HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Ottovolante Juve, prima in paradiso poi in purgatorio. Napoli e Sarri, Roma e Totti e poi la Nazionale...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
17.03.2016 06.51 di Luca Marchetti  articolo letto 33703 volte
Ottovolante Juve, prima in paradiso poi in purgatorio.  Napoli e Sarri, Roma e Totti e poi la Nazionale...

Così fa ancora più male, perché la Juve è stata a soli 60 secondi dal capolavoro. Ad avere sulle spalle l'errore è Evra, uno di quelli che nella gestione Allegri ha sempre portato una mentalità vincente assolutamente fuori dal comune. Ora tutti avranno la loro spiegazione per la rimonta dei tedeschi. La nostra opinione è che 60 secondi hanno cambiato tutto. Tutti erano pronti a celebrare il capolavoro di Allegri che senza 4 titolari aveva fatto saltare il banco, ora tutti pronti a dire che invece ha sbagliato i cambi e che non ha completato l'opera. Ci vuole equilibrio, invece. Per 60 secondi: dalla gloria al purgatorio. La Juventus per quanto ha dimostrato sia in Germania che a Torino avrebbe meritato un'altra sorte. Avrebbe meritato il passaggio del turno: per il coraggio, per la qualità delle giocate, perché comunque partiva da sfavorita e per poco non buttava fuori i favoriti imbrigliandoli tatticamente per un'ora almeno. Un capolavoro sarebbe stato. È stato, risultato alla mano, un capolavoro a metà. Ma alla Juve possono comunque andarne orgogliosi perché questi risultati sono figli del lavoro, della serietà e della programmazione. Non a caso si vincono 4 scudetti consecutivi, non a caso si lotta per il quinto, non a caso si arriva a una finale di Champions e non a caso l'anno successivo si arriva a 60 secondi dall'eliminare il Bayern in casa sua. È andata male. Ma rimane una base buona, anzi ottima, su cui continuare. A cominciare da Allegri che conviene blindare il prima possibile perché al di là delle convinzioni personali sulla gestione della partita in Germania ha dimostrato ancora una volta di avere uno stile personale, valido, vincente e scanzonato. Uno da top, da supertop.
Non è un caso neanche l'ottimo lavoro di Sarri, che finora in campionato si sta inchinando soltanto di fronte a questa Juve e che ha ancora nove partite per dimostrare che si può anche batterla. Bisogna essere suoerlativi, ma si può fare. Certo la botta alla caviglia di Higuain ha fatto paura eccome. Ma a Napoli sono ottimisti che non c'è nulla e che il Pipita sarà disponibile sin dalla prossima partita contro il Genoa. Magari meglio aspettare per essere sicuri al 100%, ma almeno (sospiro di sollievo) l'infortunio non è grave. Sarri potrà contare su di lui e De Laurentiis potrà contare su Sarri. Previsto un incontro nei prossimi giorni: la permanenza dell'allenatore è scontata e forse lo è anche un aumento di stipendio. Magari non fino a dove spera Sarri (2 mln), magari qualcosa in meno, ma De Laurentiis sa che con Sarri può andare lontano giocando bene e lo vuole comunque gratificare.
Chi invece non vorrebbe ascoltare più nulla sulle proprie decisioni è Pallotta. Ha espresso anche in pubblico la sua posizione, dopo averla espressa allo stesso Totti. Ora però situazione è che il Capitano vorrebbe fare almeno un'altra stagione da giocatore, e che lo stesso Pallotta a più riprese, di fatto, ha detto che decide il giocatore. Ci aspettiamo quindi un altro anno di Totti con la 10 sulle spalle. Obiettivamente è difficile dirlo, io non mi sbilancio. Non so quanto forte sia la convinzione di Pallotta: è questo quello che farà la differenza. L'unica cosa (brutta) e che quando giocatori come Totti arrivano a questo punto della carriera ci sono sempre frizioni (anche mediatiche) con la società: come se uno facesse ombra all'altro e viceversa...
Impossibile infine non parlare di Nazionale, perché la ricerca del nuovo ct è iniziata ufficialmente da 48 ore. Tavecchio ha ufficializzato quelli che tutti ormai sapevamo (in realtà ora manca solo l'ultimo tassello dall'Inghilterra): Conte al Chelsea. E ha anche tracciato la strada per l'identikit del nuovo commissario tecnico azzurro.
Si sa che la comunicazione non è il punto forte di Tavecchio e lo slogan che è venuto fuori dalla conferenza stampa è meno soldi e meno poteri. Non certo invitante come programma. Chi invece ha ascoltato tutta la conferenza stampa ha avuto la possibilità di capire meglio che Tavecchio non ha voluto sminuire nulla (né il lavoro di Conte né tantomeno quello del suo successore) cercando di far capire che si cerca un profilo di grande spessore, di esperienza con magari meno risorse economiche a disposizione ma comunque di un certo livello e in grado di poter guidare l'intero movimento calcistico.
I veri paletti sono altri (al di là dell'ingaggio che non sarà comunque da disprezzare sebbene il sacrificio fatto per Conte difficilmente sarà ripetibile): intanto la Figc vuole un allenatore in grado di abbracciare un progetto di 4 anni, senza guardare troppo ai risultati e soprattutto alle sirene che possono venir fuori durante il quadrienno azzurro. E poi costruire uno staff federale. In maniera tale da non essere costretti come ora a cambiare 8 allenatori o collaboratori tutti insieme (tanti ne conta in questo momento l'attuale ct) ma avere una base fissa di fiducia e di continuità.
Il primo nome su quale l'Italia sta puntando è quello di Donadoni. È cresciuto ancora rispetto alla precedente esperienza, ha ancora più qualità, ha dimostrato di sapersi destreggiare alla grande in situazioni difficili e di tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Il problema è che è sotto contratto con il Bologna. I primi contatti informali ci sono stati ma la Figc non vuole assolutamente andare allo scontro con nessuno. Quindi se per Donadoni non ci sono problemi ok, altrimenti si cambia obiettivo. E la pista - ci verrebbe da dire - parallela è quella di Capello. Il suo valore non si discute, la sua esperienza neanche. Bisognerà capire la sua disponibità concreta al di la delle parole di circostanza pronunciate in tv. Di sicuro sarebbe una soluzione affascinante.
Più defilati gli altri: da Mancini (l'Inter ha detto che punterà su di lui), Ranieri (difficile fargli lasciare l'Inghilterra ora), Cannavaro (poca esperienza internazionale) o quelli già liberi come Mazzarri o Prandelli.
E poi la Figc ha un po' di fretta. Vorrebbe chiudere prima dell'Europeo. Per non distrarre la Nazionale (anzi l'opinione pubblica) su questo tema. Conte non mollerà neanche un centimetro, nonostante già conosca il suo futuro. Non è uno che si lascia andare: anzi andrà ancora più forte. E allora non ci saranno problemi se già si saprà il nome del successore, anzi. Sarebbe ancora meglio, tutti concentati sull'Europeo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.