HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Pioli lavora. Ecco perché ci ha messo una settimana a farlo

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.11.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 20269 volte
© foto di Federico De Luca

Pioli ha iniziato a lavorare. E' passato da strafavorito ad accantonato, fino a diventare allenatore dell'Inter nel giro di una settimana. Una delle settimane più strane vissute (di sicuro dai tifosi nerazzurri) e anche da noi che abbiamo seguito (più o meno da vicino) la vicenda allenatore Inter.

Ma il fatto che sia strana non è detto che sia per forza sbagliata. A mio modesto parere (sempre che interessi) Pioli è la scelta migliore. E come me l'hanno pensata in tanti, durante questi ultimi sette giorni. In tanti che hanno espresso dubbi più o meno legittimi su Marcelino e Zola, gli altri candidati alla panchina nerazzurra. La penso invece diversamente sul discorso "casting", come ormai è stato comunemente definito.

Di sicuro la nuova proprietà nerazzurra deve capire bene come funzionano i meccanismi del calcio europeo, e soprattutto di quello italiano. Quindi l'errore più grande sta a monte, anche se un po' di tempo per assimilare i processi si può sempre dare ai nuovi.

Ma l'errore, eventualmente, sarebbe stato quello di non aver fatto questi famosi casting prima. E magari non mediaticamente. Ma non di averli fatti. Che De Boer infatti fosse in discussione credo che nessuno avesse dubbi. E nessuno avrebbe avuto da ridire se (con discrezione) la proprietà e la dirigenza nerazzurra avessero fatto questi famosi colloqui.

Nessuna proprietà al mondo lascia carta bianca per la scelta del proprio allenatore, in nessuno sport. Ogni proprietà si confronta con il proprio management, in qualsiasi azienda. Nelle multinazionali, come ora è l'Inter, è più difficoltoso comunicare: distanze, linguaggi, culture. Anche competenze. Questo dovrà servire di "lezione", si dovrà tenere conto del precedente per evitare di commettere di nuovo (eventualmente) lo stesso errore. Ma - potete scommetterci - ci saranno ancora i colloqui. Magari non saranno alla luce del sole. Magari saranno fatti a Nanchino, o a Londra. Ma ci saranno sempre.

L'interview è una "moda" straniera, più americana che cinese. Ho letto in questi giorni un interessantissimo commento sulla Gazzetta dello Sport del direttore del Master FIFA Bocconi. Spiegava che nel mondo sportivo americano addirittura nel mondo dell'NFL i club erano obbligati a fare i colloqui di lavoro anche a coach di colore o delle minoranze per dimostrare pubblicamente che non esistono preclusioni nei confronti di nessuno e che potenzialmente il posto è aperto a tutti.

Questo singolare stile di scegliere il proprio manager è sicuramente lontano dal nostro modo di intendere la scelta dell'allenatore. Ed è molto più vicino alla scelta di un dirigente di un'azienda qualsiasi. Ma è l'effetto della globalizzazione. E allora, così come Suning dovrà capire meglio come funziona il calcio europeo e nello specifico quello italiano anche nel dettaglio con le sue dinamiche e ritualità e allo stesso tempo probabilmente toccherà anche a noi abituarci a questo tipo di cambiamenti. Inter cinese, il Milan vedremo come si comporterà dopo il closing con Sino Europe e che tipo di meccanismi si innescheranno tra i dirigenti italiani e i nuovi proprietari. La Roma americana già ha impostato alcune "regole" o idee che hanno fatto discutere (la famosa app di "casa Pallotta" per "sollevare" il ds da alcune incombenze). Impareremo a conoscere Mike Piazza a Reggio Emilia che ha progetti molto ambiziosi e una visione dello sport molto star&stripes, così come Tacopina o Saputo a Bologna e Venezia. In attesa di sapere se veramente anche il Palermo cambierà proprietà o meno... Insomma dovremmo prepararci ad accogliere stili e comportamenti diversi dai nostri, in cambio di una competitività da mantenere a livello internazionale. Visto che anche le grandi famiglie che finora avevano reso grandi le milanesi hanno capito che per mantenere alto il livello non era possibile continuare da soli...

Pioli è arrivato, i dirigenti italiani (Ausilio, Gardini e Zanetti) hanno avuto la pazienza di condividere le loro considerazioni (che avevano portato a quella scelta) con la "parte" cinese. Non la considero (personalmente) una vittoria di una parte sull'altra: piuttosto la vittoria della ragionevolezza. Non aver perso la pazienza (o l'obiettivo comune) è stata la chiave per arrivare alla soluzione migliore. Con in mezzo anche i consigli (interessati o meno) di Kia Joorabchian alla proprietà Suning, a confondere le acque e a creare una voce in più, sicuramente ascoltata.

Alla fine l'Inter ha trovato la soluzione. Ora la parola va al campo, che come al solito è il giudice supremo. Secondo il quale alla fine si deciderà chi veramente ha vinto e chi potrà sorridere veramente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.