HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Pimpanti e vincenti con la Roma, grigi e scialbi con le medio piccole: qual è il vero Napoli? Solo la continuità dei risultati potrà permettere di superare il complesso di superiorità che limita i sogni

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
02.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 18535 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Adesso saremo costretti a macerarci per altri giorni ancora nell'inquietante dubbio: ma il Napoli è quello pimpante e vincente che ha demolito la Roma, oppure quello che dei secondi tempi grigi e sciapi contro l'Inter, l'Atalanta ed a Berna con lo Young Boys? Lo scopriremo presto, ma intanto è piacevole rimirarsi allo specchio di una prestazione da reputare perfetta. Cattivi e convinti, ben allenati eppur spreconi, quasi quasi anche rispettosi delle clamorose debolezze mostrate da una Roma che al San Paolo avrebbe potuto prenderne altri sette dopo la scoppola firmata Bayern. E' la storia a confermare che la squadra di Benitez si trasforma contro le big, avendone vinte 8 e pareggiate 3 tutte le volte che i tacchetti sono stati incrociati con chi in apparenza avrebbe dovuto essere meglio degli azzurri. Questione di stimoli che troppe volte, così come evidenziato anche da Benitez, sono venuti meno al Napoli al cospetto delle formazioni di rango medio-basso. E' come se Hamsik e compagni fossero colpiti da un "complesso di superiorità" che li porta ad impegnarsi al minimo nelle sfide apparentemente alla loro portata, quasi alla stregua di pratiche da sbrigare con il minimo impegno e l'errata convinzione che la diversa posizione in classifica determini il risultato apriori. Questo è il momento giusto per sapere, capire, se il Napoli avrà fatto tesoro dei suoi errori ed esaltare al massimo le caratteristiche di una squadra competitiva già nella passata stagione. Competitiva e convinta che in gara secca nessuno può sentirsi convinto di farla franca. Nemmeno la Roma e la Juventus, cioè quelle che tutti hanno sempre dato come le uniche padrone di questo campionato. E' possibile allargare la "famiglia del tricolore" ad un terzo o addirittura ad altri componenti? Dopo 10 giornate di campionato è complicato, oltre che rischioso, esprimere certezze che possono variare all'improvviso soprattutto quest'anno. Il campionato è apertissimo con le prime 10 squadre che possono recitare ogni ruolo ed avere tutte le stesse ambizioni, dallo scudetto all'ultimo dei posti utili per l'accesso in Europa League. Sempre che la Juve capolista abbia altre giornate-no e quelle che inseguono dimostrino di essere abili ad approfittarne. Continuità: questa dovrà essere la parola-chiave per il Napoli che pare essersi scrollato di dosso quell'appannamento nel desiderio, un sentimento provocato dalla prematura eliminazione in Champions League. Tutto è ancora possibile e peccato per certi errori che hanno sottratto punti importantissimi in chiave scudetto. Sì, quel tricolore per il quale anche De Laurentiis si era impegnato con i tifosi durante il ritiro estivo. Oggi è prematuro parlarne nuovamente, soprattutto all'indomani di un successo chiaro, inequivocabile, nel corso di una partita in cui tutto è andato per il verso giusto. La prova del nove arriverà quando al Napoli si ripresenteranno circostanze nelle quali sarà utile sfruttare ogni minima opportunità per andare a rete, perché magari l'avversario dimostrerà di essere più reattivo e combattivo della Roma spompata vista al San Paolo. Oppure quando sarà necessario modificare in corsa l'assetto tattico della squadra, per adeguarsi e scardinare le mosse adottate da chi scende in campo con il solo obiettivo di non farti giocare. In Italia funziona così, non sempre vince chi gioca meglio. Pimpanti e vincenti come con la Roma oppure indecifrabili come contro le piccole? Al campo di gioco l'ardua sentenza...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.