HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Quanto rendono i nuovi acquisti? 730 mln spesi dalla Serie A, ma tanti calciatori non hanno mai giocato! L'analisi (parziale): sul podio certezze costose. Milik-Gabigol, destini incrociati. Sassuolo da seguire, il Milan no. Chi ha visto i croati?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
09.10.2016 08.51 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 59177 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Settecentotrenta milioni di euro. Ad alcuni addetti ai lavori è bastato sbandierare questo numero, subito dopo la campagna trasferimenti estiva, per parlare di una rinascita del calciomercato in Italia. E' la cifra relativa ai soldi spesi tra giugno e agosto dai club italiani per il calciomercato. Una cifra importante, significativa, seconda solo alla Premier League che ha speso praticamente il doppio, ma troppo parziale per essere giudicata così. Senza altri dati, altri numeri e qualche spiegazione. Innanzitutto c'è da fare i conti anche con i soldi incassati, col rapporto spese/entrate, poi sul perché ci sono certi investimenti, sul come sono possibili certi acquisti e da dove arrivano questi soldi. Argomenti che meritano editoriali a sé stanti, già trattati su queste colonne e che verranno sicuramente ripresi in futuro.
Qualcosa di diverso indubbiamente s'è visto. Merito della nuova proprietà dell'Inter - che a differenza di Thohir pare davvero voler riportare in alto la squadra nerazzurra - e del Manchester United. I 115 milioni di euro spesi dai red devils per Paul Pogba hanno provocato una reazione a catena che ha permesso a Juventus e Napoli di effettuare acquisti altrimenti non preventivabili. Soldi che a loro volta sono andati nelle casse di altri club, spesso italiani, che a loro volta hanno avuto la liquidità necessaria per spendere. Una vera e propria catena di montaggio.
In questo editoriale, però, la domanda centrale è un'altra. E' quella che probabilmente più interessa ai tifosi: come sono stati spesi questi soldi? Come stanno fruttando gli investimenti estivi?
La risposta, dopo sette giornate, non può che essere parziale. Se a Platini, Passarella e Zidane servì qualche mese per adattarsi alla Serie A, logico e probabile che anche chi è arrivato questa estate da altri campionati necessiti di un periodo di adattamento. Questo, però, non vuole dire che alcune tendenze non possono essere registrare e alcune previsioni non possono essere azzardate. Perché anche le analisi parziali nel calcio servono, per tirare una linea e guardare avanti avendo le idee chiare su cosa è accaduto in passato.

IL PODIO: CERTEZZE BIANCONERE E UNA COSTOSA SCOMMESSA, QUASI VINTA, DALL'INTER - Sono oltre 160 i milioni di euro spesi tenendo conto solo dei primi tre acquisti: Higuain, João Mário e Pjanic. Poco da dire sul Pipita, costato 90 milioni di euro, un trasferimento già sviscerato in tutti i suoi dettagli. E' stato pagato tanto dalla Juventus? Si. Inciderà come a Napoli? Si, come confermano queste prime apparizioni. Marotta l'ha acquistato per compiere il salto di qualità subito, nel breve periodo, e l'argentino è già il capocannoniere della Serie A, nonostante non sia sempre partito dall'inizio.
Discorso simile per Pjanic, che a Torino sta palesando gli stessi pregi e i pochi difetti già visti a Roma. Mentre João Mário, numero 10 del Portogallo, merita un altro discorso. Perché l'ex Sporting - pagato tanto, probabilmente troppo - sembra davvero quello che serviva a questa Inter. Si prende i rischi necessari per giocare in questa squadra e rende semplici passaggi che per altri - come Kondogbia o Felipe melo - appaiono decisamente più complessi. A volte spendere tanto fa rima con spendere bene.

MILIK E GABIGOL, SOLO QUESTIONE DI FORTUNA? Sono costati grossomodo la stessa cifra: poco più di 30 milioni il bomber polacco, poco meno di 30 milioni l'attaccante brasiliano. Eppure, spesso il rendimento dei calciatori è legato anche ad altre trattative. Il loro caso ne è un esempio: Arkadiusz Milik, secondo le intenzioni di De Laurentiis, era sbarcato a Napoli per prendere il posto di Gabbiadini e diventare l'alternativa all'attuale capitano dell'Inter, a quell'Icardi che è rimasto a Milano dopo che il club ha assecondato le sue richieste sul nuovo contratto e adesso sbarra le porte proprio a Gabigol. Nell'attuale modulo di De Boer non sembra esserci spazio per entrambi, mentre Milik in poche settimane è diventato un titolarissimo del Napoli di Sarri. Lo è stato finora, ma non lo sarà per il resto della stagione. Già, perché l'analisi del suo campionato rischia di concludersi qui visto il bruttissimo infortunio rimediato con la Polonia.

DOVE SONO I CROATI? Sono quasi un caso da studiare a tavolino perché ad alti livelli i calciatori croati in Italia, con Perisic e Mandzukic come piacevoli eccezioni, proprio non trovano una loro collocazione. Mateo Kovacic è stato venduto al Real Madrid, dove oggi gioca spesso e volentieri, perché nell'Inter di Mancini era diventato un peso, un problema che adesso si sta riproponendo anche con Marcelo Brozovic.
E i nuovi acquisti sembrano andare esattamente nella stessa direzione: Marko Pjaca, tra i migliori all'ultimo Europeo, in questa Juventus ha giocato pochi minuti e ha una collocazione tattica poco chiara. Marko Rog, suo ex compagno di squadra, non è ancora sceso in campo nemmeno per un minuto, così come Mario Pasalic, calciatore che il Milan ha preso in prestito dal Chelsea. Ma i rossoneri meritano un discorso a parte.

MILAN, CHE DISASTRO - Leonel Vangioni, Matias Fernandez, Gianluca Lapadula, José Sosa, Gustavo Gomez e Mario Pasalic. Questi gli acquisti definiti da Adriano Galliani nell'ultima estate da protagonista dopo un trentennio alla guida il calciomercato rossonero. Di questi calciatori, Sosa è di fatto l'unico che si sta ritagliando un suo spazio con continuità. Ad oggi, Gomez è l'alternativa alla coppia di centrali di difesa Romagnoli-Paletta. Lapadula era arrivato per sostituire Bacca e, adesso, si trova a fare l'ombra del colombiano. Vangioni non è mai sceso in campo e forse non lo farà mai con la maglia del Milan mentre Mati Fernandez - vero e proprio caso di calciomercato delle ultime ore - sta smaltendo i suoi problemi fisici. Per ora, se ne sono perse le tracce.

TANTI MILIONI, ZERO MINUTI - Il Milan, però, non è certo l'unico club che ancora non ha fatto esordire in campionato i suoi volti nuovi. Tutt'altro. Maurizio Sarri tiene ancora in panchina ben 40 milioni di euro tra Rog, Diawara e Tonelli, quasi un record per una squadra che inserisce sempre con molta oculatezza i suoi volti nuovi. Poi una lunga carrellata di nomi: Bryan Cabezas, ala che l'Atalanta ha strappato al Boca Juniors, è al momento oggetto misterioso. Sadiq (tornato in gruppo da pochi giorni) ed Helander, gli ultimi innesti del Bologna, non si sono mai visti, così come quattro scommesse di Corvino alla Fiorentina: Bartlomiej Dragowski, Kevin Diks, Hernan Toledo e Ianis Hagi, Poi qualche parametro zero - come Ajeti e Mesbah - e molti prestiti. Infine c'è la Roma, un caso da studiare in separata sede.

E LA CAPITALE? E' della Roma l'acquisto più costoso che non ha ancora esordito in Serie A: si tratta di Gerson, brasiliano pagato poco meno di 17 milioni di euro che fin qui ha collezionato minuti solo in Europa League giocando da interno di centrocampo, un ruolo poco adatto alle sue caratteristiche. Discorso diverso per Mario Rui, erede designato di Digne ai box per un brutto infortunio rimediato in estate. Altro calciatore che ha finora giocato solo in Europa League è il portiere brasiliano Alisson, altro investimento importante, da circa otto milioni di euro, che nella Roma non trova spazio.
Nella Lazio, invece, i volti nuovi più importanti hanno esordito praticamente tutti: pochi minuti per Luis Alberto e Leitner, già titolari Immobile, Wallace e Bastos, con Jordan Lukaku diventato un prezioso comprimario per Simone Inzaghi.

PARAMETRI ZERO: L'ESTATE DEI SEI AFFARI AFFARI - Non serve però sempre spendere tanto per ritrovarsi in casa dei titolari. Tanto criticati, i parametri zero possono spesso risultare decisivi e sei in questo avvio di stagione si stanno imponendo nei rispettivi club come titolari e leader, nonostante fino a qualche settimana fa fossero senza contratto. Si tratta di Miguel Veloso (Genoa), Daniel Alves (Juventus), Ever Banega (Inter), Alessandro Diamanti (Palermo) Bruno Alves e Marco Borriello (Cagliari).

CONCLUSIONI - Scorrendo la classifica il discorso, in piccolo, può essere riproposto. Sassuolo e Torino sono esempi da seguire per società che non puntano certo allo Scudetto, a differenza di un Palermo che spesso acquista tanto per acquistare e a volte, troppe volte, i suoi giocatori nemmeno li fa esordire. Dando uno sguardo finale alla situazione generale, però, emerge che circa 100 milioni dei 730 complessivi sono stati spesi per giocatori che fino a questo momento il campo non lo hanno mai visto. Nemmeno per un minuto. E' il 13-14% della spesa complessiva, una percentuale destinata a subire una brusca impennata se si inseriscono quei giocatori come Marko Pjaca, Gabigol, Luis Alberto e non solo che finora, nonostante siamo a ottobre inoltrato, sono scesi in campo in Serie A solo per pochi minuti. E' solo questione di tempo? Lo scopriremo nei prossimi mesi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.