VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Parlano i cinesi del Milan. Tavecchio si ricandida e affossa la riforma. Juve, Witsel e N’Zonzi. Roma più matura del Napoli

23.12.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23640 volte
© foto di Federico De Luca

Alla faccia dei gufi, delle vedove di Galliani e degli avvelenatori di pozzi, la cessione del Milan si farà. I mestatori hanno lavorato per mesi nel tentativo di far saltare tutto, mettendo in giro dubbi, sperando di scatenare ripensamenti, ma Sino Europe Sports va avanti decisa. Il closing si farà entro febbraio con comunicazione il tre marzo. Ieri è tornato a parlare Yanghong Li, il presidente di Ses, confermando tutto quello che realisticamente avevamo ipotizzato e scritto in tutti questi mesi. Bene. Yanghong, oltre a confermare che il gruppo degli investitori c’è, è solido e pronto, ha messo a tacere tutte le voci su presunte difficoltà nel reperimento delle risorse. Secondo lui sono state raccolte addirittura cifre superiori a quelle necessarie per pagare il Milan e coprire il forte debito che ammonta a quasi trecento milioni di euro. Il ritardo nel closing, come avevamo detto fra l’ironia dei gufi, è semplicemente dovuto alle nuove norme del governo cinese per quel che riguarda l’esportazione di valuta. C’è fiducia che la pratica sia evasa nei prossimi due mesi, altrimenti Ses ha in mano una soluzione alternativa per comprare comunque il Milan alla data prevista. Ciliegina, Yanghong ha pure annunciato che ci saranno massicci investimenti futuri per far tornare il Milan subito grande, mentre per stasera è stato finanziato un premio in caso di vittoria. La cordata cinese vuol far subito sul serio e cominciare a vincere.

Non sarà semplice. La Juve è più forte e in condizioni di forma strepitose, almeno per quanto visto con la Roma, mentre il Milan rispetto allo scontro in campionato, è in debito di energie e in panchina i ricambi sono pochi. C’è però la storia dell’aereo in ritardo, la rabbia del Milan e la rilassatezza della Juve possono fare una bella differenza. Le motivazioni a volte sono decisive. Certo gli organizzatori del Qatar non hanno fatto una bella figura e qui mi chiedo se un pugno di petrodollari facciano il bene o il male del calcio italiano. Questa Supercoppa giocata all’estero ha poco senso. Già fatichiamo a portare gente negli stadi, c’è scarso interesse per il momento difficile del nostro calcio e invece di fidelizzare i nostri tifosi, si va a fare proselitismo all’estero. Ma una bella finale doppia, andata-ritorno, giocata magari durante le feste di Natale a tre giorni di distanza, non avrebbe portato grandi incassi e grande interesse in Italia?

Questa partita a fusione fredda, di pomeriggio, non sarà emozionante per nessuno. Il calcio italiano deve imparare a vendersi meglio all’estero come fanno gli inglesi, a cominciare dai diritti televisivi, ma non portando oltre confine gli eventi. Galliani porterebbe all’estero anche gare di campionato, allora tanto varrebbe fare la famosa superlega europea fra le grandi del continente.

Comunque la grande assente è sempre la Lega calcio italiana che invece di essere agente attiva e promoter di sé stessa, vive di riflesso, è passiva di fronte alle offerte che arrivano, cinesi o arabe che siano. Niente di nuovo. E niente di nuovo anche nelle sorprendenti parole di Tavecchio che a proposito della riforma dei campionati che era nel suo programma elettorale, ora se ne lava le mani e si domanda: chi lo dice alle due società in più in serie A che devono retrocedere?

E chi se non il presidente federale, rispondiamo noi? E chi se non il movimento che si deve modernizzare? Semplicemente Tavecchio è già in campagna elettorale, alla faccia del bene del calcio. Per chi non l’avesse capito, il Presidentino si è già ricandidato alla Figc e sta cercando grandi elettori e consensi, a cominciare dalla Lega di A e dall’assocalciatori che la riforma la guardano con sospetto.

Tornando alla gara di Doha, la Juventus è la favorita, sta chiudendo un anno straordinario, ma non si ferma. Marotta ha annunciato Caldara (resterà a Bergamo), ma presto chiuderà anche per Witsel. Riaperta anche la pista N’Zonzi. Vendendo Zaza al Valencia, la Juve si può permettere di pagare al Siviglia la clausola da quasi 30 milioni e il giocatore si sta convincendo. Unico freno: non potrà giocare in Champions. Ma Witsel sì.

Intanto in Italia si è giocata la diciottesima di campionato. Per il secondo posto tra Roma e Napoli, la squadra di Spalletti ha dimostrato di essere più matura nella gestione delle gare. I giallorossi in svantaggio hanno recuperato e vinto con intelligenza, soffrendo il giusto e aspettando il momento giusto per colpire il Chievo. Il Napoli, invece, gioca un calcio bellissimo (Insigne al massimo), ma non ha nel suo dna la gestione delle gare. Deve sempre andare al massimo e ieri sera era meno intenso. Due volte in vantaggio non ha saputo né chiudere, né controllare la partita, rischiando di perdere. E se è vero che la Fiorentina ha giocato una gara fantastica con un Bernardeschi che merita più di otto in pagella (semplicemente meraviglioso uomo squadra), è altrettanto vero che una squadra che vuole provare a vincere qualcosa come il Napoli, deve sapere anche rallentare, gestire, aspettare. Comunque la Juve può stare tranquilla, le sfidanti non sono perfette.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.