HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Pause e allenatori. Rivoluzione in panchina (e non solo ora)

12.11.2015 07.25 di Luca Marchetti   articolo letto 33401 volte
© foto di Federico De Luca

Ultimo stop prima del rush di gennaio. Ultima pausa. Ultimo fermo di campionato. Aspetto la pausa, hanno detto in molti. Qualcuno per ricaricare le pile, qualcuno per cambiare allenatore. Come fosse una camicia.
Se la notizia è la Samp che cerca Montella a tutti i costi (anzi un costo ce l'ha: più o meno 3 milioni di euro da pagare in qualche modo con qualche soluzione) non sarebbe una notizia che Zamparini cambia.
Invece lo è. Lo è per diversi motivi. Ma dobbiamo necessariamente fare una premessa: il padrone è Zamparini e può fare quello che vuole con il suo Palermo. Tanto più che i risultati li ha sempre ottenuti anche con le sue modalità non sempre condivise.
Ma è riuscito a sorprendere anche stavolta. Intanto perché l'esonero è arrivato dopo una vittoria (episodio rarissimo nel calcio). Poi perché la squadra era palesemente con l'allenatore: lo testimoniano i messaggi d'affetto sui social network dei senatori. Il Palermo ha gli stessi punti dell'anno scorso e una squadra meno forte. È pronto già a vendere i giocatori più forti (vedi Vazquez al Milan, che i rossoneri vorrebbero bloccare e comprare già a gennaio per giugno). E Iachini, soprattutto, è stato l'allenatore più longevo di Zamparini. Tutto questo non è bastato. Zamparini non era contento, il rapporto si era logorato, non c'era più sintonia. E così all'improvviso torna Ballardini. Tutto fatto. Senza perdere tempo. Una chiamata a Guidolin (giusto per avere la certezza che veramente non vuole tornare ad allenare) poi una a Ballardini, che dopo il 2008 torna sulla panchina rosanero. Qui non si discute il valore di Ballardini (non deve certo dimostrarlo a Palermo!) ma eventualmente le modalità di Zamparini. Secondo lui il Palermo aveva bisogno di una svolta, a livello mentale soprattutto. Vedremo se l'intuizione è stata giusta. Certo il rischio è grosso...
Anche la Samp ha aspettato la pausa. O forse la pausa è stata fra le cause della separazione con Zenga. Anche a Genova il rapporto fra Ferrero e l'ex Uomo Ragno era (nonostante le parole anche degli ultimi giorni). Scontro fra personalità, potremmo definirlo. E gli screzi c'erano stati sin dall'estate. Vi ricordate Vojovodina? Lo 0-4 in casa? Lì WZ perse molta presa sul suo presidente, c'era la vicenda Cassano ancora da definire. Lui non lo avrebbe voluto, arrivò wualche giorno dopo. E sempre Cassano è uno dei motivi di attrito. Non perché lui non si comporta male (anzi!), ma perché Zenga non lo fa allenare a livello tattico: e la Samp lo pubblica suo sito. Naturalmente non si può non tenerne conto: Cassano che vuole andare, un rapporto che non decolla, i risultati che nelle ultime due settimane non erano ritenuti soddisfacenti, il pubblico che fischia. I giorni liberi che avrebbe richiesto (e ottenuto) Zenga durante questa pausa per tornare a trovare la famiglia. Tutto questo ha spinto Ferro ad approfittare della pausa. Via Zenga, dentro? Dentro Montella. Ormai o lui oppure qualcuno ci rimarrà male. Gli altri nomi non affascinano come l'aereoplanino (Delneri, Corini), qualcuno dice anche che è stato fatto un tentativo per Mazzarri (con l'aiuto economico dell'Inter visto che guadagna oltre 3 milioni). L'ostacolo lo sappiamo tutti è la clausola: ormai è troppo esposto il nome. Su questo fa leva la Fiorentina, irritando la Samp. La soluzione la vogliono trovare entrambi: magari con la promessa d'acquisto di qualche giocatore già a gennaio. Si lavora ad oltranza, ma le sensazioni ad oggi non sono così positive. Montella avrebbe un grande vantaggio: oltre ad allenare una squadra dalle buone potenzialità, non avrebbe più il vincolo con la Fiorentina la prossima estate. Quando potrebbe partire un bel domino... E questo non va molto a genio a Firenze. La situazione è di stallo completo e ora i blucerchiati valutano anche altre strade. La più concreta è quella che porta a Guidolin (che ha detto di no al Palermo dicendo che non avrebbe allenato, vale lo stesso pure per Genova o no?). Vedremo...
La terza storia di allenatori nella pausa è quella del Verona. Mandorlini rimane, con l'appoggio della società, con tanto di comunicato stampa. Certo, la riflessione c'è stata e l'idea di cambiare i dirigenti del Verona l'hanno avuta. Altrimenti sarebbero dei pazzi. Ma evidentemente si sono sincerati che Mandorlini non aveva perso lo spogliatoio e che non era andato in confusione. Pesano le assenze, gli errori. Ma un allenatore che dalla Lega Pro è arrivato fino quasi all'Europa non è un brocco. E allora si continua con Mandorlini. Chiaro che i risultati devono prima o poi venire, ma la fiducia c'è. A Verona si parla moltissimo delle cause. Probabilmente, vista da fuori, è finito un ciclo. Un ciclo straordinario e forse bisognava avere il coraggio di cambiare pagina. Ma innanzi tutto non è detto che i cicli rinnovati funzionino meglio della fine dei precedenti. E soprattutto ci vogliono risorse economiche non indifferenti.
Strade divese, stessa pausa. In attesa di gennaio


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.