ma neanche dei brocchi.
Terza teoria: gioco rivedibile. Anche qui difficile essere concordi. L'Inter non incanta (se non nelle ultime uscite) eppure il suo popolo la segue. E allora? Quale è il motivo di questa assenza di tifo all'Olimpico? Lasciamo stare le questioni prefetto/Curva legate alla Roma, qui il problema è dei due patron in gioco. Pallotta e Lotito hanno dimenticato una sacrosanta verità del calcio: I presidenti, come i giocatori, passano, la squadra resta. Non è la loro squadra, sono solamente i condottieri scelti, in questa fase storica, per guidarla. Pallotta sta portando avanti mille progetti, dallo stadio nuovo (sempre dubbioso sulla fattibilità) al lancio del marchio fuori dai confini nazionali, dimenticandosi che, avere un Olimpico senza gente è un biglietto da visita disastroso. Non se la passa bene neppure Lotito. Al gol di Matri contro la Samp, i pochi spettatori presenti, invece che festeggiare, hanno iniziato a inveire contro Lotito. Il popolo non lo ama, forse non l'ha mai amato. Ha il merito di aver salvato la società, forse si è dimenticato che i tifosi vanno anche tutelati, coccolati, rasserenati. Ogni radio romana chiede la sua testa, basterebbe (e vale anche per Pallotta) provare a rimettere i tifosi, quelli che hanno sempre frequentato lo stadio Olimpico, nuovamente al centro del progetto. Impossibile? La Juventus ci è riuscita, il Napoli ci ha costruito la sua forza, pure l'Inter (e San Siro è, storicamente, uno stadio complicato) ha ridato voce al suo popolo. E a Firenze è bastato dare fiducia al bel gioco per vivere il calcio con gioia. Tutti questi club hanno presidenti che non dimenticano mai i propri tifosi e, soprattutto, preferiscono lavorare dietro le quinte, piuttosto che sotto i riflettori (tranne quando è strettamente necessario). Meglio passare ad argomenti più "mercantili". Cinque nomi su cui punterei per la finestra di gennaio. Cos'hanno in comune Ranocchia, Zuniga, Diamanti, Honda e Iturbe? Costano poco? No. Sono in scadenza di contratto? No. Semplice, sono a caccia di riscatto. Ognuno di loro,
per svariati motivi, è finito fuori dal progetto delle rispettive squadre di appartenenza. In un nuovo ambiente, potrebbero ritrovarsi e tornare protagonisti...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.