HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Roma-Milan: torniamo a stare con il Milan. Cerci-Candreva: uno alla Juve. Cuadrado-Widmer: Udine crocevia per viola e Inter. Mou come l'Inter del 1961: maestri inglesi e sceneggiata all'italiana. Ischia: il sogno è la Serie B

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
26.04.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 42634 volte

Il solito arbitraggio di Tagliavento con il Milan (secondo gol giallorosso in fuorigioco e l'intervento a piede a martello da rosso di Totti diventato per grazia ricevuta un semplice giallo) e la solita partita di Mario Balotelli giocata più subendo il pubblico avversario che aiutando i compagni, non fanno notizia. Spiace per Mario, non è piacevole sentirsi beccati da tutto lo Stadio, ma deve diventare più forte di queste partite nella partita. Per il resto, sarà bene intendersi sul messaggio di Roma-Milan. Le cinque vittorie consecutive non sono merito di uno, così come la sconfitta di ieri non è colpa di tutti gli altri. Quando si vince, vince il Milan. Quando si perde, perde il Milan. Se è così elementare, perché precisarlo? Perché il dibattito sul Milan si sta trasformando in un agguato a cielo aperto. Costellato da piccole e grandi menzogne. L'hashtag iostoconseedorf, che è nobile e giusto se dedicato solo ed esclusivamente all'allenatore rossonero, è in realtà una chiamata alle armi. Che punta ad una piazzale Loreto rossonera, proprio nel momento (16 punti in 6 partite prima della sconfitta di ieri) in cui il Milan si è compattato per uscire dalla sportivamente drammatica domenica di Milan-Parma. Dopo quella partita (il Milan veniva da 5 sconfitte su 6 partite), la Società ha fatto la Società e si è messa a bordo campo con spirito di servizio, con piena sintonia e contatto quotidiano fra il presidente Berlusconi e la dirigenza; l'allenatore e lo Staff hanno saputo dialogare; la squadra in campo ha saputo trovare equilibri e meccanismi. Il Milan nella sua versione più pura, il Milan del simbolo sulla maglia non del nome dietro la schiena. Niente fazioni e niente guerre interne. C'è però chi le evoca ossessivamente, quasi avesse bisogno di tenerle in piedi a tutti i costi ad uso e consumo personale. La squadra osserva attonita. Parla, come Kakà dopo Firenze e come De Sciglio dopo Milan-Livorno, ma intanto incassa una descrizione "social" della realtà lontana anni luce da quella che respira. Evidentemente la squadra nell'anno primo dopo la partenza della vita non va più di moda, quello che pensa, soffre e vive la squadra non interessa ormai a nessuno. Tanto peggio, tanto meglio. In ogni caso, il messaggio: un Milan uno e solo, coeso e compatto, per la prossima stagione. E un Milan migliore. La sconfitta di Roma (il Milan non è l'unica squadra del Campionato ad averci perso), deve comunque servire alla Società per migliorare il rapporto con i suoi tifosi attraverso una estate ampia e coraggiosa, dopo una analisi anche severa, non punitiva ma obiettiva, della rosa attuale.

I tifosi juventini possono stare sufficientemente sereni. Fra i loro colpi di mercato della prossima stagione, spiccherà uno dei due fra Alessio Cerci e Antonio Candreva. In entrambi i casi ci sarà da discutere. Perché Cerci fino ad oggi ha fatto bene in carriera soprattutto con Ventura e alla guida della Juventus dell'anno prossimo non ci sarà Ventura. Mentre Candreva è già caduto dentro nella Juve dei due settimi posti e a volte, nel calcio, ci si rilancia lontano dalle big ma quando si torna sul luogo del delitto l'inerzia svanisce. Ma sul piano mediatico-sportivo, chiunque dei due arrivi, sarà comunque un bel colpo.

La partita a scacchi fra Fiorentina e Udinese è in corso. La comproprietà di Cuadrado non concede diritti divini. E' una comproprietà, lo dice la parola stessa. Vero che la Fiorentina lo ha rilanciato, ma altrettanto vero che l'Udinese ci ha creduto prima e più di tutti. Cinquanta e cinquanta. Anzi, fifty fifty, perché con le richieste che arrivano dall'estero per il folletto colombiano, sarà bene che il Club viola e quello friulano si mettano d'accordo il prima possibile perché c'è la possibilità per entrambi di realizzare un grande colpo sul piano economico.

Lo splendido isolamento dei maestri inglesi è un lontano ricordo. Con Mourinho trait'd'union fra Chelsea e Inter, ecco che il Piano B della formazione dei Blues ad Anfield contro il Liverpool ricorda alla grande il Campionato italiano 1960/61, quando per protestare contro la CAF che invece del 2-0 a tavolino volle far ripetere il match Juventus-Inter (giocato inizialmente il 16 Aprile 1961 ed interrotto dall'arbitro Gambarotta perché ai bordi del campo c'erano troppi tifosi), Moratti ed Herrera fecero scendere in campo la squadra Primavera con il debutto di Sandro Mazzola nel Giugno 1961. Se Mou domani farà più o meno la stessa cosa, avrà comunque vinto. Perché alla storia, insieme al titolo del Liverpool, passerà anche la protesta del Chelsea e sul Campionato inglese 2013-2014 resterà sempre un velo di recriminazione e mistero. Il portoghese l'ha imparata proprio bene la lezione...

L'isola più verde d'Italia è in festa. Da quando è risorto il Napoli con De Laurentiis, l'onda lunga ha raggiunto anche la Riva Destra di Ischia. Perché è soprattutto lì che si attracca per andare a vivere un territorio meraviglioso e, nuovamente, a partire dalla prossima stagione, anche il grande calcio. La promozione fa miracoli. Sulle prime il patron Raffaele Carlino, a TeleIschia, aveva detto che sarebbe rimasto solo come sponsor e primo tifoso dell'Ischia, reputando di esser stato tradito dai suoi collaboratori più fidati nella scorsa campagna acquisti e vivendo una delusione che non gli è ancora passata. Ma l'entusiasmo è contagioso e con il passare dei giorni, a Carlino è venuta una gran fame di calcio, che tutte le istituzioni ischitane a partire dal Comune hanno il dovere di assecondare, e di puntare alla B come ha fatto negli anni scorsi il Chievo che, guarda caso, ha gli stessi colori sulla maglia.
Sul fronte squadra, riconfermatissimo l'allenatore Porta autore dell'autentico miracolo della promozione, i punti inamovibili saranno il capitano Mattera e il portiere Mennella, ischitani doc.
Lo stesso tecnico Porta auspica l'arrivo di tre-quattro elementi di caratura e poi di ragazzi di prospettiva da valorizzare pescando dalle Primavere di A: Milan, Inter, Napoli.
Resta però un nodo cruciale, quello dei ragazzi d'oro, segnatamente Tito, Finizio, Longo e Armeno che in questo momento sono senza contratto in vista della prossima stagione, scelta molto discutibile a livello di programmazione. Anche perché potrebbero tutti e quattro essere allettati da offerte in squadre di caratura maggiore.
Dovessero restare questi ragazzi e con una campagna mirata si può davvero puntare ad un Campionato a ridosso delle grandi piazze che lotteranno per la B.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.