VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Presidente, mi consenta... Sabatini-Galliani: idea intrigante. Bologna, Corvino non meritava questa pugnalata. Pazza serie B: da Livorno ad Avellino

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
28.03.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 33666 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Impieghiamo mesi per strappare una dichiarazione a Silvio Berlusconi, poi sotto le elezioni il Presidente del Milan ha piacere a parlare e le domande sul calcio si sprecano. Il problema è che non riusciamo più a stare dietro al Cavaliere. Una volta dice che Mihajlovic non ha gioco, un'altra spiega che il problema non è Sinisa e che, se vincesse la Coppa Italia, potrebbe anche rimanere, poi ribadisce che - se il Milan ha speso 90 milioni di euro e la posizione in classifica è quella che è - allora saranno stati sbagliati gli acquisti. Il mirino si sposta su Galliani che, comunque, resta un intoccabile. La verità è che gli acquisti non sono serviti a dare la svolta e, anche se i singoli possono essere considerati giocatori di valore, è l'insieme che lascia a desiderare. Bertolacci è stato strapagato, Romagnoli non può crescere se al suo fianco non ha un top player e Bacca è costato tanto anche se i suoi gol, al contrario di Luiz Adriano, li sta facendo. Il Milan ha giocatori modesti che trascina da anni un gruppo senza qualità. Inutile girarci troppo attorno, il Milan è morto quando quell'estate i vertici decisero di fare pulizia generale dei big. Potevano anche essere avanti con gli anni, ma l'esperienza e il gruppo sono fondamentali anche per fare da scuola ai giovani. Questo è stato l'errore più grande di Berlusconi e Galliani e una squadra competitiva non si rifonda in pochi anni e con pochi soldi. 90 milioni di euro, in un solo mercato, sono tanti da investire per la Juventus che ha già l'ossatura e può centrare due colpi da 45, ma sono pochi per rifondare una squadra intera come il Milan. Ora si parla di Sabatini. Sapete il nostro pensiero sull'attuale Direttore Sportivo della Roma. E' un grande intenditore di calcio e scopritore di buoni calciatori ma non può fare l'uomo società e l'uomo spogliatoio. Per questo la coppia Galliani-Sabatini sarebbe perfetta, ma - anche se vincente - è una coppia destinata a non comporsi mai perché Galliani difficilmente troverebbe la giusta sintonia con un collega dello stesso livello di competenza calcistica. Almeno sulla carta.
A Bologna stanno preparando la rivoluzione. A dire la verità ve ne stiamo parlando dallo scorso agosto, e - quando su Tuttomercatoweb e Sportitalia scrivemmo di qualcuno che tramava alle spalle di Corvino - Pantaleo ci rimase male. 10 mesi dopo si sta verificando tutto. Il Bologna è salvo, Corvino ha un contratto di altri due anni e Saputo sta pensando a trovare un nuovo Direttore Sportivo. I risultati danno ragione a Corvino: calciatori giovani per fare plusvalenze importanti, la serie A conquistata seppur giocando male e la serie A salvaguardata con largo anticipo. Mandare via Corvino non ha senso e non c'è un filo logico. Di Vaio non è ancora pronto per la promozione a Direttore, Pradè non convince gli attuali dirigenti e la probabilità di un arrivo di Pasquale Sensibile è sempre più concreta.
In serie B la rivoluzione dei Mister è costante. A Livorno Spinelli sta facendo la stessa confusione di Zamparini. Panucci non andava preso e neanche ripreso. Adesso Colomba ha l'arduo compito di salvare la squadra ma è il migliore per un ruolo così delicato. Ad Avellino meriti a Taccone e De Vito per aver difeso fino alla fine Tesser. Mister gentiluomo che, probabilmente, non aveva fatto bene i calcoli con tutto lo spogliatoio. Qualcuno ha remato contro, dal primo all'ultimo giorno, e alla fine la società doveva decidere di cambiare Tesser o mandare 4-5 calciatori a casa. Il problema è che i calciatori troppo spesso prendono in mano il comando dello spogliatoio, calciatori che sono leader o altri che neanche potrebbero giocare perché costantemente infortunati o altri pagati tanto ma pronti per l'Inps. Tesser ha rispettato in pieno i programmi dell'Avellino: doveva fare un campionato tranquillo e ha lasciato la squadra molto più vicina ai play off che ai play out. Squadre prestigiose come Salernitana, Vicenza e Livorno sono messe molto male. Tesser non ha avuto Castaldo per tutto il girone di andata e nel ritorno non ha più avuto Trotta. Non si può chiedere la luna ad un tecnico che ha ottenuto quasi il massimo. Certo, qualche errore l'ha commesso ma chi non li commette?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.