HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Pazzesco, una svolta epocale: Muller più di Bosman, come 100 Bosman. Come cambia il calciomercato...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
26.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 39759 volte
© foto di Federico De Luca

La notizia è di quelle che o passano come curiosità oppure rivoluzionano il mondo per come l'abbiamo conosciuto. Soprattutto il calciomercato per come l'abbiamo conosciuto. Altro che Bosman! Facciamo un passo indietro per contestualizzare il tutto: Heinz Muller, ex portiere 36enne del Mainz ha vinto una causa contro il suo ex club e ora ha un contratto a tempo indeterminato!
Questo perché il suo rapporto di lavoro con il suo club (che durava da più di 24 mesi) è stato parificato a quello di un normale lavoratore. E quindi trasformato in tempo indeterminato. Ora: è chiaro che a rigor di logica i contratti per gli atleti devono essere considerati diversi (non si può garantire lo stesso standard di prestazione fisica a 20 o 55 anni) ma di questo il giudice tedesco evidentemente non ne ha tenuto conto. E se Muller dovesse vincere anche in appello? Proviamo a vedere lo scenario!
Intanto saranno possibili due soli contratti: quelli di un anno (al massimo un anno e mezzo, altrimenti chiunque potrebbe far causa alla sua società e strappare l'indeterminato) o quelli indeterminati.
E l'indeterminato lo farebbero solo a pochi, pochissimi. Ai campioni, a quelli che non vuoi lasciare andare. Un vitalizio, ricco. Ma magari non ricchissimo. Messi (il più pagato ora) non lo sarebbe in seguito: neanche il Barcellona potrebbe pagarlo 12 milioni a stagione fino ai 70 anni! I 200 milioni (cifra ipotetica) che guadagnerebbe nei suoi 20 anni di attività dovrebbe "spalmarli" fino ai 67-68 anni, quelli della pensione! Lo accetterebbe Messi? Preferirebbe avere un contratto a tempo indeterminato da 3 milioni a stagione o preferirebbe invece degli annuali, magari più alti dello stipendio attuale? Annuali sì. Il che significa che le transazioni fra società crollerebbero. Le campagne acquisti sarebbero solo di parametro zero. Oppure un'acquisizione di un "indeterminato"! Contrattazioni solo con i giocatori e i loro agenti. La figura dell'intermediario diventerebbe centrale, ancor più che adesso. Il direttore sportivo modificherebbe la sua professionalità. Tecnicamente una squadra potrebbe cambiare faccia ogni anno, completamente.
Magari si potrebbe pensare ad un calciomercato all'americana, con il draft dell'NBA, sia a livello nazionale che internazionale. Magari invece possono nascere alcune forme di contratto che ora non esistono. Contratto a progetto per l'Europa League: finché ci siamo rimango (o mi servi), se non sei in Europa non vale più nulla. Oppure gioco soltanto in Europa con te e nel frattempo offro la mia consulenza ad un'altra squadra. Potrebbero nascere anche gli stage e le collaborazioni.
Ci sarebbe certamente un esercito di "precari" anche nel calcio. Certo a stipendi notevolmente più alti che noi comuni cittadini. Ma ci potrebbe essere il paradosso che i fuoriclasse a tempo indeterminato guadagnino di meno (sull'anno) rispetto a colleghi forti ma non eccezionali. Che so: magari l'Inter potrebbe fare il contratto a Icardi a tempo indeterminato, che però così guadagnerebbe magari molto meno di Bonazzoli che magari nel frattempo decide di non firmare a vita.
Oppure potrebbero nascere dei contratti a presenza, con dei bonus pazzeschi per ogni volta che si scende in campo. O magari a minuto, più che a gol! Un euro simbolico all'anno per tutta la tua vita, ma 10.000 per ogni minuto.
Ci sarebbe spazio per qualsiasi soluzione. Certo potrebbe anche essere frantumato ogni record di longevità sui campi. Altro che Zanetti, Maldini, Ballotta o Pierobon. Ho il contratto? Gioco, anche se ho 70anni. Altrimenti ti faccio causa per mobbing o demansionamento... Come posso non giocare io con tutta l'esperienza che ho? Vuoi mettere?
E se invece sbagli investimento? Se invece proponi il contratto a tempo indeteminato a uno che consideri un crack e non esplode? Pensate a Pato e Adriano... Non gli aveeste fatto firmare un'indeterminato appena sbarcati a Milano?
Sarebbe divertente poter continuare questo gioco. Anzi: ne propongo anche un altro. A chi fareste il contratto a tempo indeterminato nel mondo? E a chi in Italia? O nella vostra squadra del cuore? E sareste sicuri che accetterebbe? Chi sono quelli da indeterminato (questo è facile) o quelli che invece non lo firmerebbero mai per indole (anche questo è facile!)? E con i contratti da precari nel calcio i calciatori comprerebbeo comunque le macchinone o i vestiti firmati all'ultima moda? E quelli col tempo indeterminato passerebbero invece in banca a farsi fare un mutuo trentennale a tasso fisso?
Muller potrebbe segnare un epoca. Potrebbe rivoluzionare tutto. Tutto (o molto) dipende dall'esito del prossimo grado di giudizio. Il Mainz è sicuro di ribaltare la sentenza. Bosman in confronto (e già sembrava una cosa pazzesca, non pagare chi andava a scadenza di contratto) sarebbe soltanto un pivello. Qui bisognerebbe riscrivere qualsiasi regola o convenzione utilizzata finora. Una sorta di sliding doors. Un doppio futuro. Firmi o no?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.