HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Real, il prossimo colpo è Neuer. Conte, da Agnelli a Lotito. Mancini, no io no. Cairo: Cerci non è Immobile. Milan, 10 milioni di speranze

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
16.08.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 63730 volte

L'ultimo Mondiale non è stato la kermesse degli attaccanti. A parte qualche bagliore, gli eroi di Brasile 2014 non sono stati prime e seconde punte. A riempire titoli e pagine sono stati invece loro, i portieri. La storia umana di Ochoa, la rivelazione tecnica di Keylor Navas, certo anche gli errori di Casillas comunque decisivi. E poi lui. Il cigno dei portieri. Neuer, alto, bello, forte e vincente. Il Real, che ha ceduto Diego Lopez al Milan per liberarsi del dualismo fra due numeri uno, o in questo mercato o nel prossimo andrà all'assalto del portiere bavarese. Il Bayern ha preso Pepe Reina e non si farà trovare impreparato. Prima o poi...

Siamo felici di Antonio Conte in Nazionale. Buon per i colori azzurri, buon per i tifosi dell'Italia. Meno codice etico e più fame di calcio. Si riparte da qui. Certo fa effetto. Pensate ad Andrea e Antonio. Nella scalata Figc il presidente Agnelli non ha saputo aggregare e su questo dovrà pensare. Ma fino a quaranta giorni fa Andrea Agnelli e Antonio Conte erano un blocco unico. La famiglia, la storia, la Juve più profonda e più autentica. Oggi Conte sta per diventare il CT del presidente Tavecchio. E quindi del presidente Lotito. Dello schieramento che Agnelli ha vissuto come Anti. Ecco invece Conte che lo sposa, che lo vuole rinvigorire. E la Juventus dà tanti giocatori alla Nazionale. Conte vuole più stage e più disponibilità dai Club. L'atteggiamento in risposta di Andrea e della Juventus sarà curiosissimo da studiare. C'è grande attesa.

Roberto Mancini si è chiamato fuori. Era da Nazionale anche lui. In cuor suo la preferenza era e resta per un grande Club. Ma se fosse passata la linea Albertini, Demetrio non demordere che ci sarà bisogno di te, il Mancio la zampata azzurra l'avrebbe piazzata volentieri. Invece si è chiamato fuori, no da quelli li non ci vado sembra abbia sussurrato agli amici.

Il presidente Cairo ci ha preso gusto. Su Immobile è stato bravo e fortunato. Ha trovato l'acquirente giusto e subito, al momento giusto e al posto giusto. Resta il fatto che la cessione Pre-Mondiale ad un colosso come il Borussia non è la regola, ma l'eccezione. Non va sempre così. Soprattutto in Italia, come il presidente Cairo ha già ben sperimentato sulla sua pelle, e nel calcio italiano con tutti i suoi problemi. Alessio Cerci è un giocatore importante, al Milan farebbe un gran comodo per i 10-12 gol che porta in dotazione nel campionato italiano. Ma quella di 20 milioni di euro è una valutazione legittima, rispettabile ma euforica, da effetto Immobile, che nessun Club italiano potrà onorare.

Discorso Cerci a parte, il mercato del Milan è presto descritto. Il Club rossonero non ha ricavi dalle coppe europee da iniettare nel bilancio. Non ha avuto il mercato dei Big in uscita, cosa con cui tutti gli altri Club italiani hanno finanziato tutto i loro acquisti di grido degli ultimi 2 anni. Il Milan ha acquistato Rami, ha riscattato Poli, si è rinforzato con un portiere top (Inzaghi: "tanta roba Diego Lopez"), ha aggiunto alla rosa Alex, Menez, Armero e Albertazzi. Non solo: il Milan ha risparmiato sugli ingaggi il 20 per cento e ha lavorato alla sistemazione, da Robinho e Constant a Benedicic, Iotti e Zigoni, di almeno 25 giocatori. Adesso resta da lavorare sulle uscite di Gabriel, Didac Vila e Zaccardo. È così che il Milan è riuscito a costruirsi una disponibilità attorno ai 10 milioni per sfruttare la giusta occasione al giusto prezzo in tema di attaccante destro esterno. Il centrocampista, codicillo emendabile solo in coda al mercato, no. Per il momento no. Perché si punta su Cristante e perché a Dicembre torna Montolivo. Questa è l'impalcatura di un mercato che uomini e addetti ai lavori come Giovanni Branchini ad esempio hanno capito e spiegato lucidamente prima di tutti. Nessuna speranza che facciano la stessa cosa gli apprendisti stregoni h 24. Non si può avere tutto dalla vita.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.