HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Oscar per la Juventus, un difensore per la Fiorentina, la Sampdoria che sogna con Montella. L'inevitabile bisogno dei sogni e delle cose di ogni giorno, in questo mare magnum di odio e di violenza

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
15.11.2015 09.37 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 63120 volte
© foto di Valeria Bittarelli

Chi ha qualcosa da dire si faccia avanti e taccia perché chi ha il cuore vuoto, ha la bocca che trabocca. Come Karl Kraus, una delle penne più intense e pungenti dell'inizio del secolo scorso, scriveva, così bisognerebbe fare. Riflettere, in silenzio. Che vale più di mille parole, in questo oceano di dolore che si è spalancato dalla porta accanto. Parigi è la mia Firenze, è il piccolo borgo in Abruzzo, è il paese sulle colline d'Irlanda, la casetta bianca con le finestre azzurro mediterraneo a picco sulle scogliere della Grecia. Parigi è l'Occidente, Parigi siamo noi. Colpiti, atterriti. Pieni di rabbia che non può e non deve diventare odio. Che non deve fermarci. Che non deve impedirci di tornare, in quel ristorante all'angolo della via, con una candela e con la nostra sospirata amata davanti. A quel concerto per cui, magari diciottenni, forse cinquantenni, da tempo contavamo i giorni sul calendario. In quella piazza, De La Republique, quindi di tutti. E che nessuno ci può togliere. In quello stadio, poi. Che è lo Stade de France, ma che potrebbe essere lo stadio di ogni luogo, città, paese. La paura t'immobilizza e ti ferma, ti lascia di stucco. Adesso, dopo quel silenzio, è giusto trasformare la rabbia in qualcosa di giusto. Nella normalità. Così, seppur possa sembrare paradossale, è giusto non fermarsi, andare avanti. Continuare a sognare, a discutere di pallone, affinché quella libertà non ci venga strappata ma solo soffocata.

Parliamo di calcio perché esprime meglio d'ogni altra cosa la quotidianità. La passione primordiale dell'uomo, dalla gioia alle lacrime, dal giubilo alla profonda tristezza. Parliamo di mercato perché è la fabbrica dei sogni. Dove nessuno, guardando al domani, esce sconfitto. Il tifoso della Juventus, magari, è deluso da una squadra ringiovanita d'estate ma dove la mancanza di capisaldi quali Pirlo, Vidal e Tevez si è fatta sentire. Anche più del previsto. Però Marotta e Paratici sono uomini scafati, dirigenti abili ed esperti. Sicché viaggiano già spediti per rimediare a quelli che sono non tanto errori ma inciampi sui quali pensavano, forse speravano, di restar più stabili. Oscar è nome che accende dentro quella fiammella, quel sogno di 10 che c'è sulle spalle, di Pogba, ma non nelle palle giocate. La fantasia vera, pura, brasiliana. La Juventus punta un giocatore che con Mourinho ha perso i galloni da titolarissimo, ma che è pur sempre uno dei migliori interpreti nel ruolo del globo. Costa caro, carissimo, ma per il salto di qualità è quel che serve. Davanti, invece, il sogno si chiama Ezequiel Lavezzi e non è certo poco. Anzi, Pocho. In scadenza di contratto con il PSG in estate, le discussioni coi parigini tardano a trovare soluzione e per questo la Vecchia Signora cerca e cercherà la zampata.

Sogni. Fa bene a coltivarli la Fiorentina, bella e pure possibile, aggrappata ad una chimera chiamata Scudetto. La carta spesso non dice la verità: i nomi sono meno ridondanti rispetto a quelli degli avversari, ma Paulo Sousa è la grande rivelazione del campionato e giocatori che per alcuni paiono gregari e buoni, sono ben più che ottimi ed a tratti campioni. I sogni passano anch'essi dal mercato, perché non costa nulla, se non alle casse dei Della Valle. Rimpolpate però dallo stipendio di Vincenzo Montella e dalla clausola che rientrano, sicché adesso potrà arrivare un difensore centrale (i nomi sono quelli di Lisandro Lopez, di Eder Alvarez Balanta, di Oscar Duarte) ed un esterno destro che un tempo veniva chiamata fludificante. Uno alla Gino Peruzzi, alla Juan Camilo Zuniga, alla Danilo D'Ambrosio, per far giusto nomi e cognomi appropriati.

Spera la Sampdoria, sulle ali dell'Aeroplanino. Dopo l'infausta gestione Walter Zenga, rinascere si può. Il cuore blucerchiato dei tifosi si appella ai grandi sogni del passato, alle vittorie. Ricordi dolci, che spera in parte di rivivere. Montella è un capolavoro della premiata ditta Ferrero-Romei insieme al consulente Lucci ed al presidente viola Cognigni. Un'operazione che rende tutti felici, e sognanti. Il Doria ha giocatori di livello, ben più alto della mediocre situazione di classifica in cui vive oggi. Giocatori di spessore, che paiono cuciti ad hoc per il gioco di Montella.

Fanno bene a sognare tutti. A vivere. La paura è umana, l'odio è disumano. Il calcio è passione e quello dovrebbe restare, sebbene sfoci pure in frange e frangenti che con le parole amore e sogni hanno poco a che fare. La tragica notte di Parigi non può restare impunita ma, al contempo, neppure essere goccia che fa traboccare un'oceano di rabbia. Dobbiamo avere, tutti, la forza per andare avanti. Per vivere delle cose di ogni giorno, di quelle che stanno provando a portarci via. Anche del calcio, dei suoi sogni, del mercato. Inezie, nel mare magnum della vita. Ma che ci portano avanti, come la vuota scatola di desideri che spesso apriamo, chiamata mercato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.