HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Pazzini, Borriello, Giovinco, la dura vita dei bomber che non piacciono agli allenatori... e intanto "mister social" Icardi se la ride...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
17.09.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 28573 volte
© foto di Federico De Luca

Quanto ci è mancato... Non c'è nulla come il campionato (ah sì, la Champions, è vero, ma quella appartiene ad altre potenze europee). Che goduria rituffarsi nella Serie A tra conferme e sorprese. Juve e Roma hanno subito fatto capire che la voglia di scudetto è tanta. Le milanesi non scherzano affatto. Fiorentina e Lazio sono ancora da comprendere mentre la Samp è una bella realtà. Insomma, tanta gioia per il ritrovato campionato. Eppure c'è chi mi mette una gran tristezza. Sono quei bomber che proprio non riescono a vedere il campo e, quando lo vedono, la sfortuna (o, magari, altro) non gli permette di lasciare il segno. Non tutti si chiamano Zaza o Okaka, giocatori miracolati dalla Provvidenza. Ci sono anche i vari Pazzini, Borriello e Giovinco, tanto per citare tre esempi eclatanti di bomber senza cartucce. Penso al Pazzo. Lo scorso anno, complice la presenza ingombrante di Balotelli e una condizione fisica rivedibile, non lo si è quasi mai visto. Quest'anno gli astri parevano dalla sua parte: Super Mario spedito in Premier e un bomber vero, Inzaghi,
in panchina. Tutto sembrava dalla sua parte ma il sogno è durato il tempo di un battito d'ali. Prima Torres (e ancora manco gioca) e poi il "falso nueve" Menez che segna anche di tacco... Peggio di così non poteva andare. Non sorride neanche Borriello. E' dal 2012/13 che il buon Marco non va in doppia cifra di gol (12 con il Genoa). Da allora tanta, tantissima panchina, mista a tribuna. Vuoi per il suo stipendio che a tanti non va giù, vuoi perché alla Roma si punta su altri attaccanti, ecco che Borriello sta facendo lo spettatore nella rosa di Garcia. E, infine, Giovinco. Non fosse per l'amico Conte, la sua situazione sarebbe ancor più traballante. Il suo terzo anno alla Juventus rischia di essere anonimo. Allegri non sembra vederlo (nessuna ironia sull'altezza della Formica Atomica), il suo futuro appare nebuloso (è pure in scadenza di contratto). Insomma, periodaccio per diversi attaccanti dal nome importante. Per fortuna loro (e dei loro rispettivi tecnici), a gennaio si riapre il mercato... In tutta questa desolazione di gol, c'è un attaccante che se la ride. E' Icardi. Tutti quelli (compreso il sottoscritto) che lo accusavano di pensare eccessivamente a trovare la giusta inquadratura per la nuova foto (con Wanda, ovviamente) da postare sui vari canali social, ora si nascondono. Il Maurito ha il gol nel sangue e il popolo nerazzurro ha ormai capito che la stoffa del bomber c'è... Se Kovacic e Guarin continueranno a giocare a certi livelli, Icardi, alla prima palla buona, gonfierà la rete e i cuori dei nerazzurri. Rispetto ai vari Pazzini, Borriello e Giovinco, Maurito è quello che appare meno professionista ma, alla luce dei fatti, è l'attaccante che vede di più campo e porta. Incongruenze del calcio...
Ben tornato campionato, ci sei mancato...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.