HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Roma capitale della tristezza, in attesa di mercoledì. La Juventus ride (e ringrazia) ma Morata rischia di essere una bomba a orologeria. Mourinho piange lacrime amare ma lo stipendio è dolcissimo

06.12.2015 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 29662 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Inter e Napoli hanno dato una bella risposta al calcio italiano. Perché se Sarri può sorridere - e oggi ha una bellissima opportunità di farsi un'altra settimana in testa - del risultato, Mancini ha dimostrato che i nerazzurri possono anche giocare bene. Una prova di maturità passata da entrambe, a prescindere dal sabato sera con il Genoa. Chi, invece, dà ragione ai giornalisti è la Roma: il gol di Pjanic è stato un momento estemporaneo di una partita che il Toro avrebbe pure potuto far suo, mentre l'occasione di Dzeko sono state amnesie della retroguardia granata, insolitamente disattenta. Non si può prescindere però dall'ultima azione della partita: il rigore non c'era (doppio errore, sarebbe stato rosso) ma poteva esserne fischiato uno poco prima. Arbitro insufficiente, Roma di più. Perché quest'anno i giallorossi, lo hanno dimostrato alla seconda di campionato, erano i favoriti d'obbligo, soprattutto con una Juventus così deludente in avvio. Il punto che divide i due club è destinato a essere rosicchiato, ma la realtà è che mercoledì Rudi Garcia si giocherà la panchina. Serve solo una vittoria, altrimenti sarà eliminazione (dalla Champions e del tecnico francese). Mai come ora, in ogni caso, un esonero sarebbe un toccasana.

Massimiliano Allegri invece ha rinsaldato il proprio posto di comando con una vittoria con la Lazio. Si può scrivere, e molto, dei bianconeri, resuscitati dopo un inizio claudicante. Occhio al caso Morata: di fatto è una terza scelta, e per chi è inseguito dal Real Madrid può non essere un grande risultato. Bisognerà capire quanto durerà senza sbottare. Meglio concentrarsi sulla Lazio: perché se Atene piange Sparta mica ride, anzi. Quella biancoceleste è una squadra costruita male se non malissimo, i campioni avrebbero voluto dire addio in estate. Emblematico il caso di Biglia, che diventa capitano a metà agosto e non sa se rimarrà nella Capitale al termine, oltre a quello di Candreva, oramai un oggetto estraneo. Vendere per fare cassa, ma non solo: i grossi blocchi di calciatori non possono rimanere tali per più di qualche anno. Invece quella biancoceleste è la solita squadra da parecchio tempo, con qualche ragazzo di belle speranze (Kishna, Milinkovic Savic) che difficilmente potranno fare la differenza in un ambiente in difficoltà. Difesa ai limiti dell'imbarazzo, tre attaccanti con caratteristiche uguali. Klose ha un'età da ritiro, Matri giovane non è, Djordjevic ha grossi problemi fisici. Keita, pur giovanissimo, rischia di perdersi e dovere cambiare aria. Pioli ha colpe minime rispetto a una società che crede di non sbagliare quasi mai. Il terzo posto in classifica della scorsa annata è stato mirabolante quanto estemporaneo. Più o meno alla pari dello Scudetto del Verona del 1985. Mai come ora, in ogni caso, un esonero non cambierebbe una beata ceppa.

La chiosa finale, è per il Chelsea. Notte di pensieri, forse da incubi, perché la zona retrocessione è sempre più vicina e la storia racconta di retrocessioni incredibili. Sarebbe troppo per i Blues, quasi certamente il secondo girone sarà come il Borussia Dortmund dell'anno scorso. Lì Klopp sarebbe stato confermato anche per questa annata, con un ritorno da applausi fino all'Europa League, mentre qui i dirigenti del club londinese avrebbero già salutato il portoghese se non fosse per uno stipendio dolcissimo, da quattordici milioni l'anno fino al 2019. Purtroppo non è possibile concedere contratti così lunghi per poi non pensare che sia il caso di andare avanti così. D'altro canto il Chelsea continua a essere in corsa per la qualificazione agli ottavi: basterà non perdere, ed è già un passo avanti rispetto alla Roma. Da lì in poi la storia insegna che si chiude un ciclo e ritorna un altro. Il Chelsea e Mourinho non si separeranno a meno di un disastro, più o meno come Rudi Garcia. Il problema è anche nelle panchine della prossima stagione: City già praticamente affidato a Guardiola, Bayern Monaco ad Ancelotti, in Italia solo l'Inter potrebbe permetterselo, in Spagna praticamente nessuno. Forse il Portogallo, ma gli emolumenti non sarebbero gli stessi. Certo, perdere a Stamford Bridge contro il Bournemouth neopromosso - e quasi sconosciuto negli elementi anche a chi si intende di Premier League - e tornare ad affidarsi a Diego Costa, per disperazione, saprebbe di addio anticipato. Se non fosse che il Chelsea dovrebbe comprare un top player per sbarazzarsi di un top coach. Troppi top, pochi flop. Anzi, il contrario. Mai come ora, in ogni caso, un esonero sarebbe economicamente sconveniente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.