HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Prandelli rinnova, Conte si infuria: fulmini azzurri sul destino della panchina Juve. Seedorf promosso, Milan no: Berlusconi ha pronta la lista dei bocciati (con un nome eccellente...). Mazza-Inter: Thohir e Moratti non trovano un punto d'incontro...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
04.03.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:   articolo letto 48630 volte
© foto di Federico De Luca

Il botta e risposta tra Conte e Prandelli ricorda certi duelli rusticani sotto al piumone. Quelli tra Sandra e Raimondo in particolare. Per questioni legate al bulbo assoceremo Prandelli a Raimondo e Conte a Sandra.

Succede che Sandra vinca per il secondo anno consecutivo il premio come migliore tecnico della serie A. Premio meritatissimo: Antonio Conte, da tre anni, in Italia non ha rivali. Solo che a volte si fa prendere la mano e le spara grosse come le guanciotte di Di Caprio. L'altro giorno, per dire, poteva risparmiarsela. Ha appena vinto contro il Milan, è a + 11 sulla seconda in classifica, non ha problemi di sorta: perché attaccare quel poveraccio di Raimondo, uno che si annoia mortalmente tutto l'anno (se gli va bene gli toccano addirittura una decina di partite); uno che contro la Spagna proprio non voleva giocare perché "se vinciamo, per tutti siamo già campioni del mondo e se perdiamo invece non passeremo neppure i gironi"; uno che ha semplicemente convocato Chiellini, non ha detto "lo porto in Spagna però lui deve venire in bici e scalare i Pirenei sul versante più ripido del Tourmalet". Insomma: Antonio Conte questa volta poteva risparmiarsela. Non fosse altro che certe dichiarazioni non fanno propriamente bene all'immagine della Juve. Ma son piccolezze, per carità.

Quell'acqua cheta di Cesarone, dal canto suo, non ha fatto finta di nulla, dimostrando che nel loro piccolo anche i Prandelloni si incazzano. Ha fatto capire che è stufo di fare la figura di quello che accetta tutto e, soprattutto, ha detto (senza dirlo) che dopo il Mondiale resterà a capo del carrozzone azzurro. Per mancanza d'alternative? Forse. Per dire, la panca dei bianconeri resterà a Conte nonostante il dannato pressing dei monegaschi. Sì, insomma, Ranieri pare aver fatto il suo tempo e gli arabi si sono innamorati dell'Antonio. Il quale però non ragiona come Verratti e sa di essere già in un clubbissimo.

Antonio resterà nonostante il nervoso latente (ce l'ha anche con noialtri scribacchini, lo sappiamo) e una squadra che cambierà forma. Tutti (compreso chi scrive) erano certi che Pogba non sarebbe andato via, almeno per quest'anno. Ebbene, quei fetentoni dei parigini pare abbiano avanzato la classica offerta "che non si può rifiutare": 65 milioncini uno sull'altro. Verratti non vuol rientrare nell'affare? Peggio per lui: con Pirlo e Vidal confermatissimi, la Signora sta già cercando succose alternative (al centro e sugli esterni).

Detto che anche quel furbone di Pjanic viaggia veloce verso Parigi (la presenza sugli spalti del bosniaco durante il match del Psg desta qualche leggerisssssssimo sospetto, ma del resto avevamo anticipato la cosa ai tempi dell'acquisto di Nainngolan), siam qui a raccontarvi di un altro tecnico. Che poi è quel pezzo d'ebano di Seedorf.

La partita (persa) contro la Juve ha convinto il Cav: l'ha detto Galliani, l'hanno confermato fonti vicine allo stesso Berlusca. Piace l'idea di gioco, piace la spregiudicatezza, piace l'adattabilità di un modulo votato all'attacco che però ha basi solide. Non piace, invece, l'atteggiamento (e la resa) di parecchi giocatori. Contro la Signora la differenza l'hanno fatta i singoli. E i singoli li compri al mercato. E al prossimo mercato assisteremo a una nuova rivoluzione rossonera: giocatori come Constant, Mexes, Muntari, Robinho, Saponara lasceranno spazio a forze freschissime. Anche Marione rischia assai: questione di resa globale (con Pazzini il Diavolo è più squadra), questione di "cassa" (se vuoi far la rivoluzione devi avere i quattrini e i quattrini veri li recuperi solo vendendo Balo e risparmiando sul suo ingaggio). Difficile dire se sarà Adriano Magno a condurre la rivoluzione: la sua buonuscita è già garantita, potrebbe anche decidere di godersi la vita dopo 28 anni di estati a Forte dei Marmi a trattare terzini e mediani.

La metafora delle lenzuola vale anche per la neonata serie tv "Casa Thohir". Erick e Walter (Mazzarri) si amano a parole: Et rinnova la fiducia, Wm promette l'Europa e poi i due giocano a Scarabeo con le iniziali dei loro nomi. La realtà è che la pareggite dei nerazzurri ha stufato più di un tifoso interisti, perfino in Indonesia. Capitò anche a Mancini, è vero: Moratti ebbe pazienza e arrivarono gli scudetti. Solo che l'indonesiano - uno abituato a trattare le sue proprietà come un'azienda, non una famiglia - non gradisce più di tanto lo spettacolo che gli tocca guardare in notturna. Sembra che durante le dirette dell'Inter, mentre a Giacarta già albeggia, l'esperto Et sia stato udito ripetere in maniera convulsa: «Non tiriamo mai da tre punti. Perché?!».

P.S. Chiusura sulla barbosa faccenda "codice etico". La conseguenza più importante del rinnovo di Prandelli è la rinascita della legge del taglione azzurro. «Tu fai il cattivo in campo, io ti caccio dalla Nazionale». Prima vittima De Rossi (seconda Berardi, in crisi di identità dopo essersi sentito candidare al Mondiale per i 4 gol al peggior Milan dell'era-Berlusconi), uno che qualche birichinata in campo l'ha sempre fatta ma poi all'Italia ha dato il cuore e l'anima. Vediamo fino a quando durerà il regime montessoriano di Cesare. Una previsione? Fino al prossimo colpo di testa di Marione Balotelli.

Ps2. Complimenti a Sorrentino ma a distanza di anni mi chiedo ancora perché "Alex l'Ariete" con Alberto Tomba non abbia avuto medesima gloria. E l'indimenticabile "Troppo belli" con Costantino Vitagliano e Daniele Interrante? Evidentemente anche a Hollywood è tutto un magna magna... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.