HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Pirlo, non solo l'Inter ora ci pensa anche la Juve. Lavezzi, pronto un biennale. Witsel torna di moda, via Hernanes. Rugani, no al prestito

06.11.2015 07.26 di Enzo Bucchioni   articolo letto 79442 volte
© foto di Federico De Luca 2014

Chi l'avrebbe mai detto che un ragazzo di 36 anni, dato per finito dai più, sarebbe tornato ad essere un grande obiettivo di mercato. Stiamo parlano di Andrea Pirlo che dopo qualche mese nel campionato Usa, ora che il pallone in nord America si ferma, è tornato ad essere l'oggetto del desiderio.

Il primo a pensare a Pirlo è stato Roberto Mancini. Ufficialmente tutto tace, le conferme non arrivano, ma si parla della solita telefonata del Mancio che evidentemente è molto convincente. L'allenatore nerazzurro si è accorto che il suo centrocampo è troppo muscolare, Melo ha geometria, ma rallenta il gioco, Medel non può inventare nulla e fa il compitino. Un po' di genio darebbe ai nerazzurri molte possibilità in più, non esclusa quella di risolvere le gare con le famose palle inattive. Il contatto c'è stato, Pirlo ci pensa.

Ma, adesso si è mossa anche la Juventus. Il club bianconero, in evidente difficoltà proprio a centrocampo, si è fatto anticipare dall'Inter perché Pirlo aveva dato ampie assicurazioni sul fatto che la sua fosse anche una scelta di vita, senza ritorno, un cambiamento sostanziale anche per i figli, per l'inglese, la scuola e tutta una serie di motivazioni personali. La Juve, però, non ha fatto i conti con la grande passione che Pirlo ha per l'azzurro, quella passione che l'aveva fatto vacillare a giugno dopo aver già deciso di andare negli Usa.

In questi mesi si è accorto che giocando in America è più difficile tenere il ritmo e l'intensità, Conte non l'ha chiamato, spuntano giovani interessanti e il rischio di saltare l'Europeo sta diventando concreto. Proprio per questo l'idea di tornare per sei mesi in Italia, la proposta di Mancini, lo sta facendo vacillare.

Ora anche i bianconeri ci pensano, ma la sensazione è che siano arrivati tardi e Pirlo, soprattutto, non gradirebbe tornare dove ha chiuso pochi mesi fa, ma sarebbe tentato solo da una nuova esperienza, anche sentimentale.

All'Inter troverebbe nuovi stimoli, un ambiente da scoprire per andare oltre le abitudini degli anni bianconeri, e tanta adrenalina in più. Unito al fatto del grande ritorno nell'ambiente dove ha cominciato a frequentare il grande calcio.

Ma, come ha detto Thohir, l'Inter a gennaio farà anche altre operazioni. Una proposta dall'Inghilterra porta il nome di Radamel Falcao. Dopo essere stato scaricato da Mourinho, il giocatore ha chiesto di tornare al Monaco proprietario del cartellino. Al Chelsea è in prestito pagato nove milioni. In corsa si è messo anche il Barcellona, ma gli attaccanti da gestire diventerebbe troppi per Luis Enrique e Falcao rischierebbe di giocare più o meno come al Chelsea.

Un intermediario di mercato ha suggerito un'operazione all'Inter che prevede uno scambio tra Icardi e Falcao. L'argentino piace a Mourinho mentre invece fatica a dialogare con Jovetic e Perisic e non a caso sta segnando pochissimo fino a manifestare di recente la sua insoddisfazione. L'idea è appena nata, ma siccome Mancini non ha mai stravisto per Icardi mentre ama gli attaccanti di maggior movimento come Falcao, il discorso potrebbe avere un seguito. Falcao ha 29 anni, Icardi appena 22 e grandi margini di miglioramento, questo però frena l'Inter. Fra l'altro in estate alle richieste pervenute i nerazzurri avevano sparato cifre sopra i quaranta milioni. Un discorso, comunque, da tenere d'occhio oltre a quello di Pirlo. L'Inter, come sappiamo, ha la necessità di conquistare subito almeno la Champions e giocatori in grado di dare un grande apporto nell'immediato in questo momento sono più utili di quelli di prospettiva. Come successo con Kovacic al Real, potrebbe accadere anche per Icardi al Chelsea. Se dovesse arrivare Pirlo, partirebbe di sicuro Gnoukouri e forse anche Guarin. Ma all'Inter piace anche Widmer dell'Udinese.

Qualcosa a gennaio dovrà fare anche la Juve alle prese con un organico che non riesce a stimolare Allegri e qualche infortunio di troppo (Khedira soprattutto). Non c'è il famoso trequartista per il 4-3-1-2 che l'allenatore ama, ma è difficile trovare un nome giusto a gennaio, serve un profilo pronto subito per cercare la difficile rimonta in campionato e il percorso in Champions. Ecco allora che la pista Lavezzi, già battuta qualche mese fa, sta tornando di attualità. In Francia parlano già di un accordo raggiunto sulla base di un biennale a quattro milioni con opzione sul terzo anno con una serie di bonus che avrebbero convinto il giocatore ad accettare il ritorno in Italia. Il suo contratto con il Psg è in scadenza, più facile quindi ottenere il via libera a gennaio dai francesi, la Juve ha offerto cinque milioni.

Con Lavezzi la Juventus potrebbe giocare il 4-3-3 con un attacco con Lavezzi a destra e Cuadrado a sinistra, giocatori che saltano l'uomo e cercano la porta, ma tornano anche molto per aiutare il centrocampo. Ma Lavezzi potrebbe anche fare il finto trequartista, è un giocatore duttile e generoso nonostante i trent'anni.

Il problema del gol non è il solo per i bianconeri. Serve anche un centrocampista che apporti qualità e quantità visto il flop di Hernanes pagato (fra l'altro) undici milioni. Fra i giocatori inseguiti a lungo in estate si è quindi riaperta la pista Witsel dello Zenith. Approfittando dello stop invernale e della voglia del belga di riavvicinarsi, la Juve cerca di inserirsi su una pista che sta già battendo da tempo il Milan, ma fatica a chiudere. I bianconeri vorrebbero mettere sulla bilancia proprio Hernanes che in un campionato come quello russo dove si gioca con meno tatticismo e a ritmi più bassi, potrebbe essere ancora importante.

Non partirà invece il giovane Rugani. Lo vorrebbe comprare il Napoli, la Fiorentina lo prenderebbe volentieri in prestito, ma la Juve lo vuol far crescere all'ombra di Chiellini, Bonucci e Barzagli. Il problema è che non giocando mai, il ragazzo potrebbe perdere fiducia e qui entra in ballo Allegri che forse pecca di coraggio. Tra gli insoddisfatti anche il portiere Neto, preso a parametro dalla Fiorentina. Sperava di giocare di più, s'è giocato la nazionale. A fine anno si profila il divorzio con una bella plusvalenza per la Juve che pensa di prendere Marchetti in scadenza con la Lazio.

A proposito di insoddisfazioni varie, Andrea Stramaccioni ci ricasca. Dopo aver toppato con l'Inter e con l'Udinese, riparte da una squadra importante come il Panathinaikos. Evidentemente non ha ancora capito che per la sua carriera sarebbe più utili ripartire dal basso, farsi le ossa e soprattutto l'esperienza che non ha. Dovrebbe trovare un giocatore che ha allenato disposto a dirgli in faccia quello si dice di lui negli spogliatoi dove ha allenato, forse allora capirebbe che insistere senza avere le basi giuste può rivelarsi un boomerang, il rischio di perdere tutto è altissimo. Comunque auguri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.