VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Pagellone di fine mercato: i voti ai 20 club di serie A, dopo la sessione invernale. Un mezzo disastro, quasi per tutti

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
03.02.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 58538 volte
Pagellone di fine mercato: i voti ai 20 club di serie A, dopo la sessione invernale. Un mezzo disastro, quasi per tutti

I presupposti sono due. Il primo: non ci sono soldi e non scopriamo certo l'America noi il 3 febbraio 2014. Il secondo: i nostri direttori sono scarsi, pensano ai propri interessi, ai loro giri con gli amici procuratori ed i presidenti non si rendono conto che tra poco li lasceranno in mutande. Gennaio è stato un disastro, quasi per tutti. Ci sono i club coerenti che hanno fatto pochi movimenti perché - giustamente - in inverno si chiama mercato di riparazione e chi voleva riparare, invece, ha fatto ancora più guai. Andiamo a giudicare i singoli casi.

Atalanta, voto 6,5
Società seria ed organizzata. A gennaio puntella la squadra e ad inizio febbraio ha quasi raggiunto la salvezza, obiettivo stagionale. Ottimi gli inserimenti di Estigarribia e Benalouane. Marino si presenta anche con una scommessa per il futuro: Bentancourt. Ottimo investimento sulla metà del giovane Emmanuello della Juventus.

Bologna, Voto 5
Rischia seriamente di retrocedere, la confusione societaria non aiuta. Parla cinese con i cinesi e non capisce cosa fare con Diamanti. Mercato anonimo, senza soldi e senza un direttore sportivo. Zanzi era un ottimo segretario, il mercato lo dovrebbe fare chi ha competenza.

Cagliari, Voto 6
Non è un mercato da protagonista ma si rinforza con l'ex viola Vecino. Cede Agazzi e non si trascina fino a giugno. Prende Bastrini dal Novara ma serve come un filetto ben cotto la notte di Natale. Pessima gestione di Adan: arriva e se ne va in due settimane. Saluta Radja ed indebolisce il centrocampo. Tutto questo ha un senso, perché meglio fare cassa ora con la salvezza a portata di mano che cedere tutto e tutti a giugno facendo confusione. Sufficienza piena per Salerno e Cellino.

Catania, Voto 5,5
Parte bene con il ritorno di Ciccio Lodi ma finisce tutto lì. Ripetiamo per la millesima volta che il problema, a Catania, non sono né i calciatori né l'allenatore. Manca una guida societaria e Pulvirenti sta giocando con il fuoco. La serie B è dietro l'angolo e non è stato fatto nulla per evitarla.

Chievo Verona, Voto 5,5
Sartori non è più quello di qualche anno fa. Molte scommesse perse ed una situazione che rischia di sfuggirgli dalle mani. Per fortuna ci sono società messe peggio, altrimenti, avrebbe dormito poche ore a notte. Canini, Agazzi, Obinna e Guarente. Sembra un minestrone. Corini non ha migliorato di molto la posizione che il Chievo aveva con Sannino.

Fiorentina, Voto 6
Diakitè serve a poco; uno che cambia tre squadre in sei mesi non lascia, evidentemente, il segno. Stesso si potrebbe dire per Matri ma qui è l'eccezione dettata dalla sfortuna degli infortuni. Società seria e premurosa, giustamente, fa poco a gennaio perché ha poco da rinforzarsi. I botti si fanno in estate ed a Firenze seguono le istruzioni.

Genoa, Voto 6,5
Dovevano rimediare ai disastri di Delli Carri. Già con Gasperini la squadra ha migliorato il suo trend, nonostante le ottime capacità di Liverani ma gente come De Ceglie, Motta e Burdisso ti cambia faccia alla difesa. Non vende Antonelli e Gilardino e, quest'anno, non si ridurrà all'ultima giornata per festeggiare la salvezza. I problemi sono altri: economici e societari.

Inter, Voto 5
4 alla pagliacciata Guarin, 6,5 all'operazione Hernanes. Thohir, finalmente, sta per congedare Branca, il quale all'Inter ha fatto tanti disastri e poche operazioni sensate. L'Inter vada avanti con Ausilio e non se ne pentirà. Manca un buon direttore generale che faccia da guida finanziaria ad Ausilio, il quale deve occuparsi di aspetti tecnici. Più che un Oriali a questo club manca un Paolillo. Oriali era un'ottima bandiera da sventolare in tempi di gloria, Paolillo era uno che risolveva i problemi. Povero Mazzarri, dove sei finito...

Juventus, Voto 7,5
Il giorno dopo la chiusura del mercato volavano 7 e 8 a Galliani per aver condotto 10 operazioni a costo zero. A Marotta non hanno dato neanche un 6 quando senza soldi ha portato via, proprio a Galliani, un certo Pirlo e, incurante degli ottimi rapporti Milan-Raiola, si è messo in tasca Pogba. Anche qui, se non sbaglio, Marotta chiuse le operazioni a zero euro. Ma a livello mediatico il buon Beppe non ha lo stesso traino di altri suoi colleghi. Aveva chiuso un capolavoro con l'Inter, Vucinic-Guarin. Zitto zitto si è portato a casa Osvaldo e ha già lavorato per il futuro. Potrebbe dare lezione a Coverciano a molti sapientoni.

Lazio, Voto 4
Reja si lamenta del fatto che 10 calciatori abbiano rifiutato la Lazio... Chi semina vento, raccoglie tempesta, Edy.

Livorno, Voto 6
La sufficienza per aver convinto Belfodil. Per il resto poche operazioni per una squadra che avrebbe avuto bisogno di un completo lifting. Capozucca lavora bene ma Spinelli se ne vuole andare. E così non si va lontano.

Milan, Voto 5,5
In Italia se fai 10 operazioni sei un fenomeno e ti prendi i 7 in pagella, se ne fai 2-3 ti becchi un 4 o un 5 perché hai lavorato poco. Ma, fare mercato a gennaio, vuol dire essere in emergenza. Il vero valore deve emergere in tempi di vacche magre. Arriva Essien, del quale si ignorano le reali condizioni fisiche. È stato portato a Milano Honda per fare marketing, ma il marketing senza l'Europa servirà a poco. Rami è un buon calciatore ma da solo non risolve i problemi della difesa. Taarabt ha delle potenzialità, finora inespresse, ma in uno spogliatoio dove c'è Balotelli, Taarabt potrebbe fare corto circuito. Il campo è giudice e il tempo è galantuomo. Questa squadra non andrà lontano.

Napoli, Voto 5,5
Il buon Rafa non è contento del mercato ma anche noi non siamo contenti del buon Rafa. Come la mettiamo? I metodi di Benitez li discutiamo da luglio ed i risultati del Napoli sono sotto gli occhi di tutti. Non vince in casa con Chievo, Parma, Udinese e Sassuolo e a Bergamo rimedia tre ceffoni. Napoli è diventato un porto di mare. Cannavaro deve fuggire, il patrimonio Hamsik lo sta gettando a mare. Non parlateci della semifinale di Coppa Italia, della bella figura in Champions perché non ci caschiamo. Quest'anno il Napoli doveva puntare allo scudetto ed al salto di qualità, invece, dovrà lottare fino all'ultima giornata per andare a fare un misero preliminare di Champions League. Ottimo colpo Jorginho. Stop!

Parma, Voto 6,5
Come sempre 1.200 operazioni e Leonardi, ancora, tra i protagonisti del mercato. Non mancano le idee al Dg dei ducali, il quale imposta ed inventa operazioni. Il campo gli dà pienamente ragione e lui rinforza la squadra con gli innesti di Molinaro, Pozzi e Schelotto.

Roma, Voto 7
Non aveva bisogno di intervenire in maniera drastica ma Sabatini ha lavorato bene, rinforzando ulteriormente la rosa. Ottimo colpo Nainggolan, benissimo Toloi, qualche dubbio sulle condizioni di Bastos e molta curiosità per Berisha. Tanto di cappello. La Roma sta tornando. Daje...

Sampdoria, Voto 6
Serviva una punta e Maxi Lopez rinforza il reparto offensivo blucerchiato. Okaka potrà dare il suo contributo. Mercato che ripara e non distrugge. Buone mosse da parte di Osti, Pavone e Sagramola.

Sassuolo, Voto 5
Sì, andiamo controcorrente e vogliamo beccarci gli insulti ma non riteniamo da 7 il mercato del Sassuolo. Vi spieghiamo i motivi, pur riconoscendo il grandissimo lavoro quantitativo svolto dagli Squinzi's boys. Primo: se cambi tutta la squadra a gennaio hai bisogno almeno di due mesi per farla rodare e ad aprile, signori cari, il campionato sarà finito. Secondo: cambiare 12 calciatori in un mese, più l'allenatore, è un delitto. Terzo: se questa squadra fosse stata allestita in estate, allora, avremmo messo 7 al Sassuolo. I calciatori sono, indubbiamente, di qualità ma manca un frullatore e abbiamo chiuso l'opera. Un industriale come Squinzi non può pensare di fare calcio con gente datata che il meglio lo ha già dato negli anni passati e non investire sugli immobili. Ok, compri lo stadio di Reggio Emilia ma se investi sul Sassuolo e porti in serie A il Sassuolo devi giocare a Sassuolo. In questi anni ne avrebbe costruiti due di stadi; bastava un progetto e la volontà. Ultima cosa: il Sassuolo meriterebbe un decimo dei diritti tv che percepisce oggi dalla Lega. Uno stadio vuoto, per le immagini tv, è un danno e non un merito da retribuire.

Torino, Voto 6,5
Giustamente ha lavorato bene in estate e non ha bisogno di grandi stravolgimenti a gennaio. Investe su giovani per il futuro e si gode questa strepitosa annata. Attenzione: più che pensare all'Europa, il Toro deve continuare a seminare per evitare brutte sorprese in futuro. Quello che importa è il ciclo, non l'exploit nel singolo anno.

Udinese, Voto 6
Due cessioni al Watford, un paio di arrivi dal Granada e nulla più. Chi mette 4,5 o 5 al mercato dell'Udinese ancora non ha capito che, se dipendesse da Gino Pozzo, il mercato invernale lo potrebbero anche abolire. L'Udinese lavora in estate e non ha bisogno di operare e riparare a gennaio. Come volevasi dimostrare non chiude e non apre operazioni importanti sui suoi big. Una semifinale di Coppa Italia con vista sull'Europa e una salvezza abbondantemente alla portata. Da manuale del calcio, per Cellino e Zamparini, il comportamento di Gianpaolo Pozzo su Francesco Guidolin. Così si tutela un allenatore.

Verona Voto 6
Marquinho in prestito dalla Roma, la scommessa Rabusic e qualche cessione importante per fare cassa al momento opportuno. Il lavoro di Sogliano a Verona è encomiabile. Un po' meno quello che sta facendo a La Spezia...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.