HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Roma, ecco il primo colpo: vicino il brasiliano Dodo. L'Inter corteggia ancora Rossi e rivuole Viviano. Napoli, l'identikit per la difesa può essere Astori. E il Parma segue l'argentino Blandi

Nato a Castellammare di Stabia (NA) il 28 marzo 1974, inizia a collaborare per Telenuovo Padova. Giornalista Professionista dal 2001, è il massimo esperto di calciomercato per Sky Sport.
21.03.2012 00.00 di Gianluca Di Marzio   articolo letto 25807 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Siamo a fine marzo, sembra metà giugno. Come se il mercato fosse aperto. L'Atalanta infatti sta per tesserare Mutarelli, svincolato, tutta colpa dell'emergenza infortuni, mancano solo le visite mediche. E poi la Roma, vicinissima al primo colpo estivo: si chiama Dodo, è un esterno sinistro brasiliano, classe 92, le referenze sono davvero interessanti. Sabatini non si smentisce, gli piacciono i colpi giovani, sta lavorando su quest'operazione da tempo. Dodo è del Corinthians, ha il contratto in scadenza a giugno e il passaporto comunitario, l'anno scorso era stato prestato al Bahia dove pero' a novembre si è rotto il crociato. La Roma sta approfittando di questa sua assenza dai campi per chiudere in tempi brevissimi, c'è grande ottimismo. E si tratta di un giocatore che non molto tempo fa era stato seguito dallo United, prenderlo praticamente gratis (vanno considerate le commissioni e l'indennizzo al club) sarebbe un affare non indifferente. Anche l'Inter si muove, nonostante la scelta del nuovo allenatore non sia stata ancora completata. A proposito, nel contratto di Ranieri dovrebbero esserci alcune clausole e scadenze che possono liberare la società dal peso economico di un secondo anno. Non ci sono conferme ufficiali, ma Il rinnovo sarebbe stato automatico se l'avventura in Champions fosse stata più lunga o in caso di (almeno) terzo posto in campionato, obiettivo quest'ultimo teoricamente ancora raggiungibile. Ma comunque sempre con l'impegno da parte dell'Inter di comunicare a Ranieri l'eventuale volontà di non proseguire entro una determinata data (pare il 30 giugno). Quindi l'Inter e Ranieri si separeranno a fine stagione senza polemiche e forse senza pendenze economiche, il rapporto costruito in questi mesi è stato improntato sul massimo rispetto. Ecco perché Moratti conta di proseguire il campionato con l'attuale guida tecnica, per poi trovare l'uomo giusto da cui ripartire. Nel frattempo, è tornata l'idea-Rossi, complice il momento disastroso del Villarreal in Liga: l'attaccante della Nazionale è sempre piaciuto, questa potrebbe forse essere la volta buona per il suo ritorno in Italia, l'Inter vigila. Sapendo che gli spagnoli -a rischio retrocessione- non potranno mai più chiedere quelle cifre (25/30 milioni) che ne hanno impedito la cessione, soprattutto adesso che Pepito è reduce da un brutto infortunio. Anche Viviano si era rotto il crociato e il suo cartellino è a metà con il Palermo. La notizia è che l'Inter ha intenzione di riscattarlo, presto partiranno i contatti con i rosanero. Riportare a casa Viviano può voler dire naturalmente divorzio con Julio Cesar, il segnale oggi è proprio questo, la situazione va monitorata con attenzione nei prossimi giorni. Radar accesi anche sul Napoli, sugli sviluppi della trattativa Cuadrado, sulla ricerca di un centrocampista (ancora poche tracce, ci sto lavorando), sull'esigenza di un difensore. Sono stati fatti tanti nomi, alcuni (Ivanovic, Mexes) sembrano sinceramente irraggiungibili considerando stipendi e ingaggi: solo il serbo del Chelsea per esempio guadagna 4 milioni netti, ovvero quasi quanto Lavezzi e Cavani messi insieme. L'identikit allora potrebbe avere le sembianze di una vecchia tentazione, quell'Astori già corteggiato in passato e adesso tutto di proprietà del Cagliari, con il Milan non ancora molto caldo sulla possibilità di riprenderselo. Per adesso è solo un'idea, non ci sono stati contatti tra i club, ma Astori è sempre stato nella lista azzurra. Nel taccuino del Parma, c'è invece un giovane argentino che ha regalato al Boca l'ultima Apertura con 4 gol decisivi: si chiama Nicolas Blandi, ha 22 anni, è una prima punta da seguire. Quando gioca (adesso sta recuperando da un infortunio), è sempre determinante, forte è anche la sua voglia d'Italia, può essere un'occasione per molte società italiane. Anche per il Parma di Leonardi, che proprio nelle ultime ore ha deciso di restare nonostante l'interessamento di Fiorentina e Samp: accordo raggiunto con il presidente Ghirardi, pianificazione pronta, prolungamento di altri tre anni (la scadenza attuale è 2014) a salvezza raggiunta. Perché siamo a fine marzo, ma molti presidenti vorrebbero essere già a metà giugno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.