HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Roma, ecco il primo colpo: vicino il brasiliano Dodo. L'Inter corteggia ancora Rossi e rivuole Viviano. Napoli, l'identikit per la difesa può essere Astori. E il Parma segue l'argentino Blandi

Nato a Castellammare di Stabia (NA) il 28 marzo 1974, inizia a collaborare per Telenuovo Padova. Giornalista Professionista dal 2001, è il massimo esperto di calciomercato per Sky Sport.
21.03.2012 00.00 di Gianluca Di Marzio  articolo letto 23486 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Siamo a fine marzo, sembra metà giugno. Come se il mercato fosse aperto. L'Atalanta infatti sta per tesserare Mutarelli, svincolato, tutta colpa dell'emergenza infortuni, mancano solo le visite mediche. E poi la Roma, vicinissima al primo colpo estivo: si chiama Dodo, è un esterno sinistro brasiliano, classe 92, le referenze sono davvero interessanti. Sabatini non si smentisce, gli piacciono i colpi giovani, sta lavorando su quest'operazione da tempo. Dodo è del Corinthians, ha il contratto in scadenza a giugno e il passaporto comunitario, l'anno scorso era stato prestato al Bahia dove pero' a novembre si è rotto il crociato. La Roma sta approfittando di questa sua assenza dai campi per chiudere in tempi brevissimi, c'è grande ottimismo. E si tratta di un giocatore che non molto tempo fa era stato seguito dallo United, prenderlo praticamente gratis (vanno considerate le commissioni e l'indennizzo al club) sarebbe un affare non indifferente. Anche l'Inter si muove, nonostante la scelta del nuovo allenatore non sia stata ancora completata. A proposito, nel contratto di Ranieri dovrebbero esserci alcune clausole e scadenze che possono liberare la società dal peso economico di un secondo anno. Non ci sono conferme ufficiali, ma Il rinnovo sarebbe stato automatico se l'avventura in Champions fosse stata più lunga o in caso di (almeno) terzo posto in campionato, obiettivo quest'ultimo teoricamente ancora raggiungibile. Ma comunque sempre con l'impegno da parte dell'Inter di comunicare a Ranieri l'eventuale volontà di non proseguire entro una determinata data (pare il 30 giugno). Quindi l'Inter e Ranieri si separeranno a fine stagione senza polemiche e forse senza pendenze economiche, il rapporto costruito in questi mesi è stato improntato sul massimo rispetto. Ecco perché Moratti conta di proseguire il campionato con l'attuale guida tecnica, per poi trovare l'uomo giusto da cui ripartire. Nel frattempo, è tornata l'idea-Rossi, complice il momento disastroso del Villarreal in Liga: l'attaccante della Nazionale è sempre piaciuto, questa potrebbe forse essere la volta buona per il suo ritorno in Italia, l'Inter vigila. Sapendo che gli spagnoli -a rischio retrocessione- non potranno mai più chiedere quelle cifre (25/30 milioni) che ne hanno impedito la cessione, soprattutto adesso che Pepito è reduce da un brutto infortunio. Anche Viviano si era rotto il crociato e il suo cartellino è a metà con il Palermo. La notizia è che l'Inter ha intenzione di riscattarlo, presto partiranno i contatti con i rosanero. Riportare a casa Viviano può voler dire naturalmente divorzio con Julio Cesar, il segnale oggi è proprio questo, la situazione va monitorata con attenzione nei prossimi giorni. Radar accesi anche sul Napoli, sugli sviluppi della trattativa Cuadrado, sulla ricerca di un centrocampista (ancora poche tracce, ci sto lavorando), sull'esigenza di un difensore. Sono stati fatti tanti nomi, alcuni (Ivanovic, Mexes) sembrano sinceramente irraggiungibili considerando stipendi e ingaggi: solo il serbo del Chelsea per esempio guadagna 4 milioni netti, ovvero quasi quanto Lavezzi e Cavani messi insieme. L'identikit allora potrebbe avere le sembianze di una vecchia tentazione, quell'Astori già corteggiato in passato e adesso tutto di proprietà del Cagliari, con il Milan non ancora molto caldo sulla possibilità di riprenderselo. Per adesso è solo un'idea, non ci sono stati contatti tra i club, ma Astori è sempre stato nella lista azzurra. Nel taccuino del Parma, c'è invece un giovane argentino che ha regalato al Boca l'ultima Apertura con 4 gol decisivi: si chiama Nicolas Blandi, ha 22 anni, è una prima punta da seguire. Quando gioca (adesso sta recuperando da un infortunio), è sempre determinante, forte è anche la sua voglia d'Italia, può essere un'occasione per molte società italiane. Anche per il Parma di Leonardi, che proprio nelle ultime ore ha deciso di restare nonostante l'interessamento di Fiorentina e Samp: accordo raggiunto con il presidente Ghirardi, pianificazione pronta, prolungamento di altri tre anni (la scadenza attuale è 2014) a salvezza raggiunta. Perché siamo a fine marzo, ma molti presidenti vorrebbero essere già a metà giugno.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
22.07 - "Cinque giorni che ti ho perso" cantava uno straordinario Michele Zarrillo in un Sanremo di qualche anno fa. Solo che oggi siamo al settimo giorno di "Juve senza Conte" e quindi Zarrillo c'azzecca una fava, al limite solo perché la tristezza della sua canzonetta ben si sposa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Michele Criscitiello
21.07 - Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per...
Editoriale DI: Italo Cucci
20.07 - Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni...
Editoriale DI: Mauro Suma
19.07 - Le cose si vedono. E la fretta di ripulire la fedina sportiva di Max Allegri per farlo digerire il prima possibile ai tifosi bianconeri, non è una buona cosa. Con tutte le aperture di credito cui Allegri ha comunque diritto, prima, se permettete, lui, Antonio Conte. Merita di...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
18.07 - Ci dispiace per tutti quegli juventini che una settimana fa ci avevano scritto non proprio serenamente per le nostre anticipazioni sulle arrabbiature di Conte e sulla drastica bocciatura della campagna acquisti della Juventus da parte di un tecnico furibondo. Dopo quello...
Editoriale DI: Luca Marchetti
17.07 - La Roma mette a segno il colpo. In sorpasso sulla Juve, magari per tentare il sorpasso anche in campionato. Mette la freccia, anzi mette le frecce. Uno a destra (Gervinho) uno a sinistra (Iturbe). Soffiato ai primi della classe, approfittando anche del tourbillon Conte, ma non...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
16.07 - Che bello... Bello vedere i tifosi del Milan sorridenti e fiduciosi. Dopo un anno da dimenticare, il popolo del Diavolo ha ritrovato la fede, quella vera. Il merito? Solo di Pippo Inzaghi. Lui, l'uomo della dieta perfetta e delle regole ferree, ha riportato l'entusiasmo a...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
15.07 - Ciao, mi chiamo M'Vila e vivo in albergo. A Pinzolo. La mattina rubo le nutelline al buffet, poi le porto in camera e improvviso scherzi telefonici a quelli delle altre stanze. Il fatto è che non ho una mazza da fare. Mi han detto: "In Italia ti troverai bene" e mi hanno...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
14.07 - Saranno due, forse tre, gli acquisti della Juventus nella settimana che sta per cominciare. Mentre scrivo stanno cominciando i supplementari della finale mondiale. Che tristezza, aspettiamo 4 anni per goderci l'estate dei mondiali e adesso pensiamo che non abbiamo visto...
Editoriale DI: Italo Cucci
13.07 - Finalina dolorosa. Ma con poche lacrime, giusto i bambini che hanno visto strappare le loro figurine oroverde. Gli adulti - e le bellissime donne - le lacrime le hanno spese tutte davanti alla Germania. Poi hanno pensato "domani è un altro giorno" e si sono portati in massa,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510