VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Pogba con Allegri a Manchester. La Juve tenta Sousa ma pensa anche a Montella. Ma anche Milan e Roma sull'Aeroplanino. Tutti i segreti con la Samp e sulla rottura con la Fiorentina. Sabatini pensa pure a Di Francesco...

04.12.2015 07.36 di Enzo Bucchioni   articolo letto 74762 volte
© foto di Federico De Luca

Allegri ieri ha detto frasi di circostanza del tipo "penso solo alla Juventus", commentando i primi rumors spuntati sul suo futuro. Non poteva fare altrimenti e lo comprendiamo.

In realtà, però, la vicenda è molto più seria e complessa di quanto non sembri e le probabilità di un divorzio dalla Juve a fine stagione sono molto alte. Ma questo di Allegri è solo un ingranaggio di un vasto giro sotterraneo di allenatori destinato a cambiare la mappa delle panchine non solo in Italia, pure in Europa.

Dico Europa non a caso. Allegri ha maturato la sua decisione di guardarsi attorno, oltre la Juve, durante il calciomercato, ma soprattutto in questo inizio di stagione sicuramente non positivo in campionato. L'allenatore livornese ritiene (giustamente) di avere fatto cose straordinarie nella scorsa stagione portando alla vittoria dello scudetto e alla finale Champions una squadra che Conte riteneva ormai usurata e aveva chiesto di cambiarla in diversi elementi. Bene, non gli è sembrato che questa sua straordinaria impresa sia stata troppo apprezzata nei piani alti bianconeri o quanto meno non sottolineata abbastanza. Ha avuto l'impressione di non essere mai stato una scelta voluta, ma quasi una scelta obbligata quando Conte si è dimesso nell'estate del 2014 e in giro non c'erano tanti tecnici liberi.

Ma le sensazioni di Allegri sono diventate realtà o sospetti quando la Juve non è riuscita a comprare uno dei trequartisti che l'allenatore aveva chiesto per cambiare gioco e portare più avanti la genialità e l'imprevedibilità della manovra bianconera che per anni è stata di Pirlo davanti alla difesa.

Poi, a campionato iniziato, di sicuro Allegri ha sbagliato qualche scelta e i tempi nel rifondare la Juve, ma le critiche non sono mancate, alcune anche abbastanza severe e non velate, sia dalla proprietà (Elkann) che dal presidente Agnelli e dall'amministratore delegato Marotta.

La mancata riconoscenza per il lavoro fatto e le colpe di un inizio non brillante che Allegri sente solo in parte sue, ma da condividere per una campagna acquisti incompleta, lo hanno fatto riflettere.

Soprattutto gli hanno riportato alla mente gli ultimi mesi difficili con il Milan e per evitare il ripetersi di certe situazioni, Allegri si è mosso in anticipo cercando di prendere tutti in contropiede.

Per pensare al suo futuro e ipotizzare anche una panchina lontana dalla Juve, Allegri si è rivolto naturalmente al suo procuratore, il potentissimo Branchini. L'accostamento al Manchester United viene proprio dal lavoro e dallo screening fatto dal suo manager e dalla volontà di Allegri di sfruttare il momento, fino a quando è sulla cresta dell'onda, per fare un'esperienza in Inghilterra da sempre sognata. Fra l'altro l'allenatore conosce l'inglese e caso mai avrà meno problemi di altri. I contatti ci sono stati, a fine stagione Van Gaal chiuderà e nel progetto tutto torna.

Non basta. Allegri ha un ottimo rapporto con Pogba, lo ha sempre difeso anche nei momenti difficili, e il giocatore avrebbe chiesto al suo procuratore Raiola di seguire Allegri a Manchester dove fra l'altro è nato calcisticamente. Il viaggio dell'altro giorno non è stato affatto una rimpatriata per trovare vecchi amici, c'è qualcosa di più e di diverso.

Questo è lo scenario che forse è già immutabile, ma che forse potrebbe cambiare con un altro scudetto bianconero o un'altra strepitosa Champions, comunque Allegri sembra deciso a cambiare aria, almeno secondo quello che ha confidato ad amici.

La Juve non è certo impreparata e forse neppure dispiaciuta, sa bene che il tecnico non ha gradito certi comportamenti e sa pure che si è mosso. Ma sta pensando a un allenatore con un gioco più brillante.

Mossa e contromossa. Immediatamente i bianconeri si sono messi a sondare e qui torniamo alle voci su Conte uscite un mese fa. Vere. Ma il Ct azzurro ha chiesto pieni poteri anche sul mercato, quindi in pratica l'accantonamento di Marotta e questo significa un no grazie. Conte, fra l'altro, aspetta il Real Madrid che non continuerà con Benitez. Nel giro europeo Ancelotti andrà al Bayern e Guardiola al City, ma questo ormai è noto.

Se però Conte non dovesse chiudere con Florentino Perez potrebbe restare in Nazionale fino ai mondiali, tanto per decidere sull'azzurro ha tempo fino a luglio a mercato allenatori chiuso e Tavecchio lo aspetta a gloria.

Tornando alla Juve e alla panchina, le attenzioni si sono rivolte anche ad altri due allenatori che fanno giocare bene le loro squadre perché, come detto, le perplessità su Allegri sono anche per il suo gioco troppo provinciale.

Sousa e Montella sono stati monitorati subito. L'allenatore della Fiorentina piace moltissimo, fra l'altro è un ex bianconero. Anche qui per cercare di chiudere il cerchio, si sarebbe mossa ancora la corazzata Branchini con la quale l'entourage di Sousa ha un buon rapporto. Le probabilità di un colpo del genere però sono zero, sappiamo tutti benissimo quanto Della Valle tenga ai contratti firmati e Sousa ha un accordo per due anni. I messaggi sono partiti forti e chiari, ma non hanno ottenuto risposte positive.

E' tornato in ballo pure Montella già nel mirino due anni fa. Montella? Ma non è da poco alla Samp? Certo, ma l'ex Aeroplanino ha una clausola rescissoria da un milione di euro e nonostante il contratto quadriennale a giugno può lasciare.

E si scopre così il velo sugli ultimi due anni viola. Ora le motivazioni del divorzio sono più chiare e ve le raccontiamo. Nella primavera del 2014, all'apice della sua esperienza fiorentina, Montella ha avuto offerte concrete da Milan e Juventus, ma c'è stato qualcosa anche con il Barcellona in un momento di frizione con Tata Martino.

La Fiorentina ha detto no duramente, Montella si è trovato di fronte al muro dei Della Valle e al rispetto di un contratto firmato con clausola rescissoria da 5 milioni. Che fare per uscire da questa situazione? Montella ha iniziato gli attacchi pubblici alla Fiorentina (ricordate nel giugno del 2014?) accusando la proprietà di voler vendere i migliori e non voler fare una squadra competitiva. Le ironie e i discorsi contro la proprietà sono continuati anche nel campionato successivo. Nella primavera scorsa è arrivata la rottura perché la Fiorentina ha capito che Montella stava ancora provando ad andar via, voleva la Roma e forse c'è stato pure un contatto quando Garcia stava per essere silurato, ma anche il Napoli lo ha corteggiato.

Naturalmente la Fiorentina ha sempre opposto il suo no e caso mai il rispetto della clausola rescissoria che però nessuno ha voluto pagare. Montella si è trovato prigioniero e la Fiorentina, giustamente, ha deciso di silurare un allenatore con la testa altrove.

In buona sostanza, Montella ha capito che Della Valle mai e poi mai lo avrebbe mollato ad una squadra di alta classifica senza i cinque milioni della clausola, piuttosto lo avrebbe pagato per altri due anni sensa farlo lavorare.

Il furbo Montella allora ha chiesto aiuto al suo amico Ferrero-Viperetta che gli ha dato la panchina della Samp. Da una squadra non di vertice la Fiorentina si è accontentata di due milioni, uno dei quali sborsato da Montella stesso che ha rinunciando a emolumenti che gli spettavano, l'altro si è impegnata a pagarlo la Samp.

Guarda caso la clausola rescissoria inserita nel contratto con la Samp è proprio di un milione.

Capito? Se Montella avrà offerte da grandi squadre non sarà un problema liberarsi e il milione della clausola andrà nelle casse della Samp per compensare quello dovuto alla Fiorentina. Una genialata a costo zero. Unica variabile che potrebbe far saltare il piano di Montella, un periodo disastroso con la Samp o la vendita della società al miliardario Volpi, nell'aria da molto tempo, che potrebbe convincere l'allenatore a rimanere. Difficile.

Insomma, con una clausola da un milione, Montella è di nuovo appetibile e oltre alla Juve ci sta ripensando pure il Milan. Nessuno è contento di Mihajlovic che si salverà solo con il terzo posto.

Ma anche la Roma sta riflettendo sulla panchina. Garcia a fine stagione se ne andrà e Montella non ha mai fatto mistero del suo sogno di tornare in giallorosso. Ma Sabatini ha in mente anche altri due progetti sui quali sta lavorando, uno è Conte (difficile) e un altro che piace molto è Di Francesco del Sassuolo, un grande ex.

Unica variabile impazzita potrebbe essere il precipitare della situazione di classifica che costringerebbe la Roma a licenziare subito Garcia per prendere allora Mazzarri, pronto subito e già contattato, vecchio pallino di Sabatini. Dunque, scenario aperto e affascinante. Ma non finisce qui.

L'allenatore del momento è un altro e si chiama Maurizio Sarri. Come è noto ha firmato col Napoli un contratto per una sola stagione a 700 mila euro, cifra molto bassa per il livello della squadra e della società.

Essendo Sarri una persona seria, non avrà problemi a rinnovare quando De Laurentiis gli proporrà un altro contratto magari con ritocco, però la situazione è decisamente cambiata rispetto all'estate scorsa.

Oggi, di sicuro, Sarri piace a tutti e potrebbe scegliere diverse panchine a cominciare da quella del Milan. Galliani l'aveva già perso in primavera e portato a Arcore, poi l'ha mollato per la scelta presidenziale caduta su Mihajlovic ed oggi potrebbe tornare in agguato.

Ma la firma e il prolungamento arriveranno presto, Sarri non è un allenatore come tutti gli altri, a Napoli nessuno si deve preoccupare del futuro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.