HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Roma Campione d'Italia. Juve, campione di tutto. Pogba in vendita? Sì, però... Seedorf, sei stato nominato. Benitez, il primo obiettivo è già sfumato

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive a Milano dal 2004, dove si è trasferito per lavorare prima a Eurosport e poi Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Conduttore dei Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
21.04.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50824 volte
© foto di Federico De Luca

La Roma ha vinto lo scudetto ma i tifosi non possono festeggiare. Circo Massimo vuoto, maglie giallorosse il prossimo anno senza tricolore sul petto e la bacheca di Francesco Totti resta, malinconicamente, vuota. Eppure Garcia il suo scudetto l'ha vinto. Ha fatto una marea di punti, ha riportato la Roma in Champions con 4 giornate di anticipo e ha dimostrato ai romani e ai romanisti che Zeman è bollito come allenatore e, per colpa dei ricordi, la squadra ha perso un anno. Sabatini senza Baldini ci ha guadagnato. Garcia ha messo in piedi un giocattolo perfetto e se non ha vinto lo scudetto è solo perché di fronte si è trovato una squadra di marziani che stabilirà il nuovo record Juventino (Capello ha chiuso a 91) e forse quello italiano meglio dell'Inter di Mancini che, nel 2006, però giocava contro le barbie e i robot (97 punti). Immaginate se la Juve dovesse chiudere a 102, possibile visto che nelle ultime 4 si troverà di fronte come squadre temibili soltanto la Roma. Scommessa: Conte chiude a 100! Tre vittorie e un pareggio. Obiettivo, adesso, l'Europa League. Poi il mercato. I tifosi cantano "Non si vende Pogba" ma se arrivassero 70-75 milioni di euro, per un ragazzo costato 0, la legge di mercato impone la cessione. Poi vai a fare due acquisti europei che ti fanno compiere il salto di qualità in Champions. Un difensore (Beppe, prendi Thiago Silva dal Psg nell'affare Pogba!!!) e un attaccante. Immaginate che bel mercato movimentato. Conte andrebbe fuori di testa, sarebbe gasato e quella poveretta della moglie non lo riuscirebbe a trattenere neanche in spiaggia perchè al posto dei castelli di sabbia si metterebbe a fare i castelli in aria. Riassunto: sì alla cessione di Pogba ma per rinforzare ulteriormente la squadra in due reparti. Chi ha bisogno della sessione estiva come i cammelli hanno bisogno dell'acqua è il Napoli. Il campionato che si sta concludendo ha dimostrato che a luglio ed agosto sono arrivati alcuni calciatori forti ma anche molti scarti. Benitez ha perso la Champions League diretta e il preliminare comporterà dei rischi anche sul prossimo torneo. Hamsik è stato deprezzato e Garcia al primo colpo ha fatto meglio di Rafa che ha voluto tutti i calciatori compatibili ai suoi schemi e ai suoi allenamenti. Quando, ad agosto, parlavamo dei discutibili carichi di lavoro del Napoli i tifosi partenopei, dopo una vittoria in Champions o in campionato, ci ridevano sù. Oggi, a campionato pressoché finito, in molti si ricredono perchè l'incostanza di rendimento di questa squadra è frutto di una cattiva gestione tecnica ed atletica. Se sei tifoso del Napoli, rispondi onestamente a questa domanda: nell'anno in cui Milan e Inter sono andate al cinema, sei contento del terzo posto ottenuto e del cammino europeo finito in inverno? Nei prossimi mesi bisognerà ridisegnare, ex novo, il Napoli. Bigon con Mazzarri aveva un senso, ormai, il Ds è una figura inutile. Bigon ha poca influenza, i calciatori li decide Rafa e quando c'è da fare una trattativa importante scende in campo direttamente il Presidente De Laurentiis. Sarebbe il caso che Bigon decidesse cosa fare del suo futuro. Sarebbe un peccato sprecare un altro anno in mezzo a Benitez e De Laurentiis. E' giovane e può fare carriera ma, a questo punto, visto come è andata ci sorge un dubbio: la carriera di Bigon era incentrata sull'amicizia con Mazzarri? Da Team Manager della Reggina a Direttore Sportivo del Napoli. In chiusura il Milan. Seedorf sta diventando un cavallo di battaglia. Di tanto in tanto vi riportiamo gli umori dello spogliatoio e della società. Avete visto, Galliani e Barbara non rivolgono neanche più la parola all'olandese e il Cavaliere, suo unico sponsor, lo ha ripudiato? Il problema non sono i risultati, anche perchè l'annata del Milan è finita a Madrid, ma i comportamenti di Seedorf che non consentono di iniziare con lui una nuova stagione. Gli italiani nel gruppo sono tutti contro di lui (poi è naturale che in campo ognuno faccia il professionista), Galliani dopo aver scoperto i suoi comportamenti con Berlusconi Senior e con la stampa ci ha messo una croce nera sopra, Barbara non lo ha mai amato e dal primo all'ultimo dirigente hanno avuto problemi con Clarence. Si pensa all'alternativa; oggi manca, si studia per non sbagliare un'altra volta.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.