HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Ore 23.00: chiudete quella porta! Il Pagellone delle 20 di serie A

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
31.08.2016 11.40 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 83929 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ora possiamo dirlo: è stata una bella estate, piena di colpi di scena, e mai ci saremmo aspettati un mercato così effervescente. Innanzitutto scusate il ritard,o ma il Pagellone di fine mercato è un rito. Ho posticipato l'editoriale di 48 ore perché due giorni fa sarebbe stato prematuro e lunedì prossimo sarebbe stato già vecchio. Onore e merito alla Juventus per aver dato spettacolo in sede di trattative, anche se manca la ciliegina. Vediamo se arriverà da qui alle 23:00. L'ultimo giorno di mercato è sempre il più bello; per noi che lo raccontiamo e per voi che lo vivrete da casa. Avrete notizie ogni minuto su Tuttomercatoweb e in televisione su Sportitalia, dalle 11 alle 24 con la maratona no stop (canale 60 del digitale e 225 di Sky).
Passiamo alle pagelle, ovviamente sensibili di variazione in caso di colpi fatti o mancati nelle ultime 24 ore. Parlare prima è sempre complicato, ma parlare dopo è per tutti. Proviamo a fare un'analisi lucida di questi tre mesi di mercato.

Atalanta Voto 4,5
Con la tifoseria che ha la Dea sarebbe ora di decidere quando diventare grande. Invece, la famiglia Percassi continua a vivacchiare nell'anonimato di una mediocre serie A. Prendere Gasperini è stato un azzardo; non perché non sia bravo, ma perché ha una filosofia estrema di fare calcio. Con i difensori che si ritrova diventa complicato avere sempre l'uno contro uno con l'avversario. L'acquisto di Paloschi è troppo poco per pensare di fare il salto di qualità, errato considerare Pinilla una terza scelta e le situazioni Sportiello e Gomez andavano gestite meglio. Risolto il caso Stendardo in colpevole ritardo. Non è proprio il massimo per un club così prestigioso. L'arrivo di Sartori, finora, non ha portato a nulla e i tempi di Pierpaolo Marino sembrano troppo lontani. Non dovrebbe avere problemi a conservare la categoria.

Bologna Voto 5
Troppi obiettivi non raggiunti e poca fermezza sul mercato. L'operato del Bologna lascia a desiderare soprattutto nelle modalità. Vittima del caso Diawara, servivano maggior polso e personalità. Arrivano Dzemaili, Vassallo e Verdi ma la squadra aveva bisogno di altro. Si salverà per inferiorità altrui più che per meriti propri. Bigon si conferma un miracolato dal sistema. Bigon in A, con Perinetti e Lo Monaco in C capite che qualcosa non torna.

Cagliari Voto 6
Al ritorno in serie A non ha voluto commettere gli errori del passato. Capozucca ha lavorato bene andando sull'usato sicuro con Borriello, Isla e Bruno Alves. Manca qualcosa a centrocampo e soprattutto non sembra esserci immutata sintonia tra club e Rastelli. Non vorremmo che al primo soffio di vento cascassero i rami. Squadra forte e competitiva, ma sarebbe servita qualche giovane scommessa di prospettiva per creare anche un futuro al Cagliari.

Chievo Verona Voto 6,5
Il ritorno di Sorrentino, l'arrivo di Ammari, il prestito di Parigini e gli arrivi di De Guzman e Bastien. Senza dimenticare le tante conferme. Nember ha lavorato benissimo in questa estate, pensando anche al futuro del Chievo Verona. Basi solide e mercato senza strafare. Per fortuna l'idea Balotelli resta un'idea. Nember si conferma giovane e preparato. Bravissimo anche nella gestione della conferma di Maran, quando il tecnico strizzò l'occhio all'Atalanta.

Crotone Voto 4,5
La società si è fatta trovare impreparata al grande salto. Senza stadio e con poche idee su un mercato, finora, sconosciuto. La serie A ha colto di sorpresa anche il bravissimo Ursino. Poche idee e risorse per provare a conservare la categoria. Rosi, Tonev e Ceccherini. Troppo poco per poter pensare di mettere, in serie A, sotto almeno tre squadre.

Empoli Voto 5
Questa volta più che una scommessa, l'Empoli sembra un azzardo. La salvezza sarà molto complicata da raggiungere ma serve un miracolo come accaduto negli ultimi anni. Martuscello è una scommessa in panchina e avrebbe meritato rinforzi di altro spessore. Positivo l'arrivo in difesa di Bellusci ma Gilardino e Marilungo convincono poco. Per età l'uno, per i troppi infortuni negli ultimi anni l'altro. Campionato pericoloso, ad alto rischio.

Fiorentina Voto 6,5
Ancora una volta il Corvo si conferma bancomat per le società. Prende soldi da altri club e ripulisce la società di vecchi debiti. Vende 29 calciatori su 31 e fa cassa pesante con Alonso al penultimo giorno di mercato. In entrata si muove bene, spendendo poco e facendo tante scommesse. Rifiuta proposte importanti da Napoli (Kalinic) e Roma (Borja Valero); resiste agli attacchi e compra grazie ad un'ottima conoscenza del calcio internazionale. Squadra forte, ma difficilmente potrà arrivare a ridosso delle primissime.

Genoa Voto 6
Un colpo per il futuro: Simeone. Uno in famiglia: Veloso. Uno per la sostanza: Ocampos. Il Genoa ha svolto un ottimo mercato e potrà far divertire i suoi tifosi. Juric per Gasperini è stata una mossa intelligente e di prospettiva. Mercato oculato e saggio. Vedremo se riuscirà a trattenere Pavoletti in queste ultime ore di mercato e soprattutto se riuscirà a completare l'acquisto di Hernanes che farebbe alzare di mezzo punto la valutazione complessiva.

Inter Voto 7
Meriterebbe 4 per la gestione Mancini e 5 per aver scelto De Boer in panchina. Non è il mercato di Ausilio ma il mercato dei consulenti e degli amici degli amici di Suning. Ausilio è rimasto nel tritacarne tra Mancini, Thohir e Suning e ha perso la bussola troppo presto. Peccato perché è uno dei più grandi dirigenti italiani, persona educata e perbene. Gabigol è un colpo da novanta e, nonostante, la volpe dica che l'uva è acerba, sul brasiliano c'era mezza Europa. Bravissima l'Inter con Kia a strapparlo nella notte tra il 29 e 30 luglio scorso. Joao Mario altro rinforzo di spessore, anche se strapagato. L'Inter i calciatori, adesso, li ha. Mancano un allenatore e una organizzazione societaria.

Juventus Voto 9 (10 con Witsel e Cuadrado)
Nessuno come la Juventus. Acquista con intelligenza (Pjaca) e con furbizia (Alves + Benatia). Acquista anche di prepotenza, portando a Torino Higuain e Pjanic indebolendo le uniche pseudo dirette concorrenti. La cessione di Pogba è un capolavoro economico e andava fatta senza se e senza ma. In Europa Allegri ha una squadra forte ma anche la più vecchia delle big europee. Il prossimo anno bisognerà ringiovanire la rosa e soprattutto la difesa guardando al futuro. Per arrivare a 10 manca un grande centrocampista, ma in effetti la strada per l'arrivo di Witsel è spianata così come quella per Cuadrado. Ci sarà tempo fino alle 23:00 di oggi. Vedremo. Nonostante tutti dicano che Gabigol non era un obiettivo, la Juventus ha fallito l'assalto al brasiliano. Unica cosa da rivedere nel mercato della Juve: gli intermediari sudamericani che troppo spesso fanno arrivare Marotta secondo sulle trattative.

Lazio Voto 6
Immobile e Lukaku due ottimi acquisti, ma l'estate laziale paga la pagliacciata di Bielsa e di Inzaghi richiamato dopo aver già chiuso alla Salernitana. La squadra è competitiva e potrà togliersi delle soddisfazioni, ma per tornare a grandi livelli serve altro. La gestione di Keita grida vendetta.

Milan Voto 4,5
Finiti i soldi sono finite le idee. Milan allo sbando come l'ultimo mercato. Vedremo se ci saranno i colpi del condor nelle ultime ore, tuttavia Galliani si conferma un grande stratega e uomo d'affari ma poco conoscitore di calciatori. E dopo 30 anni diventa un problema. Via Braida e finiti i soldi di Berlusconi, il motore si è spento. Montella rischia di restare bruciato dal passaggio di consegne. Mercato senza né capo né coda. Suso, uomo di maggiore qualità, messo sempre in discussione in passato, ne è la conferma.

Napoli Voto 6,5
Questa volta Giuntoli non ci ha convinti del tutto. Un po' di confusione nel mercato del Napoli e qualche ritardo di troppo nei contratti da prolungare. Giuntoli paga la confusione di De Laurentiis ed è costretto a cambiare il suo modus operandi. Grassi torna a Bergamo già bruciato dagli azzurri. Dalla vicenda Higuain la società è uscita a pezzi, non per la cessione ma per la gestione dell'addio dell'argentino. Per non parlare di Gabbiadini sempre in discussione. Mai una linea comune. Sarri lo vuole mandar via, Giuntoli e De Laurentiis no. Vedremo cosa accadrà nelle ultime ore. Ottimo l'acquisto di Milik, ottimo anche il colpo Rog così come Diawara in prospettiva a conferma della grande visione del direttore sportivo azzurro. Lo abbiamo detto subito e non dopo la gara di sabato scorso con il Milan.

Palermo Voto 4,5
Società senza futuro e, forse, senza presente. Se Zamparini non vende, il Palermo non avrà mai una prospettiva seria. L'arrivo di Foschi, l'addio e l'arrivo di Faggiano hanno dimostrato, ancora una volta, che Zamparini ha perso la lucidità che dovrebbe avere un Presidente di serie A. Come all'Inter, ci sono troppi consulenti. Ballardini lo sa bene che qualcuno aspetta solo due sconfitte di fila per rispedirlo in Romagna. Mercato anonimo e squadra mediocre.

Pescara Voto 6,5
Chiariamoci: per salvarsi servono mille fattori e devi essere anche bravo e fortunato. Il mercato è solo una parte della stagione ma siccome dobbiamo giudicare il mercato, il Pescara sembra aver imparato dagli errori del passato e ha costruito da matricola una squadra più che sufficiente. Aquilani, Pepe e Biraghi vanno benissimo. Caprari ceduto all'Inter e riportato in prestito è stata un'operazione intelligente. Manca qualcosa avanti ma lo sanno anche a Pescara. Può farcela se non si farà prendere dall'angoscia del risultato.

Roma Voto 5,5
Primo obiettivo sfumato ad agosto e troppa confusione societaria. Spalletti in confusione con il Porto e Sabatini che smantella la difesa e ogni giorno, da sei mesi, minaccia di voler abbandonare la sua scrivania milionaria. Così la Roma non potrà mai competere a grandi livelli. Proprietà sempre assente e un Direttore che continua a fare collezione di figurine e non a costruire squadre di calcio.

Sampdoria Voto 6,5
Buon mercato della Samp che con Praet fa un ottimo colpo, conserva Muriel che sarà la rivelazione dell'anno, e si sistema con Bruno Fernades e Cigarini. Ottime operazioni con il Crotone per Budimir e Capezzi. Osti ha lavorato bene. Unica nota stonata: la gestione del caso Cassano.

Sassuolo Voto 6,5
Matri, Politano e Ragusa. Entrate importanti e intelligenti per il Sassuolo. Vende e incassa bene. Si muovono con scaltrezza i dirigenti del Sassuolo che, però, devono stare attenti a costruire una rosa ampia e duttile in vista del doppio impegno: campionato-Europa League. Attenti al mercato interno ed è questo il vero segreto della società di Squinzi. Mentre gli altri dormono.

Torino Voto 6,5
Ottimo colpo Hart in porta. Bene l'attacco sugli esterni con Ljiaic e Falquè che completano il reparto con Belotti. Pessima gestione della vicenda Maksimovic con il Napoli e difesa ancora ballerina. Castan e De Silvestri non bastano. Sarà un campionato da metà/alta classifica. Senza rischi né gloria.

Udinese Voto 5
Ancora un mercato al risparmio e troppa incertezza sugli ultimi arrivi. Kums è l'acquisto migliore ma i tempi d'oro sono troppo lontani. E continua a mancare lo zoccolo duro degli italiani che rese grande l'Udinese di Guidolin con Di Natale, Pinzi e Domizzi. Alla lunga, nello spogliatoio, paghi l'assenza di calciatori di spessore. De Paul acquisto di talento che darà soddisfazioni economiche in un futuro vicino.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.