HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Pazzesco, una svolta epocale: Muller più di Bosman, come 100 Bosman. Come cambia il calciomercato...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
26.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 39759 volte
© foto di Federico De Luca

La notizia è di quelle che o passano come curiosità oppure rivoluzionano il mondo per come l'abbiamo conosciuto. Soprattutto il calciomercato per come l'abbiamo conosciuto. Altro che Bosman! Facciamo un passo indietro per contestualizzare il tutto: Heinz Muller, ex portiere 36enne del Mainz ha vinto una causa contro il suo ex club e ora ha un contratto a tempo indeterminato!
Questo perché il suo rapporto di lavoro con il suo club (che durava da più di 24 mesi) è stato parificato a quello di un normale lavoratore. E quindi trasformato in tempo indeterminato. Ora: è chiaro che a rigor di logica i contratti per gli atleti devono essere considerati diversi (non si può garantire lo stesso standard di prestazione fisica a 20 o 55 anni) ma di questo il giudice tedesco evidentemente non ne ha tenuto conto. E se Muller dovesse vincere anche in appello? Proviamo a vedere lo scenario!
Intanto saranno possibili due soli contratti: quelli di un anno (al massimo un anno e mezzo, altrimenti chiunque potrebbe far causa alla sua società e strappare l'indeterminato) o quelli indeterminati.
E l'indeterminato lo farebbero solo a pochi, pochissimi. Ai campioni, a quelli che non vuoi lasciare andare. Un vitalizio, ricco. Ma magari non ricchissimo. Messi (il più pagato ora) non lo sarebbe in seguito: neanche il Barcellona potrebbe pagarlo 12 milioni a stagione fino ai 70 anni! I 200 milioni (cifra ipotetica) che guadagnerebbe nei suoi 20 anni di attività dovrebbe "spalmarli" fino ai 67-68 anni, quelli della pensione! Lo accetterebbe Messi? Preferirebbe avere un contratto a tempo indeterminato da 3 milioni a stagione o preferirebbe invece degli annuali, magari più alti dello stipendio attuale? Annuali sì. Il che significa che le transazioni fra società crollerebbero. Le campagne acquisti sarebbero solo di parametro zero. Oppure un'acquisizione di un "indeterminato"! Contrattazioni solo con i giocatori e i loro agenti. La figura dell'intermediario diventerebbe centrale, ancor più che adesso. Il direttore sportivo modificherebbe la sua professionalità. Tecnicamente una squadra potrebbe cambiare faccia ogni anno, completamente.
Magari si potrebbe pensare ad un calciomercato all'americana, con il draft dell'NBA, sia a livello nazionale che internazionale. Magari invece possono nascere alcune forme di contratto che ora non esistono. Contratto a progetto per l'Europa League: finché ci siamo rimango (o mi servi), se non sei in Europa non vale più nulla. Oppure gioco soltanto in Europa con te e nel frattempo offro la mia consulenza ad un'altra squadra. Potrebbero nascere anche gli stage e le collaborazioni.
Ci sarebbe certamente un esercito di "precari" anche nel calcio. Certo a stipendi notevolmente più alti che noi comuni cittadini. Ma ci potrebbe essere il paradosso che i fuoriclasse a tempo indeterminato guadagnino di meno (sull'anno) rispetto a colleghi forti ma non eccezionali. Che so: magari l'Inter potrebbe fare il contratto a Icardi a tempo indeterminato, che però così guadagnerebbe magari molto meno di Bonazzoli che magari nel frattempo decide di non firmare a vita.
Oppure potrebbero nascere dei contratti a presenza, con dei bonus pazzeschi per ogni volta che si scende in campo. O magari a minuto, più che a gol! Un euro simbolico all'anno per tutta la tua vita, ma 10.000 per ogni minuto.
Ci sarebbe spazio per qualsiasi soluzione. Certo potrebbe anche essere frantumato ogni record di longevità sui campi. Altro che Zanetti, Maldini, Ballotta o Pierobon. Ho il contratto? Gioco, anche se ho 70anni. Altrimenti ti faccio causa per mobbing o demansionamento... Come posso non giocare io con tutta l'esperienza che ho? Vuoi mettere?
E se invece sbagli investimento? Se invece proponi il contratto a tempo indeteminato a uno che consideri un crack e non esplode? Pensate a Pato e Adriano... Non gli aveeste fatto firmare un'indeterminato appena sbarcati a Milano?
Sarebbe divertente poter continuare questo gioco. Anzi: ne propongo anche un altro. A chi fareste il contratto a tempo indeterminato nel mondo? E a chi in Italia? O nella vostra squadra del cuore? E sareste sicuri che accetterebbe? Chi sono quelli da indeterminato (questo è facile) o quelli che invece non lo firmerebbero mai per indole (anche questo è facile!)? E con i contratti da precari nel calcio i calciatori comprerebbeo comunque le macchinone o i vestiti firmati all'ultima moda? E quelli col tempo indeterminato passerebbero invece in banca a farsi fare un mutuo trentennale a tasso fisso?
Muller potrebbe segnare un epoca. Potrebbe rivoluzionare tutto. Tutto (o molto) dipende dall'esito del prossimo grado di giudizio. Il Mainz è sicuro di ribaltare la sentenza. Bosman in confronto (e già sembrava una cosa pazzesca, non pagare chi andava a scadenza di contratto) sarebbe soltanto un pivello. Qui bisognerebbe riscrivere qualsiasi regola o convenzione utilizzata finora. Una sorta di sliding doors. Un doppio futuro. Firmi o no?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.