HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Pirlo, non solo l'Inter ora ci pensa anche la Juve. Lavezzi, pronto un biennale. Witsel torna di moda, via Hernanes. Rugani, no al prestito

06.11.2015 07.26 di Enzo Bucchioni   articolo letto 79469 volte
© foto di Federico De Luca 2014

Chi l'avrebbe mai detto che un ragazzo di 36 anni, dato per finito dai più, sarebbe tornato ad essere un grande obiettivo di mercato. Stiamo parlano di Andrea Pirlo che dopo qualche mese nel campionato Usa, ora che il pallone in nord America si ferma, è tornato ad essere l'oggetto del desiderio.

Il primo a pensare a Pirlo è stato Roberto Mancini. Ufficialmente tutto tace, le conferme non arrivano, ma si parla della solita telefonata del Mancio che evidentemente è molto convincente. L'allenatore nerazzurro si è accorto che il suo centrocampo è troppo muscolare, Melo ha geometria, ma rallenta il gioco, Medel non può inventare nulla e fa il compitino. Un po' di genio darebbe ai nerazzurri molte possibilità in più, non esclusa quella di risolvere le gare con le famose palle inattive. Il contatto c'è stato, Pirlo ci pensa.

Ma, adesso si è mossa anche la Juventus. Il club bianconero, in evidente difficoltà proprio a centrocampo, si è fatto anticipare dall'Inter perché Pirlo aveva dato ampie assicurazioni sul fatto che la sua fosse anche una scelta di vita, senza ritorno, un cambiamento sostanziale anche per i figli, per l'inglese, la scuola e tutta una serie di motivazioni personali. La Juve, però, non ha fatto i conti con la grande passione che Pirlo ha per l'azzurro, quella passione che l'aveva fatto vacillare a giugno dopo aver già deciso di andare negli Usa.

In questi mesi si è accorto che giocando in America è più difficile tenere il ritmo e l'intensità, Conte non l'ha chiamato, spuntano giovani interessanti e il rischio di saltare l'Europeo sta diventando concreto. Proprio per questo l'idea di tornare per sei mesi in Italia, la proposta di Mancini, lo sta facendo vacillare.

Ora anche i bianconeri ci pensano, ma la sensazione è che siano arrivati tardi e Pirlo, soprattutto, non gradirebbe tornare dove ha chiuso pochi mesi fa, ma sarebbe tentato solo da una nuova esperienza, anche sentimentale.

All'Inter troverebbe nuovi stimoli, un ambiente da scoprire per andare oltre le abitudini degli anni bianconeri, e tanta adrenalina in più. Unito al fatto del grande ritorno nell'ambiente dove ha cominciato a frequentare il grande calcio.

Ma, come ha detto Thohir, l'Inter a gennaio farà anche altre operazioni. Una proposta dall'Inghilterra porta il nome di Radamel Falcao. Dopo essere stato scaricato da Mourinho, il giocatore ha chiesto di tornare al Monaco proprietario del cartellino. Al Chelsea è in prestito pagato nove milioni. In corsa si è messo anche il Barcellona, ma gli attaccanti da gestire diventerebbe troppi per Luis Enrique e Falcao rischierebbe di giocare più o meno come al Chelsea.

Un intermediario di mercato ha suggerito un'operazione all'Inter che prevede uno scambio tra Icardi e Falcao. L'argentino piace a Mourinho mentre invece fatica a dialogare con Jovetic e Perisic e non a caso sta segnando pochissimo fino a manifestare di recente la sua insoddisfazione. L'idea è appena nata, ma siccome Mancini non ha mai stravisto per Icardi mentre ama gli attaccanti di maggior movimento come Falcao, il discorso potrebbe avere un seguito. Falcao ha 29 anni, Icardi appena 22 e grandi margini di miglioramento, questo però frena l'Inter. Fra l'altro in estate alle richieste pervenute i nerazzurri avevano sparato cifre sopra i quaranta milioni. Un discorso, comunque, da tenere d'occhio oltre a quello di Pirlo. L'Inter, come sappiamo, ha la necessità di conquistare subito almeno la Champions e giocatori in grado di dare un grande apporto nell'immediato in questo momento sono più utili di quelli di prospettiva. Come successo con Kovacic al Real, potrebbe accadere anche per Icardi al Chelsea. Se dovesse arrivare Pirlo, partirebbe di sicuro Gnoukouri e forse anche Guarin. Ma all'Inter piace anche Widmer dell'Udinese.

Qualcosa a gennaio dovrà fare anche la Juve alle prese con un organico che non riesce a stimolare Allegri e qualche infortunio di troppo (Khedira soprattutto). Non c'è il famoso trequartista per il 4-3-1-2 che l'allenatore ama, ma è difficile trovare un nome giusto a gennaio, serve un profilo pronto subito per cercare la difficile rimonta in campionato e il percorso in Champions. Ecco allora che la pista Lavezzi, già battuta qualche mese fa, sta tornando di attualità. In Francia parlano già di un accordo raggiunto sulla base di un biennale a quattro milioni con opzione sul terzo anno con una serie di bonus che avrebbero convinto il giocatore ad accettare il ritorno in Italia. Il suo contratto con il Psg è in scadenza, più facile quindi ottenere il via libera a gennaio dai francesi, la Juve ha offerto cinque milioni.

Con Lavezzi la Juventus potrebbe giocare il 4-3-3 con un attacco con Lavezzi a destra e Cuadrado a sinistra, giocatori che saltano l'uomo e cercano la porta, ma tornano anche molto per aiutare il centrocampo. Ma Lavezzi potrebbe anche fare il finto trequartista, è un giocatore duttile e generoso nonostante i trent'anni.

Il problema del gol non è il solo per i bianconeri. Serve anche un centrocampista che apporti qualità e quantità visto il flop di Hernanes pagato (fra l'altro) undici milioni. Fra i giocatori inseguiti a lungo in estate si è quindi riaperta la pista Witsel dello Zenith. Approfittando dello stop invernale e della voglia del belga di riavvicinarsi, la Juve cerca di inserirsi su una pista che sta già battendo da tempo il Milan, ma fatica a chiudere. I bianconeri vorrebbero mettere sulla bilancia proprio Hernanes che in un campionato come quello russo dove si gioca con meno tatticismo e a ritmi più bassi, potrebbe essere ancora importante.

Non partirà invece il giovane Rugani. Lo vorrebbe comprare il Napoli, la Fiorentina lo prenderebbe volentieri in prestito, ma la Juve lo vuol far crescere all'ombra di Chiellini, Bonucci e Barzagli. Il problema è che non giocando mai, il ragazzo potrebbe perdere fiducia e qui entra in ballo Allegri che forse pecca di coraggio. Tra gli insoddisfatti anche il portiere Neto, preso a parametro dalla Fiorentina. Sperava di giocare di più, s'è giocato la nazionale. A fine anno si profila il divorzio con una bella plusvalenza per la Juve che pensa di prendere Marchetti in scadenza con la Lazio.

A proposito di insoddisfazioni varie, Andrea Stramaccioni ci ricasca. Dopo aver toppato con l'Inter e con l'Udinese, riparte da una squadra importante come il Panathinaikos. Evidentemente non ha ancora capito che per la sua carriera sarebbe più utili ripartire dal basso, farsi le ossa e soprattutto l'esperienza che non ha. Dovrebbe trovare un giocatore che ha allenato disposto a dirgli in faccia quello si dice di lui negli spogliatoi dove ha allenato, forse allora capirebbe che insistere senza avere le basi giuste può rivelarsi un boomerang, il rischio di perdere tutto è altissimo. Comunque auguri.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.