HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Roma: Ibra vuol tornare in Italia. Milan, Mexes: nessun rinnovo. Napoli, il sogno è Diego Lopez. Ischia: riprendete Taglialatela

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
09.05.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38764 volte

Ibra vuol tornare. E' la sensazione chiara che emerge dal ritorno di fiamma dei media italiani sul Grande Svedese. Attenzione meritata, per un giocatore mentalmente unico, calcisticamente ancora in grado di spostare da solo gli equilibri della nostra Serie A, professionalmente in grado di essere al top almeno per altri due anni. Il primo accostamento che è stato fatto a livello mediatico, ha riguardato il Milan. Ma il Milan è in una fase molto particolare della propria transizione. In primo luogo è assolutamente impossibile che possa assorbire nel proprio monte-ingaggi un giocatore che guadagna 14 milioni di euro netti a stagione. Ma c'è anche un ripensamento rossonero su quella che è stata una linea delle scorse stagioni: i ritorni. Anche se grandi, non appare questo come il momento più indicato per altri ritorni. Kakà non è andato male la scorsa stagione, ma l'idea di ripetere a grandi linee l'operazione non farà parte dell'estate rossonera. A questo punto, il "rischio", anche suggestivo se vogliamo, è che la Roma coroni quell'operazione che anni e anni fa aveva caldeggiato il Barone Liedholm. Prendetelo, aveva detto il Grandissimo Svedese, ma alla fine Zlatan prima restò all'Ajax e poi andò alla Juventus. Visto che la Roma cerca un terminale offensivo, si parla di Mario Gomez, è naturale che Ibra, per il suo tipo di partecipazione al gioco offensivo, possa sia fare gol che partecipare in maniera corale alla manovra offensiva di Garcia. Potrebbe essere una sorta di Batistuta-2 come password dell'operazione.

E' proprio vero. Il Milan non ha contattato nel 2015 nessuno dei propri giocatori in scadenza di contratto per parlare di rinnovo. La linea non riguarda solo Mexes quindi, ma tutti. Ed è assolutamente normale in una stagione come questa, ancor più negativa della scorsa, questa sì paragonabile al '96-97 quando i rossoneri arrivano undicesimi in una Serie A a 18 squadre. Una stagione come questa lascia scorie che rendono necessarie molte valutazioni e molti approfondimenti. Il Milan non è intervenuto con la scure per quanto riguarda la guida tecnica e non ha ecceduto in provvedimenti o in atteggiamenti negativi nei confronti dei propri giocatori. Ma conosce molto bene il peso e lo strascico di stagioni come queste. Potrebbero esserci molti cambiamenti nella rosa del Milan della prossima stagione, sia naturali che incentivati. Il livello di questi cambiamenti dipenderà evidentemente dal tipo di evoluzione che avrà, o non avrà, la vicenda della cessione di quote societarie. Ma ciò cu cui è davvero concentrato il Milan di queste prime settimane estive, di questi giorni di attesa, di fine stagione e di pre-mercato, è la guida tecnica. E' la priorità assoluta. Prima, assolutamente prima, l'allenatore, poi tutto il resto.

Altro che pippa. E' San Diego. Stagione fantastica, quella di Diego Lopez. Parate da sigla televisiva. Atteggiamento da grande professionista, sempre. Come diceva, sfottuto da fenomeni che solo in Italia possono sparlare di calcio. Chi lo ha portato in Italia a costo zero (non a parametro zero, perché non era in regime di svincolo ed aveva un regolare contratto in corso Diego Lopez con il Real Madrid): uno dei migliori portieri d'Europa. Handanovic? Bravissimo, forse più esplosivo. Ma Diego Lopez ha più talento, più classe pure e ancora qualche margine di miglioramento. Se rimane a Napoli, Rafa Benitez ha già in animo di chiedere al presidente De Laurentiis di prenderlo. E anche a Roma giallorossa ci pensano. Milan, prepara le barricate. Diego Lopez è il fondamento, la prima pietra della prossima stagione.

Salvezza a rischio per una delle isole più belle d'Italia, per chi la conosce da vicino, affettivamente, la più bella. Inizia per I e sul suo territorio non si fa il tifo per l'Ambrosiniana o per il Southampton, ma per il Napoli e per il Milan, per l'Inter e per la Juventus. E' l'Ischia, squadra che se fosse rimasta con la stessa rosa della promozione della scorsa stagione, oggi sarebbe in zona playoff nel girone C di Lega Pro. Invece le porte girevoli dirigenziali, vero Iodice..., e le scelte discutibili fatte dagli allenatori, prima Porta e poi Maurizi, hanno impoverito l'organico e i playout non si presentano bene per la squadra gialloblù. Peccato. Assolutamente. Perché se Iodice e soci non avessero posto le condizioni per l'abbandono di Taglialatela dallo staff dirigenziale, oggi l'Ischia sarebbe fuori dalla zona playout. Taglialatela voleva il centrocampista Vincenzo De Liguori, ma una volta uscito dai ranghi l'ex portiere del Napoli, ne ha approfittato la Casertana che oggi ha in organico un fior di giocatore con notevole beneficio per la classifica. Taglialatela si era dimostrato anche bravo a portare giocatori utili e a basso costo come Sirignano o Ciotola, ma nell'Ischia di oggi è più importante farsi pubblicità personale che essere di aiuto o di servizio ad un Club alle prese con una stagione difficilissima e nella quale si è complicato la vita da solo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.