HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Pirlo ha deciso: addio Juve e Italia. Cavani, Oscar, Mandzukic e Benatia, tutto dipende da Pogba e Tevez. Jackson Martinez ok al Milan. Ibra aspetta. Tutto su Sarri e Napoli. Sousa viola, i retroscena

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
12.06.2015 06.14 di Enzo Bucchioni   articolo letto 133909 volte
© foto di Federico De Luca

Pirlo ha deciso: la finale di Champions è stata la sua ultima partita con la maglia della Juventus, quella di stasera in Croazia l'ultima in maglia azzurra. Amici di Torino e soprattutto ambienti vicini al giocatore hanno confermato ieri quello che era nell'aria da tempo e che Pirlo aspetta ad annunciare. Andrà a giocare negli Stati Uniti, ha già preso casa a New York e sta sistemando le situazioni familiari.

La Juventus non si è fatta trovare impreparata, da tempo il giocatore aveva anticipato questa probabile decisione e soprattutto aveva capito le difficoltà di continuare da protagonista ai ritmi del campionato italiano. L'idea, da noi annunciata oltre un mese fa, di buttarsi decisamente su Khedira è anche per questo, il tedesco può giocare davanti alla difesa o come interno con Marchisio al posto di Pirlo.

Ma di addio ce ne sarà anche un altro ed è quello di Tevez. Anche questo l'avevamo previsto in primavera perché il giocatore all'epoca chiese alla società un regalo nel caso in cui avesse portato la Juve in finale di Champions: tornare in Argentina un anno prima della fine del contratto. E' per questo, per rispettare un patto, che Marotta dice sempre che la Juve è disposta ad accontentare il giocatore.

Tevez si è preso ancora qualche giorno, ma quasi sicuramente tornerà al Boca e non andrà in Spagna da Simeone che sta cercando di portarlo all'Atletico. Nel caso in cui però dovesse scegliere di restare in Europa, all'Atletico la Juve chiederebbe in cambio Mandzukic che non ha fatto una grande stagione e vuole rilanciarsi.

Per i giocatori in entrata, dopo Dybala, Khedira, Zaza e Berardi che andranno entrambi in ritiro con la Juve, il difensore Rugani che alla fine resterà in bianconero e il portiere Neto, Marotta sta alla finestra.

Il mercato futuro dipenderà tutto da Pogba e il silenzio di questi giorni deve far pensare. Ricapitoliamo. La Juve continua a dire di non voler vendere il francese, ma aspetta solo l'offerta irrinunciabile da 100 milioni che prima o poi arriverà ufficialmente dopo i numerosi contatti che sta gestendo Raiola.

In corsa ci sono il City che pare disposto a offrire 120 milioni, come scrivono i tabloid inglesi. In questo caso, come contropartita parziale potrebbe interessare Jovetic, ma anche Dzeko. Il Barcellona ha proposto l'accordo ora e il prestito per un anno ancora a Torino. I bianconeri vorrebbero subito Dani Alves e il fatto che il brasiliano abbia rinnovato può essere più facile averlo trattando con gli spagnoli. In corsa c'è anche il Bayern, la Juventus ha chiesto Benatia come parziale contropartita. Un sondaggio lo ha fatto anche il Chelsea e fra i giocatori di Mourinho c'è Oscar che piace, vecchio pallino di Allegri.

Quelli che per primi erano arrivati vicini a una trattativa sono però i francesi del Psg, da qui il discorso Cavani che si sarebbe già accordato con la Juve. Il Psg lo valuta 50 milioni, la Juve 40.

Questo è il quadro. La cessione o meno di Pogba e la contropartita in uomini e soldi, in questo momento condiziona tutto. Comunque le idee sono chiare e gli obiettivi gli stessi messi nel mirino da mesi. Con le risorse della Champions e dell'eventuale cessione di Pogba la Juve ha intenzione di portare a casa anche un centrocampista tra Allan e Witsel. Ma piace molto anche Nainggolan. L'accordo tra Roma e Cagliari non facile, la Juve ha pensato di comprare la metà del cartellino appartenente al Cagliari, poi è prevalsa l'idea di aspettare per non rovinare i rapporti con la Roma. Se i giallorossi non dovessero trovare l'accordo economico, la Juve è pronta e il giocatore andrebbe volentieri a Torino. Tra i giovani, attenzione bianconera a Embolo del Basilea e braccio di ferro con il Barcellona per il brasiliano Gerson, non ancora vent'anni, centrocampista offensivo considerato il migliore della sua generazione. Nel frattempo Allegri ha messo la firma al rinnovo del contratto fino al 2017 con opzione per il 2018, l'obiettivo è riprovarci con la Champions.

In uscita, invece, Llorente che piace molto a Benitez e lo vuole per il suo Real. Per la Juve una bella plusvalenza.

Anche il Milan è partito alla grande con i soldi di mister Bee. Galliani è andato dritto verso un suo vecchio palline, quel Jackson Martinez che fa tanti gol e tanto movimento, giocatore moderno che piace a Mihajlovic e non solo. Il Milan ha l'accordo con il giocatore, quattro milioni netti, e non è poco, Galliani è disposto a versare al Porto i 35 milioni della clausola, è stato battuto anche l'inserimento del City. Galliani spera di chiudere e annunciare l'attaccante tra oggi e domani.

C'è anche il sì di Ibra che lascerebbe volentieri il Psg per tornare a Milano, ma qui l'operazione sembra economicamente più complessa. Comunque il Milan vuole tornare a essere competitivo da subito, sta puntando anche il difensore Miranda, portando nomi buoni anche per il marketing e il merchandising nel sud est asiatico.

Nel frattempo ha firmato Sarri. Esattamente una settimana fa mentre tutti parlavano di Prandelli e Emery, vi anticipammo l'idea Sarri. De Laurentiis

ha fatto benissimo, ha scelto un profilo diverso, sicuramente la grossa novità dell'ultimo campionato. Le incertezze erano dovute solo alla composizione della squadra e a piccoli dubbi di Sarri, ma con il probabile arrivo di Sousa a Firenze tutto è andato a dama.

Tra gli altri nel mirino del Napoli, Montella ha una clausola, Emery ha preferito la Spagna, mentre per Prandelli qualcuno ha fatto notare a De Laurentiis che l'ex Ct è solo un perdente che si vende bene: in carriera non ha mai vinto niente. Da qui la decisione saggia di non trattare neppure con lui.

Per Sousa alla Fiorentina manca solo l'ufficialità. Qualche dubbio resta, lasciamoci uno spiraglio perché la situazione ha ancora qualche ostacolo oltre al fatto che il Basilea vuole trovarsi un allenatore all'altezza. Sarà Donadoni? Possibile, probabile. Il fatto però che ieri nel Cda della Fiorentina non fossero neppure in collegamento i fratelli Della Valle proprietari del club, potrebbe però far pensare a un'ulteriore riflessione finale su Paulo Sousa e sul fatto della sua scarsa conoscenza del campionato italiano. Vedremo, ma probabilmente si farà entro sabato. Infine a quelli che continuano a sostenere che la Fiorentina non ha mai cercato Spalletti, vogliamo dire che l'ex tecnico della Roma non solo è stato contattato tramite il suo agente fiorentino, ma ha detto no per cifre inferiori a 4,5 milioni netti a stagione. Troppi per la società viola che si è ritirata dopo alcuni contatti. Spalletti, tra l'altro, se non dovesse arrivare l'offerta di una grande squadra, potrebbe anche smettere.

Twitter @enzobucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.