HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Pause e allenatori. Rivoluzione in panchina (e non solo ora)

12.11.2015 07.25 di Luca Marchetti   articolo letto 33411 volte
© foto di Federico De Luca

Ultimo stop prima del rush di gennaio. Ultima pausa. Ultimo fermo di campionato. Aspetto la pausa, hanno detto in molti. Qualcuno per ricaricare le pile, qualcuno per cambiare allenatore. Come fosse una camicia.
Se la notizia è la Samp che cerca Montella a tutti i costi (anzi un costo ce l'ha: più o meno 3 milioni di euro da pagare in qualche modo con qualche soluzione) non sarebbe una notizia che Zamparini cambia.
Invece lo è. Lo è per diversi motivi. Ma dobbiamo necessariamente fare una premessa: il padrone è Zamparini e può fare quello che vuole con il suo Palermo. Tanto più che i risultati li ha sempre ottenuti anche con le sue modalità non sempre condivise.
Ma è riuscito a sorprendere anche stavolta. Intanto perché l'esonero è arrivato dopo una vittoria (episodio rarissimo nel calcio). Poi perché la squadra era palesemente con l'allenatore: lo testimoniano i messaggi d'affetto sui social network dei senatori. Il Palermo ha gli stessi punti dell'anno scorso e una squadra meno forte. È pronto già a vendere i giocatori più forti (vedi Vazquez al Milan, che i rossoneri vorrebbero bloccare e comprare già a gennaio per giugno). E Iachini, soprattutto, è stato l'allenatore più longevo di Zamparini. Tutto questo non è bastato. Zamparini non era contento, il rapporto si era logorato, non c'era più sintonia. E così all'improvviso torna Ballardini. Tutto fatto. Senza perdere tempo. Una chiamata a Guidolin (giusto per avere la certezza che veramente non vuole tornare ad allenare) poi una a Ballardini, che dopo il 2008 torna sulla panchina rosanero. Qui non si discute il valore di Ballardini (non deve certo dimostrarlo a Palermo!) ma eventualmente le modalità di Zamparini. Secondo lui il Palermo aveva bisogno di una svolta, a livello mentale soprattutto. Vedremo se l'intuizione è stata giusta. Certo il rischio è grosso...
Anche la Samp ha aspettato la pausa. O forse la pausa è stata fra le cause della separazione con Zenga. Anche a Genova il rapporto fra Ferrero e l'ex Uomo Ragno era (nonostante le parole anche degli ultimi giorni). Scontro fra personalità, potremmo definirlo. E gli screzi c'erano stati sin dall'estate. Vi ricordate Vojovodina? Lo 0-4 in casa? Lì WZ perse molta presa sul suo presidente, c'era la vicenda Cassano ancora da definire. Lui non lo avrebbe voluto, arrivò wualche giorno dopo. E sempre Cassano è uno dei motivi di attrito. Non perché lui non si comporta male (anzi!), ma perché Zenga non lo fa allenare a livello tattico: e la Samp lo pubblica suo sito. Naturalmente non si può non tenerne conto: Cassano che vuole andare, un rapporto che non decolla, i risultati che nelle ultime due settimane non erano ritenuti soddisfacenti, il pubblico che fischia. I giorni liberi che avrebbe richiesto (e ottenuto) Zenga durante questa pausa per tornare a trovare la famiglia. Tutto questo ha spinto Ferro ad approfittare della pausa. Via Zenga, dentro? Dentro Montella. Ormai o lui oppure qualcuno ci rimarrà male. Gli altri nomi non affascinano come l'aereoplanino (Delneri, Corini), qualcuno dice anche che è stato fatto un tentativo per Mazzarri (con l'aiuto economico dell'Inter visto che guadagna oltre 3 milioni). L'ostacolo lo sappiamo tutti è la clausola: ormai è troppo esposto il nome. Su questo fa leva la Fiorentina, irritando la Samp. La soluzione la vogliono trovare entrambi: magari con la promessa d'acquisto di qualche giocatore già a gennaio. Si lavora ad oltranza, ma le sensazioni ad oggi non sono così positive. Montella avrebbe un grande vantaggio: oltre ad allenare una squadra dalle buone potenzialità, non avrebbe più il vincolo con la Fiorentina la prossima estate. Quando potrebbe partire un bel domino... E questo non va molto a genio a Firenze. La situazione è di stallo completo e ora i blucerchiati valutano anche altre strade. La più concreta è quella che porta a Guidolin (che ha detto di no al Palermo dicendo che non avrebbe allenato, vale lo stesso pure per Genova o no?). Vedremo...
La terza storia di allenatori nella pausa è quella del Verona. Mandorlini rimane, con l'appoggio della società, con tanto di comunicato stampa. Certo, la riflessione c'è stata e l'idea di cambiare i dirigenti del Verona l'hanno avuta. Altrimenti sarebbero dei pazzi. Ma evidentemente si sono sincerati che Mandorlini non aveva perso lo spogliatoio e che non era andato in confusione. Pesano le assenze, gli errori. Ma un allenatore che dalla Lega Pro è arrivato fino quasi all'Europa non è un brocco. E allora si continua con Mandorlini. Chiaro che i risultati devono prima o poi venire, ma la fiducia c'è. A Verona si parla moltissimo delle cause. Probabilmente, vista da fuori, è finito un ciclo. Un ciclo straordinario e forse bisognava avere il coraggio di cambiare pagina. Ma innanzi tutto non è detto che i cicli rinnovati funzionino meglio della fine dei precedenti. E soprattutto ci vogliono risorse economiche non indifferenti.
Strade divese, stessa pausa. In attesa di gennaio

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.