HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Ottovolante Juve, prima in paradiso poi in purgatorio. Napoli e Sarri, Roma e Totti e poi la Nazionale...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
17.03.2016 06.51 di Luca Marchetti   articolo letto 33849 volte
Ottovolante Juve, prima in paradiso poi in purgatorio.  Napoli e Sarri, Roma e Totti e poi la Nazionale...

Così fa ancora più male, perché la Juve è stata a soli 60 secondi dal capolavoro. Ad avere sulle spalle l'errore è Evra, uno di quelli che nella gestione Allegri ha sempre portato una mentalità vincente assolutamente fuori dal comune. Ora tutti avranno la loro spiegazione per la rimonta dei tedeschi. La nostra opinione è che 60 secondi hanno cambiato tutto. Tutti erano pronti a celebrare il capolavoro di Allegri che senza 4 titolari aveva fatto saltare il banco, ora tutti pronti a dire che invece ha sbagliato i cambi e che non ha completato l'opera. Ci vuole equilibrio, invece. Per 60 secondi: dalla gloria al purgatorio. La Juventus per quanto ha dimostrato sia in Germania che a Torino avrebbe meritato un'altra sorte. Avrebbe meritato il passaggio del turno: per il coraggio, per la qualità delle giocate, perché comunque partiva da sfavorita e per poco non buttava fuori i favoriti imbrigliandoli tatticamente per un'ora almeno. Un capolavoro sarebbe stato. È stato, risultato alla mano, un capolavoro a metà. Ma alla Juve possono comunque andarne orgogliosi perché questi risultati sono figli del lavoro, della serietà e della programmazione. Non a caso si vincono 4 scudetti consecutivi, non a caso si lotta per il quinto, non a caso si arriva a una finale di Champions e non a caso l'anno successivo si arriva a 60 secondi dall'eliminare il Bayern in casa sua. È andata male. Ma rimane una base buona, anzi ottima, su cui continuare. A cominciare da Allegri che conviene blindare il prima possibile perché al di là delle convinzioni personali sulla gestione della partita in Germania ha dimostrato ancora una volta di avere uno stile personale, valido, vincente e scanzonato. Uno da top, da supertop.
Non è un caso neanche l'ottimo lavoro di Sarri, che finora in campionato si sta inchinando soltanto di fronte a questa Juve e che ha ancora nove partite per dimostrare che si può anche batterla. Bisogna essere suoerlativi, ma si può fare. Certo la botta alla caviglia di Higuain ha fatto paura eccome. Ma a Napoli sono ottimisti che non c'è nulla e che il Pipita sarà disponibile sin dalla prossima partita contro il Genoa. Magari meglio aspettare per essere sicuri al 100%, ma almeno (sospiro di sollievo) l'infortunio non è grave. Sarri potrà contare su di lui e De Laurentiis potrà contare su Sarri. Previsto un incontro nei prossimi giorni: la permanenza dell'allenatore è scontata e forse lo è anche un aumento di stipendio. Magari non fino a dove spera Sarri (2 mln), magari qualcosa in meno, ma De Laurentiis sa che con Sarri può andare lontano giocando bene e lo vuole comunque gratificare.
Chi invece non vorrebbe ascoltare più nulla sulle proprie decisioni è Pallotta. Ha espresso anche in pubblico la sua posizione, dopo averla espressa allo stesso Totti. Ora però situazione è che il Capitano vorrebbe fare almeno un'altra stagione da giocatore, e che lo stesso Pallotta a più riprese, di fatto, ha detto che decide il giocatore. Ci aspettiamo quindi un altro anno di Totti con la 10 sulle spalle. Obiettivamente è difficile dirlo, io non mi sbilancio. Non so quanto forte sia la convinzione di Pallotta: è questo quello che farà la differenza. L'unica cosa (brutta) e che quando giocatori come Totti arrivano a questo punto della carriera ci sono sempre frizioni (anche mediatiche) con la società: come se uno facesse ombra all'altro e viceversa...
Impossibile infine non parlare di Nazionale, perché la ricerca del nuovo ct è iniziata ufficialmente da 48 ore. Tavecchio ha ufficializzato quelli che tutti ormai sapevamo (in realtà ora manca solo l'ultimo tassello dall'Inghilterra): Conte al Chelsea. E ha anche tracciato la strada per l'identikit del nuovo commissario tecnico azzurro.
Si sa che la comunicazione non è il punto forte di Tavecchio e lo slogan che è venuto fuori dalla conferenza stampa è meno soldi e meno poteri. Non certo invitante come programma. Chi invece ha ascoltato tutta la conferenza stampa ha avuto la possibilità di capire meglio che Tavecchio non ha voluto sminuire nulla (né il lavoro di Conte né tantomeno quello del suo successore) cercando di far capire che si cerca un profilo di grande spessore, di esperienza con magari meno risorse economiche a disposizione ma comunque di un certo livello e in grado di poter guidare l'intero movimento calcistico.
I veri paletti sono altri (al di là dell'ingaggio che non sarà comunque da disprezzare sebbene il sacrificio fatto per Conte difficilmente sarà ripetibile): intanto la Figc vuole un allenatore in grado di abbracciare un progetto di 4 anni, senza guardare troppo ai risultati e soprattutto alle sirene che possono venir fuori durante il quadrienno azzurro. E poi costruire uno staff federale. In maniera tale da non essere costretti come ora a cambiare 8 allenatori o collaboratori tutti insieme (tanti ne conta in questo momento l'attuale ct) ma avere una base fissa di fiducia e di continuità.
Il primo nome su quale l'Italia sta puntando è quello di Donadoni. È cresciuto ancora rispetto alla precedente esperienza, ha ancora più qualità, ha dimostrato di sapersi destreggiare alla grande in situazioni difficili e di tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Il problema è che è sotto contratto con il Bologna. I primi contatti informali ci sono stati ma la Figc non vuole assolutamente andare allo scontro con nessuno. Quindi se per Donadoni non ci sono problemi ok, altrimenti si cambia obiettivo. E la pista - ci verrebbe da dire - parallela è quella di Capello. Il suo valore non si discute, la sua esperienza neanche. Bisognerà capire la sua disponibità concreta al di la delle parole di circostanza pronunciate in tv. Di sicuro sarebbe una soluzione affascinante.
Più defilati gli altri: da Mancini (l'Inter ha detto che punterà su di lui), Ranieri (difficile fargli lasciare l'Inghilterra ora), Cannavaro (poca esperienza internazionale) o quelli già liberi come Mazzarri o Prandelli.
E poi la Figc ha un po' di fretta. Vorrebbe chiudere prima dell'Europeo. Per non distrarre la Nazionale (anzi l'opinione pubblica) su questo tema. Conte non mollerà neanche un centimetro, nonostante già conosca il suo futuro. Non è uno che si lascia andare: anzi andrà ancora più forte. E allora non ci saranno problemi se già si saprà il nome del successore, anzi. Sarebbe ancora meglio, tutti concentati sull'Europeo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.