HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Pimpanti e vincenti con la Roma, grigi e scialbi con le medio piccole: qual è il vero Napoli? Solo la continuità dei risultati potrà permettere di superare il complesso di superiorità che limita i sogni

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
02.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18543 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Adesso saremo costretti a macerarci per altri giorni ancora nell'inquietante dubbio: ma il Napoli è quello pimpante e vincente che ha demolito la Roma, oppure quello che dei secondi tempi grigi e sciapi contro l'Inter, l'Atalanta ed a Berna con lo Young Boys? Lo scopriremo presto, ma intanto è piacevole rimirarsi allo specchio di una prestazione da reputare perfetta. Cattivi e convinti, ben allenati eppur spreconi, quasi quasi anche rispettosi delle clamorose debolezze mostrate da una Roma che al San Paolo avrebbe potuto prenderne altri sette dopo la scoppola firmata Bayern. E' la storia a confermare che la squadra di Benitez si trasforma contro le big, avendone vinte 8 e pareggiate 3 tutte le volte che i tacchetti sono stati incrociati con chi in apparenza avrebbe dovuto essere meglio degli azzurri. Questione di stimoli che troppe volte, così come evidenziato anche da Benitez, sono venuti meno al Napoli al cospetto delle formazioni di rango medio-basso. E' come se Hamsik e compagni fossero colpiti da un "complesso di superiorità" che li porta ad impegnarsi al minimo nelle sfide apparentemente alla loro portata, quasi alla stregua di pratiche da sbrigare con il minimo impegno e l'errata convinzione che la diversa posizione in classifica determini il risultato apriori. Questo è il momento giusto per sapere, capire, se il Napoli avrà fatto tesoro dei suoi errori ed esaltare al massimo le caratteristiche di una squadra competitiva già nella passata stagione. Competitiva e convinta che in gara secca nessuno può sentirsi convinto di farla franca. Nemmeno la Roma e la Juventus, cioè quelle che tutti hanno sempre dato come le uniche padrone di questo campionato. E' possibile allargare la "famiglia del tricolore" ad un terzo o addirittura ad altri componenti? Dopo 10 giornate di campionato è complicato, oltre che rischioso, esprimere certezze che possono variare all'improvviso soprattutto quest'anno. Il campionato è apertissimo con le prime 10 squadre che possono recitare ogni ruolo ed avere tutte le stesse ambizioni, dallo scudetto all'ultimo dei posti utili per l'accesso in Europa League. Sempre che la Juve capolista abbia altre giornate-no e quelle che inseguono dimostrino di essere abili ad approfittarne. Continuità: questa dovrà essere la parola-chiave per il Napoli che pare essersi scrollato di dosso quell'appannamento nel desiderio, un sentimento provocato dalla prematura eliminazione in Champions League. Tutto è ancora possibile e peccato per certi errori che hanno sottratto punti importantissimi in chiave scudetto. Sì, quel tricolore per il quale anche De Laurentiis si era impegnato con i tifosi durante il ritiro estivo. Oggi è prematuro parlarne nuovamente, soprattutto all'indomani di un successo chiaro, inequivocabile, nel corso di una partita in cui tutto è andato per il verso giusto. La prova del nove arriverà quando al Napoli si ripresenteranno circostanze nelle quali sarà utile sfruttare ogni minima opportunità per andare a rete, perché magari l'avversario dimostrerà di essere più reattivo e combattivo della Roma spompata vista al San Paolo. Oppure quando sarà necessario modificare in corsa l'assetto tattico della squadra, per adeguarsi e scardinare le mosse adottate da chi scende in campo con il solo obiettivo di non farti giocare. In Italia funziona così, non sempre vince chi gioca meglio. Pimpanti e vincenti come con la Roma oppure indecifrabili come contro le piccole? Al campo di gioco l'ardua sentenza...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.