HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Pellè meglio di Bacca. Il Napoli ripunta Soriano. Roma: un sogno chiamato Sportiello. Marotta, sogna la proprietà della Samp. Viola: Bernardeschi come Coman

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
19.12.2015 09.48 di Mauro Suma   articolo letto 48072 volte

Trattato in maniera nauseabonda a livello mediatico per dieci giorni, usato come potenziale flop per non aver segnato per tre partite alla stessa stregua di un magazziniere (con tutto il rispetto per tutti i magazzinieri d'Italia e per tutte le loro famiglie), Carlos Bacca è stato richiamato fantozzianamente in causa anche dopo assist e gol. L'ordine di servizio di ieri era troncare e sopire la vittoria del Milan a Genova, ed ecco puntale la tastierata. Bacca contro il Verona fa uno splendido assist di tacco per Bonaventura liberato davanti al portiere nel primo tempo, segna a San Siro; Bacca a Genova fa un assist a Niang per l'uno a zero, segna a Marassi. Ma è tutto inutile. Sembra sia meglio il trentenne Pellè. Pellè o Pelè? Districarsi fra i fumi del primo mattino non è semplice, per cui lasciamo il beneficio del dubbio. Oggi nell'ambiente rossonero c'è solo il gusto del disprezzo, dell'insulto, dell'odio. Il mercato scandaloso ha portato 8 gol da Bacca, 5 da Luiz Adriano, calcio che iniziamo a vedere sul serio da Bertolacci e solo sicurezze da Romagnoli. Spezia e Carpi fanno molto meglio del Crotone in coppa Italia, ma si drammatizzano solo i supplementari contro la bella realtà calabrese dimenticando che nel Gennaio 2012 il Milan dei fuoriclasse andò ai supplementari in Coppa anche contro il Novara ultimissimo in classifica. Ma che ne sanno di date e di Milan gli sfascisti dalla balla facile, che gliene importa. Questi sono i tempi. Gli odiatori diventano dichiaratori , un tanto al tocco e soprattutto una volta al giorno. Alternati, come le targhe di una volta in tempi di austerity. Già l'austerity dell'entusiasmo e della compattezza. Gente che a Milanello nessuno conosce le spara tanto grosse, o piccole, che a Milanello non interessa nemmeno smentire. L'interistizzazione del Milan galoppa. Tanto peggio, tanto meglio.

Roberto Soriano sta giocando bene e lo farà sempre più con Montella, se rimarrà alla Sampdoria. Il momento negativo dei blucerchiati (5 partite perse su 6, la sesta pareggiata solo grazie ad un regalo della Lazio, società in bilico, eppure tutto il pubblico blucerchiato incoraggia e applaude squadra e allenatore) non influisce su di lui. Dal momento che il Napoli, al terzo tentativo in questo senso in tre anni, non arriverà ad Andrea Poli, facilissimo immaginare un nuovo assalto di Sarri proprio a Soriano.

La Roma e la sua proprietà americana hanno un grosso problema. Lo stesso che la proprietà canadese del Bologna ha risolto passando da Delio Rossi a Roberto Donadoni. Ma quando lo avrà affrontato e superato, resterà il problema del portiere. Oggi i giallorossi non hanno un numero uno tutto loro, brandizzato e caratterizzato. La porta della Roma è non meglio identificata, con tutto il rispetto per l'attuale organico, è di tutti o di nessuno. Ecco perché l'atalantino Marco Sportiello è una frontiera davvero possibile per la società giallorossa.

Beppe Marotta si sta togliendo ogni tipo di soddisfazione alla Juventus, di carattere sportivo e di carattere professionale. Vince la sua squadra e vince la sua immagine. Tutto bello ma non eterno. La Sampdoria gli è rimasta nel cuore. La Sampdoria è davvero in difficoltà. E lui culla un sogno: diventarne proprietario, dopo esserne stato amministratore delegato nella miglior era Garrone. L'ambiente del calcio lo sa e lo conferma.

Federico Bernardeschi è il classico giocatore del calcio moderno. Giovane, tecnico, dinamico. Cambia passo e cambia il fronte di gioco con grande facilità. E' fatto apposta per il calcio playstation che sta prendendo piede soprattutto a livello internazionale. E' viola dentro, gigliato vero, toscano nell'anima. Vorrebbe restare a Firenze per tutta la carriera, ma non solo lui stesso sa che non sarà possibile: il fatto è che i tempi potrebbero precipitare. Come è accaduto a Coman, fronte Juventus, tutto può diventare dannatamente veloce. Gli estimatori in Germania e in Inghilterra non mancano per Federico e la Fiorentina ha già provato l'effetto benefico sui conti indotto dalle cessioni di Cuadrado e Jovetic. E' il calcio di oggi, bellezza.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.