VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Parma: Manenti come Ghino di Tacco. Inter meno 480: ma il processo è al Milan. Juve: Allegri rischia il marzo 2012. Mercato: Juve, Neto supera Scuffet e Donadoni verso Bologna

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
07.03.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 29795 volte

C'era una volta il pentapartito e per polemizzare con l'alfiere mediatico della sinistra dc, Bettino Craxi scelse come pseudonimo proprio il nome del rampollo di Radicofani che gli era stato affibbiato dall'avversario. Circa ventisei anni dopo, ecco Parma. Niente Boccaccio e niente conti ghibellini. Ma in termini di rendite di posizione siamo lì. I partiti anche qui sono cinque: i giocatori del Parma, la Lega, la Figc, il comune di Parma rappresentato dal sindaco Pizzarotti (complimenti sinceri) e Manenti. Quattro delle cinque parti si riconoscono dignità di interlocutori. La quinta è al crocicchio delle strade, proprio come Ghino. Pronta a sfruttare la sua rendita di posizione. E come la dogana di Troisi e Benigni. Per passare bisogna pagare, almeno un fiorino. Insomma, quei 5 milioni della Lega dateli subito e direttamente al Parma della gente e dello sport, ovvero in primis ai suoi dipendenti e collaboratori, senza fornire troppi particolari. Che se Ghino sbarra il crocicchio, fanno una brutta fine anche quelli...

Un giorno la UEFA fa trapelare 8 milioni di multa all'Inter, blocco controllato del mercato e rosa ridotta. Ma ti rispondono, pensa a Torres (il Milan gli ha pagato 4 mesi di stipendio, da settembre a dicembre, a luglio e agosto aveva provveduto il Chelsea) e a Van Ginkel (fatte le pulci a 400.000 euro che il Milan non dovrà mai sborsare per via dei lunghi periodi di infortunio del ragazzo), che noi stiamo vendendo le  magliette e aspettiamo fior di soldi dalle cessioni di Alvarez, Taider e Bonazzoli (!). Il giorno dopo, la Gazzetta pubblica le cifre dei disavanzi della stagione sportiva 2013-2014, ovvero la situazione di bilancio, e scopri che l'Inter è a meno 102 milioni di euro, dopo il meno 82 milioni della stagione 2012-2013, Non solo: il debito consolidato negli anni con le banche è di 360 milioni di euro. totale: meno 462 milioni. Mentre il Milan del geometra incompetente che non si decide a fare il bravo bambino e non prende il direttore sportivo, sugli stessi parametri è a meno 260 milioni: meno 15 disavanzo gestione sportiva 2013-14 (l'anno prima disavanzo meno 7 milioni), meno 244 debito. Alle prossime puntate, le prossime risposte che speriamo non siano in vacca, ma nel merito, sui contenuti. Ma sia quel che sia quel che ci diranno, 260 è poco più della metà di 460, la metà! Niente punti esclamativi, meglio una domanda. Ma prima o poi se ne parlerà dei rischi che corre l'Inter se non va in Champions League? Non Europa League. Champions League, letto bene, E sia ben chiaro, l'avversario lo si gufa ma non gli si augura mai il peggio. Quando qualche tifoso un po' alticcio ci rinfaccia il piano Marshall che avevamo invocato proprio su queste colonne per la Juventus post-Calciopoli dei due settimi posti, si sappia che siamo pronti a chiederlo anche domattina per l'Inter. Lunga vita all'avversario, senza il grande e tradizionale avversario muore l'emozione. Ma il gioco in cui, purtroppo, stanno cadendo tanti tifosi rossoneri in buona fede è quello del giornalista interista che non perde occasione per infierire sul Milan in qualunque sede per dividere il fronte rivale e soprattutto per tenere lontana e sopita la discussione su numeri di conto economico allarmanti e abnormi. Scritto, adesso, in tempi non sospetti: numeri allarmanti e abnormi, con la speranza sincera e a cuore aperto di essere smentiti. Analisi lucide, amici rossoneri, quelle del giornalista interista? No, analisi furbe. Il 2015 del Milan è brutto e da polli e non c'è bisogno del luminare per sancirlo, ma andare a ripararsi sotto le tende subdole dell'avversario è perfettamente in linea con le prestazioni del Milan sul campo nell'anno, ahinoi, nuovo.

Non succederà, perché in questo momento la Juventus di Allegri non sembra avere lo stesso avversario che tre anni fa aveva il suo Milan, e cioè la Juventus di Conte. Ma l'1-2 di Coppa Italia contro la Fiorentina in casa è lo stesso risultato che Allegri fece in casa con il Milan contro la Juventus nella Semifinale di Andata della stessa Coppa del 2012. Anche allora, la squadra di Allegri era prima in classifica e in corsa negli Ottavi di Champions League dopo la gara di andata. Poi, un infortunio (e stanno capitando) dopo l'altro e un contrattempo dopo l'altro, la stagione del Milan 2011-2012 finì molto male. La Juventus oggi ha più certezze e meno avversario in Campionato, ma se dovesse avere anche a Dortmund le amnesie e i cali di energia di certi momenti dell'Olimpico e di tutta la gara dello Stadium, l'1.2 sta anche un po' stretto alla Viola, ecco che lo Scudetto, pur importante e meritato, non verrebbe celebrato con l'entusiasmo delle vittorie migliori. E un tecnico che ha esperienze importanti alle spalle come Allegri, non può non metterlo in preventivo.

Su queste colonne avevamo scritto dell'ipotesi Scuffet alla Juventus. Il giovane udinese ha bisogno di maturare e nel domino delle opportunità di mercato, Neto ha messo la freccia. E la prestazione di Neto in coppa Italia a Torino con la maglia della Fiorentina è l'unica consolazione per i tifosi bianconeri. Capitolo allenatori: Roberto Donadoni, cui nessuno si è preso la briga di dire di andare a bordo perché lui a bordo del Parma c'è sempre stato, è atteso pochi chilometri più in là. A Bologna c'è un bel progetto e a Serie A ottenuta, le Due Torri vorrebbero proprio affidarsi proprio a Donadoni che al Dall'Ara ha vinto una Supercoppa Europea nel 1990 con il Milan e segnato, sempre con il Milan, una delle più belle doppiette della sua carriera contro il Torino nel 1995.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.