HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Roma, ecco il primo colpo: vicino il brasiliano Dodo. L'Inter corteggia ancora Rossi e rivuole Viviano. Napoli, l'identikit per la difesa può essere Astori. E il Parma segue l'argentino Blandi

Nato a Castellammare di Stabia (NA) il 28 marzo 1974, inizia a collaborare per Telenuovo Padova. Giornalista Professionista dal 2001, è il massimo esperto di calciomercato per Sky Sport.
21.03.2012 00.00 di Gianluca Di Marzio  articolo letto 24097 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Siamo a fine marzo, sembra metà giugno. Come se il mercato fosse aperto. L'Atalanta infatti sta per tesserare Mutarelli, svincolato, tutta colpa dell'emergenza infortuni, mancano solo le visite mediche. E poi la Roma, vicinissima al primo colpo estivo: si chiama Dodo, è un esterno sinistro brasiliano, classe 92, le referenze sono davvero interessanti. Sabatini non si smentisce, gli piacciono i colpi giovani, sta lavorando su quest'operazione da tempo. Dodo è del Corinthians, ha il contratto in scadenza a giugno e il passaporto comunitario, l'anno scorso era stato prestato al Bahia dove pero' a novembre si è rotto il crociato. La Roma sta approfittando di questa sua assenza dai campi per chiudere in tempi brevissimi, c'è grande ottimismo. E si tratta di un giocatore che non molto tempo fa era stato seguito dallo United, prenderlo praticamente gratis (vanno considerate le commissioni e l'indennizzo al club) sarebbe un affare non indifferente. Anche l'Inter si muove, nonostante la scelta del nuovo allenatore non sia stata ancora completata. A proposito, nel contratto di Ranieri dovrebbero esserci alcune clausole e scadenze che possono liberare la società dal peso economico di un secondo anno. Non ci sono conferme ufficiali, ma Il rinnovo sarebbe stato automatico se l'avventura in Champions fosse stata più lunga o in caso di (almeno) terzo posto in campionato, obiettivo quest'ultimo teoricamente ancora raggiungibile. Ma comunque sempre con l'impegno da parte dell'Inter di comunicare a Ranieri l'eventuale volontà di non proseguire entro una determinata data (pare il 30 giugno). Quindi l'Inter e Ranieri si separeranno a fine stagione senza polemiche e forse senza pendenze economiche, il rapporto costruito in questi mesi è stato improntato sul massimo rispetto. Ecco perché Moratti conta di proseguire il campionato con l'attuale guida tecnica, per poi trovare l'uomo giusto da cui ripartire. Nel frattempo, è tornata l'idea-Rossi, complice il momento disastroso del Villarreal in Liga: l'attaccante della Nazionale è sempre piaciuto, questa potrebbe forse essere la volta buona per il suo ritorno in Italia, l'Inter vigila. Sapendo che gli spagnoli -a rischio retrocessione- non potranno mai più chiedere quelle cifre (25/30 milioni) che ne hanno impedito la cessione, soprattutto adesso che Pepito è reduce da un brutto infortunio. Anche Viviano si era rotto il crociato e il suo cartellino è a metà con il Palermo. La notizia è che l'Inter ha intenzione di riscattarlo, presto partiranno i contatti con i rosanero. Riportare a casa Viviano può voler dire naturalmente divorzio con Julio Cesar, il segnale oggi è proprio questo, la situazione va monitorata con attenzione nei prossimi giorni. Radar accesi anche sul Napoli, sugli sviluppi della trattativa Cuadrado, sulla ricerca di un centrocampista (ancora poche tracce, ci sto lavorando), sull'esigenza di un difensore. Sono stati fatti tanti nomi, alcuni (Ivanovic, Mexes) sembrano sinceramente irraggiungibili considerando stipendi e ingaggi: solo il serbo del Chelsea per esempio guadagna 4 milioni netti, ovvero quasi quanto Lavezzi e Cavani messi insieme. L'identikit allora potrebbe avere le sembianze di una vecchia tentazione, quell'Astori già corteggiato in passato e adesso tutto di proprietà del Cagliari, con il Milan non ancora molto caldo sulla possibilità di riprenderselo. Per adesso è solo un'idea, non ci sono stati contatti tra i club, ma Astori è sempre stato nella lista azzurra. Nel taccuino del Parma, c'è invece un giovane argentino che ha regalato al Boca l'ultima Apertura con 4 gol decisivi: si chiama Nicolas Blandi, ha 22 anni, è una prima punta da seguire. Quando gioca (adesso sta recuperando da un infortunio), è sempre determinante, forte è anche la sua voglia d'Italia, può essere un'occasione per molte società italiane. Anche per il Parma di Leonardi, che proprio nelle ultime ore ha deciso di restare nonostante l'interessamento di Fiorentina e Samp: accordo raggiunto con il presidente Ghirardi, pianificazione pronta, prolungamento di altri tre anni (la scadenza attuale è 2014) a salvezza raggiunta. Perché siamo a fine marzo, ma molti presidenti vorrebbero essere già a metà giugno.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
31.01 - Il Milan costretto a invidiare la compattezza e la stabilità dell'Inter. Era l'ultima cosa che ci auguravamo di vedere nella vita. Invece è lo spettacolo sotto i nostri occhi. Il Torino, monte-ingaggi un terzo dell'Inter, vince meritatamente checchè ne dica Mancini a San Siro,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
30.01 - Il difensore Rhodolfo, 28 anni, è dell'Inter. Manca solo l'annuncio ufficiale, ma dopo una lunga trattativa che sembrava destinata a sfumare, il Gremio ha invece accettato la proposta dell'Inter che prevede una cifra per il prestito da qui a giugno (500 mila euro?) e...
Editoriale DI: Luca Marchetti
29.01 - L'avevamo detto no? Gli attaccanti movimenteranno il mercato. Senza dubbio. E infatti così sta accadendo. Praticamente tutta la serie A ha un attaccante fra le mani, o pre prenderlo o per ceederlo. E tutti si incrociano. Proviamo a fare chiarezza. Intanto Destro. L'immagine...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
28.01 - Premessa: mi rendo conto che sono i grandi nomi che accendono il mercato e la fantasia dei tifosi ma, a mio avviso, è necessario stare vigili su questi presunti "grandi nomi". In questi giorni il proscenio è stato preso da tre personaggi ben noti al pubblico: Balotelli,...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
27.01 - Ciao. Sono indignato. Molto. Un Paese che attacca la Carrà e il suo "Forte Forte Forte" è un Paese che ha ormai smarrito ogni valore, un Paese alla deriva, altro che Grecia e pita gyros belli piccantini. Al limite prendetevela con Iapino, oh voi infamacci che dite "La Carrà è...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
26.01 - I colpevoli sono finiti: prima Allegri, poi Seedorf e adesso Inzaghi. Il Milan non ha più nessuno da buttare in pasto a stampa e tifosi. In un anno sono stati bruciati tre allenatori, o pseudo tali. Prima il Mister dell'ultimo scudetto rossonero, diventato brocco...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
25.01 - Non ci affideremo al macabro rituale di analizzare le viscere degli animali come da consolidata consuetudine degli aruspici romani per prevedere il futuro. Faremo affidamento all'esercizio molto più pratico di ispezionare le parole dei protagonisti per capire cosa accadrà alla...
Editoriale DI: Mauro Suma
24.01 - La settimana iniziata all'insegna del Berlusconi che ci hanno raccontato, furioso e torvo all'indirizzo dei suoi giocatori, si è conclusa con un presidente visto all'opera in carne e ossa: saldo nelle sue convinzioni sulla rosa rossonera, indisponibile ad arretrare anche di un...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
23.01 - Avrà anche poca liquidità e un monte di debiti da ripianare, ma Thohir è l'unico che sta facendo cose importanti in questo mercato. E' vero che fra prestiti e pagherò da mettere nel prossimo bilancio oggi non scuce un euro, ma i soldi per Podolski e Shaqiri prima o poi...
Editoriale DI: Luca Marchetti
22.01 - Ancora le genovesi protagoniste del mercato. Ma ora il tempo comincia a stringere anche per le altre. Per un giorno non è stato l'Hilton o il Principe di Savoia l'albergo intorno al quale gravitava il mercato, ma il Visconti. Sempre a Milano, zona corso Lodi. Da sempre il...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.