HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Pioli lavora. Ecco perché ci ha messo una settimana a farlo

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.11.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 20291 volte
© foto di Federico De Luca

Pioli ha iniziato a lavorare. E' passato da strafavorito ad accantonato, fino a diventare allenatore dell'Inter nel giro di una settimana. Una delle settimane più strane vissute (di sicuro dai tifosi nerazzurri) e anche da noi che abbiamo seguito (più o meno da vicino) la vicenda allenatore Inter.

Ma il fatto che sia strana non è detto che sia per forza sbagliata. A mio modesto parere (sempre che interessi) Pioli è la scelta migliore. E come me l'hanno pensata in tanti, durante questi ultimi sette giorni. In tanti che hanno espresso dubbi più o meno legittimi su Marcelino e Zola, gli altri candidati alla panchina nerazzurra. La penso invece diversamente sul discorso "casting", come ormai è stato comunemente definito.

Di sicuro la nuova proprietà nerazzurra deve capire bene come funzionano i meccanismi del calcio europeo, e soprattutto di quello italiano. Quindi l'errore più grande sta a monte, anche se un po' di tempo per assimilare i processi si può sempre dare ai nuovi.

Ma l'errore, eventualmente, sarebbe stato quello di non aver fatto questi famosi casting prima. E magari non mediaticamente. Ma non di averli fatti. Che De Boer infatti fosse in discussione credo che nessuno avesse dubbi. E nessuno avrebbe avuto da ridire se (con discrezione) la proprietà e la dirigenza nerazzurra avessero fatto questi famosi colloqui.

Nessuna proprietà al mondo lascia carta bianca per la scelta del proprio allenatore, in nessuno sport. Ogni proprietà si confronta con il proprio management, in qualsiasi azienda. Nelle multinazionali, come ora è l'Inter, è più difficoltoso comunicare: distanze, linguaggi, culture. Anche competenze. Questo dovrà servire di "lezione", si dovrà tenere conto del precedente per evitare di commettere di nuovo (eventualmente) lo stesso errore. Ma - potete scommetterci - ci saranno ancora i colloqui. Magari non saranno alla luce del sole. Magari saranno fatti a Nanchino, o a Londra. Ma ci saranno sempre.

L'interview è una "moda" straniera, più americana che cinese. Ho letto in questi giorni un interessantissimo commento sulla Gazzetta dello Sport del direttore del Master FIFA Bocconi. Spiegava che nel mondo sportivo americano addirittura nel mondo dell'NFL i club erano obbligati a fare i colloqui di lavoro anche a coach di colore o delle minoranze per dimostrare pubblicamente che non esistono preclusioni nei confronti di nessuno e che potenzialmente il posto è aperto a tutti.

Questo singolare stile di scegliere il proprio manager è sicuramente lontano dal nostro modo di intendere la scelta dell'allenatore. Ed è molto più vicino alla scelta di un dirigente di un'azienda qualsiasi. Ma è l'effetto della globalizzazione. E allora, così come Suning dovrà capire meglio come funziona il calcio europeo e nello specifico quello italiano anche nel dettaglio con le sue dinamiche e ritualità e allo stesso tempo probabilmente toccherà anche a noi abituarci a questo tipo di cambiamenti. Inter cinese, il Milan vedremo come si comporterà dopo il closing con Sino Europe e che tipo di meccanismi si innescheranno tra i dirigenti italiani e i nuovi proprietari. La Roma americana già ha impostato alcune "regole" o idee che hanno fatto discutere (la famosa app di "casa Pallotta" per "sollevare" il ds da alcune incombenze). Impareremo a conoscere Mike Piazza a Reggio Emilia che ha progetti molto ambiziosi e una visione dello sport molto star&stripes, così come Tacopina o Saputo a Bologna e Venezia. In attesa di sapere se veramente anche il Palermo cambierà proprietà o meno... Insomma dovremmo prepararci ad accogliere stili e comportamenti diversi dai nostri, in cambio di una competitività da mantenere a livello internazionale. Visto che anche le grandi famiglie che finora avevano reso grandi le milanesi hanno capito che per mantenere alto il livello non era possibile continuare da soli...

Pioli è arrivato, i dirigenti italiani (Ausilio, Gardini e Zanetti) hanno avuto la pazienza di condividere le loro considerazioni (che avevano portato a quella scelta) con la "parte" cinese. Non la considero (personalmente) una vittoria di una parte sull'altra: piuttosto la vittoria della ragionevolezza. Non aver perso la pazienza (o l'obiettivo comune) è stata la chiave per arrivare alla soluzione migliore. Con in mezzo anche i consigli (interessati o meno) di Kia Joorabchian alla proprietà Suning, a confondere le acque e a creare una voce in più, sicuramente ascoltata.

Alla fine l'Inter ha trovato la soluzione. Ora la parola va al campo, che come al solito è il giudice supremo. Secondo il quale alla fine si deciderà chi veramente ha vinto e chi potrà sorridere veramente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.