HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Ottovolante Juve, prima in paradiso poi in purgatorio. Napoli e Sarri, Roma e Totti e poi la Nazionale...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
17.03.2016 06.51 di Luca Marchetti   articolo letto 33821 volte
Ottovolante Juve, prima in paradiso poi in purgatorio.  Napoli e Sarri, Roma e Totti e poi la Nazionale...

Così fa ancora più male, perché la Juve è stata a soli 60 secondi dal capolavoro. Ad avere sulle spalle l'errore è Evra, uno di quelli che nella gestione Allegri ha sempre portato una mentalità vincente assolutamente fuori dal comune. Ora tutti avranno la loro spiegazione per la rimonta dei tedeschi. La nostra opinione è che 60 secondi hanno cambiato tutto. Tutti erano pronti a celebrare il capolavoro di Allegri che senza 4 titolari aveva fatto saltare il banco, ora tutti pronti a dire che invece ha sbagliato i cambi e che non ha completato l'opera. Ci vuole equilibrio, invece. Per 60 secondi: dalla gloria al purgatorio. La Juventus per quanto ha dimostrato sia in Germania che a Torino avrebbe meritato un'altra sorte. Avrebbe meritato il passaggio del turno: per il coraggio, per la qualità delle giocate, perché comunque partiva da sfavorita e per poco non buttava fuori i favoriti imbrigliandoli tatticamente per un'ora almeno. Un capolavoro sarebbe stato. È stato, risultato alla mano, un capolavoro a metà. Ma alla Juve possono comunque andarne orgogliosi perché questi risultati sono figli del lavoro, della serietà e della programmazione. Non a caso si vincono 4 scudetti consecutivi, non a caso si lotta per il quinto, non a caso si arriva a una finale di Champions e non a caso l'anno successivo si arriva a 60 secondi dall'eliminare il Bayern in casa sua. È andata male. Ma rimane una base buona, anzi ottima, su cui continuare. A cominciare da Allegri che conviene blindare il prima possibile perché al di là delle convinzioni personali sulla gestione della partita in Germania ha dimostrato ancora una volta di avere uno stile personale, valido, vincente e scanzonato. Uno da top, da supertop.
Non è un caso neanche l'ottimo lavoro di Sarri, che finora in campionato si sta inchinando soltanto di fronte a questa Juve e che ha ancora nove partite per dimostrare che si può anche batterla. Bisogna essere suoerlativi, ma si può fare. Certo la botta alla caviglia di Higuain ha fatto paura eccome. Ma a Napoli sono ottimisti che non c'è nulla e che il Pipita sarà disponibile sin dalla prossima partita contro il Genoa. Magari meglio aspettare per essere sicuri al 100%, ma almeno (sospiro di sollievo) l'infortunio non è grave. Sarri potrà contare su di lui e De Laurentiis potrà contare su Sarri. Previsto un incontro nei prossimi giorni: la permanenza dell'allenatore è scontata e forse lo è anche un aumento di stipendio. Magari non fino a dove spera Sarri (2 mln), magari qualcosa in meno, ma De Laurentiis sa che con Sarri può andare lontano giocando bene e lo vuole comunque gratificare.
Chi invece non vorrebbe ascoltare più nulla sulle proprie decisioni è Pallotta. Ha espresso anche in pubblico la sua posizione, dopo averla espressa allo stesso Totti. Ora però situazione è che il Capitano vorrebbe fare almeno un'altra stagione da giocatore, e che lo stesso Pallotta a più riprese, di fatto, ha detto che decide il giocatore. Ci aspettiamo quindi un altro anno di Totti con la 10 sulle spalle. Obiettivamente è difficile dirlo, io non mi sbilancio. Non so quanto forte sia la convinzione di Pallotta: è questo quello che farà la differenza. L'unica cosa (brutta) e che quando giocatori come Totti arrivano a questo punto della carriera ci sono sempre frizioni (anche mediatiche) con la società: come se uno facesse ombra all'altro e viceversa...
Impossibile infine non parlare di Nazionale, perché la ricerca del nuovo ct è iniziata ufficialmente da 48 ore. Tavecchio ha ufficializzato quelli che tutti ormai sapevamo (in realtà ora manca solo l'ultimo tassello dall'Inghilterra): Conte al Chelsea. E ha anche tracciato la strada per l'identikit del nuovo commissario tecnico azzurro.
Si sa che la comunicazione non è il punto forte di Tavecchio e lo slogan che è venuto fuori dalla conferenza stampa è meno soldi e meno poteri. Non certo invitante come programma. Chi invece ha ascoltato tutta la conferenza stampa ha avuto la possibilità di capire meglio che Tavecchio non ha voluto sminuire nulla (né il lavoro di Conte né tantomeno quello del suo successore) cercando di far capire che si cerca un profilo di grande spessore, di esperienza con magari meno risorse economiche a disposizione ma comunque di un certo livello e in grado di poter guidare l'intero movimento calcistico.
I veri paletti sono altri (al di là dell'ingaggio che non sarà comunque da disprezzare sebbene il sacrificio fatto per Conte difficilmente sarà ripetibile): intanto la Figc vuole un allenatore in grado di abbracciare un progetto di 4 anni, senza guardare troppo ai risultati e soprattutto alle sirene che possono venir fuori durante il quadrienno azzurro. E poi costruire uno staff federale. In maniera tale da non essere costretti come ora a cambiare 8 allenatori o collaboratori tutti insieme (tanti ne conta in questo momento l'attuale ct) ma avere una base fissa di fiducia e di continuità.
Il primo nome su quale l'Italia sta puntando è quello di Donadoni. È cresciuto ancora rispetto alla precedente esperienza, ha ancora più qualità, ha dimostrato di sapersi destreggiare alla grande in situazioni difficili e di tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Il problema è che è sotto contratto con il Bologna. I primi contatti informali ci sono stati ma la Figc non vuole assolutamente andare allo scontro con nessuno. Quindi se per Donadoni non ci sono problemi ok, altrimenti si cambia obiettivo. E la pista - ci verrebbe da dire - parallela è quella di Capello. Il suo valore non si discute, la sua esperienza neanche. Bisognerà capire la sua disponibità concreta al di la delle parole di circostanza pronunciate in tv. Di sicuro sarebbe una soluzione affascinante.
Più defilati gli altri: da Mancini (l'Inter ha detto che punterà su di lui), Ranieri (difficile fargli lasciare l'Inghilterra ora), Cannavaro (poca esperienza internazionale) o quelli già liberi come Mazzarri o Prandelli.
E poi la Figc ha un po' di fretta. Vorrebbe chiudere prima dell'Europeo. Per non distrarre la Nazionale (anzi l'opinione pubblica) su questo tema. Conte non mollerà neanche un centimetro, nonostante già conosca il suo futuro. Non è uno che si lascia andare: anzi andrà ancora più forte. E allora non ci saranno problemi se già si saprà il nome del successore, anzi. Sarebbe ancora meglio, tutti concentati sull'Europeo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.