HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Roma capitale della tristezza, in attesa di mercoledì. La Juventus ride (e ringrazia) ma Morata rischia di essere una bomba a orologeria. Mourinho piange lacrime amare ma lo stipendio è dolcissimo

06.12.2015 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 29656 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Inter e Napoli hanno dato una bella risposta al calcio italiano. Perché se Sarri può sorridere - e oggi ha una bellissima opportunità di farsi un'altra settimana in testa - del risultato, Mancini ha dimostrato che i nerazzurri possono anche giocare bene. Una prova di maturità passata da entrambe, a prescindere dal sabato sera con il Genoa. Chi, invece, dà ragione ai giornalisti è la Roma: il gol di Pjanic è stato un momento estemporaneo di una partita che il Toro avrebbe pure potuto far suo, mentre l'occasione di Dzeko sono state amnesie della retroguardia granata, insolitamente disattenta. Non si può prescindere però dall'ultima azione della partita: il rigore non c'era (doppio errore, sarebbe stato rosso) ma poteva esserne fischiato uno poco prima. Arbitro insufficiente, Roma di più. Perché quest'anno i giallorossi, lo hanno dimostrato alla seconda di campionato, erano i favoriti d'obbligo, soprattutto con una Juventus così deludente in avvio. Il punto che divide i due club è destinato a essere rosicchiato, ma la realtà è che mercoledì Rudi Garcia si giocherà la panchina. Serve solo una vittoria, altrimenti sarà eliminazione (dalla Champions e del tecnico francese). Mai come ora, in ogni caso, un esonero sarebbe un toccasana.

Massimiliano Allegri invece ha rinsaldato il proprio posto di comando con una vittoria con la Lazio. Si può scrivere, e molto, dei bianconeri, resuscitati dopo un inizio claudicante. Occhio al caso Morata: di fatto è una terza scelta, e per chi è inseguito dal Real Madrid può non essere un grande risultato. Bisognerà capire quanto durerà senza sbottare. Meglio concentrarsi sulla Lazio: perché se Atene piange Sparta mica ride, anzi. Quella biancoceleste è una squadra costruita male se non malissimo, i campioni avrebbero voluto dire addio in estate. Emblematico il caso di Biglia, che diventa capitano a metà agosto e non sa se rimarrà nella Capitale al termine, oltre a quello di Candreva, oramai un oggetto estraneo. Vendere per fare cassa, ma non solo: i grossi blocchi di calciatori non possono rimanere tali per più di qualche anno. Invece quella biancoceleste è la solita squadra da parecchio tempo, con qualche ragazzo di belle speranze (Kishna, Milinkovic Savic) che difficilmente potranno fare la differenza in un ambiente in difficoltà. Difesa ai limiti dell'imbarazzo, tre attaccanti con caratteristiche uguali. Klose ha un'età da ritiro, Matri giovane non è, Djordjevic ha grossi problemi fisici. Keita, pur giovanissimo, rischia di perdersi e dovere cambiare aria. Pioli ha colpe minime rispetto a una società che crede di non sbagliare quasi mai. Il terzo posto in classifica della scorsa annata è stato mirabolante quanto estemporaneo. Più o meno alla pari dello Scudetto del Verona del 1985. Mai come ora, in ogni caso, un esonero non cambierebbe una beata ceppa.

La chiosa finale, è per il Chelsea. Notte di pensieri, forse da incubi, perché la zona retrocessione è sempre più vicina e la storia racconta di retrocessioni incredibili. Sarebbe troppo per i Blues, quasi certamente il secondo girone sarà come il Borussia Dortmund dell'anno scorso. Lì Klopp sarebbe stato confermato anche per questa annata, con un ritorno da applausi fino all'Europa League, mentre qui i dirigenti del club londinese avrebbero già salutato il portoghese se non fosse per uno stipendio dolcissimo, da quattordici milioni l'anno fino al 2019. Purtroppo non è possibile concedere contratti così lunghi per poi non pensare che sia il caso di andare avanti così. D'altro canto il Chelsea continua a essere in corsa per la qualificazione agli ottavi: basterà non perdere, ed è già un passo avanti rispetto alla Roma. Da lì in poi la storia insegna che si chiude un ciclo e ritorna un altro. Il Chelsea e Mourinho non si separeranno a meno di un disastro, più o meno come Rudi Garcia. Il problema è anche nelle panchine della prossima stagione: City già praticamente affidato a Guardiola, Bayern Monaco ad Ancelotti, in Italia solo l'Inter potrebbe permetterselo, in Spagna praticamente nessuno. Forse il Portogallo, ma gli emolumenti non sarebbero gli stessi. Certo, perdere a Stamford Bridge contro il Bournemouth neopromosso - e quasi sconosciuto negli elementi anche a chi si intende di Premier League - e tornare ad affidarsi a Diego Costa, per disperazione, saprebbe di addio anticipato. Se non fosse che il Chelsea dovrebbe comprare un top player per sbarazzarsi di un top coach. Troppi top, pochi flop. Anzi, il contrario. Mai come ora, in ogni caso, un esonero sarebbe economicamente sconveniente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.