VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Ora al Napoli servono gli uomini, prima ancora dei rinforzi. Se volete il bene della maglia che indossate, prendetevi pure per il bavero, tecnico e calciatori, ma chiaritevi e riaffermate il vostro valore

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
21.12.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18548 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quel tanto, pochissimo, che manca esiste già nel Napoli. C'è e va sviluppato, sottratto alla polvere dell'amarezza che ha ricoperto l'euforia di tutti i calciatori. Scorie basche di quella Champions League che ha prima sedotto e poi abbandonato, blandito e poi beffato gli azzurri che viaggiano a corrente alternata da quella sciagurata fine di agosto in avanti. Ci si affida all'entusiasmo della singola gara oppure del trofeo in palio per risollevarsi dalla narcosi provocata dalla mancanza di obiettivi ambiziosi, così come invece sembrava possibile durante lo scorso ritiro estivo. "Il Napoli è la squadra peggiore da affrontare in gara secca", la considerazione resa di recente da Massimiliano Allegri corrisponde ad una realtà ben nota da due stagioni a questa parte e figlia di un inconfutabile dato di fatto: l'organico del Napoli è competitivo tanto da riuscire a metter sotto qualsiasi formazione, anche le più ricche del pianeta. Ecco perché il tecnico della Juventus ha messo le mani avanti, nella consapevolezza di dover contendere a Doha la Coppa al team che quest'anno ha avuto la migliore striscia (11) di risultati in serie A e capace di sbarazzarsi allegramente della Roma, seconda forza del campionato, oltre che della Fiorentina a casa sua. Il terzo posto è legittimamente di proprietà del Napoli, anche se adesso altre squadre stanno cullando il sogno di riuscire a strapparglielo. No, se gli azzurri non sono in scia alla Juve ed alla Roma, è soltanto perché hanno regalato 11 punti alle formazioni che occupano la parte destra della classifica. Uno sperpero, certo, lo è stato e va ricercato nelle dinamiche tra spogliatoio, tecnico e preparazione atletica. Il mercato c'entra, come no, perché il mancato arrivo dei pezzi da 90 non ha permesso ad una popolazione di 6 milioni di tifosi, di tenere testa a giallorossi e bianconeri per la vittoria dello scudetto. Ma non può essere preso a pretesto il mancato arrivo di Mascherano se Cagliari e Chievo (terzultima e quartultima in graduatoria) hanno portato via dal San Paolo 5 punti in 2 partite. Mancanza di intensità e di concentrazione, quelle che lamenta di continuo Benitez, anche se troppo spesso il Napoli sembra avere una marcia in meno rispetto agli avversari. Storie di una preparazione che (forse) non poteva essere migliore per il ritorno dai Mondiali di ben 13 tesserati. Condizione atletica e mentale, cioè due elementi di cui la squadra potrebbe disporre subito, non c'è la necessità di acquistarle al mercato invernale, da dove invece sembrano ormai prossimi all'arrivo Gabbiadini e Strinic. Serve una scintilla, magari proveniente dalla vittoria della Supercoppa contro la rivale Juve, ma occorre innanzitutto la concordia, un sano dialogo all'interno di una stanza. Per raccontarsi tutto e raccordarsi nuovamente. Affrontarsi anche a brutto muso, prendersi per il colletto della camicia, avrebbe un significato denso, di orgoglio ed onestà, il manifesto di un desiderio: fare il bene del Napoli. Vediamo quanto questo gruppo tiene a questa maglia, ora e non oltre è il momento per dimostrarlo. Da Benitez al giovane Luperto, ognuno si racconti ciò che ha dentro, si sfoghi contro chi pensa sia necessario, perché è così che si fa da che calcio è calcio. I più anziani e malinconici tifosi del Napoli, ricorderanno con piacere quando Bagni e Maradona, leader in contrasto, se ne dissero di "ogni" in ritiro, in un hotel di Cava de' Tirreni, per poi stringersi la mano. Di lì in avanti il Napoli fu protagonista di una cavalcata che lo portò a vincere il primo, storico scudetto. E poi, Benitez potrebbe ridurre il carico di malumore sversato in ogni conferenza stampa e farsi carico di portare a cena una volta di più tutto il gruppo, perché davanti ad un piatto di pasta si sciolgono tutte le che tensioni che non necessitano delle scuse formali. Se il tecnico rimbrotta un mediano perché in allenamento tocca il pallone due volte invece di tre e se sollecita un attaccante affinchè tiri fuori il carattere, beh, sono episodi di una quotidianità che appartiene a tutte le squadre, a tutte le categorie e per le quali non è affatto necessario l'intervento del presidente. Lui, De Laurentiis, oggi ha solo l'obbligo di prendere al mercato di gennaio ciò che sarebbe stato necessario acquistare d'estate. Poi toccherà ancora a Benitez sfruttare ognuno della rosa per quelle che sono le caratteristiche tecniche e stimolare professionalità ed indole dei campioni che viaggiano sotto ritmo da quando è cominciata la stagione. Oggi al Napoli servono gli uomini, prima ancora dei rinforzi

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.