HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Parma: Manenti come Ghino di Tacco. Inter meno 480: ma il processo è al Milan. Juve: Allegri rischia il marzo 2012. Mercato: Juve, Neto supera Scuffet e Donadoni verso Bologna

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
07.03.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 29793 volte

C'era una volta il pentapartito e per polemizzare con l'alfiere mediatico della sinistra dc, Bettino Craxi scelse come pseudonimo proprio il nome del rampollo di Radicofani che gli era stato affibbiato dall'avversario. Circa ventisei anni dopo, ecco Parma. Niente Boccaccio e niente conti ghibellini. Ma in termini di rendite di posizione siamo lì. I partiti anche qui sono cinque: i giocatori del Parma, la Lega, la Figc, il comune di Parma rappresentato dal sindaco Pizzarotti (complimenti sinceri) e Manenti. Quattro delle cinque parti si riconoscono dignità di interlocutori. La quinta è al crocicchio delle strade, proprio come Ghino. Pronta a sfruttare la sua rendita di posizione. E come la dogana di Troisi e Benigni. Per passare bisogna pagare, almeno un fiorino. Insomma, quei 5 milioni della Lega dateli subito e direttamente al Parma della gente e dello sport, ovvero in primis ai suoi dipendenti e collaboratori, senza fornire troppi particolari. Che se Ghino sbarra il crocicchio, fanno una brutta fine anche quelli...

Un giorno la UEFA fa trapelare 8 milioni di multa all'Inter, blocco controllato del mercato e rosa ridotta. Ma ti rispondono, pensa a Torres (il Milan gli ha pagato 4 mesi di stipendio, da settembre a dicembre, a luglio e agosto aveva provveduto il Chelsea) e a Van Ginkel (fatte le pulci a 400.000 euro che il Milan non dovrà mai sborsare per via dei lunghi periodi di infortunio del ragazzo), che noi stiamo vendendo le  magliette e aspettiamo fior di soldi dalle cessioni di Alvarez, Taider e Bonazzoli (!). Il giorno dopo, la Gazzetta pubblica le cifre dei disavanzi della stagione sportiva 2013-2014, ovvero la situazione di bilancio, e scopri che l'Inter è a meno 102 milioni di euro, dopo il meno 82 milioni della stagione 2012-2013, Non solo: il debito consolidato negli anni con le banche è di 360 milioni di euro. totale: meno 462 milioni. Mentre il Milan del geometra incompetente che non si decide a fare il bravo bambino e non prende il direttore sportivo, sugli stessi parametri è a meno 260 milioni: meno 15 disavanzo gestione sportiva 2013-14 (l'anno prima disavanzo meno 7 milioni), meno 244 debito. Alle prossime puntate, le prossime risposte che speriamo non siano in vacca, ma nel merito, sui contenuti. Ma sia quel che sia quel che ci diranno, 260 è poco più della metà di 460, la metà! Niente punti esclamativi, meglio una domanda. Ma prima o poi se ne parlerà dei rischi che corre l'Inter se non va in Champions League? Non Europa League. Champions League, letto bene, E sia ben chiaro, l'avversario lo si gufa ma non gli si augura mai il peggio. Quando qualche tifoso un po' alticcio ci rinfaccia il piano Marshall che avevamo invocato proprio su queste colonne per la Juventus post-Calciopoli dei due settimi posti, si sappia che siamo pronti a chiederlo anche domattina per l'Inter. Lunga vita all'avversario, senza il grande e tradizionale avversario muore l'emozione. Ma il gioco in cui, purtroppo, stanno cadendo tanti tifosi rossoneri in buona fede è quello del giornalista interista che non perde occasione per infierire sul Milan in qualunque sede per dividere il fronte rivale e soprattutto per tenere lontana e sopita la discussione su numeri di conto economico allarmanti e abnormi. Scritto, adesso, in tempi non sospetti: numeri allarmanti e abnormi, con la speranza sincera e a cuore aperto di essere smentiti. Analisi lucide, amici rossoneri, quelle del giornalista interista? No, analisi furbe. Il 2015 del Milan è brutto e da polli e non c'è bisogno del luminare per sancirlo, ma andare a ripararsi sotto le tende subdole dell'avversario è perfettamente in linea con le prestazioni del Milan sul campo nell'anno, ahinoi, nuovo.

Non succederà, perché in questo momento la Juventus di Allegri non sembra avere lo stesso avversario che tre anni fa aveva il suo Milan, e cioè la Juventus di Conte. Ma l'1-2 di Coppa Italia contro la Fiorentina in casa è lo stesso risultato che Allegri fece in casa con il Milan contro la Juventus nella Semifinale di Andata della stessa Coppa del 2012. Anche allora, la squadra di Allegri era prima in classifica e in corsa negli Ottavi di Champions League dopo la gara di andata. Poi, un infortunio (e stanno capitando) dopo l'altro e un contrattempo dopo l'altro, la stagione del Milan 2011-2012 finì molto male. La Juventus oggi ha più certezze e meno avversario in Campionato, ma se dovesse avere anche a Dortmund le amnesie e i cali di energia di certi momenti dell'Olimpico e di tutta la gara dello Stadium, l'1.2 sta anche un po' stretto alla Viola, ecco che lo Scudetto, pur importante e meritato, non verrebbe celebrato con l'entusiasmo delle vittorie migliori. E un tecnico che ha esperienze importanti alle spalle come Allegri, non può non metterlo in preventivo.

Su queste colonne avevamo scritto dell'ipotesi Scuffet alla Juventus. Il giovane udinese ha bisogno di maturare e nel domino delle opportunità di mercato, Neto ha messo la freccia. E la prestazione di Neto in coppa Italia a Torino con la maglia della Fiorentina è l'unica consolazione per i tifosi bianconeri. Capitolo allenatori: Roberto Donadoni, cui nessuno si è preso la briga di dire di andare a bordo perché lui a bordo del Parma c'è sempre stato, è atteso pochi chilometri più in là. A Bologna c'è un bel progetto e a Serie A ottenuta, le Due Torri vorrebbero proprio affidarsi proprio a Donadoni che al Dall'Ara ha vinto una Supercoppa Europea nel 1990 con il Milan e segnato, sempre con il Milan, una delle più belle doppiette della sua carriera contro il Torino nel 1995.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.