HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Prandelli rinnova, Conte si infuria: fulmini azzurri sul destino della panchina Juve. Seedorf promosso, Milan no: Berlusconi ha pronta la lista dei bocciati (con un nome eccellente...). Mazza-Inter: Thohir e Moratti non trovano un punto d'incontro...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
04.03.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 48638 volte
© foto di Federico De Luca

Il botta e risposta tra Conte e Prandelli ricorda certi duelli rusticani sotto al piumone. Quelli tra Sandra e Raimondo in particolare. Per questioni legate al bulbo assoceremo Prandelli a Raimondo e Conte a Sandra.

Succede che Sandra vinca per il secondo anno consecutivo il premio come migliore tecnico della serie A. Premio meritatissimo: Antonio Conte, da tre anni, in Italia non ha rivali. Solo che a volte si fa prendere la mano e le spara grosse come le guanciotte di Di Caprio. L'altro giorno, per dire, poteva risparmiarsela. Ha appena vinto contro il Milan, è a + 11 sulla seconda in classifica, non ha problemi di sorta: perché attaccare quel poveraccio di Raimondo, uno che si annoia mortalmente tutto l'anno (se gli va bene gli toccano addirittura una decina di partite); uno che contro la Spagna proprio non voleva giocare perché "se vinciamo, per tutti siamo già campioni del mondo e se perdiamo invece non passeremo neppure i gironi"; uno che ha semplicemente convocato Chiellini, non ha detto "lo porto in Spagna però lui deve venire in bici e scalare i Pirenei sul versante più ripido del Tourmalet". Insomma: Antonio Conte questa volta poteva risparmiarsela. Non fosse altro che certe dichiarazioni non fanno propriamente bene all'immagine della Juve. Ma son piccolezze, per carità.

Quell'acqua cheta di Cesarone, dal canto suo, non ha fatto finta di nulla, dimostrando che nel loro piccolo anche i Prandelloni si incazzano. Ha fatto capire che è stufo di fare la figura di quello che accetta tutto e, soprattutto, ha detto (senza dirlo) che dopo il Mondiale resterà a capo del carrozzone azzurro. Per mancanza d'alternative? Forse. Per dire, la panca dei bianconeri resterà a Conte nonostante il dannato pressing dei monegaschi. Sì, insomma, Ranieri pare aver fatto il suo tempo e gli arabi si sono innamorati dell'Antonio. Il quale però non ragiona come Verratti e sa di essere già in un clubbissimo.

Antonio resterà nonostante il nervoso latente (ce l'ha anche con noialtri scribacchini, lo sappiamo) e una squadra che cambierà forma. Tutti (compreso chi scrive) erano certi che Pogba non sarebbe andato via, almeno per quest'anno. Ebbene, quei fetentoni dei parigini pare abbiano avanzato la classica offerta "che non si può rifiutare": 65 milioncini uno sull'altro. Verratti non vuol rientrare nell'affare? Peggio per lui: con Pirlo e Vidal confermatissimi, la Signora sta già cercando succose alternative (al centro e sugli esterni).

Detto che anche quel furbone di Pjanic viaggia veloce verso Parigi (la presenza sugli spalti del bosniaco durante il match del Psg desta qualche leggerisssssssimo sospetto, ma del resto avevamo anticipato la cosa ai tempi dell'acquisto di Nainngolan), siam qui a raccontarvi di un altro tecnico. Che poi è quel pezzo d'ebano di Seedorf.

La partita (persa) contro la Juve ha convinto il Cav: l'ha detto Galliani, l'hanno confermato fonti vicine allo stesso Berlusca. Piace l'idea di gioco, piace la spregiudicatezza, piace l'adattabilità di un modulo votato all'attacco che però ha basi solide. Non piace, invece, l'atteggiamento (e la resa) di parecchi giocatori. Contro la Signora la differenza l'hanno fatta i singoli. E i singoli li compri al mercato. E al prossimo mercato assisteremo a una nuova rivoluzione rossonera: giocatori come Constant, Mexes, Muntari, Robinho, Saponara lasceranno spazio a forze freschissime. Anche Marione rischia assai: questione di resa globale (con Pazzini il Diavolo è più squadra), questione di "cassa" (se vuoi far la rivoluzione devi avere i quattrini e i quattrini veri li recuperi solo vendendo Balo e risparmiando sul suo ingaggio). Difficile dire se sarà Adriano Magno a condurre la rivoluzione: la sua buonuscita è già garantita, potrebbe anche decidere di godersi la vita dopo 28 anni di estati a Forte dei Marmi a trattare terzini e mediani.

La metafora delle lenzuola vale anche per la neonata serie tv "Casa Thohir". Erick e Walter (Mazzarri) si amano a parole: Et rinnova la fiducia, Wm promette l'Europa e poi i due giocano a Scarabeo con le iniziali dei loro nomi. La realtà è che la pareggite dei nerazzurri ha stufato più di un tifoso interisti, perfino in Indonesia. Capitò anche a Mancini, è vero: Moratti ebbe pazienza e arrivarono gli scudetti. Solo che l'indonesiano - uno abituato a trattare le sue proprietà come un'azienda, non una famiglia - non gradisce più di tanto lo spettacolo che gli tocca guardare in notturna. Sembra che durante le dirette dell'Inter, mentre a Giacarta già albeggia, l'esperto Et sia stato udito ripetere in maniera convulsa: «Non tiriamo mai da tre punti. Perché?!».

P.S. Chiusura sulla barbosa faccenda "codice etico". La conseguenza più importante del rinnovo di Prandelli è la rinascita della legge del taglione azzurro. «Tu fai il cattivo in campo, io ti caccio dalla Nazionale». Prima vittima De Rossi (seconda Berardi, in crisi di identità dopo essersi sentito candidare al Mondiale per i 4 gol al peggior Milan dell'era-Berlusconi), uno che qualche birichinata in campo l'ha sempre fatta ma poi all'Italia ha dato il cuore e l'anima. Vediamo fino a quando durerà il regime montessoriano di Cesare. Una previsione? Fino al prossimo colpo di testa di Marione Balotelli.

Ps2. Complimenti a Sorrentino ma a distanza di anni mi chiedo ancora perché "Alex l'Ariete" con Alberto Tomba non abbia avuto medesima gloria. E l'indimenticabile "Troppo belli" con Costantino Vitagliano e Daniele Interrante? Evidentemente anche a Hollywood è tutto un magna magna... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.